I. Cui dono

Cui dono lepidum novum libellum 
arida modo pumice expolitum? 
Corneli, tibi: namque tu solebas 
meas esse aliquid putare nugas 
iam tum, cum ausus es unus Italorum 
omne aevum tribus explicare cartis 
doctis, Iuppiter, et laboriosis. 
quare habe tibi quidquid hoc libelli 
qualecumque; quod, o patrona virgo, 
plus uno maneat perenne saeclo.
I. A chi dono…

A chi dono un simpatico nuovo libretto 
appena ripulito con secca pomice?
Cornelio, a te: tu difatti solevi
pensare valer qualcosa le mie cosucce
già allora, quando hai osato unico degli Italici
spiegare tutta la storia con tre libri
dotti, per Giove, e complessi. 
Dunque tieniti quanto più questo di libretto
quale che sia; ma lui, o vergine patrona,
duri perenne più di un secolo. 

   

II. Passer, deliciae meae puellae

Passer, deliciae meae puellae, 
quicum ludere, quem in sinu tenere, 
cui primum digitum dare appetenti 
et acris solet incitare morsus, 
cum desiderio meo nitenti 
karum nescio quid libet iocari 
et solaciolum sui doloris, 
credo ut tum gravis acquiescat ardor: 
tecum ludere sicut ipsa possem 
et tristis animi levare curas! 

II. Il passero, delizia della mia ragazza… 

Il passero, delizia della mia ragazza,
con cui suole giocare, e tenerlo in seno,
ed a lui bramoso dare la punta del dito
ed eccitare focosi morsi,
quando alla mia splendida malinconia
piace scherzare a non so che di caro
e piccolo sollievo del suo dolore,
credo perché allora s'acqieti il forte ardore:
teco potessi come lei giocare
ed alleviare le tristi pene del cuore! 

   
IIb. Tam gratum 

Tam gratum est mihi quam ferunt puellae 
pernici aureolum fuisse malum, 
quod zonam solvit diu ligatam. 

IIb. Tanto gradito…

Tanto gradito mi è quanto dicono lo fosse stata
per la ragazza veloce la mela doraticcia,
che sciolse la cintura a lungo legata 

   
III. Lugete


Lugete, o Veneres Cupidinesque, 
et quantum est hominum venustiorum: 
passer mortuus est meae puellae, 
passer, deliciae meae puellae, 
quem plus illa oculis suis amabat. 
nam mellitus erat suamque norat 
ipsam tam bene quam puella matrem, 
nec sese a gremio illius movebat, 
sed circumsiliens modo huc modo illuc 
ad solam dominam usque pipiabat. 
qui nunc it per iter tenebricosum 
illuc, unde negant redire quemquam. 
at vobis male sit, malae tenebrae 
Orci, quae omnia bella devoratis: 
tam bellum mihi passerem abstulistis 
o factum male! o miselle passer! 
tua nunc opera meae puellae 
flendo turgiduli rubent ocelli. 
III. Piangete 


Piangete, o Veneri e Cupidi,
e quanto c'è di uomini più belli:
il passero della mia ragazza è morto,
il passero, delizia della mia ragazza,
che lei amava più dei suoi occhi.
Era dolcissimo e la riconosceva proprio
così bene come una ragazza la sua mamma,
e non si muoveva dal suo grembo,
ma saltellando attorno or qua or là
sempre verso la sola padrona pigolava.
Ma lui adesso va per strada tenebrosa
là, dove dicono nessuno ritorni.
Ma siate maledette voi, malvage tenebre
dell'Orco, che divorate tutte le beltà:
Un passero così bello mi toglieste,
o brutta sorte! O passer poverino!
Ora per opera tua alla mia ragazza
piangendo un po' gonfi s'arrossano gli occhietti. 
   
