XXI. Aureli 


Aureli, pater esuritionum, 
non harum modo, sed quot aut fuerunt 
aut sunt aut aliis erunt in annis, 
pedicare cupis meos amores. 
nec clam: nam simul es, iocaris una, 
haerens ad latus omnia experiris. 
frustra: nam insidias mihi instruentem 
tangam te prior irrumatione. 
atque id si faceres satur, tacerem: 
nunc ipsum id doleo, quod esurire 
me me puer et sitire discet. 
quare desine, dum licet pudico, 
ne finem facias, sed irrumatus. 
XXI. Aurelio


Aurelio, padre degli appetiti,
non di questi solo, ma di quanti o furono 
o sono o saranno negli altri anni,
vuoi sodomizzare i miei amori. 
Né di nascosto: appena ci sei, scherzi insieme,
attaccandoti al fianco tenti tutto.
Invano: mentre mi macchini insidie
ti toccherò per primo con una irrumazione.
E se lo facessi sazio, tacerei:
ora di questo proprio mi dolgo, che il ragazzo
impara ad aver fame e sete di me.
Perciò smetti, mentre t'è lecito da pudico,
che tu non la faccia finita, ma da irrumato. 
   
XXII. Suffenus 


Suffenus iste, Vare, quem probe nosti, 
homo est venustus et dicax et urbanus, 
idemque longe plurimos facit versus. 
puto esse ego illi milia aut decem aut plura 
perscripta, nec sic ut fit in palimpsesto 
relata: cartae regiae, novi libri, 
novi umbilici, lora rubra membranae, 
derecta plumbo et pumice omnia aequata. 
haec cum legas tu, bellus ille et urbanus 
Suffenus unus caprimulgus aut fossor 
rursus videtur: tantum abhorret ac mutat. 
hoc quid putemus esse? qui modo scurra 
aut si quid hac re scitius videbatur, 
idem infaceto est infacetior rure, 
simul poemata attigit, neque idem umquam 
aeque est beatus ac poema cum scribit: 
tam gaudet in se tamque se ipse miratur. 
nimirum idem omnes fallimur, neque est quisquam 
quem non in aliqua re videre Suffenum 
possis. suus cuique attributus est error; 
sed non videmus manticae quod in tergo est. 
XXII. Suffeno


Codesto Suffeno, Varo, che ben conosci,
è persona graziosa, garbata, cortese,
inoltre fa moltissimi versi, di gran lunga.
Io penso ne abbia perfezionati o diecimila
o più, e non redatti così come capita
in palinsesto: carte regie, nuovi libri,
nuove borchie, nastri rossi di pergamena,
rifiniti a piombo e tutti levigati a pomice.
Quando tu li legga, quel simpatico e cortese
Suffeno unico subito diventa un capraio
o un villano: tanto fa schifo r cambia.
Che pensiamo sia questo? Chi ora sembrava
un giullare o qualcosa di più bello di ciò,
lo stesso è più insulso d'un insulso campagnolo,
appena tocca la poesia, e proprio non è mai
così felice come quando scrive una poesia:
gode così tanto dentro di sé e lui stesso si ammira.
Senz'altro ugualmente tutti sbagliamo, non c'è nessuno
che tu non possa riconoscere in qualcosa come
Suffeno. A ciascuno è assegnato un proprio difetto;
ma non lo vediamo quella parte di bisaccia che è di dietro.
   
XXIII. Furi 


Furi, cui neque servus est neque arca 
nec cimex neque araneus neque ignis, 
verum est et pater et noverca, quorum 
dentes vel silicem comesse possunt, 
est pulcre tibi cum tuo parente 
et cum coniuge lignea parentis. 
nec mirum: bene nam valetis omnes, 
pulcre concoquitis, nihil timetis, 
non incendia, non graves ruinas, 
non facta impia, non dolos veneni, 
non casus alios periculorum. 
atque corpora sicciora cornu 
aut siquid magis aridum est habetis 
sole et frigore et esuritione. 
quare non tibi sit bene ac beate? 
a te sudor abest, abest saliva, 
mucusque et mala pituita nasi. 
hanc ad munditiem adde mundiorem, 
quod culus tibi purior salillo est, 
nec toto decies cacas in anno; 
atque id durius est faba et lapillis. 
quod tu si manibus teras fricesque, 
non umquam digitum inquinare posses 
haec tu commoda tam beata, Furi, 
noli spernere nec putare parvi, 
et sestertia quae soles precari 
centum desine: nam sat es beatus.
XXIII. Furio


