LXVIII. Quod mihi

 

 

Quod mihi fortuna casuque oppressus acerbo

    conscriptum hoc lacrimis mittis epistolium,

naufragum ut eiectum spumantibus aequoris undis

    sublevem et a mortis limine restituam,

quem neque sancta Venus molli requiescere somno   5

    desertum in lecto caelibe perpetitur,

nec veterum dulci scriptorum carmine Musae

    oblectant, cum mens anxia pervigilat:

id gratum est mihi, me quoniam tibi dicis amicum,

    muneraque et Musarum hinc petis et Veneris.     10

sed tibi ne mea sint ignota incommoda, Mani,

    neu me odisse putes hospitis officium,

accipe, quis merser fortunae fluctibus ipse,

    ne amplius a misero dona beata petas.

tempore quo primum vestis mihi tradita pura est,   15

    iucundum cum aetas florida ver ageret,

multa satis lusi: non est dea nescia nostri,

    quae dulcem curis miscet amaritiem.

sed totum hoc studium luctu fraterna mihi mors

    abstulit. o misero frater adempte mihi,                 20

tu mea tu moriens fregisti commoda, frater,

    tecum una tota est nostra sepulta domus,

omnia tecum una perierunt gaudia nostra,

    quae tuus in vita dulcis alebat amor.

cuius ego interitu tota de mente fugavi                   25

    haec studia atque omnes delicias animi.

quare, quod scribis Veronae turpe Catullo

    esse, quod hic quisquis de meliore nota

frigida deserto tepefactet membra cubili,

    id, Mani, non est turpe, magis miserum est.       30

ignosces igitur si, quae mihi luctus ademit,

    haec tibi non tribuo munera, cum nequeo.

nam, quod scriptorum non magna est copia apud me,

    hoc fit, quod Romae vivimus: illa domus,

illa mihi sedes, illic mea carpitur aetas;               35

    huc una ex multis capsula me sequitur.

quod cum ita sit, nolim statuas nos mente maligna

    id facere aut animo non satis ingenuo,

quod tibi non utriusque petenti copia posta est:

    ultro ego deferrem, copia siqua foret.                 40

Non possum reticere, deae, qua me Allius in re

    iuverit aut quantis iuverit officiis,

ne fugiens saeclis obliviscentibus aetas

    illius hoc caeca nocte tegat studium: 

sed dicam vobis, vos porro dicite multis        45

    milibus et facite haec carta loquatur anus.

*    *    *    *    *    *    *    *    

    notescatque magis mortuus atque magis,

nec tenuem texens sublimis aranea telam

    in deserto Alli nomine opus faciat.                     50

nam, mihi quam dederit duplex Amathusia curam,

    scitis, et in quo me torruerit genere,

cum tantum arderem quantum Trinacria rupes

    lymphaque in Oetaeis Malia Thermopylis,

maesta neque assiduo tabescere lumina fletu        55

    cessarent. tristique imbre madere genae.

qualis in aerii perlucens vertice montis

    rivus muscoso prosilit e lapide,

qui cum de prona praeceps est valle volutus,

    per medium densi transit iter populi,                 60

dulce viatori lasso in sudore levamen,

    cum gravis exustos aestus hiulcat agros:

hic, velut in nigro iactatis turbine nautis

    lenius aspirans aura secunda venit

iam prece Pollucis, iam Castoris implorata,          65

    tale fuit nobis Allius auxilium.

is clausum lato patefecit limite campum,

    isque domum nobis isque dedit dominae,

ad quam communes exerceremus amores.

    quo mea se molli candida diva pede                70

intulit et trito fulgentem in limine plantam

    innixa arguta constituit solea,

coniugis ut quondam flagrans advenit amore

    Protesilaeam Laodamia domum

inceptam frustra, nondum cum sanguine sacro    75

    hostia caelestis pacificasset eros.

nil mihi tam valde placeat, Ramnusia virgo,

    quod temere invitis suscipiatur eris.

quam ieiuna pium desideret ara cruorem,

    docta est amisso Laodamia viro,                       80

coniugis ante coacta novi dimittere collum,

    quam veniens una atque altera rursus hiems

noctibus in longis avidum saturasset amorem,

    posset ut abrupto vivere coniugio,

quod scibant Parcae non longo tempore abesse,    85

    si miles muros isset ad Iliacos.