IV. Phaselus

Phaselus ille, quem videtis, hospites, 
ait fuisse navium celerrimus, 
neque ullius natantis impetum trabis 
nequisse praeterire, sive palmulis 
opus foret volare sive linteo. 
et hoc negat minacis Hadriatici 
negare litus insulasve Cycladas 
Rhodumque nobilem horridamque Thraciam 
Propontida trucemve Ponticum sinum, 
ubi iste post phaselus antea fuit 
comata silva; nam Cytorio in iugo 
loquente saepe sibilum edidit coma. 
Amastri Pontica et Cytore buxifer, 
tibi haec fuisse et esse cognitissima 
ait phaselus: ultima ex origine 
tuo stetisse dicit in cacumine, 
tuo imbuisse palmulas in aequore, 
et inde tot per impotentia freta 
erum tulisse, laeva sive dextera 
vocaret aura, sive utrumque Iuppiter 
simul secundus incidisset in pedem; 
neque ulla vota litoralibus deis 
sibi esse facta, cum veniret a mari 
novissimo hunc ad usque limpidum lacum. 
sed haec prius fuere: nunc recondita 
senet quiete seque dedicat tibi, 
gemelle Castor et gemelle Castoris. 
IV. La barchetta

Quella barchetta, che vedete, amici, 
dice d'esser stata la più veloce delle navi,
né la foga di nessuna tavola natante
potè sorpassarla, sia ci fosse bisogno di volare
con remetti che con la vela.
E questo nega di negarlo il litorale del minaccioso
Adriatico o le isole Cicladi
la nobile Rodi e la selvaggia Tracia,
la Propontide o la truce baia pontica,
dove costei, in seguito barchetta, ma prima 
fu selva chiomata; sul giogo Citonio
spesso, parlando la chioma, lanciò un sibilo.
Anche nella pontica Amastri, Citore produttor di bosso,
la barchetta dice che questo ti fu e ti è
notissimo: afferma che si innalzò sulla tua cima,
da ceppo antichissimo,
inzuppò nella tua acqua i remetti, 
e di lì per tante onde indomabili
portò il padrone, sia che un'aura sinistra
o destra chiamasse, sia che Giove favorevole 
insieme battesse su entrambe le scotte;
e da lei non fu fatto al cun voto agli dei
litorali, quando venne dall'ultimo
mare fino a questo limpido lago. 
Ma queste furon cose di prima: ora invecchia
in solitaria quiete e si consacra a te,
gemello Castore e gemello di Castore. 
   
V. Vivamus

Vivamus mea Lesbia, atque amemus, 
rumoresque senum severiorum 
omnes unius aestimemus assis! 
soles occidere et redire possunt: 
nobis cum semel occidit brevis lux, 
nox est perpetua una dormienda. 
da mi basia mille, deinde centum, 
dein mille altera, dein secunda centum, 
deinde usque altera mille, deinde centum. 
dein, cum milia multa fecerimus, 
conturbabimus illa, ne sciamus, 
aut ne quis malus invidere possit, 
cum tantum sciat esse basiorum. 
V. Viviamo 

Viviamo, mia Lesbia, ed amiamo,
i brontolii dei vecchi troppo seri
valutiamoli tutti un soldo!
I soli posson tramontare e ritornare:
per noi, quando una volta la breve luce tramonti,
c'è un'unica perpetua notte da dormire.
Dammi mille baci, poi cento,
poi mille altri, poi ancora cento,
poi sempre altri mille, poi cento.
Poi, quando ne avrem fatti molte migliaia,
li mescoleremo, per non sapere,
o perché nessun malvagio possa invidiarli,
sapendo esserci tanti baci. 
   
VI. Flavi 

Flavi, delicias tuas Catullo, 
ni sint illepidae atque inelegantes, 
velles dicere nec tacere posses. 
verum nescio quid febriculosi 
scorti diligis: hoc pudet fateri. 
nam te non viduas iacere noctes 
nequiquam tacitum cubile clamat 
sertis ac Syrio fragrans olivo, 
pulvinusque peraeque et hic et ille 
attritus, tremulique quassa lecti 
argutatio inambulatioque. 
nam in ista praevalet nihil tacere. 
cur? non tam latera ecfututa pandas, 
ni tu quid facias ineptiarum. 
quare, quidquid habes boni malique, 
dic nobis. volo te ac tuos amores 
ad caelum lepido vocare versu. 
VI. Flavio

Flavio, le tue delizie a Catullo,
se non fossero sgarbate ed ineleganti,
vorresti dirle né potresti tacere.
Proprio non so che di febbricitante
baldracca ami: ci si vergogna a confessarlo.
Che tu, in notti non vedove, scopi
lo grida la camera per nulla tacita,
fragrante di ghirlande e olivo estivo,
pure il cuscino anche e questo e quello
strofinìo, e lo scricchiolìò ed il dondolìo
agitato del letto tremolante.
Su tali cose prevale il nulla tacere.
Perché? Non mostreresti fianchi così fottuti,
se tu non facessi un che di sconcezze.
Perciò, qualsiasi cosa abbia di buono e di male,
diccelo. Voglio te ed i tuoi amori
con garbato verso gridare al cielo. 
   
