LXIV. Peliaco quondam


Peliaco quondam prognatae vertice pinus
dicuntur liquidas Neptuni nasse per undas
Phasidos ad fluctus et fines Aeetaeos,
cum lecti iuvenes, Argivae robora pubis,
auratam optantes Colchis avertere pellem 5
ausi sunt vada salsa cita decurrere puppi,
caerula verrentes abiegnis aequora palmis.
diva quibus retinens in summis urbibus arces
ipsa levi fecit volitantem flamine currum,
pinea coniungens inflexae texta carinae. 10
illa rudem cursu prima imbuit Amphitriten;
quae simul ac rostro ventosum proscidit aequor
tortaque remigio spumis incanuit unda,
emersere freti candenti e gurgite vultus
aequoreae monstrum Nereides admirantes. 15
illa, atque alia, viderunt luce marinas
mortales oculis nudato corpore Nymphas
nutricum tenus exstantes e gurgite cano.
tum Thetidis Peleus incensus fertur amore,
tum Thetis humanos non despexit hymenaeos,20
tum Thetidi pater ipse iugandum Pelea sensit.
o nimis optato saeclorum tempore nati
heroes, salvete, deum genus! o bona matrum
progenies, salvete iterum . . . 23b
vos ego saepe, meo vos carmine compellabo.
teque adeo eximie taedis felicibus aucte, 25
Thessaliae columen Peleu, cui Iuppiter ipse,
ipse suos divum genitor concessit amores;
tene Thetis tenuit pulcerrima Nereine?
tene suam Tethys concessit ducere neptem,
Oceanusque, mari totum qui amplectitur orbem?
quae simul optatae finito tempore luces 31
advenere, domum conventu tota frequentat
Thessalia, oppletur laetanti regia coetu:
dona ferunt prae se, declarant gaudia vultu.
deseritur Cieros, linquunt Pthiotica Tempe 35
Crannonisque domos ac moenia Larisaea,
Pharsalum coeunt, Pharsalia tecta frequentant.
rura colit nemo, mollescunt colla iuvencis,
non humilis curvis purgatur vinea rastris,
non glebam prono convellit vomere taurus, 40
non falx attenuat frondatorum arboris umbram,
squalida desertis rubigo infertur aratris.
ipsius at sedes, quacumque opulenta recessit
regia, fulgenti splendent auro atque argento.
candet ebur soliis, collucent pocula mensae, 45
tota domus gaudet regali splendida gaza.
pulvinar vero divae geniale locatur
sedibus in mediis, Indo quod dente politum
tincta tegit roseo conchyli purpura fuco.
haec vestis priscis hominum variata figuris 50
heroum mira virtutes indicat arte.
namque fluentisono prospectans litore Diae,
Thesea cedentem celeri cum classe tuetur
indomitos in corde gerens Ariadna furores,
necdum etiam sese quae visit visere credit, 55
utpote fallaci quae tum primum excita somno
desertam in sola miseram se cernat harena.
immemor at iuvenis fugiens pellit vada remis,
irrita ventosae linquens promissa procellae.
quem procul ex alga maestis Minois ocellis, 60
saxea ut effigies bacchantis, prospicit, eheu,
prospicit et magnis curarum fluctuat undis,
non flavo retinens subtilem vertice mitram,
non contecta levi velatum pectus amictu,
non tereti strophio lactentis vincta papillas, 65
omnia quae toto delapsa e corpore passim
ipsius ante pedes fluctus salis alludebant.
sed neque tum mitrae neque tum fluitantis amictus
illa vicem curans toto ex te pectore, Theseu,
toto animo, tota pendebat perdita mente. 70
misera, assiduis quam luctibus externavit
spinosas Erycina serens in pectore curas,
illa tempestate, ferox quo ex tempore Theseus
egressus curvis e litoribus Piraei
attigit iniusti regis Gortynia templa. 75
nam perhibent olim crudeli peste coactam
Androgeoneae poenas exsolvere caedis
electos iuvenes simul et decus innuptarum
Cecropiam solitam esse dapem dare Minotauro.
quis angusta malis cum moenia vexarentur, 80
ipse suum Theseus pro caris corpus Athenis
proicere optavit potius quam talia Cretam
funera Cecropiae nec funera portarentur.
atque ita nave levi nitens ac lenibus aurischiasmo
magnanimum ad Minoa venit sedesque superbas.
hunc simul ac cupido conspexit lumine virgo 86
regia, quam suavis exspirans castus odores
lectulus in molli complexu matris alebat,
quales Eurotae praecingunt flumina myrtus
aurave distinctos educit verna colores, 90
non prius ex illo flagrantia declinavit
lumina, quam cuncto concepit corpore flammam
funditus atque imis exarsit tota medullis.
heu misere exagitans immiti corde furores
sancte puer, curis hominum qui gaudia misces, 95
quaeque regis Golgos quaeque Idalium frondosum,
qualibus incensam iactastis mente puellam
fluctibus, in flavo saepe hospite suspirantem!
quantos illa tulit languenti corde timores!
quanto saepe magis fulgore expalluit auri, 100
cum saevum cupiens contra contendere monstrum
aut mortem appeteret Theseus aut praemia laudis!
non ingrata tamen frustra munuscula divis
promittens tacito succepit vota labello.
