L´Eneide (Libro 5)


LATINOITALIANO

DE PYRA (5.1-7)
Interea medium Aeneas iam classe tenebat 5.1
certus iter fluctusque atros Aquilone secabat
moenia respiciens, quae iam infelicis Elissae
conlucent flammis. quae tantum accenderit ignem
causa latet; duri magno sed amore dolores
polluto, notumque furens quid femina possit,
triste per augurium Teucrorum pectora ducunt.


DE APPULSU IN SICILIAM (5.8-34)
ut pelagus tenuere rates nec iam amplius ulla 5.8
occurrit tellus, maria undique et undique caelum,
olli caeruleus supra caput astitit imber
noctem hiememque ferens et inhorruit unda tenebris.
ipse gubernator puppi Palinurus ab alta:
´heu quianam tanti cinxerunt aethera nimbi?
quidve, pater Neptune, paras?´ sic deinde locutus
colligere arma iubet validisque incumbere remis,
obliquatque sinus in ventum ac talia fatur:
´magnanime Aenea, non, si mihi Iuppiter auctor
spondeat, hoc sperem Italiam contingere caelo.
mutati transversa fremunt et vespere ab atro
consurgunt venti, atque in nubem cogitur aer. 5.20
nec nos obniti contra nec tendere tantum
sufficimus. superat quoniam Fortuna, sequamur,
quoque vocat vertamus iter. nec litora longe
fida reor fraterna Erycis portusque Sicanos,
si modo rite memor servata remetior astra.´
tum pius Aeneas: ´equidem sic poscere ventos
iamdudum et frustra cerno te tendere contra.
flecte viam velis. an sit mihi gratior ulla,
quove magis fessas optem dimittere navis,
quam quae Dardanium tellus mihi servat Acesten
et patris Anchisae gremio complectitur ossa?´
haec ubi dicta, petunt portus et vela secundi
intendunt Zephyri; fertur cita gurgite classis,
et tandem laeti notae advertuntur harenae.


DE SOLEMNIBUS POMPIS IN ANCHISAM (5.35-103)
At procul ex celso miratus vertice montis 5.35
adventum sociasque rates occurrit Acestes,
horridus in iaculis et pelle Libystidis ursae,
Troia Criniso conceptum flumine mater
quem genuit. veterum non immemor ille parentum
gratatur reduces et gaza laetus agresti 5.40
excipit, ac fessos opibus solatur amicis.
Postera cum primo stellas Oriente fugarat
clara dies, socios in coetum litore ab omni
advocat Aeneas tumulique ex aggere fatur:
´Dardanidae magni, genus alto a sanguine divum,
annuus exactis completur mensibus orbis,
ex quo reliquias divinique ossa parentis
condidimus terra maestasque sacravimus aras;
iamque dies, nisi fallor, adest, quem semper acerbum,
semper honoratum, sic di voluistis, habebo.
hunc ego Gaetulis agerem si Syrtibus exsul,
Argolicove mari deprensus et urbe Mycenae,
annua vota tamen sollemnisque ordine pompas
exsequerer strueremque suis altaria donis.
nunc ultro ad cineres ipsius et ossa parentis
haud equidem sine mente, reor, sine numine divum
adsumus et portus delati intramus amicos.
ergo agite et laetum cuncti celebremus honorem:
poscamus ventos, atque haec me sacra quotannis
urbe velit posita templis sibi ferre dicatis. 5.60
bina boum vobis Troia generatus Acestes
dat numero capita in navis; adhibete penatis
et patrios epulis et quos colit hospes Acestes.
praeterea, si nona diem mortalibus almum
Aurora extulerit radiisque retexerit orbem,
prima citae Teucris ponam certamina classis;
quique pedum cursu valet, et qui viribus audax
aut iaculo incedit melior levibusque sagittis,
seu crudo fidit pugnam committere caestu,
cuncti adsint meritaeque exspectent praemia palmae.
ore favete omnes et cingite tempora ramis.´
Sic fatus velat materna tempora myrto.
hoc Helymus facit, hoc aevi maturus Acestes,
hoc puer Ascanius, sequitur quos cetera pubes.
ille e concilio multis cum milibus ibat
ad tumulum magna medius comitante caterva.
hic duo rite mero libans carchesia Baccho
fundit humi, duo lacte novo, duo sanguine sacro,
purpureosque iacit flores ac talia fatur:
´salve, sancte parens, iterum, salvete, recepti 5.80
nequiquam cineres animaeque umbraeque paternae.
non licuit finis Italos fataliaque arva
nec tecum Ausonium, quicumque est, quaerere Thybrim.´
dixerat haec, adytis cum lubricus anguis ab imis
septem ingens gyros, septena volumina traxit
amplexus placide tumulum lapsusque per aras,
caeruleae cui terga notae maculosus et auro
squamam incendebat fulgor, ceu nubibus arcus
mille iacit varios adverso sole colores.
obstipuit visu Aeneas. ille agmine longo
tandem inter pateras et levia pocula serpens
libavitque dapes rursusque innoxius imo
successit tumulo et depasta altaria liquit.
hoc magis inceptos genitori instaurat honores,
incertus geniumne loci famulumne parentis
esse putet; caedit binas de more bidentis
totque sues, totidem nigrantis terga iuvencos,
vinaque fundebat pateris animamque vocabat
Anchisae magni manisque Acheronte remissos.
nec non et socii, quae cuique est copia, laeti 5.100
dona ferunt, onerant aras mactantque iuvencos;
ordine aena locant alii fusique per herbam
subiciunt veribus prunas et viscera torrent.


