XXXIX. Egnatius 

Egnatius, quod candidos habet dentes, 
renidet usque quaque. si ad rei ventum est 
subsellium, cum orator excitat fletum, 
renidet ille; si ad pii rogum fili 
lugetur, orba cum flet unicum mater, 
renidet ille. quidquid est, ubicumque est, 
quodcumque agit, renidet: hunc habet morbum, 
neque elegantem, ut arbitror, neque urbanum. 
quare monendum est te mihi, bone Egnati. 
si urbanus esses aut Sabinus aut Tiburs 
aut pinguis Vmber aut obesus Etruscus 
aut Lanuvinus ater atque dentatus 
aut Transpadanus, ut meos quoque attingam, 
aut quilubet, qui puriter lavit dentes, 
tamen renidere usque quaque te nollem: 
nam risu inepto res ineptior nulla est. 
nunc Celtiber es: Celtiberia in terra, 
quod quisque minxit, hoc sibi solet mane 
dentem atque russam defricare gingivam, 
ut quo iste vester expolitior dens est, 
hoc te amplius bibisse praedicet loti. 
XXXIX. Egnazio

Egnazio, perché ha candidi denti,
sorride ad ogni momento. Se si è giunti al banco
del reo, quando l'avvocato muove al pianto,
lui sorride; se si geme presso il rogo del pio
figlio, quando la madre vedova piange il suo unico,
lui sorride. Qualunque cosa sia, dovunque sia,
qualunque cosa faccia, sorride: ha questa malattia,
non elegante, come ritengo, ne civile.
Perciò bisogna che io ti richiami, buon Egnazio.
Se fossi un cittadino o Sabino o di Tivoli
o grasso Umbro o Etrusco obeso
o Lanuvino nero e dentuto
o transpadano, per toccare anche i miei,
o chiunque, che semplicemente si lava i denti,
tuttavia non vorrei che tu sorridessi ad ogni momento:
non c'è nessuna cosa più stupida d'un riso stupido.
Orbene tu sei Celtibero: in terra celtibera,
con ciò che uno ha pisciato, al mattino suole
sfregarsi i denti e la rossa gengiva,
così che quanto più questa vostra dentatura è pulita,
tanto più proclamerà che tu hai bevuto porcheria. 
   
XL. Quaenam te 


Quaenam te mala mens, miselle Ravide, 
agit praecipitem in meos iambos? 
quis deus tibi non bene advocatus 
vecordem parat excitare rixam? 
an ut pervenias in ora vulgi? 
quid vis? qualubet esse notus optas? 
eris, quandoquidem meos amores 
cum longa voluisti amare poena. 
XL. Quale


Quale brutta idea, poveretto Ravido,
ti butta a capofitto nei miei giambi?
Quale dio da te non ben invocato
porta a suscitarti una folle rissa?
Perché forse tu giunga alla bocca della gente?
Che vuoi? Dove mai desideri esser noto?
Lo sarai, dal momento che volesti amare
i miei amori con lunga pena. 
   
XLI. Ameana 


Ameana puella defututa 
tota milia me decem poposcit, 
ista turpiculo puella naso, 
decoctoris amica Formiani. 
propinqui, quibus est puella curae, 
amicos medicosque convocate: 
non est sana puella, nec rogare 
qualis sit solet aes imaginosum. 

XLI. Ameana


Ameana fanciulla ultrafottuta
mi ha chiesto dieci mila (sesterzi), pieni,
questa fanciulla dal naso bruttino,
amica del bancarottiere formiano.
Parenti, che avete a cuore la fanciulla,
chiamate amici e medici:
non è sana la fanciulla, e (non è solita
chiedere, come sta!) denaro immaginario)
ha le traveggole. 
   