nam velut in summo quatientem brachia Tauro 105
quercum aut conigeram sudanti cortice pinum
indomitus turbo contorquens flamine robur,
eruit (illa procul radicitus exturbata
prona cadit, late quaevis cumque obvia frangens,)
sic domito saevum prostravit corpore Theseus 110
nequiquam vanis iactantem cornua ventis.
inde pedem sospes multa cum laude reflexit
errabunda regens tenui vestigia filo,
ne labyrintheis e flexibus egredientem
tecti frustraretur inobservabilis error. 115
sed quid ego a primo digressus carmine plura
commemorem, ut linquens genitoris filia vultum,
ut consanguineae complexum, ut denique matris,
quae misera in gnata deperdita laeta
omnibus his Thesei dulcem praeoptarit amorem:
aut ut vecta rati spumosa ad litora Diae 121
aut ut eam devinctam lumina somno
liquerit immemori discedens pectore coniunx?
saepe illam perhibent ardenti corde furentem
clarisonas imo fudisse e pectore voces, 125
ac tum praeruptos tristem conscendere montes,
unde aciem pelagi vastos protenderet aestus,
tum tremuli salis adversas procurrere in undas
mollia nudatae tollentem tegmina surae,
atque haec extremis maestam dixisse querellis, 130
frigidulos udo singultus ore cientem:
"sicine me patriis avectam, perfide, ab aris
perfide, deserto liquisti in litore, Theseu?
sicine discedens neglecto numine divum,
immemor a! devota domum periuria portas? 135
nullane res potuit crudelis flectere mentis
consilium? tibi nulla fuit clementia praesto,
immite ut nostri vellet miserescere pectus?
at non haec quondam blanda promissa dedisti
voce mihi, non haec miserae sperare iubebas, 140
sed conubia laeta, sed optatos hymenaeos,chiamo
quae cuncta aereii discerpunt irrita venti.
nunc iam nulla viro iuranti femina credat,
nulla viri speret sermones esse fideles;
quis dum aliquid cupiens animus praegestit apisci, 145
nil metuunt iurare, nihil promittere parcunt:chiasmo
sed simul ac cupidae mentis satiata libido est,
dicta nihil metuere, nihil periuria curant.
certe ego te in medio versantem turbine leti
eripui, et potius germanum amittere crevi, 150
quam tibi fallaci supremo in tempore dessem.
pro quo dilaceranda feris dabor alitibusque
praeda, neque iniecta tumulabor mortua terra.
quaenam te genuit sola sub rupe leaena,
quod mare conceptum spumantibus exspuit undis,155
quae Syrtis, quae Scylla rapax, quae vasta Carybdis,
talia qui reddis pro dulci praemia vita?
si tibi non cordi fuerant conubia nostra,
saeva quod horrebas prisci praecepta parentis,
attamen in vestras potuisti ducere sedes, 160
quae tibi iucundo famularer serva labore,
candida permulcens liquidis vestigia lymphis,
purpureave tuum consternens veste cubile. Doppio iperb
sed quid ego ignaris nequiquam conquerar auris,
externata malo, quae nullis sensibus auctae 165
nec missas audire queunt nec reddere voces?
ille autem prope iam mediis versatur in undis,
nec quisquam apparet vacua mortalis in alga.
sic nimis insultans extremo tempore saeva
fors etiam nostris invidit questibus aures. 170
Iuppiter omnipotens, utinam ne tempore primo
Gnosia Cecropiae tetigissent litora puppes,
indomito nec dira ferens stipendia tauro
perfidus in Cretam religasset navita funem,
nec malus hic celans dulci crudelia forma 175
consilia in nostris requiesset sedibus hospes!
nam quo me referam? quali spe perdita nitor?
Idaeosne petam montes? at gurgite lato
discernens ponti truculentum dividit aequor.
an patris auxilium sperem? quemne ipsa reliqui 180
respersum iuvenem fraterna caede secuta?
coniugis an fido consoler memet amore?
quine fugit lentos incurvans gurgite remos?
praeterea nullo colitur sola insula tecto,
nec patet egressus pelagi cingentibus undis. 185
nulla fugae ratio, nulla spes: omnia muta,
omnia sunt deserta, ostentant omnia letum.
non tamen ante mihi languescent lumina morte,
nec prius a fesso secedent corpore sensus,
quam iustam a divis exposcam prodita multam 190
caelestumque fidem postrema comprecer hora.
quare facta virum multantes vindice poena
Eumenides, quibus anguino redimita capillo
frons exspirantis praeportat pectoris iras,
huc huc adventate, meas audite querellas, 195
quas ego, vae misera, extremis proferre medullis
cogor inops, ardens, amenti caeca furore.
quae quoniam verae nascuntur pectore ab imo,
vos nolite pati nostrum vanescere luctum,
sed quali solam Theseus me mente reliquit, 200allitt
tali mente, deae, funestet seque suosque."
has postquam maesto profudit pectore voces,
supplicium saevis exposcens anxia factis,
annuit invicto caelestum numine rector;
quo motu tellus atque horrida contremuerunt 205
aequora concussitque micantia sidera mundus.
ipse autem caeca mentem caligine Theseus
consitus oblito dimisit pectore cuncta,
quae mandata prius constanti mente tenebat,
dulcia nec maesto sustollens signa parenti 210
sospitem Erechtheum se ostendit visere portum.