DE FUNEBRIBUS LUDIS IN ANCHISAM (5.104-138)
Exspectata dies aderat nonamque serena 5.104
Auroram Phaethontis equi iam luce vehebant,
famaque finitimos et clari nomen Acestae
excierat; laeto complerant litora coetu
visuri Aeneadas, pars et certare parati.
munera principio ante oculos circoque locantur
in medio, sacri tripodes viridesque coronae 110
et palmae pretium victoribus, armaque et ostro
perfusae vestes, argenti aurique talenta;
et tuba commissos medio canit aggere ludos.
Prima pares ineunt gravibus certamina remis
quattuor ex omni delectae classe carinae.
velocem Mnestheus agit acri remige Pristim,
mox Italus Mnestheus, genus a quo nomine Memmi,
ingentemque Gyas ingenti mole Chimaeram, (poliptoto)
urbis opus, triplici pubes quam Dardana versu
impellunt, terno consurgunt ordine remi; 5.120
Sergestusque, domus tenet a quo Sergia nomen,
Centauro invehitur magna, Scyllaque Cloanthus
caerulea, genus unde tibi, Romane Cluenti.
Est procul in pelago saxum spumantia contra
litora, quod tumidis summersum tunditur olim 125
fluctibus, hiberni condunt ubi sidera Cauri;
tranquillo silet immotaque attollitur unda
campus et apricis statio gratissima mergis.
hic viridem Aeneas frondenti ex ilice metam
constituit signum nautis pater, unde reverti 130
scirent et longos ubi circumflectere cursus.
tum loca sorte legunt ipsique in puppibus auro
ductores longe effulgent ostroque decori;
cetera populea velatur fronde iuventus
nudatosque umeros oleo perfusa nitescit. 135
considunt transtris, intentaque bracchia remis;
intenti exspectant signum, exsultantiaque haurit
corda pavor pulsans laudumque arrecta cupido.


DE CYMBARUM CERTAMINE (5.139-286)
inde ubi clara dedit sonitum tuba, finibus omnes, 5.139
haud mora, prosiluere suis; ferit aethera clamor
nauticus, adductis spumant freta versa lacertis.
infindunt pariter sulcos, totumque dehiscit
convulsum remis rostrisque tridentibus aequor.
non tam praecipites biiugo certamine campum
corripuere ruuntque effusi carcere currus,
nec sic immissis aurigae undantia lora
concussere iugis pronique in verbera pendent.
tum plausu fremituque virum studiisque faventum
consonat omne nemus, vocemque inclusa volutant
litora, pulsati colles clamore resultant.
Effugit ante alios primisque elabitur undis
turbam inter fremitumque Gyas; quem deinde Cloanthus
consequitur, melior remis, sed pondere pinus
tarda tenet. post hos aequo discrimine Pristis
Centaurusque locum tendunt superare priorem;
et nunc Pristis habet, nunc victam praeterit ingens
Centaurus, nunc una ambae iunctisque feruntur
frontibus et longa sulcant vada salsa carina.
iamque propinquabant scopulo metamque tenebant,
cum princeps medioque Gyas in gurgite victor 5.160
rectorem navis compellat voce Menoeten:
´quo tantum mihi dexter abis? huc derige cursum;
litus ama et laeva stringat sine palmula cautes; 5,163
altum alii teneant.´ dixit; sed caeca Menoetes
saxa timens proram pelagi detorquet ad undas.
´quo diversus abis?´ iterum ´pete saxa, Menoete.´
cum clamore Gyas revocabat, et ecce Cloanthum
respicit instantem tergo et propiora tenentem.
ille inter navemque Gyae scopulosque sonantis
radit iter laevum interior subitoque priorem
praeterit et metis tenet aequora tuta relictis.
tum vero exarsit iuueni dolor ossibus ingens
nec lacrimis caruere genae, segnemque Menoeten
oblitus decorisque sui sociumque salutis
in mare praecipitem puppi deturbat ab alta;
ipse gubernaclo rector subit, ipse magister
hortaturque viros clauumque ad litora torquet.
at gravis ut fundo uix tandem redditus imo est
iam senior madidaque fluens in veste Menoetes
summa petit scopuli siccaque in rupe resedit. 5.180
illum et labentem Teucri et risere natantem
et salsos rident revomentem pectore fluctus.
Hic laeta extremis spes est accensa duobus,
Sergesto Mnestheique, Gyan superare morantem.
