L´Eneide (Libro 3)


LATINOITALIANO

DE TROIA DIGRESSU (3.1-12)
Postquam res Asiae Priamique evertere gentem 3.1
immeritam visum superis, ceciditque superbum
Ilium et omnis humo fumat Neptunia Troia,
diversa exsilia et desertas quaerere terras
auguriis agimur divum, classemque sub ipsa
Antandro et Phrygiae molimur montibus Idae,
incerti quo fata ferant, ubi sistere detur,
contrahimusque viros. vix prima inceperat aestas
et pater Anchises dare fatis vela iubebat,
litora cum patriae lacrimans portusque relinquo
et campos ubi Troia fuit. feror exsul in altum
cum sociis natoque penatibus et magnis dis.


IN TRACIA: DE POLIDORI UMBRA (3.13-68)
Terra procul vastis colitur Mauortia campis 3.13
Thraces arant acri quondam regnata Lycurgo,
hospitium antiquum Troiae sociique penates
dum fortuna fuit. feror huc et litore curvo
moenia prima loco fatis ingressus iniquis
Aeneadasque meo nomen de nomine fingo.
sacra Dionaeae matri divisque ferebam
auspicibus coeptorum operum, superoque nitentem
caelicolum regi mactabam in litore taurum.
forte fuit iuxta tumulus, quo cornea summo
virgulta et densis hastilibus horrida myrtus.
accessi viridemque ab humo convellere silvam
conatus, ramis tegerem ut frondentibus aras, 3.25
horrendum et dictu video mirabile monstrum.
nam quae prima solo ruptis radicibus arbos
vellitur, huic atro liquuntur sanguine guttae
et terram tabo maculant. mihi frigidus horror
membra quatit gelidusque coit formidine sanguis.
rursus et alterius lentum convellere vimen
insequor et causas penitus temptare latentis;
ater et alterius sequitur de cortice sanguis.
multa movens animo Nymphas venerabar agrestis
Gradivumque patrem, Geticis qui praesidet arvis,
rite secundarent visus omenque levarent.
tertia sed postquam maiore hastilia nisu
adgredior genibusque adversae obluctor harenae,
eloquar an sileam? gemitus lacrimabilis imo
auditur tumulo et vox reddita fertur ad auris:
´quid miserum, Aenea, laceras? iam parce sepulto,
parce pias scelerare manus. non me tibi Troia
externum tulit aut cruor hic de stipite manat.
heu fuge crudelis terras, fuge litus avarum:
nam Polydorus ego. hic confixum ferrea texit
telorum seges et iaculis increvit acutis.´
tum vero ancipiti mentem formidine pressus
obstipui steteruntque comae et vox faucibus haesit.
Hunc Polydorum auri quondam cum pondere magno
infelix Priamus furtim mandarat alendum 3.50
Threicio regi, cum iam diffideret armis
Dardaniae cingique urbem obsidione videret.
ille, ut opes fractae Teucrum et Fortuna recessit,
res Agamemnonias victriciaque arma secutus
fas omne abrumpit: Polydorum obtruncat, et auro
vi potitur. quid non mortalia pectora cogis,
auri sacra fames. postquam pavor ossa reliquit,
delectos populi ad proceres primumque parentem
monstra deum refero, et quae sit sententia posco.
omnibus idem animus, scelerata excedere terra,
linqui pollutum hospitium et dare classibus Austros.
ergo instauramus Polydoro funus, et ingens
aggeritur tumulo tellus; stant Manibus arae
caeruleis maestae vittis atraque cupresso,
et circum Iliades crinem de more solutae;
inferimus tepido spumantia cymbia lacte
sanguinis et sacri pateras, animamque sepulcro
condimus et magna supremum voce ciemus.


DELI: DE APOLLINIS ORACULO (3.69-120)
Inde ubi prima fides pelago, placataque venti 3.69
dant maria et lenis crepitans vocat Auster in altum,
deducunt socii navis et litora complent;
provehimur portu terraeque urbesque recedunt.
sacra mari colitur medio gratissima tellus
Nereidum matri et Neptuno Aegaeo,
quam pius arquitenens oras et litora circum 3.75
errantem Mycono e celsa Gyaroque revinxit,
immotamque coli dedit et contemnere ventos.
huc feror, haec fessos tuto placidissima portu
accipit; egressi veneramur Apollinis urbem.
rex Anius, rex idem hominum Phoebique sacerdos,
vittis et sacra redimitus tempora lauro
occurrit; veterem Anchisen agnovit amicum.
iungimus hospitio dextras et tecta subimus.
Templa dei saxo venerabar structa vetusto:
´da propriam, Thymbraee, domum; da moenia fessis
et genus et mansuram urbem; serva altera Troiae
Pergama, reliquias Danaum atque immitis Achilli.
quem sequimur? quove ire iubes? ubi ponere sedes?
da, pater, augurium atque animis inlabere nostris.´
vix ea fatus eram: tremere omnia visa repente,
liminaque laurusque dei, totusque moveri
mons circum et mugire adytis cortina reclusis.
summissi petimus terram et vox fertur ad auris:
´Dardanidae duri, quae uos a stirpe parentum
prima tulit tellus, eadem vos ubere laeto
accipiet reduces. antiquam exquirite matrem.
hic domus Aeneae cunctis dominabitur oris
et nati natorum et qui nascentur ab illis.´
haec Phoebus; mixtoque ingens exorta tumultu
laetitia, et cuncti quae sint ea moenia quaerunt, 3.100
quo Phoebus vocet errantis iubeatque reverti.
tum genitor veterum volvens monimenta virorum
´audite, o proceres,´ ait ´et spes discite vestras.
Creta Iovis magni medio iacet insula ponto,
mons Idaeus ubi et gentis cunabula nostrae.
centum urbes habitant magnas, uberrima regna,
maximus unde pater, si rite audita recordor,
Teucrus Rhoeteas primum est advectus in oras,
optavitque locum regno. nondum Ilium et arces
Pergameae steterant; habitabant vallibus imis.
hinc mater cultrix Cybeli Corybantiaque aera
Idaeumque nemus, hinc fida silentia sacris,
et iuncti currum dominae subiere leones.
ergo agite et divum ducunt qua iussa sequamur:
placemus ventos et Cnosia regna petamus.
nec longo distant cursu: modo Iuppiter adsit,
tertia lux classem Cretaeis sistet in oris.´
sic fatus meritos aris mactavit honores,
taurum Neptuno, taurum tibi, pulcher Apollo,
nigram Hiemi pecudem, Zephyris felicibus albam.


CRETAE: DE PESTILENTIA (3.121-146)
Fama volat pulsum regnis cessisse paternis 3.121
Idomenea ducem, desertaque litora Cretae,
hoste vacare domum sedesque astare relictas.
linquimus Ortygiae portus pelagoque volamus
bacchatamque iugis Naxon viridemque Donusam,
Olearon niveamque Paron sparsasque per aequor
Cycladas, et crebris legimus freta concita terris.
nauticus exoritur vario certamine clamor:
hortantur socii Cretam proavosque petamus.
prosequitur surgens a puppi ventus euntis,
et tandem antiquis Curetum adlabimur oris.
ergo avidus muros optatae molior urbis
Pergameamque voco, et laetam cognomine gentem
hortor amare focos arcemque attollere tectis.
Iamque fere sicco subductae litore puppes,
conubiis arvisque novis operata iuventus,
iura domosque dabam, subito cum tabida membris
corrupto caeli tractu miserandaque venit
arboribusque satisque lues et letifer annus.
linquebant dulcis animas aut aegra trahebant 3.140
corpora; tum sterilis exurere Sirius agros,
arebant herbae et victum seges aegra negabat.
rursus ad oraclum Ortygiae Phoebumque remenso
hortatur pater ire mari veniamque precari,
quam fessis finem rebus ferat, unde laborum
temptare auxilium iubeat, quo vertere cursus.


DE PENATUM INTERVENTU (3.147-191)
Nox erat et terris animalia somnus habebat: 3.147
effigies sacrae divum Phrygiique penates,
quos mecum a Troia mediisque ex ignibus urbis
extuleram, visi ante oculos astare iacentis
in somnis multo manifesti lumine, qua se
plena per insertas fundebat luna fenestras;
tum sic adfari et curas his demere dictis:
´quod tibi delato Ortygiam dicturus Apollo est,
hic canit et tua nos en ultro ad limina mittit.
nos te Dardania incensa tuaque arma secuti,
nos tumidum sub te permensi classibus aequor,
idem venturos tollemus in astra nepotes
imperiumque urbi dabimus. tu moenia magnis
magna para longumque fugae ne linque laborem. 3.160
mutandae sedes. non haec tibi litora suasit
Delius aut Cretae iussit considere Apollo.
est locus, Hesperiam Grai cognomine dicunt,
terra antiqua, potens armis atque ubere glaebae;
Oenotri coluere viri; nunc fama minores
Italiam dixisse ducis de nomine gentem.
hae nobis propriae sedes, hinc Dardanus ortus
Iasiusque pater, genus a quo principe nostrum.
surge age et haec laetus longaevo dicta parenti
haud dubitanda refer: Corythum terrasque requirat
Ausonias; Dictaea negat tibi Iuppiter arva.´
talibus attonitus visis et voce deorum
nec sopor illud erat, sed coram agnoscere vultus
velatasque comas praesentiaque ora videbar;
tum gelidus toto manabat corpore sudor
corripio e stratis corpus tendoque supinas
ad caelum cum voce manus et munera libo
intemerata focis. perfecto laetus honore
Anchisen facio certum remque ordine pando.
agnovit prolem ambiguam geminosque parentis, 3.180
seque novo veterum deceptum errore locorum.
tum memorat: ´nate, Iliacis exercite fatis,
sola mihi talis casus Cassandra canebat.
nunc repeto haec generi portendere debita nostro
et saepe Hesperiam, saepe Itala regna vocare.
sed quis ad Hesperiae venturos litora Teucros
crederet? aut quem tum vates Cassandra moveret?
cedamus Phoebo et moniti meliora sequamur.´
sic ait, et cuncti dicto paremus ovantes.
hanc quoque deserimus sedem paucisque relictis
vela damus vastumque cava trabe currimus aequor.