namque ferunt olim, classi cum moenia divae
linquentem gnatum ventis concrederet Aegeus,
talia complexum iuveni mandata dedisse:
"gnate mihi longa iucundior unice vita, 215
gnate, ego quem in dubios cogor dimittere casus,
reddite in extrema nuper mihi fine senectae,
quandoquidem fortuna mea ac tua fervida virtus allitterazione
eripit invito mihi te, cui languida nondum
lumina sunt gnati cara saturata figura, 220
non ego te gaudens laetanti pectore mittam,
nec te ferre sinam fortunae signa secundae,
sed primum multas expromam mente querellas,
canitiem terra atque infuso pulvere foedans,
inde infecta vago suspendam lintea malo, 225
nostros ut luctus nostraeque incendia mentis
carbasus obscurata dicet ferrugine Hibera.
quod tibi si sancti concesserit incola Itoni,
quae nostrum genus ac sedes defendere Erecthei
annuit, ut tauri respergas sanguine dextram, 230
tum vero facito ut memori tibi condita corde
haec vigeant mandata, nec ulla oblitteret aetas;
ut simul ac nostros invisent lumina collis,
funestam antennae deponant undique vestem,
candidaque intorti sustollant vela rudentes, 235
quam primum cernens ut laeta gaudia mente
agnoscam, cum te reducem aetas prospera sistet."
haec mandata prius constanti mente tenentem
Thesea ceu pulsae ventorum flamine nubes
aereum nivei montis liquere cacumen. 240
at pater, ut summa prospectum ex arce petebat,
anxia in assiduos absumens lumina fletus,
cum primum infecti conspexit lintea veli,
praecipitem sese scopulorum e vertice iecit,
amissum credens immiti Thesea fato. 245
sic funesta domus ingressus tecta paterna
morte ferox Theseus, qualem Minoidi luctum
obtulerat mente immemori, talem ipse recepit.
quae tum prospectans cedentem maesta carinam
multiplices animo volvebat saucia curas. 250
at parte ex alia florens volitabat Iacchus
cum thiaso Satyrorum et Nysigenis Silenis,
te quaerens, Ariadna, tuoque incensus amore.
* * * * * * * * 
quae tum alacres passim lymphata mente furebant
euhoe bacchantes, euhoe capita inflectentes. 255
harum pars tecta quatiebant cuspide thyrsos,
pars e divolso iactabant membra iuvenco,
pars sese tortis serpentibus incingebant,
pars obscura cavis celebrabant orgia cistis,
orgia quae frustra cupiunt audire profani; 260
plangebant aliae proceris tympana palmis,
aut tereti tenuis tinnitus aere ciebant;
multis raucisonos efflabant cornua bombosonomatopea
barbaraque horribili stridebat tibia cantu.
talibus amplifice vestis decorata figuris 265
pulvinar complexa suo velabat amictu. Virg
quae postquam cupide spectando Thessala pubes
expleta est, sanctis coepit decedere divis.
hic, qualis flatu placidum mare matutino
horrificans Zephyrus proclivas incitat undas, 270
Aurora exoriente vagi sub limina Solis,
quae tarde primum clementi flamine pulsae
procedunt leviterque sonant plangore cachinni,
post vento crescente magis magis increbescunt,
purpureaque procul nantes ab luce refulgent: 275
sic tum vestibuli linquentes regia tecta
ad se quisque vago passim pede discedebant.
quorum post abitum princeps e vertice Pelei
advenit Chiron portans silvestria dona:
nam quoscumque ferunt campi, quos Thessala magnis
montibus ora creat, quos propter fluminis undas 281
aura parit flores tepidi fecunda Favoni,
hos indistinctis plexos tulit ipse corollis,
quo permulsa domus iucundo risit odore.
confestim Penios adest, viridantia Tempe, 285
Tempe, quae silvae cingunt super impendentes,
* * * linquens doris celebranda choreis,
non vacuos: namque ille tulit radicitus altas
fagos ac recto proceras stipite laurus,
non sine nutanti platano lentaque sorore 290
flammati Phaethontis et aerea cupressu.
haec circum sedes late contexta locavit,
vestibulum ut molli velatum fronde vireret.
post hunc consequitur sollerti corde Prometheus,
extenuata gerens veteris vestigia poenae, Verg 295
quam quondam silici restrictus membra catena
persolvit pendens e verticibus praeruptis. 
inde pater divum sancta cum coniuge natisque
advenit caelo, te solum, Phoebe, relinquens
unigenamque simul cultricem montibus Idri: 300
Pelea nam tecum pariter soror aspernata est,
nec Thetidis taedas voluit celebrare iugales.
qui postquam niveis flexerunt sedibus artus
large multiplici constructae sunt dape mensae,
cum interea infirmo quatientes corpora motu 305
veridicos Parcae coeperunt edere cantus.
his corpus tremulum complectens undique vestis
candida purpurea talos incinxerat ora,
at roseae niveo residebant vertice vittae, allitterazione
aeternumque manus carpebant rite laborem. 310
laeva colum molli lana retinebat amictum,
dextera tum leviter deducens fila supinis
formabat digitis, tum prono in pollice torquens
libratum tereti versabat turbine fusum,
atque ita decerpens aequabat semper opus dens, 315
laneaque aridulis haerebant morsa labellis,
quae prius in levi fuerant exstantia filo:
ante pedes autem candentis mollia lanae
vellera virgati custodibant calathisci. allitterazione
haec tum clarisona pellentes vellera voce allitterazione
talia divino fuderunt carmine fata, 321
carmine, perfidiae quod post nulla arguet aetas.