nam tum Helenae raptu primores Argivorum

    coeperat ad sese Troia ciere viros,

Troia (nefas!) commune sepulcrum Asiae Europaeque,

    Troia virum et virtutum omnium acerba cinis,   90

quaene etiam nostro letum miserabile fratri

    attulit. ei misero frater adempte mihi

ei misero fratri iucundum lumen ademptum,

    tecum una tota est nostra sepulta domus,

omnia tecum una perierunt gaudia nostra,          95

    quae tuus in vita dulcis alebat amor.

quem nunc tam longe non inter nota sepulcra

    nec prope cognatos compositum cineres,

sed Troia obscena, Troia infelice sepultum

    detinet extremo terra aliena solo.                   100

ad quam tum properans fertur    undique pubes

    Graecae penetralis deseruisse focos,

ne Paris abducta gavisus libera moecha

    otia pacato degeret in thalamo.

quo tibi tum casu, pulcerrima Laodamia,          105

    ereptum est vita dulcius atque anima

coniugium: tanto te absorbens vertice amoris

    aestus in abruptum detulerat barathrum,

quale ferunt Grai Pheneum prope Cylleneum

    siccare emulsa pingue palude solum,          110

quod quondam caesis montis fodisse medullis

    audit falsiparens Amphitryoniades,

tempore quo certa Stymphalia monstra sagitta

    perculit imperio deterioris eri,

pluribus ut caeli tereretur ianua divis,           115

    Hebe nec longa virginitate foret.

sed tuus altus amor barathro fuit altior illo,

    qui tamen indomitam ferre iugum docuit.

nam nec tam carum confecto aetate parenti

    una caput seri nata nepotis alit,              120

qui cum divitiis vix tandem inventus avitis

    nomen testatas intulit in tabulas,

impia derisi gentilis gaudia tollens,

    suscitat a cano volturium capiti:

nec tantum niveo gavisa est ulla columbo     125

    compar, quae multo dicitur improbius

oscula mordenti semper decerpere rostro,

    quam quae praecipue multivola est mulier.

sed tu horum magnos vicisti sola furores,

    ut semel es flavo conciliata viro.                   130

aut nihil aut paulum cui tum concedere digna

    lux mea se nostrum contulit in gremium,

quam circumcursans hinc illinc saepe Cupido

    fulgebat crocina candidus in tunica.

quae tamen etsi uno non est contenta Catullo,     135

    rara verecundae furta feremus erae

ne nimium simus stultorum more molesti.

    saepe etiam Iuno, maxima caelicolum,

coniugis in culpa flagrantem concoquit iram,

    noscens omnivoli plurima furta Iovis.            140

atqui nec divis homines componier aequum est,

*    *    *    *    *    *    *    *    

*    *    *    *    *    *    *    *    

    ingratum tremuli tolle parentis onus.

nec tamen illa mihi dextra deducta paterna  

    fragrantem Assyrio venit odore domum,

sed furtiva dedit mira munuscula nocte,           145

    ipsius ex ipso dempta viri gremio.        

quare illud satis est, si nobis is datur unus

    quem lapide illa diem candidiore notat.

hoc tibi, quod potui, confectum carmine munus

    pro multis, Alli, redditur officiis,                 150

ne vestrum scabra tangat rubigine nomen

    haec atque illa dies atque alia atque alia.

huc addent divi quam plurima, quae Themis olim

    antiquis solita est munera ferre piis.