Sergestus capit ante locum scopuloque propinquat,
nec tota tamen ille prior praeeunte carina;
parte prior, partim rostro premit aemula Pristis.
at media socios incedens nave per ipsos
hortatur Mnestheus: ´nunc, nunc insurgite remis,
Hectorei socii, Troiae quos sorte suprema
delegi comites; nunc illas promite viris,
nunc animos, quibus in Gaetulis Syrtibus usi
Ionioque mari Maleaeque sequacibus undis.
non iam prima peto Mnestheus neque vincere certo
quamquam o.- sed superent quibus hoc, Neptune, dedisti;
extremos pudeat rediisse: hoc vincite, cives,
et prohibete nefas.´ olli certamine summo
procumbunt: vastis tremit ictibus aerea puppis
subtrahiturque solum, tum creber anhelitus artus
aridaque ora quatit, sudor fluit undique rivis. 5.200
attulit ipse viris optatum casus honorem:
namque furens animi dum proram ad saxa suburget
interior spatioque subit Sergestus iniquo,
infelix saxis in procurrentibus haesit.
concussae cautes et acuto in murice remi
obnixi crepuere inlisaque prora pependit.
consurgunt nautae et magno clamore morantur
ferratasque trudes et acuta cuspide contos
expediunt fractosque legunt in gurgite remos.
at laetus Mnestheus successuque acrior ipso
agmine remorum celeri ventisque vocatis
prona petit maria et pelago decurrit aperto.
qualis spelunca subito commota columba,
cui domus et dulces latebroso in pumice nidi,
fertur in arva volans plausumque exterrita pennis
dat tecto ingentem, mox aere lapsa quieto
radit iter liquidum celeris neque commovet alas:
sic Mnestheus, sic ipsa fuga secat ultima Pristis
aequora, sic illam fert impetus ipse volantem.
et primum in scopulo luctantem deserit alto 5.220
Sergestum brevibusque vadis frustraque vocantem
auxilia et fractis discentem currere remis.
inde Gyan ipsamque ingenti mole Chimaeram
consequitur; cedit, quoniam spoliata magistro est.
solus iamque ipso superest in fine Cloanthus,
quem petit et summis adnixus viribus urget.
Tum vero ingeminat clamor cunctique sequentem
instigant studiis, resonatque fragoribus aether.
hi proprium decus et partum indignantur honorem
ni teneant, vitamque volunt pro laude pacisci;
hos successus alit: possunt, quia posse videntur.
et fors aequatis cepissent praemia rostris,
ni palmas ponto tendens utrasque Cloanthus
fudissetque preces divosque in vota vocasset:
´di, quibus imperium est pelagi, quorum aequora curro, 5,235 poliptoto
vobis laetus ego hoc candentem in litore taurum
constituam ante aras voti reus, extaque salsos
proiciam in fluctus et vina liquentia fundam.´
dixit, eumque imis sub fluctibus audiit omnis
Nereidum Phorcique chorus Panopeaque virgo, 5.240
et pater ipse manu magna Portunus euntem
impulit: illa Noto citius volucrique sagitta
ad terram fugit et portu se condidit alto.
tum satus Anchisa cunctis ex more vocatis 245
victorem magna praeconis uoce Cloanthum
declarat viridique advelat tempora lauro,
muneraque in navis ternos optare iuvencos
vinaque et argenti magnum dat ferre talentum.
ipsis praecipuos ductoribus addit honores:
victori chlamydem auratam, quam plurima circum 5.250
purpura maeandro duplici Meliboea cucurrit,
intextusque puer frondosa regius Ida
velocis iaculo cervos cursuque fatigat
acer, anhelanti similis, quem praepes ab Ida
sublimem pedibus rapuit Iovis armiger uncis; 255
longaevi palmas nequiquam ad sidera tendunt
custodes, saevitque canum latratus in auras.
at qui deinde locum tenuit virtute secundum,
levibus huic hamis consertam auroque trilicem
loricam, quam Demoleo detraxerat ipse 5.260
victor apud rapidum Simoenta sub Ilio alto,
donat habere, viro decus et tutamen in armis.
vix illam famuli Phegeus Sagarisque ferebant
multiplicem conixi umeris; indutus at olim
Demoleos cursu palantis Troas agebat. 265
tertia dona facit geminos ex aere lebetas
cymbiaque argento perfecta atque aspera signis.
iamque adeo donati omnes opibusque superbi
puniceis ibant evincti tempora taenis,
cum saevo e scopulo multa vix arte revulsus 270
amissis remis atque ordine debilis uno
inrisam sine honore ratem Sergestus agebat.
qualis saepe viae deprensus in aggere serpens,
aerea quem obliquum rota transiit aut gravis ictu
seminecem liquit saxo lacerumque viator; 275
nequiquam longos fugiens dat corpore tortus
parte ferox ardensque oculis et sibila colla
arduus attollens; pars vulnere clauda retentat
nexantem nodis seque in sua membra plicantem:
tali remigio navis se tarda movebat; 5.280
vela facit tamen et velis subit ostia plenis. polipt
Sergestum Aeneas promisso munere donat
servatam ob navem laetus sociosque reductos.