XLII. Adeste, hendecasyllabi


Adeste, hendecasyllabi, quot estis 
omnes undique, quotquot estis omnes. 
iocum me putat esse moecha turpis, 
et negat mihi nostra reddituram 
pugillaria, si pati potestis. 
persequamur eam et reflagitemus. 
quae sit, quaeritis? illa, quam videtis 
turpe incedere, mimice ac moleste 
ridentem catuli ore Gallicani. 
circumsistite eam, et reflagitate, 
"moecha putida, redde codicillos, 
redde, putida moecha, codicillos!" 
non assis facis? o lutum, lupanar, 
aut si perditius potes quid esse. 
sed non est tamen hoc satis putandum. 
quod si non aliud potest ruborem 
ferreo canis exprimamus ore. 
conclamate iterum altiore voce. 
"moecha putida, redde codicillos, 
redde, putida moecha, codicillos!" 
sed nil proficimus, nihil movetur. 
mutanda est ratio modusque vobis, 
siquid proficere amplius potestis: 
"pudica et proba, redde codicillos." 
XLII. Presentatevi, endecasillabi


Presentatevi, endecasillabi, quanti siete
tutti da ogni parte, quanti siete tutti.
Una brutta puttana mi crede esser uno zimbello,
e rifiuta di restituirmi le nostre corrispondenze,
se potete sopportarlo.
Perseguitiamola e richiediamole.
Chi sia, chiedete? Quella, che vedete
camminare goffamente, che ride sguaiatamente 
e fastidiosamente con la faccia di cagnetto gallicano.
Circondatela ed insistete:
"Puttana puzzolente, restituisci le letterine, 
restituisci, puzzolente puttana, le letterine."
Te ne freghi? O sporcacciona, lupanare,
o se puoi essere qualcosa di più diabolico.
Ma bisogna proprio credere che ciò non basta.
Che se non può altro, provochiamo
il rossore sulla faccia di ferro della cagna.
Gridate di nuovo insieme a voce più alta.
"Puttana puzzolente, restituisci le letterine,
restituisci, puzzolente puttana, le letterine"
Ma nulla otteniamo, nulla si muove.
Voi dovete cambiare metodo e modo,
se qualcosa volete ottenere di più:
"Pudica e santa, restituisci le letterine" 
   
XLIII. Salve 


Salve, nec minimo puella naso 
nec bello pede nec nigris ocellis 
nec longis digitis nec ore sicco 
nec sane nimis elegante lingua, 
decoctoris amica Formiani. 
ten provincia narrat esse bellam? 
tecum Lesbia nostra comparatur? 
o saeclum insapiens et infacetum! 
XLIII. Salve


Salve, fanciulla dal naso non minimo
nè dal piede grazioso né dai neri occhietti
né dalle dita affusolate né dalla bocca asciutta
né proprio dalla lingua troppo elegante,
amica del bancarottiere formiano.
La provincia dice forse che sei carina?
A te si paragona la nostra Lesbia?
O secolo ignorante ed insulso. 
   
XLIV. O funde 



O funde noster seu Sabine seu Tiburs 
(nam te esse Tiburtem autumant, quibus non est 
cordi Catullum laedere; at quibus cordi est, 
quovis Sabinum pignore esse contendunt), 
sed seu Sabine sive verius Tiburs, 
fui libenter in tua suburbana 
villa, malamque pectore expuli tussim, 
non inmerenti quam mihi meus venter, 
dum sumptuosas appeto, dedit, cenas. 
nam, Sestianus dum volo esse conviva, 
orationem in Antium petitorem 
plenam veneni et pestilentiae legi. 
hic me gravedo frigida et frequens tussis 
quassavit usque, dum in tuum sinum fugi, 
et me recuravi otioque et urtica. 
quare refectus maximas tibi grates 
ago, meum quod non es ulta peccatum. 
nec deprecor iam, si nefaria scripta 
Sesti recepso, quin gravedinem et tussim 
non mihi, sed ipsi Sestio ferat frigus, 
qui tunc vocat me, cum malum librum legi. 
XLIV. O tenuta



O tenuta nostra sia sabina sia tiburtina
(sostengono che sei tiburtina, quelli che non hanno
a cuore di colpire Catullo; ma quelli che l'hanno a cuore,
ribattono che è sabina ad ogni costo),
ma sia sabina sia meglio tiburtina,
fui volentieri nella tua villa di periferia,
e scacciai dal petto una brutta tosse,
che il mio ventre, a me non incolpevole,
diede, mentre bramavo sontuose cene.
Mentre volevo essere commensale sestiano,
lessi il discorso sulla candidatura di Anzio,
piena di veleno e di sventura.
Allora un malessere freddo ed un'assidua tosse
mi sconvolse fin che son fuggito nel tuo abbraccio,
e mi sono rimesso con riposo ed ortica.
Perciò ristabilitomi ti rendo tantissime grazie,
perché non hai vendicato il mio sbaglio.
E non supplico più, se accetterò i meledetti
scritti di Sestio, che il freddo non rechi malessere
e tosse a me, ma a Sesto stesso,
che mi invita allora, quando ho letto un brutto libro. 
   