VII. Quaeris quot 

Quaeris, quot mihi basiationes 
tuae, Lesbia, sint satis superque. 
quam magnus numerus Libyssae harenae 
laserpiciferis iacet Cyrenis 
oraclum Iovis inter aestuosi 
et Batti veteris sacrum sepulcrum; 
aut quam sidera multa, cum tacet nox, 
furtivos hominum vident amores: 
tam te basia multa basiare 
vesano satis et super Catullo est, 
quae nec pernumerare curiosi 
possint nec mala fascinare lingua. 

VII. Chiedi quanti 


Chiedi quanti tuoi baciamenti, Lesbia,
mi sian sufficienti e di più.
Quanto grande il numero di sabbia libica
giace nella Cirene produttrice di laserpizio
tra l'oracolo dell'infuocato Giove
ed il sacro sepolcro dell'antico Batto;
o qunte stelle, quando la notte tace,
vedono i furtivi amori degli uomini:
che tu baci con altrettanti baci
è sufficiente e di più per il pazzo Catullo,
e che i curiosi non possano contare
né gettare il malocchio con mala lingua. 
   
VIII. Miser Catulle 

Miser Catulle, desinas ineptire, 
et quod vides perisse perditum ducas. 
fulsere quondam candidi tibi soles, 
cum ventitabas quo puella ducebat 
amata nobis quantum amabitur nulla. 
ibi illa multa cum iocosa fiebant, 
quae tu volebas nec puella nolebat, 
fulsere vere candidi tibi soles. 
nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli, 
nec quae fugit sectare, nec miser vive, 
sed obstinata mente perfer, obdura. 
vale puella, iam Catullus obdurat, 
nec te requiret nec rogabit invitam. 
at tu dolebis, cum rogaberis nulla. 
scelesta, vae te, quae tibi manet vita? 
quis nunc te adibit? cui videberis bella? 
quem nunc amabis? cuius esse diceris? 
quem basiabis? cui labella mordebis? 
at tu, Catulle, destinatus obdura. 
VIII. Misero Catullo

Misero Catullo, smetti di impazzire,
e ciò che vedi esser perso consideralo perduto.
Un tempo ti rifulsero candidi soli,
quando vagavi dove guidava una ragazza
da noi amata quanto nessuna sarà amata.
Lì, quando si compivan quei tanti giochi,
che tu volevi nè lei non voleva,
davvero ti rifulsero candidi soli.
Ora lei non vuol più: tu pure impotente non volere,
non inseguire chi fugge, non viver misero,
ma sopporta con mente ostinata, resisti.
Addio ragazza, ormai Catullo resiste,
non ti cercherà né, restia, ti pregherà.
Ma tu soffrirai, quando senza valore sarai pregata.
Malvagia, guai a te, che vita ti rimane?
Chi ora ti avvicinerà? A chi sembrerai carina?
Chi ora amerai? Di chi dirai di essere?
Chi bacerai? A chi morderai la boccuccia?
Ma tu, Catullo, ostinato resisti. 
   
IX. Verani 

Verani, omnibus e meis amicis 
antistans mihi milibus trecentis, 
venistine domum ad tuos penates 
fratresque unanimos anumque matrem? 
venisti. o mihi nuntii beati! 
visam te incolumem audiamque Hiberum 
narrantem loca, facta nationes, 
ut mos est tuus, applicansque collum 
iucundum os oculosque suaviabor. 
o quantum est hominum beatiorum, 
quid me laetius est beatiusve? 
IX. Veranio

Veranio, che per me tra tutti i miei
amici ne superi mille trecento,
sei giunto a casa dai tuoi penati,
dai fratelli unanimi e la vecchia madre?
Sei giunto, o belle notizie per me!
Ti rivedrò incolume e ti sentirò narrare
i luoghi degli Iberi, le imprese, i popoli,
come è tuo stile, aggrappandomi al dolce
collo bacerò il volto e gli occhi.
Oh quanto c'è di uomini più felici,
cosa c'è di più allegro o felice di me?