sitis felices et tu simul et tua vita,                 155

    et domus    in qua lusimus et domina,

et qui principio nobis terram dedit aufert,

    a quo sunt primo omnia nata bona,

et longe ante omnes mihi quae me carior ipso est,

    lux mea, qua viva vivere dulce mihi est.    160

LXVIII. Il fatto che mi


Quello che mi mandi, colpito dalla sorte e da acerbo frangente,
    questa lettera composta di lacrime,
perché ti risollevi, naufrago rigettato dalle spumanti
    onde del mare e ti restituisca dalla soglia della morte,
mentre neppure la sacra Venere ti permette riposare              5
    di morbido sonno, abbandonato su vedovo letto,
né le Muse ti allietano del dolce canto degli antichi
   poeti, mentre il cuore ansioso vigila:
ciò mi è gradito, perché mi chiami amico di te,
    e di qui chiedi i doni delle Muse e di Venere.                   10
Ma perché non ti siano ignoti i miei affanni, Manio,
   e non creda che io rifiuti il dovere di ospite,
ricevi, chi, proprio io, sia sommerso dai flutti della sorte,
  che tu non chieda più da uno sfortunato doni felici.   
Prima, nel tempo in cui mi fu consegnata la pura veste,       15
  quando la fiorente età portava una piacevole primavera,
giocai molto, a sufficienza: non è ignara di noi la dea,
   che mesce dolce amarezza agli affanni.
Ma la morte del fratello mi sottrasse con tale lutto
   tutta la passione. Oh,fratello, sottratto a me infelice,     20
tu morendo, tu spezzasti i miei sogni, fratello,
    con te, insieme, fu sepolta tutta la nostra casa,
con te, insieme,  perirono tutte le nostre gioie,
    che il tuo dolce amore alimentava in vita.
Ma con la tua morte cacciai da tutto il cuore               25
     queste passioni e tutti i piaceri dell'animo.
Perciò, quel che scrivi "E' brutto che Catullo sia
     a Verona", perché qui chiunque di stampo migliore
scalderebbe le fredde menbra nel letto deserto,
    questo, Manio, non è brutto, piuttosto è sfortuna.          30
Perdona dunque se, quei doni, che mi tolse il lutto,
   non te li rendo, poiché non posso.
Il fatto che non ci sia da me grande possibilità di libri,
   accade per questo, che viviamo a Roma:  quella casa,
quella dimora per me, là mi vien colta la mia età;             35
   qui tra le molte mi segue una cassetta.
Stando così le cose, non vorrei tu pensassi che io faccio
   questo per istinto malvagio o per un cuore non troppo buono,
perché non fu data nessuna possibilità  a te che chiedevi:
   io avre aggiunto di più, se ci fosse stata una possibilità.   40
Non posso tacere, dee, in quale cosa Allio
    m'abbia aiutato o in quanti inpegni m'abbia aiutato,
perché il tempo che fugge, mentre le ere dimenticano,
   non copra di cieca notte questo suo impegno:
ma lo dirò a voi, voi poi ditelo a molte                               45
   migliaia e fate che questa carta parli (ancora) da vecchia.
 * * * * * *  *  **
   ed anche se morto sia sempre più noto,
né il ragno tessendo in alto la tela leggera
   compia l'opera sul nome deserto di Allio.                       50
Quale affanno m'abbia recato la duplice Amatusia,
    lo sapete, ed in quale genere m'abbia inaridito,
mentre io bruciavo tanto quanto la rupe trinacria
   e l'acqua Malia nelle Termopili etee,
né i mesti occhi cessavano dal continuo                          55
    pianto. Le guance s'inzupparono di triste pioggia.
Come un ruscello scintillante sulla cima di aereo
   monte balza dalla muscosa pietra,
che gettatosi a precipizio lungo una valle declinante,
   passa in mezzo al percorso di un denso popolo,             60
dolce sollievo per il viandante stanco nel sudore,
    quando la pesante calura spacca i campi bruciati:
allora, come in una nera bufera tra marinai sbattuti
   giunge spirando più dolcemente l'aria propizia,
implorata sia dalla preghiera di Polluce che di Castore,     65
   tale aiuto fu per noi Allio.
Egli ci aperse per largo tratto la piana chiusa,
   egli diede la casa a noi ed alla padrona (mia),
presso cui vivessimo i reciproci amori.
    Là si recò la mia candida dea col morbido                    70
piede e sulla battuta soglia, appoggiandosi,
   la vivace suola poggò la splendente pianta,
come un tempo bruciando per amore del coniuge
Laodamia giunse alla casa protesilea
invano iniziata, non avendo ancora la vittima            75
    pacificato col sacro sangue i celesti padroni.
Che non mi piaccia nulla così tanto, vergine ramnusia,