DE TEMPESTATE (3.192-208)
Postquam altum tenuere rates nec iam amplius ullae 3.192
apparent terrae, caelum undique et undique pontus,
tum mihi caeruleus supra caput astitit imber
noctem hiememque ferens, et inhorruit unda tenebris.
continuo venti volvunt mare magnaque surgunt
aequora, dispersi iactamur gurgite vasto;
involvere diem nimbi et nox umida caelum
abstulit, ingeminant abruptis nubibus ignes,
excutimur cursu et caecis erramus in undis.
ipse diem noctemque negat discernere caelo
nec meminisse viae media Palinurus in unda.
tris adeo incertos caeca caligine soles
erramus pelago, totidem sine sidere noctes.
quarto terra die primum se attollere tandem
visa, aperire procul montis ac volvere fumum.
vela cadunt, remis insurgimus; haud mora, nautae
adnixi torquent spumas et caerula verrunt.


IN STROPHADIBUS: DE HARPYIS (3.109-269)
servatum ex undis Strophadum me litora primum 3.209
excipiunt. Strophades Graio stant nomine dictae
insulae Ionio in magno, quas dira Celaeno
Harpyiaeque colunt aliae, Phineia postquam
clausa domus mensasque metu liquere priores.
tristius haud illis monstrum, nec saevior ulla
pestis et ira deum Stygiis sese extulit undis.
virginei volucrum vultus, foedissima ventris allitt
proluvies uncaeque manus et pallida semper
ora fame.
huc ubi delati portus intravimus, ecce
laeta boum passim campis armenta videmus
caprigenumque pecus nullo custode per herbas.
inruimus ferro et divos ipsumque vocamus
in partem praedamque Iovem; tum litore curvo
exstruimusque toros dapibusque epulamur opimis.
at subitae horrifico lapsu de montibus adsunt 3.225
Harpyiae et magnis quatiunt clangoribus alas,
diripiuntque dapes contactuque omnia foedant
immundo; tum vox taetrum dira inter odorem.
rursum in secessu longo sub rupe cavata
[arboribus clausam circum atque horrentibus umbris]
instruimus mensas arisque reponimus ignem;
rursum ex diverso caeli caecisque latebris
turba sonans praedam pedibus circumvolat uncis,
polluit ore dapes. sociis tunc arma capessant
edico, et dira bellum cum gente gerendum.
haud secus ac iussi faciunt tectosque per herbam
disponunt ensis et scuta latentia condunt.
ergo ubi delapsae sonitum per curva dedere
litora, dat signum specula Misenus ab alta
aere cavo. invadunt socii et nova proelia temptant,
obscenas pelagi ferro foedare volucris.
sed neque vim plumis ullam nec vulnera tergo
accipiunt, celerique fuga sub sidera lapsae
semesam praedam et vestigia foeda relinquunt.
una in praecelsa consedit rupe Celaeno,
infelix vates, rumpitque hanc pectore vocem;
´bellum etiam pro caede boum stratisque iuvencis,
Laomedontiadae, bellumne inferre paratis
et patrio Harpyias insontis pellere regno?
accipite ergo animis atque haec mea figite dicta, 3.250
quae Phoebo pater omnipotens, mihi Phoebus Apollo
praedixit, vobis Furiarum ego maxima pando.
Italiam cursu petitis ventisque vocatis:
ibitis Italiam portusque intrare licebit.
sed non ante datam cingetis moenibus urbem
quam vos dira fames nostraeque iniuria caedis
ambesas subigat malis absumere mensas.´
dixit, et in silvam pennis ablata refugit.
at sociis subita gelidus formidine sanguis
deriguit: cecidere animi, nec iam amplius armis,
sed votis precibusque iubent exposcere pacem,
siue deae seu sint dirae obscenaeque volucres.
et pater Anchises passis de litore palmis
numina magna vocat meritosque indicit honores:
´di, prohibete minas; di, talem avertite casum
et placidi servate pios.´ tum litore funem
deripere excussosque iubet laxare rudentis.
tendunt uela Noti: fugimus spumantibus undis
qua cursum ventusque gubernatorque vocabat.


DE ACTII COMMORATIONE (3.270-293)
iam medio apparet fluctu nemorosa Zacynthos 3.270
Dulichiumque Sameque et Neritos ardua saxis.
effugimus scopulos Ithacae, Laertia regna,
et terram altricem saeui exsecramur Ulixi.
mox et Leucatae nimbosa cacumina montis
et formidatus nautis aperitur Apollo.
hunc petimus fessi et parvae succedimus urbi;
ancora de prora iacitur, stant litore puppes.
Ergo insperata tandem tellure potiti
lustramurque Iovi votisque incendimus aras,
Actiaque Iliacis celebramus litora ludis.
exercent patrias oleo labente palaestras
nudati socii: iuvat evasisse tot urbes
Argolicas mediosque fugam tenuisse per hostis.
interea magnum sol circumvolvitur annum
et glacialis hiems Aquilonibus asperat undas.
aere cavo clipeum, magni gestamen Abantis,
postibus adversis figo et rem carmine signo:
aeneas haec de danais victoribus arma;
linquere tum portus iubeo et considere transtris.
certatim socii feriunt mare et aequora verrunt: 3.290
protinus aerias Phaeacum abscondimus arces
litoraque Epiri legimus portuque subimus
Chaonio et celsam Buthroti accedimus urbem.


DE OCCURSU CUM ANDROMACHA HELENOQUE (3.295-354)
Hic incredibilis rerum fama occupat auris, 3.294
Priamiden Helenum Graias regnare per urbis
coniugio Aeacidae Pyrrhi sceptrisque potitum,
et patrio Andromachen iterum cessisse marito.
obstipui, miroque incensum pectus amore
compellare virum et casus cognoscere tantos.
progredior portu classis et litora linquens,
sollemnis cum forte dapes et tristia dona
ante urbem in luco falsi Simoentis ad undam
libabat cineri Andromache manisque vocabat
Hectoreum ad tumulum, viridi quem caespite inanem
et geminas, causam lacrimis, sacraverat aras.
ut me conspexit venientem et Troia circum
arma amens vidit, magnis exterrita monstris
deriguit visu in medio, calor ossa reliquit,
labitur, et longo vix tandem tempore fatur:
´verane te facies, verus mihi nuntius adfers, polipt
nate dea? vivisne? aut, si lux alma recessit,
Hector ubi est?´ dixit, lacrimasque effudit et omnem
implevit clamore locum. vix pauca furenti
subicio et raris turbatus vocibus hisco:
´vivo equidem vitamque extrema per omnia duco;
ne dubita, nam vera vides.
heu. quis te casus deiectam coniuge tanto
excipit, aut quae digna satis fortuna revisit,
Hectoris Andromache? Pyrrhin conubia servas?´
deiecit vultum et demissa voce locuta est: 3.320
´o felix una ante alias Priameia virgo,
hostilem ad tumulum Troiae sub moenibus altis
iussa mori, quae sortitus non pertulit ullos
nec victoris heri tetigit captiva cubile.
nos patria incensa diversa per aequora vectae
stirpis Achilleae fastus iuvenemque superbum
servitio enixae tulimus; qui deinde secutus
Ledaeam Hermionen Lacedaemoniosque hymenaeos
me famulo famulamque Heleno transmisit habendam.
ast illum ereptae magno flammatus amore
coniugis et scelerum furiis agitatus Orestes
excipit incautum patriasque obtruncat ad aras.
morte Neoptolemi regnorum reddita cessit
pars Heleno, qui Chaonios cognomine campos
Chaoniamque omnem Troiano a Chaone dixit,
Pergamaque Iliacamque iugis hanc addidit arcem.
sed tibi qui cursum venti, quae fata dedere?
aut quisnam ignarum nostris deus appulit oris?
quid puer Ascanius? superatne et vescitur aura?
quem tibi iam Troia - 3.340
ecqua tamen puero est amissae cura parentis?
ecquid in antiquam virtutem animosque virilis
et pater Aeneas et avunculus excitat Hector?´
talia fundebat lacrimans longosque ciebat
incassum fletus, cum sese a moenibus heros
Priamides multis Helenus comitantibus adfert,
agnoscitque suos laetusque ad limina ducit,
et multum lacrimas verba inter singula fundit.
procedo et parvam Troiam simulataque magnis
Pergama et arentem Xanthi cognomine rivum
agnosco, Scaeaeque amplector limina portae;
nec non et Teucri socia simul urbe fruuntur.
illos porticibus rex accipiebat in amplis:
aulai medio libabant pocula Bacchi
impositis auro dapibus, paterasque tenebant.


