Forum di Skuola.it Ottobre 17, 2017, 03:23:00 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
 
  Indice Aiuto Ricerca Accedi Registrati  
  Visualizza messaggi
Pagine: [1] 2 3 ... 72
1  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: un raccomandato inserita:: Dicembre 22, 2011, 08:05:30 pm
in francese  Sorriso

Volo enim te existimare me, quum universo ordini publicanorum semper libentissime tribuerim plurimum idque magnis eiud ordinis erga me meritis facere debuerim, tum in primis amicum esse huic Bithynicae societati, quae societas [ordine,] ipso hominum genere pars est maxima civitatis constat enim ex ceteris societatibus, et casu permulti sunt in ea societate valde mihi familiares, in primisque is, cuius praecipuum officium agitur hoc tempore, P. Rupilius P. f. Men., qui est magister in ea societate. Quae quum ita sint, in maiorem modum a te peto, Cn. Pupium, qui est in operis eius societatis, omnibus tuis officiis atque omni liberalitate tueare curesque, ut eius operae, quod tibi facile factu est, quam gratissimae sint sociis, remque et utilitatem sociorum cuius rei quantam potestatem quaestor habeat, non sum ignarus per te quam maxime defensam et auctam velis.

Vous savez que j'ai toujours été porté de cœur pour l'ordre des publicains; que je dois d'ailleurs de la gratitude aux services sans nombre que l'ordre équestre m'a rendus; que j'ai me tout particulièrement la compagnie bithynienne, et qu'enfin cette compagnie, qui appartient à un ordre puissant et qui secompose d'hommes distingués, joue un grand rôle dans l'État. Elle est formée en effet de membres pris dans les diverses sociétés, et le hasard fait qu'ils sont presque tous mes amis, notamment l'homme qui en ce moment a le plus fort intérêt dans l'entreprise et y joue le rôle principal, P. Rupilius, fils de Publius, de la tribu Ménénia. Les choses étant ainsi, je vous recommande de la manière la plus instante Cn. Pupius, l'un des agents de la compagnie. Veuillez le seconder, le servir, et faire, en tant qu'il dépendra de vous, tout ce qu'il faut pour que ses opérations, vous le pouvez sans peine, répondent aux vues de ses mandataires. Je sais quelle est l'influence d'un questeur ; vous pouvez défendre bien utilement et même faire prospérer les intérêts de la compagnie ; et c'est ce que je vous supplie de faire.
2  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: versione di latino inserita:: Ottobre 15, 2011, 01:26:28 pm
Quando si richiedono delle versioni occorre indicare inizio e fine del testo latino così come indicato nelle istruzioni di questo forum.
La versione potrebbe essere questa

Deposita provinciae spe pontificatum maximum petit non sine profusissima largitione; in qua reputans magnitudinem aeris alieni, cum mane ad comitia descenderet, praedixisse matri osculanti fertur domum se nisi pontificem non reversurum. Atque ita potentissimos duos competitores multumque et aetate et dignitate antecedentes superauit, ut plura ipse in eorum tribubus suffragia quam uterque in omnibus tulerit. Praetor creatus, detecta coniuratione Catilinae senatuque uniuerso in socios facinoris ultimam statuente poenam, solus municipatim diuidendos custodiendosque publicatis bonis censuit. quin et tantum metum iniecit asperiora suadentibus, identidem ostentans quanta eos in posterum a plebe Romana maneret inuidia, ut Decimum Silanum consulem designatum non piguerit sententiam suam, quia mutare turpe erat, interpretatione lenire, uelut grauius atque ipse sensisset exceptam. Obtinuisset adeo transductis iam ad se pluribus et in his Cicerone consulis fratre, nisi labantem ordinem confirmasset M. Catonis oratio.

