LVII. Pulcre convenit

 

 

Pulcre convenit improbis cinaedis,

Mamurrae pathicoque Caesarique.

nec mirum: maculae pares utrisque,

urbana altera et illa Formiana,

impressae resident nec eluentur:

morbosi pariter, gemelli utrique,

uno in lecticulo erudituli ambo,

non hic quam ille magis vorax adulter,

rivales socii puellularum.

pulcre convenit improbis cinaedis.

LVII. Bene capita


Capita bene ai brutti cinedi,
a Mamurra ed al culatone Cesare.
Non è strano: uguali macchie per entrambi,
la seconda romana e la prima formiana,
scolpite permangono e non si toglieranno:
malati alla pari, entrambi gemelli,
nello steso lettuccio letteratucoli entrambi,
non questo più di quello ingordo adultero,
rivali compagni di ragazzine.
Capita bene ai brutti cinedi.

   

LVIII. Caeli

 

 

Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa.

illa Lesbia, quam Catullus unam

plus quam se atque suos amavit omnes,

nunc in quadriviis et angiportis

glubit magnanimi Remi nepotes.

LVIII. Celio


Celio, la nostra Lesbia, la bella Lesbia.
La bella Lesbia, che lei sola Catullo
più che se stesso e tutti i suoi,
ora negli incroci e nei vicoli
scortica i nipoti del magnanimo Remo.

   

LVIIIb. Non custos

 

Non custos si fingar ille Cretum,

non Ladas ego pinnipesve Perseus,

non si Pegaseo ferar volatu,

non Rhesi niveae citaeque bigae;

adde huc plumipedas volatilesque,

ventorumque simul require cursum,

quos iunctos, Cameri, mihi dicares:

defessus tamen omnibus medullis

et multis languoribus peresus

essem te mihi, amice, quaeritando.

LVIIIb. Non il guardiano

 


Non il guardiano famoso se mi fingessi di Creta,
non io Lada o il pinnipede Perseo,
non se mi recassi col volo di Pegaso,
non le nivee e veloci bighe di Reso;
aggiungici piume ai piedi e volanti,
cerca ancora la rotta dei venti,
che  uniti, Camerio, mi dichiarassi:
tuttavia sarei strastanco per tutte
le viscere e consumato da molti languori
cercandoti, amico, (per me).

   

LIX. Bononiensis

 

 

Bononiensis Rufa Rufulum fellat,

uxor Meneni, saepe quam in sepulcretis

vidistis ipso rapere de rogo cenam,

cum devolutum ex igne prosequens panem

ab semiraso tunderetur ustore.

LIX. La bolognese

La bolognese Rufa pompina Rufolo,
la moglie di Menenio, che spesso hai visto
tra i sepolcreti rubare dal rogo stesso la cena,
quando inseguendo il pane caduto dal fuoco
è pestato dal semiraso ustore.

   

LX. Num te

 

 

Num te te leaena montibus Libystinis

aut Scylla latrans infima inguinum parte

tam mente dura procreavit ac taetra,

ut supplicis vocem in novissimo casu

contemptam haberes, a nimis fero corde?

LX. Forse ti


Forse ti ha generato una leonessa sui monti libici
o Scilla latrante nella parte bassa dell'inguine
con cuore talmente duro e feroce,
da considerare disprezzata la voce d'un supplice
 in una disgrazia eccezionale, ahi, dal cuore troppo selvaggio