DE HELENI AUGURIO (3.356-471)
Iamque dies alterque dies processit, et aurae 3.356
vela vocant tumidoque inflatur carbasus Austro:
his vatem adgredior dictis ac talia quaeso:
´Troiugena, interpres divum, qui numina Phoebi,
qui tripodas Clarii et laurus, qui sidera sentis
et volucrum linguas et praepetis omina pennae,
fare age namque omnis cursum mihi prospera dixit
religio, et cuncti suaserunt numine divi
Italiam petere et terras temptare repostas;
sola novum dictuque nefas Harpyia Celaeno
prodigium canit et tristis denuntiat iras
obscenamque famem, quae prima pericula vito?
quidve sequens tantos possim superare labores?´
hic Helenus caesis primum de more iuvencis
exorat pacem diuum vittasque resolvit
sacrati capitis, meque ad tua limina, Phoebe,
ipse manu multo suspensum numine ducit,
atque haec deinde canit divino ex ore sacerdos:
´Nate dea nam te maioribus ire per altum
auspiciis manifesta fides; sic fata deum rex
sortitur volvitque ices, is vertitur ordo,
pauca tibi e multis, quo tutior hospita lustres
aequora et Ausonio possis considere portu,
expediam dictis; prohibent nam cetera Parcae
scire Helenum farique vetat Saturnia Iuno. 3.380
principio Italiam, quam tu iam rere propinquam
vicinosque, ignare, paras invadere portus,
longa procul longis via dividit invia terris.
ante et Trinacria lentandus remus in unda
et salis Ausonii lustrandum navibus aequor
infernique lacus Aeaeaeque insula Circae,
quam tuta possis urbem componere terra.
signa tibi dicam, tu condita mente teneto:
cum tibi sollicito secreti ad fluminis undam
litoreis ingens inventa sub ilicibus sus
triginta capitum fetus enixa iacebit,
alba solo recubans, albi circum ubera nati,
is locus urbis erit, requies ea certa laborum.
nec tu mensarum morsus horresce futuros:
fata viam invenient aderitque vocatus Apollo.
has autem terras Italique hanc litoris oram,
proxima quae nostri perfunditur aequoris aestu,
effuge; cuncta malis habitantur moenia Grais.
hic et Narycii posuerunt moenia Locri,
et Sallentinos obsedit milite campos 3.400
Lyctius Idomeneus; hic illa ducis Meliboei
parva Philoctetae subnixa Petelia muro.
quin ubi transmissae steterint trans aequora classes
et positis aris iam vota in litore solves,
purpureo velare comas adopertus amictu,
ne qua inter sanctos ignis in honore deorum
hostilis facies occurrat et omina turbet.
hunc socii morem sacrorum, hunc ipse teneto;
hac casti maneant in religione nepotes.
ast ubi digressum Siculae te admoverit orae
ventus, et angusti rarescent claustra Pelori,
laeva tibi tellus et longo laeva petantur polipt
aequora circuitu; dextrum fuge litus et undas.
haec loca vi quondam et vasta convulsa ruina
tantum aevi longinqua ualet mutare vetustas
dissiluisse ferunt, cum protinus utraque tellus
una foret: venit medio vi pontus et undis
Hesperium Siculo latus abscidit, arvaque et urbes
litore diductas angusto interluit aestu.
dextrum Scylla latus, laevum implacata Charybdis 3.420
obsidet, atque imo barathri ter gurgite vastos
sorbet in abruptum fluctus rursusque sub auras
erigit alternos, et sidera verberat unda.
at Scyllam caecis cohibet spelunca latebris
ora exsertantem et navis in saxa trahentem.
prima hominis facies et pulchro pectore virgo
pube tenus, postrema immani corpore pistrix
delphinum caudas utero commissa luporum.
praestat Trinacrii metas lustrare Pachyni
cessantem, longos et circumflectere cursus,
quam semel informem vasto vidisse sub antro
Scyllam et caeruleis canibus resonantia saxa.
praeterea, si qua est Heleno prudentia vati,
si qua fides, animum si veris implet Apollo,
unum illud tibi, nate dea, proque omnibus unum
praedicam et repetens iterumque iterumque monebo,
Iunonis magnae primum prece numen adora,
Iunoni cane vota libens dominamque potentem
supplicibus supera donis: sic denique victor
Trinacria finis Italos mittere relicta. 3.440
huc ubi delatus Cumaeam accesseris urbem
divinosque lacus et Averna sonantia silvis,
insanam vatem aspicies, quae rupe sub ima
fata canit foliisque notas et nomina mandat.
quaecumque in foliis descripsit carmina virgo
digerit in numerum atque antro seclusa relinquit:
illa manent immota locis neque ab ordine cedunt.
verum eadem, verso tenuis cum cardine ventus
impulit et teneras turbavit ianua frondes,
numquam deinde cavo volitantia prendere saxo
nec revocare situs aut iungere carmina curat:
inconsulti abeunt sedemque odere Sibyllae.
hic tibi ne qua morae fuerint dispendia tanti,
quamvis increpitent socii et vi cursus in altum
vela vocet, possisque sinus implere secundos,
quin adeas uatem precibusque oracula poscas
ipsa canat vocemque volens atque ora resolvat.
illa tibi Italiae populos venturaque bella
et quo quemque modo fugiasque ferasque laborem
expediet, cursusque dabit venerata secundos. 3.460
haec sunt quae nostra liceat te voce moneri.
vade age et ingentem factis fer ad aethera Troiam.´
Quae postquam vates sic ore effatus amico est,
dona dehinc auro gravia ac secto elephanto
imperat ad navis ferri, stipatque carinis
ingens argentum Dodonaeosque lebetas,
loricam consertam hamis auroque trilicem,
et conum insignis galeae cristasque comantis,
arma Neoptolemi. sunt et sua dona parenti.
addit equos, additque duces,
remigium supplet, socios simul instruit armis.


DE DISCESSU AB ANDROMACHA HELENOQUE (3.472-505)
Interea classem velis aptare iubebat 3.472
Anchises, fieret vento mora ne qua ferenti.
quem Phoebi interpres multo compellat honore:
´coniugio, Anchisa, Veneris dignate superbo,
cura deum, bis Pergameis erepte ruinis,
ecce tibi Ausoniae tellus: hanc arripe velis.
et tamen hanc pelago praeterlabare necesse est:
Ausoniae pars illa procul quam pandit Apollo.
vade,´ ait ´o felix nati pietate. quid ultra 3.480
provehor et fando surgentis demoror Austros?´
nec minus Andromache digressu maesta supremo
fert picturatas auri subtemine vestis
et Phrygiam Ascanio chlamydem nec cedit honore
textilibusque onerat donis, ac talia fatur:
´accipe et haec, manuum tibi quae monimenta mearum
sint, puer, et longum Andromachae testentur amorem,
coniugis Hectoreae. cape dona extrema tuorum,
o mihi sola mei super Astyanactis imago.
sic oculos, sic ille manus, sic ora ferebat;
et nunc aequali tecum pubesceret aevo.´
hos ego digrediens lacrimis adfabar obortis:
´viuvite felices, quibus est fortuna peracta
iam sua: nos alia ex aliis in fata vocamur.
obis parta quies: nullum maris aequor arandum,
arva neque Ausoniae semper cedentia retro
quaerenda. effigiem Xanthi Troiamque videtis
quam vestrae fecere manus, melioribus, opto,
auspiciis, et quae fuerit minus obvia Grais.
si quando Thybrim vicinaque Thybridis arva 3.500
intraro gentique meae data moenia cernam,
cognatas urbes olim populosque propinquos,
Epiro Hesperiam quibus idem Dardanus auctor
atque idem casus, unam faciemus utramque
Troiam animis: maneat nostros ea cura nepotes.´


ITALIA, ITALIA (3.506-546)
Provehimur pelago vicina Ceraunia iuxta, 3.506
unde iter Italiam cursusque brevissimus undis.
sol ruit interea et montes umbrantur opaci;
sternimur optatae gremio telluris ad undam
sortiti remos passimque in litore sicco
corpora curamus, fessos sopor inrigat artus.
necdum orbem medium Nox Horis acta subibat:
haud segnis strato surgit Palinurus et omnis
explorat ventos atque auribus aera captat;
sidera cuncta notat tacito labentia caelo,
Arcturum pluviasque Hyadas geminosque Triones,
armatumque auro circumspicit Oriona.
postquam cuncta videt caelo constare sereno,
dat clarum e puppi signum; nos castra movemus
temptamusque viam et velorum pandimus alas. 3.520
Iamque rubescebat stellis Aurora fugatis
cum procul obscuros collis humilemque videmus
Italiam. Italiam primus conclamat Achates,
Italiam laeto socii clamore salutant.
tum pater Anchises magnum cratera corona
induit implevitque mero, divosque vocavit
stans celsa in puppi:
´di maris et terrae tempestatumque potentes,
ferte viam vento facilem et spirate secundi.´
crebrescunt optatae aurae portusque patescit
iam propior, templumque apparet in arce Minervae;
vela legunt socii et proras ad litora torquent.
portus ab euroo fluctu curvatus in arcum,
obiectae salsa spumant aspergine cautes,
ipse latet: gemino demittunt bracchia muro
turriti scopuli refugitque ab litore templum.
quattuor hic, primum omen, equos in gramine vidi
tondentis campum late, candore nivali.
et pater Anchises ´bellum, o terra hospita, portas:
bello armantur equi, bellum haec armenta minantur. 3.540
sed tamen idem olim curru succedere sueti
quadripedes et frena iugo concordia ferre:
spes et pacis´ ait. tum numina sancta precamur
Palladis armisonae, quae prima accepit ovantis,
et capita ante aras Phrygio velamur amictu,
praeceptisque Heleni, dederat quae maxima, rite
Iunoni Argivae iussos adolemus honores.


DE CYCLOPUM TERRIS (3.547-583)
Haud mora, continuo perfectis ordine votis 3.547
cornua velatarum obvertimus antemnarum, spondaico
Graiugenumque domos suspectaque linquimus arva.
hinc sinus Herculei si vera est fama Tarenti
cernitur, attollit se diva Lacinia contra,
Caulonisque arces et navifragum Scylaceum.
tum procul e fluctu Trinacria cernitur Aetna,
et gemitum ingentem pelagi pulsataque saxa
audimus longe fractasque ad litora voces,
exsultantque vada atque aestu miscentur harenae.
et pater Anchises ´nimirum hic illa Charybdis:
hos Helenus scopulos, haec saxa horrenda canebat.
eripite, o socii, pariterque insurgite remis.´ 3.560
haud minus ac iussi faciunt, primusque rudentem
contorsit laevas proram Palinurus ad undas;
laevam cuncta cohors remis ventisque petivit.
tollimur in caelum curvato gurgite, et idem
subducta ad Manis imos desedimus unda.
ter scopuli clamorem inter cava saxa dedere,
ter spumam elisam et rorantia vidimus astra.
interea fessos ventus cum sole reliquit,
ignarique viae Cyclopum adlabimur oris.
Portus ab accessu ventorum immotus et ingens
ipse: sed horrificis iuxta tonat Aetna ruinis,
interdumque atram prorumpit ad aethera nubem
turbine fumantem piceo et candente favilla,
attollitque globos flammarum et sidera lambit;
interdum scopulos avulsaque viscera montis
erigit eructans, liquefactaque saxa sub auras
cum gemitu glomerat fundoque exaestuat imo.
fama est Enceladi semustum fulmine corpus
urgeri mole hac, ingentemque insuper Aetnam
impositam ruptis flammam exspirare caminis,
et fessum quotiens mutet latus, intremere omnem
murmure Trinacriam et caelum subtexere fumo.