olli serva datur operum haud ignara Minervae,
Cressa genus, Pholoe, geminique sub ubere nati. 285


DE RAPIDI CURSUS CONTENTIONE (5.286-361)
Hoc pius Aeneas misso certamine tendit 5.286
gramineum in campum, quem collibus undique curvis
cingebant silvae, mediaque in valle theatri
circus erat; quo se multis cum milibus heros
consessu medium tulit exstructoque resedit. 290
hic, qui forte velint rapido contendere cursu,
invitat pretiis animos, et praemia ponit.
undique conveniunt Teucri mixtique Sicani,
Nisus et Euryalus primi,
Euryalus forma insignis viridique iuventa, 295
Nisus amore pio pueri; quos deinde secutus
regius egregia Priami de stirpe Diores;
hunc Salius simul et Patron, quorum alter Acarnan,
alter ab Arcadio Tegeaeae sanguine gentis;
tum duo Trinacrii iuvenes, Helymus Panopesque 5.300
adsueti silvis, comites senioris Acestae;
multi praeterea, quos fama obscura recondit.
Aeneas quibus in mediis sic deinde locutus:
´accipite haec animis laetasque advertite mentes.
nemo ex hoc numero mihi non donatus abibit. 305
Cnosia bina dabo levato lucida ferro
spicula caelatamque argento ferre bipennem;
omnibus hic erit unus honos. tres praemia primi
accipient flavaque caput nectentur oliva.
primus equum phaleris insignem victor habeto; 5.310
alter Amazoniam pharetram plenamque sagittis
Threiciis, lato quam circum amplectitur auro
balteus et tereti subnectit fibula gemma;
tertius Argolica hac galea contentus abito.´
Haec ubi dicta, locum capiunt signoque repente 315
corripiunt spatia audito limenque relinquunt,
effusi nimbo similes. simul ultima signant,
primus abit longeque ante omnia corpora Nisus
emicat et ventis et fulminis ocior alis;
proximus huic, longo sed proximus intervallo, 320 spondaico
insequitur Salius; spatio post deinde relicto
tertius Euryalus;
Euryalumque Helymus sequitur; quo deinde sub ipso
ecce volat calcemque terit iam calce Diores
incumbens umero, spatia et si plura supersint 325
transeat elapsus prior ambiguumque relinquat.
iamque fere spatio extremo fessique sub ipsam
finem adventabant, levi cum sanguine Nisus
labitur infelix, caesis ut forte iuvencis
fusus humum viridisque super madefecerat herbas. 330
hic iuvenis iam victor ovans vestigia presso
haud tenuit titubata solo, sed pronus in ipso
concidit immundoque fimo sacroque cruore.
non tamen Euryali, non ille oblitus amorum:
nam sese opposuit Salio per lubrica surgens; 335
ille autem spissa iacuit revolutus harena,
emicat Euryalus et munere victor amici
prima tenet, plausuque volat fremituque secundo.
post Helymus subit et nunc tertia palma Diores.
hic totum caveae consessum ingentis et ora 5.340
prima patrum magnis Salius clamoribus implet,
ereptumque dolo reddi sibi poscit honorem.
tutatur favor Euryalum lacrimaeque decorae,
gratior et pulchro veniens in corpore virtus.
adiuvat et magna proclamat voce Diores, 345
qui subiit palmae frustraque ad praemia venit
ultima, si primi Salio reddentur honores.
tum pater Aeneas ´vestra´ inquit ´munera vobis
certa manent, pueri et palmam movet ordine nemo;
me liceat casus miserari insontis amici.´ 350
sic fatus tergum Gaetuli immane leonis
dat Salio villis onerosum atque unguibus aureis.
hic Nisus ´si tanta´ inquit ´sunt praemia victis,
et te lapsorum miseret, quae munera Niso
digna dabis, primam merui qui laude coronam
ni me, quae Salium, fortuna inimica tulisset?´
et simul his dictis faciem ostentabat et udo
turpia membra fimo. risit pater optimus olli
et clipeum efferri iussit, Didymaonis artes,
Neptuni sacro Danais de poste refixum. 5.360
hoc iuvenem egregium praestanti munere donat.


DE PUGILATU (5.362-484)
Post, ubi confecti cursus et dona peregit, 5.362
´nunc, si cui virtus animusque in pectore praesens,
adsit et evinctis attollat bracchia palmis´:
sic ait, et geminum pugnae proponit honorem,
victori velatum auro vittisque iuvencum, allitt
ensem atque insignem galeam solacia victo. 5.367
nec mora; continuo vastis cum viribus effert
ora Dares magnoque virum se murmure tollit,
solus qui Paridem solitus contendere contra,
idemque ad tumulum quo maximus occubat Hector
victorem Buten immani corpore, qui se
Bebrycia veniens Amyci de gente ferebat,
perculit et fulva moribundum extendit harena.
talis prima Dares caput altum in proelia tollit,
ostenditque umeros latos alternaque iactat
bracchia protendens et verberat ictibus auras.
quaeritur huic alius; nec quisquam ex agmine tanto
audet adire virum manibusque inducere caestus.
ergo alacris cunctosque putans excedere palma 5.380
Aeneae stetit ante pedes, nec plura moratus
tum laeva taurum cornu tenet atque ita fatur:
´nate dea, si nemo audet se credere pugnae,
quae finis standi? quo me decet usque teneri?
ducere dona iube.´ cuncti simul ore fremebant
Dardanidae reddique viro promissa iubebant.
