La colomba e la formica Bookmark and Share
Vota   Media: 3.0/5 (1 voto)


Vicino alla riva di un ruscello una colomba lavava le penne bianche, quando vide per caso una piccola formica. L'acqua è ripida, le rive sono anche alte: già la bestiola è coperta dall'abbondanza dell'acqua. Allora preva con molte lacrime timidamente l'uccello: bianca colomba dammi il tuo aiuto! Allora la colomba taglia un filo di erba e lo da alla bestiola. Quella nuota nelle onde e disse: hai salvato un'amica, sono piccola ma non ingrata! e si diresse verso le alte erbe della riva. Un cacciatore tuttavia, mentre beve l'acqua, vede sulla riva la colomba e la ritiene sua preda. E così senza indugio prende una freccia, ma la formica, grata, morde i piedi del cacciatore. Il cacciatore emette un gemito di dolore, e la freccia cade a terra. L'uccello, al gemito del cacciatore, capisce il pericolo e vola subito verso il bosco, libera grazie all'intervento della formica.

Skuola.it © 2012 - Tutti i diritti riservati - P. IVA: 04592250650 - CONTATTACI
ULTIME RICERCHE EFFETTUATE rex tarqunius non crudelis non impius sed superbus putabitur | parafrasi litigio bi achille agamennone | parafrasi del litigio bi achille e agamennone | graeciam exercitus persarum graviter oppugnabant | anno xd a ch graeciam | visis praedonibus ad villam accedentibus scipio cum eos venisse existimavisset ut aliquid asportarent praesidium servorum in tecto collocavit ubi predones hoc animadverterunt multibus dimissis ar | aquila in sublimi quercu nidum facerat | la forza d animo di scipione | iam galatea veni nec munera | primo utrimque aequis viribus eodem ardore animorum gerebatur res deinde ab