DE ACHAEMENIDE GRAECO (3.583-654)
noctem illam tecti silvis immania monstra 3.583
perferimus, nec quae sonitum det causa videmus.
nam neque erant astrorum ignes nec lucidus aethra
siderea polus, obscuro sed nubila caelo,
et lunam in nimbo nox intempesta tenebat.
Postera iamque dies primo surgebat Eoo
umentemque Aurora polo dimoverat umbram,
cum subito e silvis macie confecta suprema
ignoti nova forma viri miserandaque cultu
procedit supplexque manus ad litora tendit.
respicimus. dira inluvies immissaque barba,
consertum tegimen spinis: at cetera Graius,
et quondam patriis ad Troiam missus in armis.
isque ubi Dardanios habitus et Troia vidit
arma procul, paulum aspectu conterritus haesit
continuitque gradum; mox sese ad litora praeceps
cum fletu precibusque tulit: ´per sidera testor,
per superos atque hoc caeli spirabile lumen, 3.600
tollite me, Teucri. quascumque abducite terras:
hoc sat erit. scio me Danais e classibus unum
et bello Iliacos fateor petiisse penatis.
pro quo, si sceleris tanta est iniuria nostri,
spargite me in fluctus vastoque immergite ponto;
si pereo, hominum manibus periisse iuvabit.´
dixerat et genua amplexus genibusque volutans
haerebat. qui sit fari, quo sanguine cretus,
hortamur, quae deinde agitet fortuna fateri.
ipse pater dextram Anchises haud multa moratus
dat iuveni atque animum praesenti pignore firmat.
ille haec deposita tandem formidine fatur:
´sum patria ex Ithaca, comes infelicis Ulixi,
nomine Achaemenides, Troiam genitore Adamasto
paupere mansissetque utinam fortuna. profectus.
hic me, dum trepidi crudelia limina linquunt,
immemores socii vasto Cyclopis in antro
deseruere. domus sanie dapibusque cruentis,
intus opaca, ingens. ipse arduus, altaque pulsat
sidera di talem terris avertite pestem. 3.620
nec visu facilis nec dictu adfabilis ulli;
visceribus miserorum et sanguine vescitur atro.
vidi egomet duo de numero cum corpora nostro
prensa manu magna medio resupinus in antro
frangeret ad saxum, sanieque aspersa natarent
limina; vidi atro cum membra fluentia tabo
manderet et tepidi tremerent sub dentibus artus -
haud impune quidem, nec talia passus Ulixes
oblitusve sui est Ithacus discrimine tanto.
nam simul expletus dapibus vinoque sepultus
cervicem inflexam posuit, iacuitque per antrum
immensus saniem eructans et frusta cruento
per somnum commixta mero, nos magna precati
numina sortitique vices una undique circum
fundimur, et telo lumen terebramus acuto
ingens quod torva solum sub fronte latebat,
Argolici clipei aut Phoebeae lampadis instar,
et tandem laeti sociorum ulciscimur umbras.
sed fugite, o miseri, fugite atque ab litore funem
rumpite. 3.640
nam qualis quantusque cavo Polyphemus in antro
lanigeras claudit pecudes atque ubera pressat,
centum alii curva haec habitant ad litora vulgo
infandi Cyclopes et altis montibus errant.
tertia iam lunae se cornua lumine complent
cum uitam in silvis inter deserta ferarum
lustra domosque traho vastosque ab rupe Cyclopas
prospicio sonitumque pedum vocemque tremesco.
victum infelicem, bacas lapidosaque corna,
dant rami, et vulsis pascunt radicibus herbae.
omnia conlustrans hanc primum ad litora classem
conspexi venientem. huic me, quaecumque fuisset,
addixi: satis est gentem effugisse nefandam.
vos animam hanc potius quocumque absumite leto.´


DE POLYPHEMO ET CYCLOPIBUS (3.655-691)
Vix ea fatus erat summo cum monte videmus 3.655
ipsum inter pecudes vasta se mole moventem
pastorem Polyphemum et litora nota petentem,
monstrum horrendum, informe, ingens, cui lumen ademptum.
trunca manum pinus regit et vestigia firmat;
lanigerae comitantur oues; ea sola voluptas
solamenque mali.
postquam altos tetigit fluctus et ad aequora venit,
luminis effossi fluidum lavit inde cruorem
dentibus infrendens gemitu, graditurque per aequor
iam medium, necdum fluctus latera ardua tinxit.
nos procul inde fugam trepidi celerare recepto
supplice sic merito tacitique incidere funem,
vertimus et proni certantibus aequora remis.
sensit, et ad sonitum vocis vestigia torsit.
verum ubi nulla datur dextra adfectare potestas 3.670
nec potis Ionios fluctus aequare sequendo,
clamorem immensum tollit, quo pontus et omnes
intremuere undae, penitusque exterrita tellus
Italiae curuisque immugiit Aetna cavernis.
at genus e silvis Cyclopum et montibus altis
excitum ruit ad portus et litora complent.
cernimus astantis nequiquam lumine torvo
Aetnaeos fratres caelo capita alta ferentis,
concilium horrendum: quales cum vertice celso
aeriae quercus aut coniferae cyparissi
constiterunt, silva alta Iovis lucusve Dianae.
praecipitis metus acer agit quocumque rudentis
excutere et entis intendere vela secundis.
contra iussa monent Heleni, Scyllamque Charybdinque
inter, utrimque viam leti discrimine parvo,
ni teneam cursus: certum est dare lintea retro.
ecce autem Boreas angusta ab sede Pelori
missus adest: vivo praeteruehor ostia saxo
Pantagiae Megarosque sinus Thapsumque iacentem.
talia monstrabat relegens errata retrorsus
litora Achaemenides, comes infelicis Ulixi.


DE ANCHISAE INTERITU (3.692-718)
Sicanio praetenta sinu iacet insula contra 3.692
Plemyrium undosum; nomen dixere priores
Ortygiam. Alpheum fama est huc Elidis amnem
occultas egisse vias subter mare, qui nunc
ore, Arethusa, tuo Siculis confunditur undis.
iussi numina magna loci veneramur, et inde
exsupero praepingue solum stagnantis Helori.
hinc altas cautes proiectaque saxa Pachyni
radimus, et fatis numquam concessa moveri
apparet Camerina procul campique Geloi,
immanisque Gela fluuii cognomine dicta.
arduus inde Acragas ostentat maxima longe
moenia, magnanimum quondam generator equorum;
teque datis linquo ventis, palmosa Selinus,
et vada dura lego saxis Lilybeia caecis.
hinc Drepani me portus et inlaetabilis ora
accipit. hic pelagi tot tempestatibus actus
heu, genitorem, omnis curae casusque levamen,
amitto Anchisen. hic me, pater optime, fessum 3.710
deseris, heu, tantis nequiquam erepte periclis.
nec vates Helenus, cum multa horrenda moneret,
hos mihi praedixit luctus, non dira Celaeno.
hic labor extremus, longarum haec meta viarum,
hinc me digressum vestris deus appulit oris.
Sic pater Aeneas intentis omnibus unus
fata renarrabat divum cursusque docebat.
conticuit tandem factoque hic fine quievit.

GLI ENEIDI ESULI ( 3. 1 - 12)
Dopo che piacque ai celesti distruggere la potenza dell´Asia
ed il popolo incolpevole di Priamo, e la superba Ilio
cadde e tutta la nettunia Troia a terra fuma,
siamo costretti dai presagi degli dei a cercare diversi esili
e terre deserte, e costruiamo la flotta sotto la stessa
Antandro ed i monti del frigio Ida,
incerti dove i fati portino, dove sia dato fermarci,
e raccogliamo uomini. Era appena iniziata la prima estate
ed il padre Anchise ordinava di dare le vele ai fati,
quando piangendo lascio i lidi ed i porti della patria
e le piane dove fu Troia. Esule son portato in alto mare
coi compagni e col figlio ed i grandi dei penati.


ORRIBILE OMBRA DI POLIDORE (3. 13- 68)
Una terra Mavorzia lontano dalle vaste pianure è abitata,
l´arani i Traci, governata un tempo dal duro Licurgo,
antica ospitalità e penati alleati di Troia
finchè ci fu fortuna. Son portato qui e sul lido ricurvo
fondo le prime mura, entrato con fati avversi,
e dal mio nome formo il nome di Eneadi.
Portavo doni dacri alla madre dionea ed ai divini
auspici delle imprese iniziate, ed al celeste re
dei celicoli offrivo un toro splendente sul lido.
C´era per caso un´altura, sulla cui sommità virgulti
di corniolo ed un mirto irto di fitte lance.
Mi avvicinai tentando di strappare da terra una verde
pianta, per coprire di rami frondosi gli altari,
e vedo un prodigio spaventoso e mirabile a dirsi.
Infatti la pianta che per prima, rotte le radici,
è divelta, a questa si sciolgono gocce di nero sangue
e macchiano la terra di marcio. Un freddo fremito
mi scuote le membra ed il sangue gelido scorre con terrore.
Di nuovo proseguo a strappare il flessibile rametto di un´altra
e scoprire del tutto le cause latenti;
nero sangue esce anche dalla corteccia dell´altra.
Meditando molto in cuore veneravo le Ninfe agresti
ed il padre Gradivo, che protegge i campi getici,
favorevolmente assecondassero le visioni e togliessero il presagio.
Ma dopo che con maggior sforzo afferro il terzo rametto
e con le ginocchia lotto con la sabbia avversa,
- parlare o tacere?- si sente dalla profondità dell´altura
un gemito lacrimevole e la frase data sale alle orecchie:
"Perchè, Enea, torturi un infelice? orma risparmia un sepolto,
risparmia di macchiare le pie mani. Troia non mi pose
estraneo a te o questo sangue non emana da un legno.
Ahimè fuggi terre crudeli, fuggi un lido avido:
io son Polidoro. Qui trafitto mi coprì una messe ferrea
di dardi e crebbe in acute lance."
Allora davvero oppressa la mente da dubbioso terrore
stupii si drizzarono i capelli e la frase si bloccò nella gola.
Questo Polidoro un tempo lo sventurato Priamo
l´aveva affidato da crescere al re tracio di nascosto
con una gran quantità d´oro, diffidando orma per le armi
della Dardania e vedendo che la città era cinta d´assedio.
Quello, come furon rotte le forze dei Teucri e la fortuana
andata, seguendo le sorti d´Agamennone e le armi vincitrici
rompe ogni norma: sgozza Polidoro e s´impossesso dell´oro
con la violenza. A cosa non spingi i cuori mortali,
maledetta fame di oro. Dopo che la paura lasciò le ossa,
riferisco i prodigi degli dei ai capi scelti del popolo e prima
al padre, e chiedo quale sia il parere.
Per tutti una sola volontà, andarsene dalla terra scellerata,
lasciare l´ospitalità macchiata e dare gli Austri alle flotte.
Così celebriamo il funerale per Polidoro, e molta
terra si raccoglie per il tumulo; per i Mani si ergon gli altari
tristi per le fosche bende ed il nero cipresso,
e le Iliadi attorno secondo il rito, sciolte la chioma;
offriamo vasi spumanti di tiepido latte
e tazze di sangue sacro, copriamo l´anima col sepolcro
e lo chiamiamo per l´ultima volta a gran voce.