Hic gravis Entellum dictis castigat Acestes,
proximus ut viridante toro consederat herbae:
´Entelle, heroum quondam fortissime frustra,
tantane tam patiens nullo certamine tolli
dona sines? ubi nunc nobis deus ille, magister
nequiquam memoratus, Eryx? ubi fama per omnem
Trinacriam et spolia illa tuis pendentia tectis?´
ille sub haec: ´non laudis amor nec gloria cessit
pulsa metu; sed enim gelidus tardante senecta
sanguis hebet, frigentque effetae in corpore vires.
si mihi quae quondam fuerat quaque improbus iste
exsultat fidens, si nunc foret illa iuventas,
haud equidem pretio inductus pulchroque iuvenco
venissem, nec dona moror.´ sic deinde locutus 5.400
in medium geminos immani pondere caestus
proiecit, quibus acer Eryx in proelia suetus
ferre manum duroque intendere bracchia tergo.
obstipuere animi: tantorum ingentia septem
terga boum plumbo insuto ferroque rigebant.
ante omnis stupet ipse Dares longeque recusat,
magnanimusque Anchisiades et pondus et ipsa
huc illuc vinclorum immensa volumina versat.
tum senior talis referebat pectore voces:
´quid, si quis caestus ipsius et Herculis arma
vidisset tristemque hoc ipso in litore pugnam?
haec germanus Eryx quondam tuus arma gerebat
sanguine cernis adhuc sparsoque infecta cerebro,
his magnum Alciden contra stetit, his ego suetus,
dum melior viris sanguis dabat, aemula necdum
temporibus geminis canebat sparsa senectus.
sed si nostra Dares haec Troius arma recusat
idque pio sedet Aeneae, probat auctor Acestes,
aequemus pugnas. Erycis tibi terga remitto
solve metus, et tu Troianos exue caestus.´ 5.420
haec fatus duplicem ex umeris reiecit amictum
et magnos membrorum artus, magna ossa lacertosque ipermetro
exuit atque ingens media consistit harena.
tum satus Anchisa caestus pater extulit aequos
et paribus palmas amborum innexuit armis.
constitit in digitos extemplo arrectus uterque
bracchiaque ad superas interritus extulit auras.
abduxere retro longe capita ardua ab ictu
immiscentque manus manibus pugnamque lacessunt,
ille pedum melior motu fretusque iuventa,
hic membris et mole valens; sed tarda trementi
genua labant, vastos quatit aeger anhelitus artus.
multa viri nequiquam inter se vulnera iactant,
multa cavo lateri ingeminant et pectore vastos
dant sonitus, erratque auris et tempora circum
crebra manus, duro crepitant sub vulnere malae.
stat gravis Entellus nisuque immotus eodem
corpore tela modo atque oculis vigilantibus exit.
ille, velut celsam oppugnat qui molibus urbem
aut montana sedet circum castella sub armis, 5.440
nunc hos, nunc illos aditus, omnemque pererrat
arte locum et variis adsultibus inritus urget.
ostendit dextram insurgens Entellus et alte
extulit, ille ictum venientem a vertice velox allitt
praevidit celerique elapsus corpore cessit;
Entellus viris in ventum effudit et ultro
ipse gravis graviterque ad terram pondere vasto
concidit, ut quondam cava concidit aut Erymantho
aut Ida in magna radicibus eruta pinus.
consurgunt studiis Teucri et Trinacria pubes;
it clamor caelo primusque accurrit Acestes
aequaevumque ab humo miserans attollit amicum.
at non tardatus casu neque territus heros
acrior ad pugnam redit ac vim suscitat ira;
tum pudor incendit viris et conscia virtus,
praecipitemque Daren ardens agit aequore toto
nunc dextra ingeminans ictus, nunc ille sinistra.
nec mora nec requies: quam multa grandine nimbi
culminibus crepitant, sic densis ictibus heros
creber utraque manu pulsat versatque Dareta. 5.460
Tum pater Aeneas procedere longius iras 5.461
et saevire animis Entellum haud passus acerbis,
sed finem imposuit pugnae fessumque Dareta
eripuit mulcens dictis ac talia fatur:
´infelix, quae tanta animum dementia cepit? 465
non viris alias conversaque numina sentis?
cede deo.´ dixitque et proelia voce diremit.
ast illum fidi aequales genua aegra trahentem
iactantemque utroque caput crassumque cruorem
ore eiectantem mixtosque in sanguine dentes 470
ducunt ad navis; galeamque ensemque vocati
accipiunt, palmam Entello taurumque relinquunt.