o decus eximium magnis virtutibus augens,
Emathiae tutamen, Opis carissime nato,
accipe, quod laeta tibi pandunt luce sorores, 325
veridicum oraclum: sed vos, quae fata sequuntur,
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
adveniet tibi iam portans optata maritis
Hesperus, adveniet fausto cum sidere coniunx,
quae tibi flexanimo mentem perfundat amore, 330
languidulosque paret tecum coniungere somnos,
levia substernens robusto bracchia collo.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
nulla domus tales umquam contexit amores,
nullus amor tali coniunxit foedere amantes, 335
qualis adest Thetidi, qualis concordia Peleo.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
nascetur vobis expers terroris Achilles,
hostibus haud tergo, sed forti pectore notus,
qui persaepe vago victor certamine cursus 340
flammea praevertet celeris vestigia cervae.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
non illi quisquam bello se conferet heros,
cum Phrygii Teucro manabunt sanguine
Troicaque obsidens longinquo moenia bello, 345
periuri Pelopis vastabit tertius heres.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
illius egregias virtutes claraque facta
saepe fatebuntur gnatorum in funere matres,
cum incultum cano solvent a vertice crinem, 350
putridaque infirmis variabunt pectora palmis.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
namque velut densas praecerpens messor aristas
sole sub ardenti flaventia demetit arva,
Troiugenum infesto prosternet corpora ferro. 355
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
testis erit magnis virtutibus unda Scamandri,
quae passim rapido diffunditur Hellesponto,
cuius iter caesis angustans corporum acervis
alta tepefaciet permixta flumina caede. 360
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
denique testis erit morti quoque reddita praeda,
cum teres excelso coacervatum aggere bustum
excipiet niveos perculsae virginis artus.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi. 365
nam simul ac fessis dederit fors copiam Achivis
urbis Dardaniae Neptunia solvere vincla,
alta Polyxenia madefient caede sepulcra;
quae, velut ancipiti succumbens victima ferro,
proiciet truncum summisso poplite corpus. 370
currite ducentes subtegmina, currite, fusi.
quare agite optatos animi coniungite amores.
accipiat coniunx felici foedere divam,
dedatur cupido iam dudum nupta marito.
currite ducentes subtegmina, currite, fusi. 375
non illam nutrix orienti luce revisens
hesterno collum poterit circumdare filo,
anxia nec mater discordis maesta puellae
secubitu caros mittet sperare nepotes. 380
currite ducentes subtegmina, currite, fusi. 
talia praefantes quondam felicia Pelei
carmina divino cecinerunt pectore Parcae.
praesentes namque ante domos invisere castas
heroum, et sese mortali ostendere coetu, 385
caelicolae nondum spreta pietate solebant. 
saepe pater divum templo in fulgente revisens,
annua cum festis venissent sacra diebus,
conspexit terra centum procumbere tauros.
saepe vagus Liber Parnasi vertice summo 390
Thyiadas effusis evantis crinibus egit, 
cum Delphi tota certatim ex urbe ruentes
acciperent laeti divum fumantibus aris.
saepe in letifero belli certamine Mavors
aut rapidi Tritonis era aut Amarunsia virgo 395
armatas hominum est praesens hortata catervas. 
sed postquam tellus scelere est imbuta nefando
iustitiamque omnes cupida de mente fugarunt,
perfudere manus fraterno sanguine fratres,
destitit extinctos gnatus lugere parentes, 400
optavit genitor primaevi funera nati,
liber ut innuptae poteretur flore novercae,
ignaro mater substernens se impia nato
impia non verita est divos scelerare penates.
omnia fanda nefanda malo permixta furore 405
iustificam nobis mentem avertere deorum.
quare nec talis dignantur visere coetus,
nec se contingi patiuntur lumine claro.

LXIV. Un tempo


Un tempo, si dice, pini nati dalla cima del Pelio
han navigato per le limpide onde di Nettuno
fino ai flutti fasii ed ai territori etei,
quando giovani scelti, forza della gioventù argiva,
desiderando strappare il vello d'oro della Colchide 5
osarono passare con veloce poppa i mari salati,
spazzando coi remi d'abete le azzurre acque.
Le dea stessa, che conserva per essi le rocche nelle sommità 
delle città, rese volteggiante un carro con soffio leggero
unendo l'ordito dipino della carena ricurva. 10
Ella per prima insegnò la rotta all'inesperta Anfitrite;
Ma appena tagliò col rostro il mare ventoso
e l'onda arricciata dal remeggio imbiancò di spume,
dal biancheggiante gorgo del mare le Nereidi acquatiche
emersero i volti ammirando il prodigio. 15
In quel giorno ed in altro i mortali videro
cogli occhi le Ninfe marine col corpo denudto
alzarsi dal bianco gorgo fino alle mammelle.
Allora, si dice, Peleo si incendiò per l'amore di Teti,
allora Teti non disprezzò gli umani imenei, 20
allora il padre stesso capì che doveva unire Peleo a Teti.
Oh, eroi nati in un'epoca di secoli troppo desiderata,
salute, stirpe di dei! O buona progenie
di matri, salute ancora . . . 23b
Spesso io invocherò voi col mio canto.