Furio, che non hai uno schiavo né forziere
né cimice né ragno né fuoco,
ma un padre ed una matrigna, i cui
denti addirittura posson mangiar la selce,
a te va bene con tuo padre
e con la coniuge lignea del padre.
Non è strano: tutti state bene,
cucinate magnificamente, non temete nulla,
non gli incendi, non le gravi disgrazie,
non episodi empi, non trame di veleno,
non altri casi di pericoli.
Poi avete corpi più asciutti d'un corno,
o se c'è qualcosa di più secco,
per il sole e il freddo e l'appetito.
Perché non ti andrebbe bene e felicemente?
E' lungi da te il sudore, è lungi la saliva,
il moccio e la brutta goccia del naso.
A questa mondezza aggiungine una più monda,
che tu hai un culo più puro d'una saliera,
e non cachi dieci volte in tutto l'anno;
poi quella roba è più dura d'una fava e dei sassi.
Che se tu strofinassi e fregassi con le mani,
non potresti mai sporcare un dito,
tu non disprezzare, Furio, questi felici
vantaggi e non stimarli poco,
e smettila di pregarti i centomila sesterzi,
che sei solito: sei felice abbastanza 
   
XXIV. O qui 


O qui flosculus es Iuventiorum, 
non horum modo, sed quot aut fuerunt 
aut posthac aliis erunt in annis, 
mallem divitias Midae dedisses 
isti, cui neque servus est neque arca, 
quam sic te sineres ab illo amari. 
"qui? non est homo bellus?" inquies. est: 
sed bello huic neque servus est neque arca. 
hoc tu quam lubet abice elevaque: 
nec servum tamen ille habet neque arcam. 
XXIV. O tu che


O tu che sei il fiorellino dei Giovenzi,
non di questi soltanto, ma di quanti o furono
o in seguito saranno negli altri anni,
avrei preferito che avessi dato le ricchezze
di Mida a costui, che non ha uno schiavo né un forziere,
che permettessi d'esser così amato da lui.
"Ma lui? Non è un bell'uomo? Ribatterai. Lo è:
Ma questo bello non ha uno schiavo né un forziere.
Tu questo disprezzalo e trascuralo come ti piace:
eppure lui non possiede né uno schiavo né un forziere. 
   
XXV. Cinaede Thalle 


Cinaede Thalle, mollior cuniculi capillo 
vel anseris medullula vel imula oricilla 
vel pene languido senis situque araneoso, 
idemque, Thalle, turbida rapacior procella, 
cum luna mulierarios ostendit oscitantes, 
remitte pallium mihi meum, quod involasti, 
sudariumque Saetabum catagraphosque Thynos, 
inepte, quae palam soles habere tamquam avita. 
quae nunc tuis ab unguibus reglutina et remitte, 
ne laneum latusculum manusque mollicellas 
inusta turpiter tibi flagella conscribillent, 
et insolenter aestues, velut minuta magno 
deprensa navis in mari, vesaniente vento. 
XXV. Cinedo Tallo


Cinedo Tallo, più morbido del pelo di coniglio,
o del midollo d'oca o del lobuccio d'orecchio
o del languido pene d'un vecchio o d'un angolo ragnateloso,
ugualmente, Tallo, più rapace d'una procella turbolenta,
quando la luna rivela donniccioli sbadiglianti,
restituiscimi il mio mantello, che rubasti,
ed il fazzoletto setabo ed i tini ricamati,
stupido, e ciò che apertamente suoli ritenere come ereditati.
Ma ora scollali dalle tue unghie e restituiscili,
che cinghie lavorate non ti tatuaggino malamente 
il morbido fianchetto e le mani delicatucce,
e bruci eccessivamente, come minuscola nave
sorpresa nel vasto mare, impazzando il vento. 
   
XXVI. Furi 


Furi, villula vestra non ad Austri 
flatus opposita est neque ad Favoni 
nec saevi Boreae aut Apheliotae, 
verum ad milia quindecim et ducentos. 
o ventum horribilem atque pestilentem! 
XXVI. Furio


Furio, la vostra villetta non è opposta
ai soffi di Austro né di Favonio
né del crudele Borea o di Afeliota,
ma a quindicimila e duecento sesterzi.
O vento spaventoso e pestilenziale! 
   