L´ORACOLO DI APOLLO ( 3. 69 - 120)
Poi quando c´è la prima fiducia nel mare ed i venti
rendono le acque placate ed il leggero Austro crepitando
invita al largo, i compagni traggono le navi e riempion le spiagge;
vi allontaniamo dal porto e terre e città si ritirano.
In mezzo al mare è abitata una terra sacra molto gradita
alla madre delle Nereidi ed a Nettuno egeo,
che il pio arcotenente legò a Micono, poichè errava
attorno a lidi e spiagge dall´alta Giaro,
concesse che immobile fosse coltivata e disprezzasse i venti.
Qui son portato, questa placidissima ci accolse stanchi
nel porto sicuro; usciti veneriamo la città di Apollo.
Il re Anio, lo stesso re di persone e sacerdote di Febo,
coronato le sacre tempia di bende e d´alloro
accorre; riconobbe il vecchio amico Anchise.
Giungiamo le destre per l´ospitalità ed entriam nelle case.
Veneravo i templi del dio costruiti su antica roccia:
"Dà una casa propria, Timbreo; agli stanchi dà le mura
e una stirpe e una città duratura; serba la seconda Pergamo
diTroia, i resti dei Danai e del crudele Achille.
Chi seguiamo? o dove comandi d´andare? dove porre le sedi?
Dà, padre, un presagio e penetra nei nostri cuori."
Avevo appena detto così: si vide tutto tremare,
le soglie e l´alloro del dio, muoversi tutto attorno
il monte e mugghiare il tripode, squarciati i penetrali.
Inchinati ci volgiamo a terra ed una voce si sente alle orecchie:
"Dardandi duri, la terra che per prima vi creò dalla stirpe
dei padri, la stessa vi accoglierà reduci
nel fertile seno. Ricercate l´antica madre.
Qui la casa d´Enea dominerà tutte le spiagge
ed i figli dei figli e chi nascerà da essi."
Così Febo; nacque una enorme gioia con unito
tumulto, e tutti chiedon quali sian quelle mura,
dove Febo chiami gli erranti ed ordini che tornino.
Allora il padre meditando i ricordi degli uomini antichi
"Udite, o capi, dice, ed imparate le vostre speranze.
Creta, isola del grande Giove, giace in mezzo al mare,
dove è il monte ideo e culla del nostro popolo.
Abitano cento grandi città, regni ricchissimi,
Donde il massimo padre, Teucro, se ricordo bene le storie,
fu prima condotto nelle spiagge retee,
e vi volle la sede per il regno. Non erano ancora fondate Ilio
e le rocche pergamenee; abitavan in fondo alle valli.
Di qui la madre abitatrice di Cibelo ed i bronzi coribantici
ed il bosco ideo, di qui i fidati silenzi per i riti,
ed i leoni aggiogati si sottoposero al cocchio della padrona.
Perciò coraggio, dove gli ordini degli dei guidano, seguiamo:
placgiamo i venti e cerchiamo i regni cnosii.
Non distano lungo spazio: solo Giove ci assista,
la terza luce porterà la flotta sulle spiagge cretese."
Detto così, immolò sugli altari giuste vittime,
un toro a Nettuno, un toro a te, splendido Apollo,
nero animale a Tempesta, agli Zefiri propizi uno bianco.


LA PESTILENZA ( 3.121 - 146)
Vola la fama che il capo Idomeneo cacciato sia partito
dai regni paterni e deserti i lidi di Creta,
la casa manca di nemico e le sedil asciate aspettano.
Lasciamo i porti di Ortigia e voliamo sul mare
e passiamo Nasso percorsa da Bacco sui gioghi e la verde Danusa,
Olearo e la nivea Paro e le Cicladi sparse pel mare,
ed i flutti spinti da terre frequenti.
s´alza il grido marinaresco con vario scontro:
i compagni esortano a cercare Creta e gli antenati.
Il vento sorgente da poppa asseconda i partenti,
e finalmente accostiamo alle antiche spiagge dei Cureti.
Quindi avido costruisco le mura della città bramata
e la chiamo Pergamea ed esorto il popolo, lieto per il nome
ad amare i focolari ed innalzare sopra i tetti la rocca.
E ormai quasi le poppe eran tirate sul secco lido,
la gioventù intenta a nozze e campi nuovi,
davo leggi e case, quando d´improvviso giunse una peste, corrottasi
la regione del cielo, funesta e miserevole per i corpi,
gli alberi ed i seminati annata mortale.
Lasciavano le dolci vite o trascinavano malati
i corpi; allora Sirio bruciaca gli sterili campi,
le erbe inaridivano e la messe malata rifiutava il nutrimento.
Di nuovo il padre esorta, ripassato il mare, ad andare
da Apolo e dall´oracolo di Ortigia ed invocare perdono,
quale fine porti alle deboli sorti, donde ordini di provare
l´aiuto delle fatiche, dove volger la rotta.


I SACRI PENATI ( 3. 147 - 191)
Era notte e il sonno in terra possedeva i viventi:
le statue sacre degli dei ed i penati frigi, che con me
avevo tratto da Troia di mezzo alle fiammme,
sembrarono davanti agli occhi giacenti nel sonno
ergersi chiari nella forte luce, dove la luna piena
si spandeva attraverso le finestre aperte;
allora così parlavano lenivano gli affanni con queste frasi:
"Quello che apollo sta per dirti, giunto ad Ortigia,
qui predice ed ecco in piùinvia noi alle tue porte .
Noi dopo aver seguito te e le tue armi,
noi dopo aver percorso il rigonfio mare con le flotte sotto di te,
proprio noi innalzeremo alle stelle i nipoti venturi
e daremo il potere alla città. Tu prepara mura grandi
ai grandie no lasciare la lunga fatica della fuga.
Le sedi son da cambiare. Il delio non ti consigliò questi
lidi o Apollo comandò di fermarti a Creta.
C´è un luogo, i Grai lo chiamano col nome di Esperia,
terra antica, potente per armi e ricchezza di terra;
gli uomini Enotri la abitarono; ora è fama che i discendenti
abbiam chiamato Italia il popolo dal nime del capo.
Queste per noi le sedi proprie, di qui è nato Dardano
ed il padre Iasio, da questo principe la nostra stirpe.
Orsù alzati e lieto riferisci al vecchio padre queste frasi
da non dubitare: e Corito cerchi le terre
ausonie; Giove ti rifiuta i campi dittei."
Attonito per tali visioni e richiamo degli dei
- nè quello era sonno, ma mi sembrava riconoscere
i volti e le chiome velate ed i volti presenti-
allora un gelido sudore emanava da tutto ilcorpo
strappo dai letti il corpo e tendo supine al cielo
le mani con invocazione e libo sui fuochi
dono inviolati. Lieto per l´offerta compiuta
rendo informato Anchise e per ordine espongo la cosa.
Riconobbe la duplice prole ed i due padri,
e che s´era ingannato per il nuovo errare dei luoghi.
Allora ricorda: "Figlio, tormentato dai fati iliaci,
la sola Cassandra mi prediva tali sorti.
Ora riconosco che prediceva queste cose dovute alla nostra stirpe
spesso nominava l´Italia, spesso i regni italici.
Ma chi poteva credere che i Teucri sarebbero giunti ai lidi
d´Esperia? o chi la profetessa Cassandra poteva convincere?
Cediamo a Febo e istruiti seguiamo cose migliori".
Così dice e tutti festanti obbediamo al discorso.
Lasciamo anche questa sede e, perduti pochi,
diamo le vele e con il vcavo legno corriamo il vasto mare.


LA FURIOSA TEMPESTA ( 3. 192 - 208)
Dopo che le barche presero il largo e non appare più
alcuna terra, e cielo ovunque e ovunque mare,
allora mi sovrastò sul capo una livida pioggia
portando notte e tempesta e l´onda inorridì oer le tenebre.
Subito i venti sconvolgono il mare e grandi ondate
sorgono, dispersi siamo sbattuti nel vasto gorgo;
i nembi avvolseroil giorno e l´umida notte tolse
il cielo, squarciate le nubi, i fulmini raddoppiano,
siamo deviati dalla rotta ed erriamo sulle cieche onde.
Lo stesso Palinuro dice di non distinguere giorno e notte
nel cielo e di non ricordare la via in mezzo all´onda.
Così per tre interi soli nella cieca caligine
erriamo pel mare, altrettante notti senza stella.
Al terzo giorno finalmente dapprima fu vista ergersi
la terra, lontano aprirsi i monti ed alzarsi il fumo.
Cadono le vele, ci drizziamo sui remi; non un indugio,
i marinai sforzandosi muovono spume e spazzano le livide onde.