hic victor superans animis tauroque superbus
´nate dea, vosque haec´ inquit ´cognoscite, Teucri,
et mihi quae fuerint iuvenali in corpore vires 475
et qua servetis revocatum a morte Dareta.´
dixit, et adversi contra stetit ora iuvenci
qui donum astabat pugnae, durosque reducta
libravit dextra media inter cornua caestus
arduus, effractoque inlisit in ossa cerebro: 5.480
sternitur exanimisque tremens procumbit humi bos.
ille super talis effundit pectore voces:
´hanc tibi, Eryx, meliorem animam pro morte Daretis
persolvo; hic victor caestus artemque repono.´


DE SAGITTIS CERTAMINE (5.485-543)
Protinus Aeneas celeri certare sagitta 5.485
invitat qui forte velint et praemia dicit,
ingentique manu malum de nave Seresti
erigit et volucrem traiecto in fune columbam,
quo tendant ferrum, malo suspendit ab alto.
convenere viri deiectamque aerea sortem 490
accepit galea, et primus clamore secundo
Hyrtacidae ante omnis exit locus Hippocoontis;
quem modo navali Mnestheus certamine victor
consequitur, viridi Mnestheus evinctus oliva.
tertius Eurytion, tuus, o clarissime, frater, 495
Pandare, qui quondam iussus confundere foedus
in medios telum torsisti primus Achivos.
extremus galeaque ima subsedit Acestes,
ausus et ipse manu iuvenum temptare laborem.
tum validis flexos incurvant viribus arcus 5.500
pro se quisque viri et depromunt tela pharetris,
primaque per caelum nervo stridente sagitta
Hyrtacidae iuvenis volucris diverberat auras,
et venit adversique infigitur arbore mali.
intremuit malus micuitque exterrita pennis 505
ales, et ingenti sonuerunt omnia plausu.
post acer Mnestheus adducto constitit arcu
alta petens, pariterque oculos telumque tetendit.
ast ipsam miserandus avem contingere ferro
non valuit; nodos et vincula linea rupit 510
quis innexa pedem malo pendebat ab alto;
illa Notos atque atra volans in nubila fugit.
tum rapidus, iamdudum arcu contenta parato 5. 513
tela tenens, fratrem Eurytion in vota vocavit,
iam vacuo laetam caelo speculatus et alis 515
plaudentem nigra figit sub nube columbam.
decidit exanimis vitamque reliquit in astris
aetheriis fixamque refert delapsa sagittam.
Amissa solus palma superabat Acestes,
qui tamen aerias telum contendit in auras 5.520
ostentans artemque pater arcumque sonantem.
hic oculis subitum obicitur magnoque futurum
augurio monstrum; docuit post exitus ingens
seraque terrifici cecinerunt omina vates.
namque volans liquidis in nubibus arsit harundo 525
signavitque viam flammis tenuisque recessit
consumpta in ventos, caelo ceu saepe refixa
transcurrunt crinemque volantia sidera ducunt.
attonitis haesere animis superosque precati
Trinacrii Teucrique viri, nec maximus omen 530
abnuit Aeneas, sed laetum amplexus Acesten
muneribus cumulat magnis ac talia fatur:
´sume, pater, nam te voluit rex magnus Olympi
talibus auspiciis exsortem ducere honores.
ipsius Anchisae longaevi hoc munus habebis, 535
cratera impressum signis, quem Thracius olim
Anchisae genitori in magno munere Cisseus
ferre sui dederat monimentum et pignus amoris.´
sic fatus cingit viridanti tempora lauro
et primum ante omnis victorem appellat Acesten. 540
nec bonus Eurytion praelato invidit honori,
quamvis solus avem caelo deiecit ab alto.
proximus ingreditur donis qui vincula rupit,
extremus volucri qui fixit harundine malum.


DE IUVENUM TROIANORUM EQUESTRI LUDO (5.545-601)
At pater Aeneas nondum certamine misso 5.545
custodem ad sese comitemque impubis Iuli
Epytiden vocat, et fidam sic fatur ad aurem:
´vade age et Ascanio, si iam puerile paratum
agmen habet secum cursusque instruxit equorum,
ducat avo turmas et sese ostendat in armis 550
dic´ ait. ipse omnem longo decedere circo
infusum populum et campos iubet esse patentis.
incedunt pueri pariterque ante ora parentum
frenatis lucent in equis, quos omnis euntis
Trinacriae mirata fremit Troiaeque iuventus. 555
omnibus in morem tonsa coma pressa corona;
cornea bina ferunt praefixa hastilia ferro,
pars levis umero pharetras; it pectore summo
flexilis obtorti per collum circulus auri.
tres equitum numero turmae ternique vagantur 560
ductores; pueri bis seni quemque secuti
agmine partito fulgent paribusque magistris.
una acies iuvenum, ducit quam parvus ovantem
nomen avi referens Priamus, tua clara, Polite,
progenies, auctura Italos; quem Thracius albis 5,565
portat equus bicolor maculis, vestigia primi
alba pedis frontemque ostentans arduus albam.