E te, Peleo, colonna della Tessaglia, tanto sommamente 25
onorato dalle fortunate fiaccole, cui Giove stesso,
cui lo stesso padre degli dei concesse i suoi amori;
non ti ebbe forse Teti la figlia più bella di Nereo?
Non lo concesse di sposare la nipote Thety 
ed Oceano, che abbraccia tutto il mondo col mare? 30
Ma appena le desiderate luci nel tempo definito
apparvero, tutta la Tessaglia assedia la casa 
folla, la reggia si riempie di schiera festante: 
Portano doni con sé, in volto annunciano gioia.
Sciro si svuota, lasciano la ptiotica Tempe, 35
i palazzi di Crannone e le mura di Larissa,
si uniscono a Farsalo, assediano le case di Farsalo.
Nessuno coltiva le campagne, ai giovenchi i colli s'ammorbidiscono,
la umile vite non è pulita dai curvi falcetti,
il toro non smuove la zolla col vomere chino, 40
la falce dei tagliatori non sfoltisce l'ombra dell'albero,
la squallida ruggine si posa sui deserti aratri.
Ma il suo palazzo, ovunque si estende la ricca 
reggia, splende di luccicante oro ed argento.
Brilla l'avorio sui troni, rilucono le tazza della mensa, 45
tutta la casa gioisce di regale splendida ricchezza.
Ma il letto matrimoniale della dea è posto
in mezzo ai palazzi, lo copre cesellato di dente indiano
la porpora tinta di roseo colore di murice.
Questa veste dipinta dalle figure di uomini antichi 50
rivela con arte meravigliosa le virtù degli eroi.
Arianna osservando sul lido dal fluente suono del(l'isola di) Dia,
osserva Teseo che fugge con la veloce flotta,
(ma lei) serbando in cuore furori indomabili,
e nemmeno crede di vedere più quanto vede, 55
lei che appena svegliata dal sonno fallace
si vede abbandonata, infelice sulla sabbia deserta.
Ma il giovane immemore fuggendo sospinge il mare coi remi,
lasciando le vane promesse alla ventosa tempesta.
Lontano tra le alghe con tristi occhietti la minoide, 60
come una statua di sasso di bacchante, guarda, ahimè,
guarda e vacilla tra le grandi onde degli affanni,
non trattenendo sulla bionda testa la raffinata mitria,
non proteggendo di leggero velo il petto velato,
no legando di tornita benda le mammelle poppanti, 65
tutto quanto era scivolato da tutto il corpo qua e là
davanti ai suoi piedi, (tutto) sfioravano i flutti del mare.
Ma noncurante più del destino della mitria né del velo
volteggiante ella dipendeva tutta da te, Teseo, con tutto 
il cuore, con tutto l'animo, perdutamente. 70
L'Ericina (Venere) con quanti dolori la estraniò
seminando nel petto spinosi affanni,
in quell'occasione, dal momento in cui Teseo
uscito dai curvi lidi del Pireo
toccò i templi gortini del re senza legge. 75
Tramandano infatti che un tempo che la (terra ) cecropia
costretta da crudele disgrazia pagava le colpe della strage
di Androgeone ed era solita dare in pasto al Minotauro
giovani scelti ed insieme il fiore delle ragazze.
Essendo le piccole mura vessate da tali mali, 80
lo stesso Teseo preferì esporre la sua vita per la cara 
Atene piuttosto tali esequie, esequie 
della Cecropia, fossero portate a Creta.
Così servendosi d'una leggera nave e di venti miti
venne dal magnanimo Minosse ed ai palazzi superbi, 85
ma nello stesso tempo lo osservò con occhio bramoso
la regale vergine, che il casto lettuccio della madre
spirando soavi odori nutriva inmorbido abbraccio,
Come i fiumi d'Eurota proteggono i mirti
o l'aria primaverile cresce svariati colori, 90
non abbassò da lui gli occhi ardenti prima
che profondamente con tutto il corpo prendesse
fuoco e bruciasse tutta nel profondo delle viscere.
Ahimè, miseramente agitando i furori nel cuore impazzito,
sacro fanciullo, che mescoli gioie agli affanni degli uomini, 95
e tu che governi i Golgi e l'Idalio frondoso,
su queli flutti gettaste una fanciulla accesa nel cuore,
sempre sospirante sull'ospite biondo!
Quante paure soffri lei nel languido cuore!
Quanto spesso impallidì più dello splendore dell'oro, 100
quando Teseo desiderando sfidare il crudele mostro
o affrontava la morte o i premi dell'onore!
Tuttavia promettendo invano non ingrate offertucce
agli dei fece voti col tacito labbruccio.
Ma come sulla sommità del Tauro un turbine invincibile 105
contorcendone il vigore col soffio sradica una quercia che scuote 
le braccia o un pino portatore di coni dalla corteccia sudante,
(ella sconvolta dalle radici cade prona lontano, rompendo
qualunque cosa che incontra per vasto tratto,)
così Teseo atterrò la belva, domatone il corpo, 110
che invano sbatteva le corna ai vani venti.