LA TERRIBILI ARPIE ( 3. 209 - 269)
Anzitutto mi accolgono, salvato dalle onde, i lidi
delle Strofadi. Le isole dette Strofadi dal nome graio
stanno nel grande Ionio, che la crudele Celeno
e le altre Arpie abitano, dopo che fu chiusa la casa
Fineo e per paura lasciarono le prime mense.
Non c´è mostro più funesto di quelle, nè alcuna peste
peggiore ed ira degli dei si alzò dalle onde stigie.
Virginei volti di uccelli, fetidissimo flusso
di ventre e mani uncinate e facce sempre pallide
per fame.
Come qui portati entrammo nei porti, ecco
vediamo grassi armenti di buoi qua e là nelle piane
ed un gregge di capre per l´erba senza custode.
Ci buttiamo col ferro ed invochiamo gli dei e lo stesso
Giove per la parte ed il bottino; poi sulla spiaggia ricurva
collochiamo letti e banchettiamo con cibi abbondanti.
Ed improvvise con orribile volata dai monti le Arpie
si presentano e scuotono le ali con grandi schiamazzi,
saccheggian le vivande e coll´immondo contatto sporcano
tutto; poi lo stridio crudele tra l´orribile odore.
Di nuovo in un lungo riparo sotto una rupe incavata
[chiusa attorno da alberi ed ombre raggelanti]
prepariamo le mense e poniamo sugli altari il fuoco.
Di nuovo da parte diversa del cielo e da ciechi nascondigli
la turba rimbombante vola attorno alla preda con zampe adunche,
con la bocca sporcò i cibi: allora ordino ai compagni che prendano
le armii, e la guerra è da combattere con gente crudele.
Non diversamente dall´ordine agiscono e dispongono per l´erba
le spade coperte e nascondono gli scudi latenti.
Perciò quando scendendo fecero un frastuono lungo i lidi
ricurvi, Miseno dà il segnale dall´alta vedetta
col bronzo cavo. I compagni attaccano e tentano strani scontri,
colpire col ferro gli orribili uccelli del mare.
Ma non ricevono alcun colpo alle penne ne ferite
al dorso, e con celere fuga volando sotto le stelle
lasciano semidivotata la mensa ed orme schifose.
Sola Celeno si fermò su altissima rupe,
funesta indovina, esplode dal petto questa frase:
"Pure una guerra, Laomenziadi, vi prepate forse a scatenare
oltre la strage di buoi e giovenchi ammazzati, una guerra,
e cacciare dal regno paterno le incolpevoli Arpie?
Accoglietele dunque ficcatele in cuore queste mie parole,
che il padre onnipotente predisse a Febo, e Apollo Febo
a me, io la più grande delle Furie ve le svelo.
Cercate con la rotta l´Italia e la invocate coi venti:
andrete in Italia e sarà permesso entrare nei porti.
Ma non cingerete con mura la città data prima che
la fame crudele e l´offesa del nostro attacco
vi costringa per i mali a consumare le mense divorate."
Disse, e levatasi con le ali si rifugiò nella selva.
Ma sangue gelido per la paura il sangue si ghiacciò
ai compagni: i cuori crollarono, neè più ormai con armi,
ma con voti e preghiere vogliono chiedere pace,
sia che siano dee che orribili e crudeli uccelli.
Ed il padre Anchise, stese le palme, dal lido
chiama le grandi potenze e indice riti dovuti:
"O dei, allontanate le minacce; dei, togliete tale sorte
e voi, sereni, salvaate i pii."Poi ordina di levare la fune
dal lido e allentare le corde srotolate.
I Noti tendono le vele: fuggiamo sulle onde spumeggianti,
dove e vento e nocchiero chiamava la rotta.


UNA SOSTA AD AZIO (3.270 - 293)
Ormai inmezzo al mare appare Zacinto selvosa
e Dulichio e Same e Nerito scoscesa di rocce.
Sfuggiamo gli scogli di Itaca, regni laerzii,
e malediciamo la terra nutrice del crudele Ulisse.
Subito e le piovose cime del monte Leucate
e si apre Apollo temuto dai marinai.
Stanchi lo cerchiamo e ci avviciniamo alla piccola città;
l´ancora è gettata da prora, le poppe stanno sul lido.
Impadronitici finalmente della terra insperata
ci purifichiamo per Giove e incendiamo gli altari di voti,
e festeggiamo i lidi di Azio coi giochi iliaci.
I compagni spogliati, scorrendo l´olio, praticano i giochi padri: è bello aver superato tante città
argoliche ed aver affrontato la fuga in mezzo ai nemici.
Intanto il sole avvolge un grande anno
ed il glaciale inverno con gli Aquiloni inasprisce le onde.
Attacco sui battenti anteriori lo scudo di cavo bronzo,
armamento del grande Abante, e segno il fatto con un verso:
Enea (offre) queste armi (tolte) ai Danai vincitori.
Poi ordino di lasciare i porti e sedere sui banchi.
A gara i compagni battono il mare e spazzano le piane: 390
Subito lasciamo le aeree rocche dei Feaci,
raggiungiamo i lidi dell´Epiro ed entriamo nel porto
caonio e ci avviciniamo alla eccelsa città di Butroto.

ANDROMACA ED ELENO ( 3. 294 - 355)
Qui un´incredibile fama mi riempie le orecchie,
che il priamide Eleno regna in città graie 295
impafronitosi delle nozze e degli scettri dell´eacide Pirro,
e che Andromaca è passata di nuovo ad un marito della patria.
Stupii, il cuore acceso da singolare amore
di parlare all´uomo e conoscere sì grandi sorti.
Avanzo dal porto lasciando flotte e lidi,
quando per caso Andromaca libava alle ceneri vivande e tristi doni davanti alla città in un bosco alla riva
d´un falso Simoenta ed invocava i Mani
presso il tumulo di Ettore, che vuoto aveva consacrato
con verde zolla e due altari, motivo per le lacrime.
Come mi osservò arrivare e fuor di sè vide attorno
le armi troiane, atterrita per le garndi visioni
sbiancò in mezzo al volto, el calore lasciò le ossa.
Sviene e a stento finalmente dopo lungo tempo parla:
"Ti presenti a me come vera forma, vero nunzio,
figlio di dea? sei forse vivo? o se la grande luce fuggì,
Ettore dov´è?" disse e versò lacrime e riempì
tutto il luogo di pianto. A stento rispondo poche parole
a lei che freme e turbato parlo con poche parole:
"Vivo certamente, ma conduco una vita ai limiti estremi;
non dubitare, infatti vedi cose vere.
Ahimè, quale sorte ti accoglie, privata di sì grande
marito, o quale fortuna abbastanza degna ti visitò,
o Andromaca di Ettore? serbi forse le nozze di Pirro?"
Abbassò il volto e a voce bassa parlò:
"O sola fra le altre felice vergine priamea,
obblifgata a morire sotto le alte mura di Troia
presso il tumulo nemico, che non soffrì nessun sorteggio
nè prigioniera toccò il letto del padrone vincitore.
Noi, incendiata la città, condotte per diversi mari
costrette alla schiavitù sopportammo l´orgoglio
ed il superbo giovane della stirpe achillea; ma lui poi
seguendo Ermione ledea e nozze lacedemonie
lasciò me schiava da possedere allo schiavo Eleno
ma lo coglie, incauto, Oreste infuriato per il grande amore della moglie strappata e scosso dalle furie
dei delitti e lo sgozza presso gli altari paterni.
Per la morte di Neottolemo una parte fatta dei regni
passò ad Eleno, che chiamò caonie le piane
e tutta la Caonia dal nome troiano di Caone,
ed aggiunse sulle cime questa Pergamo, rocca iliaca.
Ma te quale rotta diedero i venti, quqli fati?
o quale dio spinse alle nostre spiagge te ignaro?
E il piccolo Ascanio? vive forse e si pasce dell´aria?
chi ormai da Troia ti ...
che amore c´è nel bambino della madre perduta?
forse che il padre Enea e lo zio Ettore lo spinge
all´antico eroismo ed al coraggio virile?"
Così prorompeva piangendo ed invano faceva lunghi
lamenti, quando dalle mura l´eroe priamide Eleno,
accopagnandolo molti, si presenta,
e riconosce i suoi e lieto li conduce alle porte,
e versa lacrime, molto, tra le singole parole.
Avanzo e riconosco una piccola Troia e Pergamo
imitante la grande ed un ruscello secco col nome
di Xanto, ed abbraccio le soglie della porta Scea;
Anche i Teucri insieme godono della città alleata.
Il re li accoglieva in ampli porticati:
in mezzo alla sala libavano coppe d´oro di Bcco,
apparecchiate vivande e tenevano tazze

