Una patrizia punita per la sua arroganza Aulo Gellio

LATINOITALIANO

Appi illius Caeci filia a ludis, quos spectaverat, exiens turba undique confluentis fluctuantisque populi iactata est. Atque inde egressa, cum se male habitam diceret, \"Quid me nunc factum esset\" inquit \"quantoque artius pressiusque conflictata essem, si P. Claudius, frater meus, navali proelio classem navium cum ingenti civium numero non perdidisset? Certe quidem maiore nunc copia populi oppressa intercidissem. Sed utinam\" inquit \"reviviscat frater aliamque classem in Siciliam ducat atque istam multitudinem perditum eat, quae me nunc male miseram convexavit!\". Ob haec mulieris verba tam inproba ac tam incivilia C. Fundanius et Tiberius Sempronius, aediles plebei, multam dixerunt ei aeris gravis viginti quinque milia.

Aulo Gellio, Noctes Atticae 10. 6. 2-3

La figlia di quel famoso Appio Cieco, mentre usciva dai ludi a cui aveva assistito, fu sballottata da una marea di gente ondeggiante che si riversava da tutte le parti. E, uscita di lā, dicendo di essere stata maltrattata: \"Che cosa mi sarebbe capitato ora, disse, quanti spintoni e gomitate in pių mi sarei presa, se Publio Claudio, mio fratello, nella battaglia navale non avesse perduto la flotta di navi insieme ad un gran numero di cittadini? Di certo sarei morta schiacciata da una folla di gente (che) adesso (sarebbe stata) maggiore. Ma voglia il cielo che torni a vivere (mio) fratello e che conduca in Sicilia un'altra flotta e che mandi in malora codesta marmaglia che ora mi ha, povera me, tutta ammaccata!\". Per queste parole cosė astiose e cosė crudeli di (quella) donna Gaio Fundanio e Tiberio Sempronio, edili della plebe, le inflissero una multa di venticinquemila assi pesanti.