Poi salvo con grande onore rigirò il piede
guidando sol filo sottile le orme errabonde,
perché il vagare inestricabile non lo ingannasse
mentre usciva dai meandri labirintici del palazzo. 115
Ma perché io dovrei ricordare, uscito dall'inizio
del canto, come la figlia lasciando il volto del genitore,
l'abbraccio della sorella, ed infine della madre,
che, misera, contenta per la figlia, perduta, preferì
a tutti questi il dolce amore di Teseo: 120
o come portata da zattera fino agli spumosi lidi di Dia
o come il coniuge partendo con cuore immemore 
lasciò lei vinta negli occhi dal sonno?
Spesso, raccontano, lei impazzendo nel cuore ardente
espresse dal profondo del petto espressioni dal forte suono, 125
e poi triste scalava monti scoscesi,
donde tendesse lo sguardo sulle vaste correnti del mare,
e correre contro le nemiche onde del tremulo mare
alzando i morbidi veli del ginocchio denudato,
e mesta pronunciò queste cose con estremi lamenti, 130
scuotendo con l'umida bocca freddi singulti:
"Così dunque toltami, perfido, dagli altari paterni,
perfido, mi lasciasti sul lido deserto, Teseo?
Così dunque partendo, disprezzata la volontà degli dei,
immemore, ah! Porti in patria spergiuri maledetti? 135
Nessuna cosa potè piegare la volontà della mente
crudele? Nessuna clemenza ti fu d'aiuto,
che volesse compassionare il crudele petto di noi?
Ma un tempo non mi desti queste promesse con blanda
voce, non invitavi a sperar questo alla misera, 140
ma piacevoli nozze, ma ottimi imenei,
tutto questo gli aerei venti lo dispedono vano.
Ora nessuna donna creda più ad un uomo che giura,
Nessuna speri che i discorsi dell'uomo siano leali;
Ad essi mentre il cuore bramoso desidera ottenere qualcosa 145
non temono di giurare nulla, nulla evitano di promettere:
ma appena la voglia del bramoso istinto fu saziata,
per nulla curano di temere le parole, per nulla gli spergiuri.
Certo io ti strappai quando ti trovavi al centro di una bufera 
morte, e decisi di perdere un fratello piuttosto, 150
che mancare a te falso nel rischio estremo.
Per questo mi darò da sbranare alle fiere e preda
agli uccelli, né morta sarò coperta da terra gettatami.
Quale leonessa mai ti generò sotto deserta rupe,
quale mare ti sputò generato da spumanti onde, 155
quale Sirti, quale Scilla avida, quale vasta Cariddi,
tu che ridoni tali premi al posto della dolce vita?
Se non ti stavano a cuore le nostre nozze,
perché odiavi i crudeli ordini dell'antico padre,
tuttavia avresti potuto condurmi alle vostre dimore, 160
che ti servissi da schiava con piacevole fatica,
accarezzando la candidi orme con limpide acque,
o coprendo il tuo letto di purpurea coperta.
Ma di che mi lamento invano con l'aure ignare,
straniata dal male, che aiutate da nessuna sensibilità 165
non posson né ascoltare né rispondere parole?
Egli però si trova quasi in mezzo alle onde,
e nessun mortale appare tra le deserte alghe.
Così la crudele sorte calpestando(mi) troppo nel momento
estremo impedisce ad orecchie i nostri lamenti. 170
Giove onnipotente, ah, se dal primo istantele poppe cecropie
non avessero toccato i lidi di Cnosso,
e portando terribili paghe all'ndomito toro,
il perfido navigante non avesse legato la fune a Creta,
e qui il malvagio ospite, celando sotto il dolce aspetto 175
piani crudeli, non avesse riposato nei nostri palazzi!
Dove mi porterò? Distrutta, su quale speranza mi appoggio?
Andrò sui monti idei? Ma l'acqua furiosa del mare
con ampio gorgo, separando, (ci) divide.
O sperare l'aiuto del padre? Io stessa lo lasciai, 180
seguendo un giovane macchiato da sangue fraterno?
O consolarmi proprio col leale amore d'un marito?
Che però fugge incurvando i pieghevoli remi sull'onda? 
Inoltre l'isola deserta non è abitata da nessuna casa,
non s'apre una uscita, cingendo(la) le onde del mare. 185
Nessun piano di fuga, nessuna speranza: tutto muto,
tutto è deserto, tutto dichiara morte.
Tuttavia gli occhi non mi languiranno di morte prima,
né i sensi si staccheranno dal corpo stanco prima,
che, tradita, chieda agli dei una giusta pena 190 
e preghi la lealtà dei celesti nell'ora estrema.
Perciò castigando le azioni degli uomini con pena vendicatrice,
(voi) Eumenidi, la cui fronte cinta di capelli serpentina
porta le ire del cuore che freme,
qui qui venite, udite i mei lamenti, 195
che io , ahi misera, sono costretta a gridare dal profondo
delle viscere, povera, ardente, cieca di pazzo furore.
M poiche essi (lamenti) nascono veri dal fondo del cuore,
Voi non vogliate permettere che il nostro lutto svanisca,
ma con quel sentimento ( con cui) Teseo mi lasciò sola, 200
con tale sentimento, o dee, funesti se ed i suoi."
Dopo che con mesto petto espresse queste parole,
ansiosa esigendo una pena per i fatti crudeli
il signore dei celesti dalla invincibile volontà annuì,
al suo cenno tremarono la terra ed i terribili 205
mari ed il mondo scosse le stelle lucenti.
