Supportaci

Skuola Mobile
Forum di Greco
Forum di Latino
Temi Svolti
I vostri contributi
Forum di Letteratura
Matematica/Scienze
Altre Materie

Breviarium ab Urbe condita II, 25 (Eutropio)


LATINOITALIANO
[25] […] Post haec mala Carthaginienses Regulum ducem, quem ceperant, petiverunt, ut Romam proficisceretur et pacem a Romanis obtineret ac permutationem captivorum faceret. Ille Romam cum venisset, inductus in senatum nihil quasi Romanus egit, dixitque se ex illa die, qua in potestatem Afrorum venisset, Romanum esse desisse. Itaque et uxorem a complexu removit et senatui suasit, ne pax cum Poenis fieret; illos enim fractos tot casibus spem nullam habere; se tanti non esse, ut tot milia captivorum propter unum se et senem et paucos, qui ex Romanis capti fuerant, redderentur. Itaque obtinuit. Nam Afros pacem petentes nullus admisit. Ipse Carthaginem rediit, offerentibusque Romanis, ut eum Romae tenerent, negavit se in ea urbe mansurum, in qua, postquam Afris servierat, dignitatem honesti civis habere non posset. Regressus igitur ad Africam omnibus suppliciis extinctus est.

[25] […] Dopo queste sconfitte i Cartaginesi chiesero al comandante Regolo, che essi avevano catturato, di tornare a Roma, di negoziare la pace con i Romani e di ottenere lo scambio dei prigionieri. Egli, dopo essere ritornato a Roma, una volta che fu introdotto in senato, non fece nulla per così dire da romano ma disse che a partire da quel giorno in cui era caduto nelle mani degli Africani, aveva smesso di essere tale. E dunque sia respinse l’abbraccio della moglie, sia convinse il senato a non accettare la pace con i Cartaginesi; chiarì infatti che essi, fiaccati da tanti insuccessi, non avevano più alcuna speranza; inoltre aggiunse che lui non era poi così importante perché i Romani restituissero, per salvare lui che era uno solo, e per di più vecchio, tante migliaia di prigionieri che essi avevano catturato. Il suo parere fu accolto e infatti nessuno accettò le proposte di pace degli Africani. Egli tornò a Cartagine e rispose ai Romani che gli offrivano di tenerlo a Roma che lui non sarebbe rimasto in quella città in cui, una volta che aveva servito gli Africani, non avrebbe più potuto avere la dignità di un cittadino onesto. Ritornò dunque in Africa e lì fu ucciso tra atroci torture.


Skuola.it © 2015 - Tutti i diritti riservati - P. IVA: 04592250650 - Cookie&Privacy policy - CONTATTACI