alter Atys, genus unde Atii duxere Latini,
parvus Atys pueroque puer dilectus Iulo. polipt
extremus formaque ante omnis pulcher Iulus 570
Sidonio est invectus equo, quem candida Dido
esse sui dederat monimentum et pignus amoris.
cetera Trinacriis pubes senioris Acestae
fertur equis.
excipiunt plausu pavidos gaudentque tuentes 575
Dardanidae, veterumque agnoscunt ora parentum.
postquam omnem laeti consessum oculosque suorum
lustravere in equis, signum clamore paratis
Epytides longe dedit insonuitque flagello.
olli discurrere pares atque agmina terni 5.580
diductis solvere choris, rursusque vocati
convertere vias infestaque tela tulere.
inde alios ineunt cursus aliosque recursus
adversi spatiis, alternosque orbibus orbis
impediunt pugnaeque cient simulacra sub armis; 585
et nunc terga fuga nudant, nunc spicula vertunt
infensi, facta pariter nunc pace feruntur.
ut quondam Creta fertur Labyrinthus in alta
parietibus textum caecis iter ancipitemque
mille viis habuisse dolum, qua signa sequendi 590
frangeret indeprensus et inremeabilis error;
haud alio Teucrum nati vestigia cursu
impediunt texuntque fugas et proelia ludo,
delphinum similes qui per maria umida nando
Carpathium Libycumque secant [luduntque per undas] 595 595
hunc morem cursus atque haec certamina primus
Ascanius, Longam muris cum cingeret Albam,
rettulit et priscos docuit celebrare Latinos,
quo puer ipse modo, secum quo Troia pubes;
Albani docuere suos; hinc maxima porro 600
accepit Roma et patrium servavit honorem;
Troiaque nunc pueri, Troianum dicitur agmen.
hac celebrata tenus sancto certamina patri.


DE NAVIBUS TEUCRORUM INCENSIS (5.603-665)
Hinc primum Fortuna fidem mutata novavit. 5.603
dum variis tumulo referunt sollemnia ludis,
Irim de caelo misit Saturnia Iuno
Iliacam ad classem ventosque aspirat eunti,
multa movens necdum antiquum saturata dolorem.
illa viam celerans per mille coloribus arcum
nulli visa cito decurrit tramite virgo.
conspicit ingentem concursum et litora lustrat
desertosque videt portus classemque relictam.
at procul in sola secretae Troades acta
amissum Anchisen flebant, cunctaeque profundum
pontum aspectabant flentes. heu tot vada fessis
et tantum superesse maris, vox omnibus una;
urbem orant, taedet pelagi perferre laborem.
ergo inter medias sese haud ignara nocendi
conicit et faciemque deae vestemque reponit;
fit Beroe, Tmarii coniunx longaeva Dorycli, 5.620
cui genus et quondam nomen natique fuissent,
ac sic Dardanidum mediam se matribus infert.
´o miserae, quas non manus´ inquit ´Achaica bello
traxerit ad letum patriae sub moenibus. o gens
infelix, cui te exitio Fortuna reservat? 625
septima post Troiae excidium iam vertitur aestas,
cum freta, cum terras omnis, tot inhospita saxa
sideraque emensae ferimur, dum per mare magnum
Italiam sequimur fugientem et volvimur undis.
hic Erycis fines fraterni atque hospes Acestes: 630
quis prohibet muros iacere et dare civibus urbem?
o patria et rapti nequiquam ex hoste penates,
nullane iam Troiae dicentur moenia? nusquam
Hectoreos amnis, Xanthum et Simoenta, videbo?
quin agite et mecum infaustas exurite puppis. 635
nam mihi Cassandrae per somnum vatis imago
ardentis dare visa faces: "hic quaerite Troiam;
hic domus est" inquit "vobis." iam tempus agi res,
nec tantis mora prodigiis. en quattuor arae
Neptuno; deus ipse faces animumque ministrat.´ 5.640
haec memorans prima infensum vi corripit ignem
sublataque procul dextra conixa coruscat
et iacit. arrectae mentes stupefactaque corda
Iliadum. hic una e multis, quae maxima natu,
Pyrgo, tot Priami natorum regia nutrix: 645
´non Beroe vobis, non haec Rhoeteia, matres,
est Dorycli coniunx; divini signa decoris
ardentisque notate oculos, qui spiritus illi,
qui vultus vocisque sonus vel gressus eunti.
ipsa egomet dudum Beroen digressa reliqui 650
aegram, indignantem tali quod sola careret
munere nec meritos Anchisae inferret honores.´
haec effata.
at matres primo ancipites oculisque malignis
ambiguae spectare rates miserum inter amorem 655
praesentis terrae fatisque vocantia regna,
cum dea se paribus per caelum sustulit alis
ingentemque fuga secuit sub nubibus arcum.
tum vero attonitae monstris actaeque furore
conclamant, rapiuntque focis penetralibus ignem, 660
pars spoliant aras, frondem ac virgulta facesque
coniciunt. furit immissis Volcanus habenis
transtra per et remos et pictas abiete puppis.


