Eliano - La maledizione di Serse


GRECO

ITALIANO

Serse, il figlio di Dario, (dopo aver) profanato la tomba dell´antico Belo, trovò un sarcofago di cristallo, in cui era disteso il cadavere (immerso) nell´olio. Stava accanto al sarcofago anche una piccola stele, su cui era scritto: "A colui che avrà aperto la tomba e non avrà riempito il sarcofago, non accadrà (di) meglio". Lette (queste parole), Serse ebbe paura, ed ordinò di versare dell´olio al più presto: ma (il sarcofago) non si riempiva. Egli allora ordinò nuovamente di versare (olio). Ma (il sarcofago) non si lasciava riempire, finché (Serse) smise di sprecare inutilmente l´(olio) versato. Ma la stele non smentì quanto aveva preannunciato: infatti (Serse), dopo aver radunato (un esercito di) settecentomila (uomini) contro i Greci, (ne) uscì in modo disastroso, poi, ritornato (in patria), morì nel modo più vergognoso per gli uomini, sgozzato di notte nel (suo) letto dal figlio.