   da intraprenderlo sconsideratamente, contrari i padroni.
Quanto l'altare digiuno desidera il pio sangue,
    fu istruita Laodamia, perduto il marito,                 80
costretta prima a lasciare il collo del nuovo coniuge,
    e quanto, giungendo un primo e secondo inverno ancora,
nelle lunghe notti  avrebbe saziato l'avido amore,
    da poter vivere, troncate le nozze,
e lo sapevan le Parche che entro non molto tempo starebbe lontano, 85
   se fpsse partito guerriero contro le mura iliache.
Allora col rapimento di Elena Troia aveva iniziato
   a chiamar a sé i primi eroi degli Argivi,
Troia (orribile!) comune sepolcro d'asia ed Europa,
  Troia crudele cenere ditutti, eroismi ed eroi,               90
forse portò puer miserevole morte a nostro
    fratello. Ahi, fratello strappato a me misero,
Ahi, piacevole luce strappata al misero fratello,
   con te, insieme, fu sepolta tutta la nostra casa,
con te, insieme, perirono tutte le nostre gioie,               95
   che il tuo dolce amore alimentava in vita.
Ora tanto lontano tra sepolcri non noti
   né raccolto vicino ceneri famigliari,
ma Troia nemica, Troia ti trattiene miseramente
    sepolto, terra straniera in suono lontano.               100
Ad essa allora si dice che da ogni parte la gioventù
   della Grecia abbandonò i focolari famigliari,
perché Paride, sequestrata la puttana, godendoli
   trascorresse liberi riposi su letto tranquillo.
Allora per quel destino, bellissima Laodamia,         105
    ti furon tolte le nozze più dolci della vita
e dell'esistenza: assorbendoti da tale vertice d'amore
    la fiamma ti aveva spinto in un baratro scosceso,
quale, dicono i Grai, presso Peneo di Cillene
     il grasso suolo secca, prosciugatasi la palude,         110
che un tempo, si sente dire,  scavò, tagliate
    le viscere del monte, l'anfitrioniade dal falso padre,
al tempo in cui trafisse con freccia sicura i mostri
   di Stinfalo per ordine di un padrone inferiore,
perché la porta del cielo si aprisse a più dei,                115
   ed Ebe non fosse di lunga virginità.
Ma il tuo amore profondo fu più profondo di quel baratro,
   che tuttavia t'insegnò, indomita, a portare il giogo.
Né l'unica figlia cresce il caro capo di un tardo nipote
    per il padre abbattuto dall'età,                                 120
ed egli finalmente ritrovato a stento con le ricchezze famigliari
    mise il nome nelle tavole testamentarie,
togliendo le empie gioie del parente deriso,
   scaccia dal bianco capo l'avvoltoio:
Nessuna compagna  godette tanto del bianco colombo,
   si dice che ella molto più malignamente
sempre strappa col becco mordente i baci,
   quanto la donna che è specialmente vogliosa.
Ma tu sola vincesti grandi furori di questi,
    appena ti sei riconciliata col biondo marito.     130
Degna allora di unirsi a le o poco o per nulla
    la mia luce si getto nel mio grembo,
e Cupido correndole attorno or qua or là
   brillava candido nelle tunica di croco.
Ella tuttavia anche se non è contenta del solo Catullo, 135
   sopporteremo i rari furti della vereconda padrona
per non esser troppo molesti, alla moda degli stolti.
    Spesso anche Giunone, la maggiore dei celesti,
digerì l'ira bruciante nella colpa del coniuge,
    conoscendo i tantissimi furti dell'onnivolente Giove. 140
Ma non è giusto confrontare gli uomini agli dei,
* * * * * * * *
* * ** * * * *
   sopporta l'ingrato peso d'un genitore tremante.
Né tuttavia ella condotta dalla destra del padre
    mi vene in una casa fragrante di profumo assiro,
ma diede furtivi regalucci in una notte stupenda,       145
   toltasi dallo stesso grembo del marito stesso.
Perciò quello è sufficiente, se è dato a noi quell'unico
   giorno, che ella segna con un sassolino più candido.
Questo regalo, che potei, racchiuso in poesia,
   Allio, viene reso per i molti favori,                        150
perché con la rozza ruggine non tocchi il vostro nome
   questo giorno e quello e un altro ancora ed un altro.
Qui aggiungeranno gli dei tantissimi doni, che Temi
   un tempo era solita portare agli antichi pii.
Siate felici, tu insieme e la tua vita,                           155
   e la casa in cui giocammo e la padrona,
e chi ci toglie la terra che all'inizio diede,
     dal cui autore tutti i beni sono nati,
e più di tutti quella che è per me più cara di me stesso,
  la luce mia, lei viva, il vivere mi è dolce.               160