Deposta la speranza di avere il comando di una provincia, si diede da fare per ottenere la dignità di pontefice massimo, naturalmente con grandi elargizioni di denaro. Così, pensando all'enormità dei suoi debiti, sembra che, avviandosi alle elezioni, abbia detto alla madre che lo abbracciava che non sarebbe tornato a casa se non sarebbe stato proposto pontefice. In tal modo batté due competitori assai potenti, che lo superavano sia per età, sia per dignità, anzi ottenne più suffragi nelle loro tribù che quei due in tutte le altre messe insieme. Era pretore quando venne scoperta la congiura di Catilina e mentre compatto il Senato decretava la pena di morte per i congiurati, lui solo sostenne che si doveva imprigionarli separatamente nelle città municipali e confiscare i loro averi. A furia di mostrare che il popolo romano avrebbe in seguito provato invidia per loro, gettò un tal panico tra i fautori della severità ad oltranza, che il console designato Decimo Silano non si vergognò di dare un'interpretazione più addolcita della sua sentenza, proprio perché sarebbe stato vergognoso cambiarla. Disse che era stata presa in un senso più rigoroso di quanto egli stesso intendesse. Cesare avrebbe ottenuto lo scopo perché erano già passati dalla sua parte moltissimi senatori, tra i quali anche Cicerone, il fratello del console, ma il discorso di M. Catone convinse finalmente il Senato indeciso.
3  Assistenza Scolastica / TEMI SVOLTI / Re: AIUTOOOO!!!! inserita:: Giugno 07, 2011, 07:14:40 pm
spiacenti ma temi su richiesta non ne facciamo, al massimo possiamo fornirnti del materiale
ti consiglio di dare un'occhiata nel nostro archivio di temi svolti:
http://www.skuola.it/materie/temi.html
4  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: Bisogna sempre mantenere moderazione! inserita:: Maggio 12, 2011, 07:03:04 pm
spiacenti ma questo brano non l'abbiamo
sicuramente non sarà un brano originale, ma un estratto riadattato
5  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: Il lupo e il capretto inserita:: Maggio 10, 2011, 07:17:12 pm
dovrebbe essere questa... anche se credo sia un po' tardi...

Testo
Forte haedus, dum ad ovile in pago situm pergit, in lupum famelicum et praedae avidiorem incidit. Headus, lupo velocior, facillime eum elusit. Nam quam celerrime ad vicum tetendit et inter lanigeros tutus constitit. Tum impiger raptor, peritior fraude quam cursu, vincere dolis temptavit quem velocitate vincere non potuerat. Itaque ad vicum appropinquavit, clamans: "In omnibus templis miserrima pecudum mors humum cruentat. Nisi in securo campo refugium inveneris, tu quoque celerius opinione ante templa cades". Haedus, lupi voracitem magis quam sortem timens, ei respondit: "Melius est deis sanguinem fundere quam rabidi lupi ventrem satiare".
Pariter cum casus tam tristes quam necessarios homines ante se vident, insigniorem necem eligere debent.


Traduzione
Per caso un capretto, mentre si dirige dall'ovile al villaggio, si imbatte in un lupo affamato e molto bramoso di preda. Il capretto, più veloce del lupo, lo elude molto facilmente. Infatti quanto più velocemente si dirige al villaggio e rimane al sicuro tra le pecore. Allora il solerte predone, più esperto nell'inganno che nella corsa, tentò di batterlo con l'inganno poichè non aveva potuto vincerlo nella corsa. E così si avvicinò al villaggio gridando: in tutti i templi insanguina a terra una misera morte di pecore. Se non troverai rifugio in un campo sicuro anche tu più velocemente di quanto si creda morirai davanti ai templi. Il capretto, temendo la voracità del lupo più che la sorte, gli rispose: "E' meglio sanguinare per gli dei che saziare il ventre di un feroce lupo".
Ugualmente quando gli uomini vedono davanti a se delle disgrazie tanto tristi quanto inevitabili, devono scegliere la morte più insigne.
6  Assistenza Scolastica / MATE-FISICA-SCIENZE / Re: Fisica.. correzione problema. inserita:: Maggio 05, 2011, 07:09:48 pm
mi sa che è un po' tardi x risponderti... cmq fai attenzione che l'accelerazione non è 5s, l'accelerazione si misura in metri al secondo
7  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: catilinarie inserita:: Maggio 05, 2011, 07:05:50 pm
questo è il brano originale, forse nella tua ci saranno dei tagli, controlla

Hunc vero si secuti erunt sui comites, si ex urbe exierint desperatorum hominum flagitiosi greges, o nos beatos, o rem publicam fortunatam, o praeclaram laudem consulatus mei! Non enim iam sunt mediocres hominum lubidines, non humanae ac tolerandae audaciae; nihil cogitant nisi caedem, nisi incendia, nisi rapinas. Patrimonia sua profuderunt, fortunas suas obligaverunt; res eos iam pridem deseruit, fides nuper deficere coepit; eadem tamen illa, quae erat in abundantia, lubido permanet. Quodsi in vino et alea comissationes solum et scorta quaererent, essent illi quidem desperandi, sed tamen essent ferendi; hoc vero quis ferre possit, inertes homines fortissimis viris insidiari, stultissimos prudentissimis, ebriosos sobriis, dormientis vigilantibus? qui mihi accubantes in conviviis conplexi mulieres inpudicas vino languidi, conferti cibo, sertis redimiti, unguentis obliti, debilitati stupris eructant sermonibus suis caedem bonorum atque urbis incendia.