Lo stesso Teseo avvolto la mente da cieca nebbia
dal cuore dimentico lasciò perdere tutto,
quanto prima teneva con mente costante,
né alzando i dolci segnali per il mesto genitore 210
salvo si recò a visitare il porto Eretteo.
Raccontano che una volta, mentre Egeo affidava
ai venti il figlio che lasciava le mura della dea,
abbracciatolo consegnò al giovane tali ordini:
"Figlio unico per me più bello di una lunga vita, 215
figlio, io che son costretto ad abbandonarti ad eventi incerti,
dal momento che la sorte ed il tuo fervido coraggio
ti strappa a me contrario, i cui languidi occhi 
non ancora sono sazi della cara figura del figlio, 220
non io gioioso ti manderò con cuore festante,
né ti permetterò di portare le insegne della buona fortuna,
ma prima esprimerò col cuore i molti lamenti,
sporcando la canizie di terra e di polvere versata,
poi appenderò all'errante albero le vele grezze, 225
come dirà i nostri lutti ed i fuochi della nostra 
mente la vela oscurata da ruggine iberica.
Che se te lo concederà l'abitatrice della sacra Itone,
che annuì a difendere la nostra stirpe e le sedi
di Eretteo, che tu cosparga la destra del sangue del toro, 230
allora farai sì che ti valgano questi ordini fatti per te
in un cuore memore, né alcun tempo cancelli;
appena gli occhi vedranno le costre colline,
le antenne depongano la veste funesta,
le funi attorcigliate alzino candide vele, 235
perché quanto prima vedendo sappia con lieto cuore
le gioie, quando il tempo felice ti farà reduce."
Questi ordini abbandonarono Teseo che prima 
li teneva con mente costante come le nubi cacciate dal soffio
dei venti (abbandonarono) l'aerea cima del nevoso monte. 240
Ma il padre, come cercava l'orizzonte dalla cima della rocca,
consumando gli ansiosi occhi in continui pianti,
appena osservò le tele della vela grezza, 
si buttò a precipizio dall'alto degli scogli,
credendo Teseo perduto da crudele destino. 245
Così il fiero Teseo entrato nei tetti della casa 
con la funesta morte paterna, quel lutto che aveva arrecato
alla Minoide con cuore immemore, tele lui stesso lo ricevette.
Ella mesta guardando la nave allontanarsi,
ferita meditava in cuore molteplici affanni. 250
Ma da un'altra parte il florido Iacco volteggiava
con una schiera di Satiri e coi nisigeni Sileni,
cercando te, Arianna, e spinto dal tuo amore.
* * * * * * * *
esse allora veloci qua e là furoreggiavano con cuore impazzito
gridando "Euhoe", piegando le teste "Euhoe". 255
Parte di esse squassavano i tirsi dalla punta coperta,
parte agitavano membra d'un giovenco dilaniato,
parte si cingevano di attorcigliati serpenti,
parte celebravano segrete orgie nei cavi cesti,
orgie che invano desiderano sentire i profani; 260
altre battevano i timpani con le lunghe palme,
o ottenevano dal bronzo lavorato sottili tintinnii;
a molte i corni soffiavano rochi rimbombi
e barbari flauti stridevano di terribile cantu.
La veste magnificamente decorata di tali figure
abbracciandolo velava il letto con la sua protezione.
Dopo che la gioventù tessala osservando bramosamente
fu saziata, cominciò a dar luogo ai riti divini.
Allora, come Zefiro rabbuffante il placido mare
col soffio mattutino eccita le facili onde, 270
sorgendo l'Aurora sulle soglie del sole errante,
ed esse prima lentamente spinte dal leggero soffio
e leggermente risuonano di un colpo di riso,
poi crescendo il vento sempre più s'accrescono,
e nuotando rifulgono lontano di luce purpurea: 275
così allora lasciando i tetti regali del vestibolo
ognuno rientrava qua e là con passo errante a casa.
Dopo la loro partenza dal vertice del Pelio per primo
venne Chirone portando doni silvestri:
tutti quelli che producono le piane, quelli che la terra tessala
dagli alti monti crea, quei fiori che presso le onde del fiume
l'aria feconda del tiepido Favonio produce,
questi egli portò intrecciati in coroncine svariate,
e la casa permeata da questo piacevole odore rise.
Subito si presenta Peneo, lasciando la verdeggiante Tempe, 285
Tempe, che selve sovrastanti cingono in alto,
* * * da esaltare con danze doriche:
non a mani vuote: egli portò alti faggi dalle radici
e lunghi allori dal tronco diritto,
no senza lo svettante platano e la sinuosa sorella 290
dell'infiammato Fetonte e l'aereo cipresso.
Tutto questo collocò attorno ampiamente ordinato,
per rinverdire il vestibolo velato di tenera fronda.
Dopo di lui segue Prometeo dal cuore pronto,
portando i segni attenuati dell'antica pena, 295
che un tempo pagò legate le membra alla roccia 
da una catena stando sospeso a vette scoscese.
Poi venne il padre degli dei con la sacra coniuge
ed i figli lasciando in cielo solo te, Febo,
e la abitatrice sui monti di Ibro, nata insieme a te: 300
insieme con te parimenti la sorella sdegnò Peleo,
né volle celebrare le fiaccole matrimoniali di Teti.