XXVII. Minister 

Minister vetuli puer Falerni 
inger mi calices amariores, 
ut lex Postumiae iubet magistrae 
ebriosa acina ebriosioris. 
at vos quo lubet hinc abite, lymphae 
vini pernicies, et ad severos 
migrate. hic merus est Thyonianus. 
XXVI. Ragazzo

Giovane ragazzo, versami calici
più amari di vecchio Falerno,
come la legge di Postumia, la maestra, ordina
acini brilli, lei troppo brilla.
Ma voi andatevene di qui, dove volete, acque,
rovina del vino, e trasferitevi
dai più seri. Qui c'è puro Tioniano. 
   
XXVIII. Pisonis comites 

Pisonis comites, cohors inanis, 
aptis sarcinulis et expeditis, 
Verani optime tuque mi Fabulle, 
quid rerum geritis? satisne cum isto 
vappa frigoraque et famem tulistis? 
ecquidnam in tabulis patet lucelli 
expensum, ut mihi, qui meum secutus 
praetorem refero datum lucello? 
o Memmi, bene me ac diu supinum 
tota ista trabe lentus irrumasti. 
sed, quantum video, pari fuistis 
casu: nam nihilo minore verpa 
farti estis. pete nobiles amicos! 
at vobis mala multa di deaeque 
dent, opprobria Romuli Remique. 

XXVIII. Compagni di Pisone

Compagni di Pisone, piccola corte,
con adatti zainetti e leggeri,
ottimo Veranio e tu mio Fabullo,
che roba portate? Non soffriste abbastanza
freddo e fame con questo borioso?
Quale guadagnuccio pagato risulta mai
nei registri, come per me, che ho seguito il mio pretore,
e lo riporto dato a guadagnuccio?
O Memmio, tranquillo hai irrumato bene e a lungo me
supino con tutta quella trave.
Ma, a quanto vedo, foste di sorte
pari: siete stati infarcito con un cazzo
non minore. Cerca amici nobili!
Ma a voi gli dei e le dee diano molti
mali, vergogne di Romolo e di Remo. 

   
XXIX. Quis hoc potest 

Quis hoc potest videre, quis potest pati, 
nisi impudicus et vorax et aleo, 
Mamurram habere quod Comata Gallia 
habebat uncti et ultima Britannia? 
cinaede Romule haec videbis et feres? 
et ille nunc superbus et superfluens 
perambulabit omnium cubilia, 
ut albulus columbus aut Adoneus? 
cinaede Romule, haec videbis et feres? 
es impudicus et vorax et aleo. 
eone nomine, imperator unice, 
fuisti in ultima occidentis insula, 
ut ista vestra diffututa mentula 
ducenties comesset aut trecenties? 
quid est alid sinistra liberalitas? 
parum expatravit an parum helluatus est? 
paterna prima lancinata sunt bona, 
secunda praeda Pontica, inde tertia 
Hibera, quam scit amnis aurifer Tagus: 
nunc Galliae timetur et Britanniae. 
quid hunc malum fovetis? aut quid hic potest 
nisi uncta devorare patrimonia? 
eone nomine urbis opulentissime 
socer generque, perdidistis omnia? 

XXIX. Chi può



Chi può veder ciò, chi può sopportarlo,
se non uno spudorato e ingordo e biscazziere,
che Namurra abbia quello che di buono aveva
la chiomata Gallia e l'ultima Britannia?
E lui adesso superbo e strariparnte
passeggerà per le camere di tutti,
come un candidello colombo o Adone?
Cinedo Romolo, queste cose vedrai e sopporterai?
Sei uno spudorato ed un ingordo e un biscazziere.
E con quella fama, imperatore unico,
fosti in quell'ultima isola dell'occidente,
perché questa vostra fottuta minchia
mangiasse duecento o trecentomila sesterzi?
Cos'altro è (se non) sinistra liberalità?
Ha fatto poco gozzovigliato poco?
Furon dilapidati i beni paterni per primi,
seconda (fu) la perda pontica, poi terza
l'Ibera, che l'aurifero fiume Tago sa:
ora si teme per la Gallia e la Britannia.
Perché favorite questo male? O cosa può costui
se non divorare grassi patrimoni?
Con tale nome potentissimo di Roma
suocero e genero, rovinaste tutto?