LE PROFEZIE DI ELENO ( 3. 356 - 471)
Ed ormai un giorno ed altro giorno passò, i venti
chiaman le vele e la tela si gonfia del ricco Austro:
avvicino il vate con queste parole e così prego:
" Figlio di Troia, interprete degli dei, che le potenze
d´Apollo, che i tripodi ed i lauri di Clario, che le stelle senti
e le lingue degli uccelli ed i presagi del rapido volo,
orsù parla, infatti ogni auspicio favorevole predisse
la rotta, e tutti gli dei col volere consigliarono
cercare l´Italia e tentare terre remote;
l´arpia Celeno unica profetizza un prodigio funesto
a dirsi ed annuncia tristi ire ed una fame
tremenda, quali pericoli evito per primi?
o cseguendo che cosa potrei superare sì grandi affanni?
Qui Eleno prima, uccisi i giovenchi, secondo il rito
invoca la pace degli dei e scioglie le bende
del sacro capo, e lui conduce, o Febo, per mano
alle tue porte me dubbioso per la immensa potenza,
ed infine il sacerdote così profetizza dalla bocca divina:
"Figlio di dea, (infatti è chiara certezza che tu vai per mare
con maggiori auspici); così il re degli dei sorteggia i fati
e volle le vicende, questo piano si compie,
rivelerò tra molte parole poche cose, perchè più sicuro
possa visitare acque hospitali e fermarti
nel porto ausonio; le Parche impediscono che Eleno
sappia altro e la saturnia Giunone vieta di parlare.
All´inizio ti prepari a toccare l´Italia, che tu già
credi prossima, ed i porti vicini, o ignaro,
una lunga via impervia lontano divide da lunghe terre.
C´è da piegare il remo in onda trinacria
e da visitare colle navi l´acqua del mare Ausonio, ed i laghi infernali,
e l´sola Eea di Circe, prima che tu possa
fondare suterra sicura una città.
Ti dirò i segni, tu li terrai serbati in mente:
quando davanti a te preoccupato presso l´onda di un fiume
ignoto una enorme scrofa trovata sotto gli elci del lido
giacerà avendo partorito trenta capi, bianca, sdraiata al suolo,
attorno alle mammele trenta piccoli bianchi,
quello sarà il luogo della città, quella la certa quiete degli affanni.
Tu non temere i futuri morsi delle mense:
i fati troveranno la via e Apollo invocato assisterà.
Ma fuggi queste terre e questa spiaggia del lido italo,
che vicino è bagnato dalla marea della nostra acqua;
tutte le mura sono abitate dai malvagi Grai.
Qui anche i Locri narici posero le mura
ed il lizio Idomeneo occupò le piane sallentine
di soldataglia; qui la piccola città del capo Melibeo
di Filottete, Petelia, è appoggiata al muro.
Anzi quando le flotte passate oltre le onde staranno
e fatti gli altari ormai scioglierai voti sul lido,
vela le chiome coperto di manto purpureo,
che non capiti qualche aspetto ostile e turbi gli auspici
tra i sacri fuochi nella cerimonia degli dei.
I soci mantengano questo rito, questo anche tu;
in questo cerimoniale restino puri i nipoti.
Ma quando il vento ti avrà spinto, partito, alla spiaggia
sicula e si apriranno i recinti dell´angusto Peloro,
da te la terra sinistra, le acque sinistre sian seguite
nel lungo circuito; fuggi il lido destro e le onde.
Raccontano che un tempo questi luoghi sconvolti da forza
e vasta frana (tanto una lunga vetustà di tempi può cambiare)
sussultarono, diventando subito le due terre
una sola: in mezzo venne con forza il mare e con le onde
troncò il lato esperio dal siculo, e bagnò con angusto
flusso i campi e le città separate dal lido.
Scilla occupa il lato destro, il sinistro l´implacabile
Cariddi, e nel profondo gorgo del baratro tre volte
risucchia i vasti flutti nell´abisso e di nuovo li scaglia
all´aria alterni e con l´onda sferza le stelle.
Ma una grotta costringe Scilla in ciechi nascondigli
scoprendo le bocche e trascinando le navi sulle rocce.
In alto volto di persona e ragazza dal bel petto
fino al pube, in basso pistrice dal corpo enorme
unita con code di delfini a ventre di lupo.
Conviene percorrere le cime del trinacrio Pachino
scappando, e piegare attorno lunghe rotte,
che aver visto una volta sotto il vasto antro l´orribile
Scilla e le rocce risuonanti di lividi cani.
Inoltre, se il vate Eleno ha qualche saggezza,
se ha qualche fiducia, se Apollo gli empie l´animo di cose vere,
proclamerò una cosa a te, figlio di dea, una sola per tutte,
e riprendendola ancora e ancora esorterò,
adora anzitutto con supplica la maestà della grande Giunone,
a Giunone canta voti lieto e vinci la potente signora
con supplici doni: così finalmente vittorioso,
lasciata la Trinacria, sarai mandato sui territori itali.
Qui giunto comme giungerai alla città di Cuma
ed ai laghi divini ed all?averno risuonante di selve,
vedrai l´invasata profetessa, ai piedi d´una rupe
profetizza i fati ed affida alle foglie segni e nomi.
Qualsiasi verso la vergine abbia scritto sulle foglie
li mette in ordine e li lascia chiusi nella grotta:
essi restano immobili al posto ne cambiano dall´ordine.
Ma quando una leggera brezza, giratosi il cardine, li
ha colpiti e la porta ha sconvolto le tenere fronde,
mai più si cura di prenderli, volando nella cava roccia
nè metterli a posto ed unire i versi:
sconsiderati se ne vanno ed odiano la casa della Sibilla.
Qui nessun dispendio di tempo ti sia di grande importanza,
anche se i compagni sgridino e con forza la rotta
chiami al largo le vele e possa saziare le pieghe favorevoli,
perchè non avvicini la profetessa e chieda con preghiere
che lei stessa pronunci gli oracoli e volente sciolga la voce
e le labbra. Ella ti spiegherà i popoli d´Italia e le guerre
future e come fuggire e sopportare ogni
affanno, e venerata darà rotte sicure
Queste son le cose che sia lecito consigliar con la nostra voce.
Orsù va´ e con le imprese porta la grande Troia alle stelle".
Dopo che il vate pronunciò queste parole con volto amico,
ancora ordina che sian portate alle navi doni
pesanti di oro e d´avorio lavorato e stipa nelle carene
molto argento e catini dodonei,
una corazza intessuta a maglie e triplice d´oro,
ed il cono di splendido elmo e creste frondeggianti,
armi di Neottolemo. Anche il padre ha i suoi doni.
Aggiunge cavalli, ed aggiunge cocchieri,
completa il remeggio, ed insieme fornisce i compagni di armi.

COMMIATO E PARTENZA ( 3. 472 - 505)
Frattanto Anchise ordinava di preparare la flotta
con remi, che non capitasse un ritardo al vento soffiante.
Il profeta di Febo lo saluta con molto onore:
"Anchise, degnato del superbo matrimonio di Venere,
attenzione degli dei, due volte strappato dai crolli pergamenei,
ecco a te la terra di Ausonia: prendila con le vele.
e tuttavia è necessario passarla oltre per mare:
quella parte d´Ausonia che Apollo apre lontano.
Va´, dice, felice per la virtù del figlio. Perchè oltre
mi spingo e parlando freno gli Austri nascenti?"
Nè di meno Andromaca triste per l´estrema partenza
porta vesti tessute di trama d´oro
e per Ascanio una clamide frigia nè è inferiore di offerte
e carica di doni tessili e così dice:
"Accogli anche questi, che siano i ricordi delle mie mani,
fanciullo ed attestino il grande amore di Andromaca,
sposa ettorea. Prendi gli ultimi doni dei tuoi,
oh per me unica immagine del mio Astianatte.
Così gli occhi, così lui le mani, così il volto aveva;
ed ora crescerebbe con te di pari età."
Costoro io partendo salutavo, rinate le lacrime:
"Vivete felici, per i quali la propria sorte è già
compiuta: noi siam chiamati da altre in altre sorti.
Per voi nacque la pace: nessuna acqua di mare da solcare,
nè da cercare i campi d´Ausonia, sempre indietreggianti.
Voi vedete la vista dello Xanto e Troia,
che le vostre mani han fatto, prego con migliori
auspici e che sian stati meno buoni ai Grai.
Se mai raggiungerò il Tevere ed i campi vicini del Tevere
e vedrò le mura date al mio popolo,
allora faremo le città gemelle ed i popoli amici,
l´Esperia all´Epiro, per i i quali lostesso Padre Dardano
e le stesse sorti, (faremo) unica di cuori una e l´altra
Troia: tale premura conservi i nostri nipoti."


LA TERRA D´ITALIA (3. 506 - 546)
Siam portati per mare fino ai vicini Cerauni, da cui la strada e la rotta brevissima tra l´onde per l´Italia.
Intanto il sole cade ed i monti opachi si coprono d´ombra.
Ci stendiamo presso l´onda nel grembo della desiderata terra
sorteggiati i remi e qua e là sulla secca spiaggia
curiamo i corpi, il sonno irrora le stanche membra.
Nè ancora la Notte spinta dalle Ore affrontava metà del giro:
non pigro Palinuro s´alza dal giaciglio ed esplora tutti i venti e coglie l´aria con le orecchie;
nota tutte le stelle correnti nel tacito cielo,
Arturo e le Iadi piovose ed i gemelli Trioni,
ed esamina Orione armato d´oro.
Dopo che vede stare tutto nel cielo sereno,
dalla poppa dà il segnale squillante; noi muoviamo il campo
e tentiamo la via ed apriamo le ali delle vele.
Ed ormai l´Aurora, fugate le stelle, rosseggiava,
quando lontano vediamo colli oscuri e bassa
l´Italia. Italia per primo grida Acate,
l´Italia salutano i compagni con lieto clamore.
Allora il padre Anchise rivestì fino all´orlo una grande
coppa e la riempì di vino, ed invocò gli dei
stando sull´alta poppa:
"Dei potenti del mare e della terra e delle tempeste,
offrite col vento una via facile e soffiate favorevoli."
Le brezze bramate crescono ed ormai più vicino si apre
il porto, e sulla rocca appare il tempio di Minerva;
i compagni raccolgon le vele e girano le prore ai lidi.
Il porto curvato ad arco dal flutto orientale,
gli scogli pronunciati spumeggiano di spruzzo salmastro,
egli però si cela: gli scogli turriti slanciano braccia
conmura gemelle ed il tempio indietreggia dal lido.
Qui quattro, primo augurio, quattro cavalli vidi
brucanti la piana in largo, di niveo candore.
E il padre Anchise "Guerra, oterra ospite, porti:
i cavalli si armano per la guerra, questi armenti minacciano guerra. Ma pure un tempo abituati a sottomettersi al cocchio
i quadrupedi e portare col giogo i freni concordi:
speranza anche di pace" dice. Allora preghiamo le sacre potenze
di Pallade armisonante, che per prima ci accolse festanti,
e davanti agli altari ci veliamo col manto frigio,
e coi consigli di Eleno, che aveva dato importantissimi,
ritualmente bruciamo a Giunone ausonia le offerte ordinate.