XLV. Acmen 

 

Acmen Septimius suos amores 
tenens in gremio "mea" inquit "Acme, 
ni te perdite amo atque amare porro 
omnes sum assidue paratus annos, 
quantum qui pote plurimum perire, 
solus in Libya Indiaque tosta 
caesio veniam obvius leoni." 
hoc ut dixit, Amor sinistra ut ante 
dextra sternuit approbationem. 
at Acme leviter caput reflectens 
et dulcis pueri ebrios ocellos 
illo purpureo ore suaviata, 
"sic" inquit"mea vita Septimille, 
huic uni domino usque serviamus, 
ut multo mihi maior acriorque 
ignis mollibus ardet in medullis." 
hoc ut dixit, Amor sinistra ut ante 
dextra sternuit approbationem. 
nunc ab auspicio bono profecti 
mutuis animis amant amantur. 
unam Septimius misellus Acmen 
mavult quam Syrias Britanniasque: 
uno in Septimio fidelis Acme 
facit delicias libidinisque. 
quis ullos homines beatiores 
vidit, quis Venerem auspicatiorem? 

XLV. Acme

Settimio tenendo in braccio Acme
suo amore"Acme mia, dice,
se non ti amo perdutamente e non son pronto
poi ad amarti continuamente per tutti gli anni,
quanto è possibile addirittura morirne,
solo in Libia o nella bruciata India
andrò contro ad un azzurro leone"
Come disse così, Amore starnutì a sinistra
un'approvazione come prima a destra.
Ma Acme flettendo legermente la testa
e baciate le ebbrie pupille del dolce
fanciullo con quella bocca purpurea,
"Sì, dice, Settimiuccio mia vita,
a quest'unico padrone serviamo,
perché un molto maggiore e forte
fuoco mi brucia nelle tenere midolla" 
Come disse così, Amore starnutì a sinistra
un'approvazione come prima a destra.
Ora partiti da un buon auspicio
con mutui affetti amano e son amati.
Settimio poveretto preferisce l'unica
Acme alle Sirie e Britannie:
fedele al solo Settimio Acme
offre delizia e piacere.
Chi vide qualche uomo più felice,
chi (vide) una Venere più beneaugurante? 

   
XLVI. Iam ver 

Iam ver egelidos refert tepores, 
iam caeli furor aequinoctialis 
iucundis Zephyri silescit aureis. 
linquantur Phrygii, Catulle, campi 
Nicaeaeque ager uber aestuosae: 
ad claras Asiae volemus urbes. 
iam mens praetrepidans avet vagari, 
iam laeti studio pedes vigescunt. 
o dulces comitum valete coetus, 
longe quos simul a domo profectos 
diversae variae viae reportant. 
XLVI. Primavera ormai

Primavera ormai riporta i miti tepori,
ormai la furia del cielo equinoziale
tace con le piacevoli aure di Zefiro.
Si lascino, Catullo, le pianure frigie
e la fiorente campagna della calda Nicea:
voliamo alle nobili città dell'Asia.
Ormai il cuore ultratrepidante s'augura viaggiare,
ormai felici per la voglia si rianimano.
Salve dolci comitive di amici,
che i partiti lontano da casa insieme
da ogni parte le varie vie riportano. 
   
XLVII. Porci et Socration 


Porci et Socration, duae sinistrae 
Pisonis, scabies famesque mundi, 
vos Veraniolo meo et Fabullo 
verpus praeposuit Priapus ille? 
vos convivia lauta sumptuose 
de die facitis, mei sodales 
quaerunt in trivio vocationes? 
XLVII. Porcio e Socration


Porcio e Socration, le due sinistre
di Pisone, scabbia e carestia del mondo,
quel bel Cazzo Priapo ha preferito voi
al mio Veraniuccio e Fabullo?
Voi sontuosamente fate lauti banchetti
da tempo, i miei compagni
nei crocicchi cercano inviti?