Ibico - Frammenti


286

In primavera i meli cidoni irrigati dalle correnti derivate dai fiumi, dove è il giardino inviolato delle Vergini e i germogli della vite che crescono sotto gli ombrosi tralci pampinei, sono in fiore, ma per me Eros non è assopito in nessuna stagione, ma come Borea ardendo per la folgore, avventandosi da parte di Cipride con brucianti follie tenebroso, impavido vigorosamente tiene sotto custodia senza posa il mio cuore.

287

Eros di nuovo, fissandomi languidamente con gli occhi di sotto le palpebre azzurre, mi getta con incantesimi d´ogni sorta nelle reti inestricabili di Cipride; davvero tremo al suo assalto, come un cavallo da corsa vincitore di premi vicino alla vecchiaia riluttante col rapido carro ecco che scende in battaglia.