LA TERRA DEI CICLOPI ( 3. 547 - 582)
Nessun indugio, subito compiuti i voti per ordine
giriamo le punte delle antenne con vele,
e lasciamo le case dei Graiugeni ei i campi sospetti.
Di qui si vede iò golfo di Taranto erculea, se è vera
la fama, davanti si leva la divina Lacinia,
e le rocche caulonie e lo Squillace navifrago.
Allora lontano dal flutto si vede l´Etna trinacria,
e sentiamo un grande sussulto del mare e le rocce battute
e lungi le voci rotte alle spiagge,
le secche sussultano e le sabbie son mischiate dalla marea.
Ed il padre Anchise: " Certamente è qui quella Cariddi:
Eleno profetizzava questi scogli, queste orrende rocce.
Toglietevi, compagni, ed insieme alzatevi sui remi."
Non di meno comandati eseguono e per primo Palinuro
volse la prora stridente alle onde di sinistra;
tutto il gruppo con venti e remi si volse a sinistra.
Corvatosi il gorgo, siam alzati al cielo e parimenti,
sottrattasi l´onda, sprofondammo in fondo ai Mani.
Tre volte gli scogli tra le cave rupi diedero fragore,
tre volte vedemmo la spuma scagliata e le stelle stillanti.
Frattanto il vento col sole ci lascia stanchi,
ignari della via scivoliamo alle spiagge dei Ciclopi.
Il porto stesso enorme ed immoto dall´accesso dei venti:
ma vicino l´Etna con terribili scosse tuona,
talvolta esplodee nell´aria una nube nera
fumante di bufera di pece e di fiamma incandescente.
ed alza globi di fiamme e lambisce le stelle;
a volte solleva eruttando scogli e viscere del monte
strappate, ed accumula rocce liquefatte sotto le brezze
con un gemito e ribolle fin dal massimo fondo.
E´ fama che il corpo di Encelado semiarso dal fulmine
sia bloccato da questa mole e sopra l´ingente Etna
imposta dai rotti camini emetta la fiamma,
ed ogni volta che muti il fianco stanco, tutta la Trinacria
trema con mormorio ed intesse il cielo di fumo.

IL MISERO GRECO ACHEMENIDE ( 3. 583 -654)
Quella notte coperti nei boschi sopportiamo orribili
prodigi, nè vediamo quale causa dia rumore.
Infatti non c´eran i fuochi degli astri nè il cielo lucido
di etere stellare, ma nubi nell´oscuro cielo,
ed una notte fosca teneva la luna in un nembo.
Il giorno seguente sorgeva appena e l´Aurora
aveva cacciato dal cielo orientale l´umida ombra,
quando d´improvviso dai boschi una strana forma
colpita da estrema macilenza e miserabile d´aspetto,
di un uomo sconosciuto avanza e sulla spiaggia tende supplice
le mani. Lo osserviamo. Crudele sporcizia e barba incolta,
un vestiario tenuto da spine: ma per il resto Graio,
ed un tempo mandato a Troia in armi patrie.
Ma egli quando vide lontano aspetti dardanici
ed arme troiane, un poco atterrito alla vista esitò
e trattenne il passo; poi a precipizio sul lido
si portò con pianto e preghiere: "Per le stelle scongiuro,
per i celesti e per questo respirabile luce del cielo,
prendetemi, Teucri, conducetemi in qualsiasi terra
Questo basterà. So e confesso che io, uno delle flotte
danae con la guerra ho assalito i Penati iliaci.
E per questo, se sì grande è l´oltraggio del nostro delitto,
buttatemi tra i flutti e immergetemi nel vasto mare;
se muoio, sarà dolce esser morti per mani di uomini.
Aveva detto ed abbracciate le ginocchia prostrandosi
si avvinghiava alle ginocchia.Esortiamo a dire chi sia, da quale
stirpe nato, a dichiarare quale sorte lo perseguiti.
Lo stesso padre Anchise, indugiando non molto, dà la destra
al giovane e rassicura l´animo con immediata garanzia.
Egli finalmente, deposta la paura, parla così:
"Sono di Itaca, mia patria, compagno dell´infelice Ulisse,
di nome Achemenide, partito per Troia, essendo il genitore
Adamasto povero, oh foosse rimasta la sorte.
Qui mi lasciarono i compagni, mentre impauriti abbandonavano
le crudeli soglie, immemori, nella vasta spelonca del Ciclope.
Una casa buia dentro, enorme, con marciume e cibi
insanguinati. Lui alto e tocca le stelle eccelse, o dei
allontanate tale peste dalle terre.
Nè gradevole alla vista nè cortese di parola con qualcuno;
si ciba delle viscere e del nero sangue di infelici.
Lo vidi io quando disteso in mezzo all´antro spaccava
con la grande mano due individui presi dal nostro gruppo,
e le porte s´inondavano di marciume spruzzato;
lo vidi quando mangiava le membra grondanti di nero
putridume e gli arti tiepidi tremavano sotto i denti.
Senz´altro no impunemente, nè Ulisse sopportò tali cose
o si scordò di sè in sì grande pericolo.
Infatti appena riempito di cibi e sepolto nel vino
posò il collo piegato e giacque per l´antro, immenso,
eruttando marciume e pezzi mescolati a vino insanguinato
nel sonno, noi, pregate le grandi potenze e
sorteggiate le parti insieme ci allarghiamo
attorno e trivelliamo con palo aguzzo l´enorme
occhio, che solo si celava sotto la fronte torva,
come scudo argolico lampada febea e finalmente
lieti vendichiamo le ombre dei compagni.
Ma fuggite, o miseri, fuggite e dal lido rompete
la fune.
Infatti tale e sì grande Polifemo chiude nel cavo
antro le lanute pecore e preme le mammelle,
cento altri orrendi Ciclopi abitano presso questi curvi lidi in gruppo e vagano per gli alti monti.
Ormai tre corna della luna si riempiono di luce
da quando nei boschi tra deserte tane di belve e
vaste case trascino la vita ed osservo dalla roccia
i Ciclopi e temo il rumore dei piedi e la voce.
I rami danno vitto sterile, bacche e dure cornie
e le erbe, strappate le radici nutrono.
Osservando tutto anzitutto ho visto questa flotta
che giungeva ai lidi. Mi affidai a questa, qualunque
fosse stata: è sufficiente esser sfuggito a gente sacrilega.
Voi piuttosto toglietemi questa vita con qualsiasi morte."


POLIFEMO ED I CICLOPI (3. 655- 691)
Appena aveva così parlato che sulla sommità del monte
vediamo muoversi lo stesso Polifemo con la vasta mole
pastore tra le pecore e dirigersi tra i lidi conosciuti.
Mostro orrendo, informe, enorme, cui era tolto l´occhio.
Un pino troncato guida la mano assicura le orme;
l´accompagnano pecore lanose; quella la sola passione
e consolazione del male.
Dopo che toccò i flutti profondi e giunse alle acque,
allora lavò il fluido sangue dell´occhio cavato.
Fremendo coi denti per il gemito ed avanza poi in mezzo
all´acqua e neppure il flutto bagnò gli alti fianchi.
Noi trepidanti ci decidiamo ad accelerare la fuga di lì,
raccolto il supplice così benemerito e tagliare taciti
la fune,e chini sui remi vincenti le acque.
Sentì ed al suon della voce volse le orme.
Ma poichè non è data alcuna possibilità d´afferraci con la destra
nè è capace inseguendo di eguagliare i flutti ionii
alza un urlo immenso, per cui il mare e tutte
le onde tremarono, profondamente atterrita è la terra
d´Italia e l´Etna nelle tortuose caverne mugghiò.
Ma il popolo dei Ciclopi chiamato dai boschi e dagli alti
monti corre ai porti e riempie le spiagge.
Vediamo i fratelli etnei ergersi con l´occhio invano
torvo che portavan le alte teste al cielo,
orrenda adunata: come quando coll´eccelsa cima
le aeree querce o i coniferi cipressi si alzarono,
alta selva di Giove o bosco di Diana.
Un´intensa paura ci muove rapidi ovunque a svolger
le funi e tendere le vele ai venti favorevoli.
Ma gli ordini di Eleno avvertono e tra Scilla e Cariddi,
doppiamente via in un piccolo intervallo di morte,
se non tengo la rotta: è sicuro dar le vele all´indietro.
Ma ecco Borea inviato dal piccolo stretto di Peloro
si presenta: oltrepasso le porte di viva roccia
di Pantagia, il golfo di Megara e Tapso distesa.
Achemenide, compagno di Ulisse infelice, mostrava
tali spiagge percorse riandandole a ritroso.


LA MORTE DEL PADRE ANCHISE ( 3. 687 - 718)
Di fronte al golfo sicanio giace, stesa davanti, un´isola contro
l´ondoso Plemurio; gli antichi diedero il nome
di Ortigia. E´ fama che Alfeo, fiume dell´Elide,
avesse qui rese occulte le vie sotto il mare, egli ora,
Aretusa, sulla tua bocca si unisce alle onde sicule.
Obligati veneriamo le grandi potenze del luogo e di lì
supero il ricchissimo suolo dell´Eloro stagnante.
Di qui rasentiamo le alte rocce e le protese rupi
di Pachino e da lontano appare Camerina mai
autorizzata dai fati a muoversi, ed i campi Geloi,
e la grandiosa Gela chiamata dal nome del fiume.
Di lì alta Agrigento mostra da lontano le grandissime
mura, un tempo fattrice di magnanimi cavalli;
e, dati i venti, lascio te, palmosa Selinunte,
e percorro le secche lilibee aspre per le cieche rocce.
Di qui mi accoglie il porto e la spiaggia che non dà gioia
di Drepano. Qui spinto da tante bufere di mare,
ahimè, perdo il padre, sollievo di ogni affanno e sorte,
Anchise. Qui, padre ottimo, mi abbandoni stanco, ahimè,
invano strappato da sì gravi pericoli.
Nè il vate Eleno, pur predicendo molte cose orrende,
mi predisse questi lutti, nemmeno la crudele Celeno.
Qui l´ultima affanno, questa la meta delle lunghe vie,
di qui partito un dio mi spinse alle vostre spiagge.
Così il padre Enea solo raccontava, tutti attenti,
i fati degli dei e rivelava le rotte.
Tacque infine e qui si fermò col racconto e la fine.