Quibus ego confido impendere fatum aliquod, et poenam iam diu improbitati, nequitiae, sceleri, libidini debitam aut instare iam plane aut certe adpropinquare. Quos si meus consulatus, quoniam sanare non potest, sustulerit, non breve nescio quod tempus, sed multa saecula propagarit rei publicae. Nulla est enim natio, quam pertimescamus, nullus rex, qui bellum populo Romano facere possit. Omnia sunt externa unius virtute terra marique pacata; domesticum bellum manet, intus insidiae sunt, intus inclusum periculum est, intus est hostis. Cum luxuria nobis, cum amentia, cum scelere certandum est. Huic ego me bello ducem profiteor, Quirites; suscipio inimicitias hominum perditorum; quae sanari poterunt, quacumque ratione sanabo, quae resecanda erunt, non patiar ad perniciem civitatis manere. Proinde aut exeant aut quiescant aut, si et in urbe et in eadem mente permanent, ea, quae merentur, expectent.



TRADUZIONE
Se i suoi complici lo avessero seguito, se le infami schiere di questi disperati avessero lasciato Roma, che gioia per noi, che fortuna per lo Stato e che magnifica gloria per il mio consolato! Le loro passioni, infatti, superano ormai la misura. La loro sfrontatezza non è umana, non è sopportabile. Stragi, incendi, rapine sono il loro unico pensiero. Hanno sperperato patrimoni, hanno ipotecato beni; da tempo hanno perso le sostanze, ora iniziano a perdere il credito; ma rimane in loro quella smania di godere che avevano nell'abbondanza. Se nel vino e nel gioco non cercassero che baldorie e prostitute, sarebbero dei casi disperati, eppure sopportabili. Ma chi potrebbe sopportare che degli inetti complottino contro gli uomini più validi, i più stupidi contro i più savi, gli ubriachi contro i sobri, gli storditi contro gli svegli? Individui che bivaccano nei conviti, che stanno allacciati a donne svergognate, che illanguidiscono nel vino, pieni di cibo, incoronati di serti, cosparsi di unguenti, debilitati dalla copula, vomitano a parole che bisogna far strage dei cittadini onesti e incendiare la città.

Sono sicuro che sul loro capo incombe un funesto destino e che sia imminente o per lo meno si stia avvicinando quel castigo che da tempo hanno meritato per la loro disonestà, dissolutezza, delinquenza e depravazione. Se il mio consolato, dal momento che non può farli ravvedere, li eliminerà, prolungherà la vita dello Stato non di qualche giorno, ma di molti secoli. Non c'è infatti nazione che temiamo, non c'è re che sia in grado di muovere guerra al popolo romano; all'estero tutto è in pace, per terra e per mare, grazie al valore di un solo uomo. Rimane la guerra civile: è all'interno che stanno i complotti, è all'interno, nel profondo, che sta il pericolo; è all'interno che sta il nemico. Bisogna combattere contro il vizio, contro la follia, contro il delitto. È questa guerra, Quiriti, che mi impegno a condurre, esponendomi all'odio di uomini perduti; risanerò in qualunque modo quel che potrà essere risanato; non permetterò che rimanga a danno della comunità quel che va reciso di netto. Perciò, se ne vadano oppure se ne stiano tranquilli, o, se rimangono in città e non mutano proposito, si aspettino quel che si meritano!
8  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: elogio dell'eloquenza inserita:: Maggio 05, 2011, 07:03:52 pm
questo è il brano originale, però forse la tua è un estratto