Ma dopo che essi piegarono le membra su nivei seggi
furon preparate intorno le mense con molteplice cibo,
quando nel frattempo scotendo i corpi con moto malfermo 305
le Parche cominciarono a dichiarare i loro canti veridici.
Una veste avvolgendo completamente il corpo tremante
cingeva le caviglie, candida con orlo purpureo.
Ma rosee bende stavano dul capo niveo,
le mani ritualmente consumavano l'eterna fatica. 310
La mano sinistra teneva la conocchia avvolta di morbida lana,
poi la destra leggermente tirando formava i fili
con le dita rovesciate, poi torcendo sul pollice piegato
girava il fuso librato in un turbine perfetto,
e così il dente strappando, sempre uniformava il lavoro, 315
ed i morsi lanosi aderivano alle arsicce piccole labbra,
che prima eran stati sporgenti sul filo sottile:
davanti ai piedi invece custodivano morbidi velli 
di biancheggiante lana in un panierino di vimini.
Poi agitando i velli con voce dal chiaro suono 320
riversarono tali destini con canto divino, 
canto, che dopo nessuna epoca accuserò di malafede.
"Oh gloria stupenda crescente per grandi eroismi,
sicurezza dell'Emazia, carissimo al figlio di Opi,
prendi, l'0racolo veritiero, che le sorelle ti aprono 325
nella lieta festa: ma voi, i fati che seguono, 
correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Verrà per te ormai Vespero portando i desideri
ai mariti, verrà la coniuge con fausta stella,
che ti inebrii il cuore dell'amore che piega gli animi, 330
e si prepari ad unire con te i cari languidi sonni,
stendendo sotto il robusto collo le morbide braccia.
correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Nessuna casa mai protesse tali amori,
nessun amore unì con tale vincolo gli amanti, 335
come l'unico cuore tra Teti e Peleo.
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Vi nascerà Achille privo di paura,
noto ai nemici non dalla schiena, ma dal forte petto,
che sempre vincitore nella errante gara della corsa 340
supererà le fiammanti orme della veoce cerva.
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Nessun eroe gli si paragonerà in guerra,
quando i Frigi gronderanno di sangue teucro
con lunga guerra devasterà le mura troiane, 345
assediando come terzo erede dello spergiuro Pelope.
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Le sue egregie virtù e le famose imprese
sempre le dichiareranno le madri nelle esequie dei figli,
quando scioglieranno dal bianco capo la chioma scomposta, 350
e strazieranno con mani malferme i flaccidi petti .
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Come il mietitore cogliendo le fitte spighe
sotto il sole ardente miete i campi biondeggianti,
abbatterà i corpi dei Troiani col ferro nemico. 355
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Sarà testimone ai grandi eroismi l'onda dello Scamandro,
che disordinatamente si getta nel rapido Ellesponto,
ostruendo il cui corso coi cumuli uccisi di corpi
intiepidirà i profondi fiumi intrisi di strage. 360
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Infine sarà testimone la preda restituira per la morte,
Quando il rotondo rogo costruito su alto terrapieno
accoglierà le nivee membra della vergine colpita.
Correte, tracciando la trama, correte, fusi. 365
Appena la sorte avrà concesso agli stanchi Achei la possibilità
di sciogliere le catene nettunie della città di Dardano,
gli alti sepolcri s'inzupperanno dell'uccisione di Polissena;
che, soccombendo come vittima al doppio ferro,
abbandonerà il corpo tronco sul ginocchio piegato. 370
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Perciò, orsù, unite i sognati amori del cuore.
Il coniuge accolga la dea con patto fortunato,
la sposa ormai sia concessa al bramoso marito.
Correte, tracciando la trama, correte, fusi. 375
Sorgendo il sole la nutrice rivisitandola
non potrà circondarle il collo col filo di ieri,
né la madre ansiosa mesta per il letto solitario 
della fanciulla incerta lascera di sperare i cari nipoti. 380
Correte, tracciando la trama, correte, fusi.
Così una volta le Parche predicendo i fortunati canti 
di Peleo cantarono dal petto divino.
Gli dei prima presenti solevano visitare le caste case 
degli eroi e mostrarsi nella società mortale,
non essendo ancora disprezzata la fede.
Spesso il padre degli dei nel tempio splendente ritornando,
essendo giunti i riti annuale nei giorni festosi,
vide cadere a terra cento tori.
Spesso l'errante Libero portò le Tiadi dalla sommità 390
della cima del Parnaso, ululanti con la chiome scomposte,
quando Delfi irrompendo da tutta la città accoglieva
lieta il dio con altari fumanti. 
Spesso Marte nella mortifera gara di guerra 
o la signora del veloce Tritone o la vergine di Ramnunte, 395
presente, esortò le schiere armate degli uomini.
Ma dopo che la terra furirmpita di aziome sacrilega
e tutti allontanarono dalla mente bramosa la giustizia,
le mani cosparsero i fratelli di sangue fraterno,
il figlio cessò di piangere i genitori morti, 400
il padre desiderò i funerali del figlio primogenito,
per impadronirsida libero del fiore d'una matrigna giovane,
la madre empia offrendosi al figlio ignaro,
empia non temette di disonorare gli dei penati.
Tutto il bene ed il male confusi da malvagia follia 405
ci distolsero la mente degli dei, che rende giusti.
Perciò né si degnano di visitare tali società,
né sopportano di esser toccati dalla chiara luce.