"Neque vero mihi quicquam" inquit "praestabilius videtur, quam posse dicendo tenere hominum [coetus] mentis, adlicere voluntates, impellere quo velit, unde autem velit deducere: haec una res in omni libero populo maximeque in pacatis tranquillisque civitatibus praecipue semper floruit semperque dominata est. [31] Quid enim est aut tam admirabile, quam ex infinita multitudine hominum exsistere unum, qui id, quod omnibus natura sit datum, vel solus vel cum perpaucis facere possit? Aut tam iucundum cognitu atque auditu, quam sapientibus sententiis gravibusque verbis ornata oratio et polita? aut tam potens tamque magnificum, quam populi motus, iudicum religiones, senatus gravitatem unius oratione converti? [32] Quid tam porro regium, tam liberale, tam munificum, quam opem ferre supplicibus, excitare adflictos, dare salutem, liberare periculis, retinere homines in civitate? Quid autem tam necessarium, quam tenere semper arma, quibus vel tectus ipse esse possis vel provocare integer vel te ulcisci lacessitus?
Age vero, ne semper forum subsellia rostra curiamque meditere, quid esse potest in otio aut iucundius aut magis proprium humanitatis quam sermo facetus ac nulla in re rudis? Hoc enim uno praestamus vel maxime feris, quod colloquimur inter nos et quod exprimere dicendo sensa possumus. 33. Quam ob rem quis hoc non iure miretur summeque in eo elaborandum esse arbitretur, ut, quo uno homines maxime bestiis praestent, in hoc hominibus ipsis antecellat? Ut vero iam ad illa summa veniamus, quae vis alia potuit aut dispersos homines unum in locum congregare aut a fera agrestique vita ad hunc humanum cultum civilemque deducere aut iam constitutis civitatibus leges iudicia iura discribere? 34. Ac ne plura, quae sunt paene innumerabilia, consecter, comprendam brevi: sic enim statuo, perfecti oratoris moderatione et sapientia non solum ipsius dignitatem sed et privatorum plurimorum et universae rei publicae salutem maxime contineri.


TRADUZIONE
Disse "Nulla, a mio parere, è più insigne della capacità di avvincere con la parola l'attenzione degli uomini, guadagnarne il consenso, spingerli a piacimento dovunque e da dovunque a piacimento distoglierli: questa sola capacità, ha sempre avuto importanza ed ? sempre prevalsa presso i popoli liberi e principalmente nelle comunità governate dalla pace e dall'ordine. Che cosa c'è, infatti, che desti altrettanta ammirazione del sorgere, in mezzo a una infinita moltitudine di uomini, di un individuo in grado di fare, lui solo o con pochissimi altri, ciò che per natura a tutti è concesso? Ovvero, tanto gradevole allo spirito e all'orecchio, quanto un discorso elegante e adorno di saggi pensieri e nobili parole? O, ancora, tanto possente e tanto splendido quanto il fatto che il discorso di un solo uomo riesca a modificare le passioni del popolo, gli scrupoli dei giudici, l'inflessibilità del senato? Che c'è inoltre di altrettanto regale, nobile, generoso del prestare soccorso ai supplici, del risollevare gli afflitti, del salvare delle vite, dell'affrancare dai pericoli, del sottrarre all'esilio i concittadini? E che c'è di altrettanto indispensabile del disporre costantemente di armi con cui poter proteggersi, o sfidare i malvagi, o vendicarsi se provocati? Ma non pensiamo sempre al foro, ai tribunali, ai rostri o alla curia: che cosa ci pu? essere di più piacevole nel tempo libero o di più peculiare di una persona colta di un conversare garbato ed elegante sotto tutti gli aspetti? Perchè proprio per questa ragione noi siamo incomparabilmente superiori alle bestie: in quanto discorriamo tra di noi e possiamo esprimere a parole i nostri pensieri. E allora, chi negherà la: giusta ammirazione a questa capacità, chi dubiterà di dover riservare a essa il massimo sforzo, onde eccellere fra gli uomini stessi proprio in quella facoltà in virtù della quale principalmente l'umanità sopravvanza le bestie? E vengo al punto più importante: quale altra forza avrebbe potuto raccogliere in un solo luogo gli uomini sparsi qua e l?, o condurli da una esistenza selvatica e agreste a questo vivere umano e civile o istituire leggi, tribunali, diritti, una volta formatesi le comunità civili? Ma per non cercare altri argomenti, che sono pressochè innumerevoli sintetizzerà in breve: affermo che nella saggia guida di un oratore compiuto sta il fondamento non solo del suo prestigio personale, ma anche della salvezza di moltissimi cittadini e dell'intero stato.
9  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: i terreni e le acque inserita:: Maggio 05, 2011, 06:36:53 pm
mi dispiace ma questa versione non l'abbiamo
10  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: La natura e l'uomo inserita:: Febbraio 23, 2011, 09:58:59 am
con questo titolo abbiamo questa:

Molte sono le grazie della natura. Opere della natura sono infatti l'altezza dei monti, la bellezza delle valli, l'estensione dei mari, la tranquillità dei boschi, il mormorio delle sorgenti, il corso dei fiumi, il canti degli ucceli, il profumo dei fiori, la varietà degli animali, il cambiamento dei climi, il calore dell'estate, il tepore della primavera, il freddo dell'inverno.
Ma numerosi sono anche i meriti degli uomini. Sono infatti opere degli uomini l'ordinamento della società, l'isituzione di leggi e di tribunali, la costruzione di città, di ponti, di torri, di templi. La storia degli uomini annovera nomi di consoli, di condottieri, di re, di fondatori di città, di legislatori, di mercanti, di navigatori, i quali hanno lasciato un buon ricordo di sè.
11  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: un ignobile cacciatore di testamenti URGENTISSIMO inserita:: Febbraio 23, 2011, 09:55:18 am
questa e l'altra versione che hai richiesto sono difficili da reperire, di gellio e ovidio abbiamo poco già tradotto
12  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: Morte di Romolo URGENTEEEEEEEE inserita:: Febbraio 21, 2011, 07:03:10 pm
ho corretto inizio e fine che erano discrepanti con il testo postato da Plaston, se trovate altre frasi diverse o non presenti nella traduzione segnalatelo e se potrò vi aiuterò
13  Assistenza Scolastica / LETTERATURA / Re: Tema Attualità (Da scegliere 1 dei 2 articoli) inserita:: Febbraio 12, 2011, 03:03:18 pm
mi dispiace ma questo genere di servizi non li forniamo
possiamo fornire del materiale quando ce n'è bisogno, ma svolgere interamente un tema va al di fuori delle nostre mansioni
14  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: Il lupo e il cane inserita:: Febbraio 09, 2011, 05:44:25 pm
Latino
Olim lupus, macie confectus, cani perpasto occurrit atque his verbis eum compellavit: "Nos similes sumus aspectu, ego etiam robustor et validior te; at tu nites, ego contra esurio. Cur fortuna tibi provida, mihi malevola fuit?". Canis condicionis suae causam demostravit: "Specta", inquit, "illas aedes sub radicibus montis: illic vivo, dominorum bona custodiens. Pater familias ipse eiusque uxor et liberi panem, ossa, carnis frusta mihi praebent: ita sine labore cotidie ventrem repleo. Profecto tibi quoque eadem dabunt, si idem officium praestabis". Placuerunt haec verba, continuoque ad villam contenderunt. Dum autem simul procedunt, lupus canis collum detritum aspexit, eiusque rei causam quaesivit. "Nonnumquam", respondit canis, "dominus interdiu catena me vincit,sic melius nocte vigilo". Cum haec audivit,lupus statim comitem deseruit et ad silvam properavit:adeo libertatem,rerum omnium dulcissimam, optabiliorem quam vitae commoda existimabat.

Traduzione
Una volta un lupo, sfinito dalla fame, si imbattè in un cane pasciuto e si rivolse a quello con queste parole: Noi siamo simili di aspetto, io tuttavia sono più robusto e forte di te, ma tu sei di bell'aspetto, io al contrario muorio di fame. Perchè a te fu sorte provida e a me malevola? Il cane dimostrò la ragione della sua condizione: guarda, disse, quelle case sotto i piedi del monte, vivo lì, custodendo i beni dei padroni. Il padre stesso e sua moglie e i figli mi offrono pane, ossa, carne: così senza fatica ogni giorno riempio il ventre. Sicuramente daranno anche a te le stesse cose se presterai lo stesso compito. Piacquero queste parole, e insieme si diressero alla villa. Mentre tuttavia procedono insieme, il lupo vede il collo del cane logorato, e gli chiese la causa della cosa. Talvolta, rispose il cane, il padrone a lungo mi tiene legato, così vigilo meglio di notte. Quando sentì questa cosa, il lupo subito abbandonò il compagno e si diresse al bosco: così considerava la libertà, la più dolce di tutte le cose, più desiderabile dei comodi della vita.
15  Assistenza Scolastica / LATINO / Re: VERSIONE LATINO: L'EGITTO inserita:: Febbraio 02, 2011, 08:17:32 pm
TRADUZIONE
L'Egitto è una terra arida dell'Africa, ma prospera. Infatti in Egitto scorre il Nilo e sulle rive del Nilo  fioriscono la vita e le attività e sempre fioriranno; lontano dal Nilo ci sono luoghi deserti poichè la terra è arida per mancanza d'acqua. Perciò il popolo dell'Egitto adorava il Nilo. Quando le acque del Nilo ridondano, lasciano sui campi limo fertile: lì crescerà il frumento, non mancherà mai e il raccolto sarà sempre abbondante. I contadini non arano la terra, ma seminano il frumento nel limo umido e poi lo mietono. I faraoni avevano il potere dell'Egitto; un immenso numero di servi e prigionieri costruiva alti obelischi, splendidi templi e piramidi.
Pagine: [1] 2 3 ... 72
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.7 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!

Skuola.it © 2015 - Tutti i diritti riservati - P. IVA: 04592250650 - Cookie&Privacy policy - CONTATTACI