DE IOVIS INTERVENTU (5.664-699)
Nuntius Anchisae ad tumulum cuneosque theatri
incensas perfert navis Eumelus, et ipsi 5.665
respiciunt atram in nimbo volitare fauillam.
primus et Ascanius, cursus ut laetus equestris
ducebat, sic acer equo turbata petivit
castra, nec exanimes possunt retinere magistri.
´quis furor iste novus? quo nunc, quo tenditis´ inquit
´heu miserae cives? non hostem inimicaque castra
Argiuum, vestras spes uritis. en, ego vester polipt
Ascanius.´- galeam ante pedes proiecit inanem,
qua ludo indutus belli simulacra ciebat.
accelerat simul Aeneas, simul agmina Teucrum.
ast illae diversa metu per litora passim
diffugiunt, silvasque et sicubi concava furtim
saxa petunt; piget incepti lucisque, suosque
mutatae agnoscunt excussaque pectore Iuno est.
Sed non idcirco flamma atque incendia viris 5.680
indomitas posuere; udo sub robore vivit
stuppa vomens tardum fumum, lentusque carinas
est vapor et toto descendit corpore pestis,
nec vires heroum infusaque flumina prosunt.
tum pius Aeneas umeris abscindere vestem
auxilioque vocare deos et tendere palmas:
´Iuppiter omnipotens, si nondum exosus ad unum
Troianos, si quid pietas antiqua labores
respicit humanos, da flammam evadere classi
nunc, pater, et tenuis Teucrum res eripe leto.
vel tu, quod superest, infesto fulmine morti,
si mereor, demitte tuaque hic obrue dextra.´
vix haec ediderat cum effusis imbribus atra
tempestas sine more furit tonitruque tremescunt
ardua terrarum et campi; ruit aethere toto
turbidus imber aqua densisque nigerrimus Austris,
implenturque super puppes, semusta madescunt
robora, restinctus donec vapor omnis et omnes
quattuor amissis servatae a peste carinae.


DE SENIORIS NAUTIS RESPONSO (5.700-745)
At pater Aeneas casu concussus acerbo 5.700
nunc huc ingentis, nunc illuc pectore curas
mutabat versans, Siculisne resideret arvis
oblitus fatorum, Italasne capesseret oras.
tum senior Nautes, unum Tritonia Pallas
quem docuit multaque insignem reddidit arte -
haec responsa dabat, uel quae portenderet ira
magna deum vel quae fatorum posceret ordo;
isque his Aenean solatus vocibus infit:
´nate dea, quo fata trahunt retrahuntque sequamur;
quidquid erit, superanda omnis fortuna ferendo est.
est tibi Dardanius divinae stirpis Acestes:
hunc cape consiliis socium et coniunge volentem,
huic trade amissis superant qui navibus et quos
pertaesum magni incepti rerumque tuarum est.
longaevosque senes ac fessas aequore matres
et quidquid tecum invalidum metuensque pericli est
delige, et his habeant terris sine moenia fessi;
urbem appellabunt permisso nomine Acestam.´
Talibus incensus dictis senioris amici
tum vero in curas animo diducitur omnis; 5.720
et Nox atra polum bigis subvecta tenebat.
visa dehinc caelo facies delapsa parentis
Anchisae subito talis effundere voces:
´nate, mihi vita quondam, dum vita manebat,
care magis, nate Iliacis exercite fatis,
imperio Iouis huc venio, qui classibus ignem
depulit, et caelo tandem miseratus ab alto est.
consiliis pare quae nunc pulcherrima Nautes
dat senior; lectos iuvenes, fortissima corda,
defer in Italiam. gens dura atque aspera cultu
debellanda tibi Latio est. Ditis tamen ante
infernas accede domos et Averna per alta
congressus pete, nate, meos. non me impia namque
Tartara habent, tristes umbrae, sed amoena piorum
concilia Elysiumque colo. huc casta Sibylla
nigrarum multo pecudum te sanguine ducet.
tum genus omne tuum et quae dentur moenia disces.
iamque vale; torquet medios Nox umida cursus
et me saevus equis Oriens adflavit anhelis.´
dixerat et tenuis fugit ceu fumus in auras. 5.740
Aeneas ´quo deinde ruis? quo proripis?´ inquit,
´quem fugis? aut quis te nostris complexibus arcet?´
haec memorans cinerem et sopitos suscitat ignis,
Pergameumque Larem et canae penetralia Vestae
farre pio et plena supplex veneratur acerra.


DE AENEAE DISCESSU (5.746-778)
Extemplo socios primumque accersit Acesten 5.746
et Iovis imperium et cari praecepta parentis
edocet et quae nunc animo sententia constet.
haud mora consiliis, nec iussa recusat Acestes:
transcribunt urbi matres populumque volentem
deponunt, animos nil magnae laudis egentis.
ipsi transtra novant flammisque ambesa reponunt
robora navigiis, aptant remosque rudentisque,
exigui numero, sed bello vivida virtus. allitt
interea Aeneas urbem designat aratro
sortiturque domos; hoc Ilium et haec loca Troiam
esse iubet. gaudet regno Troianus Acestes
indicitque forum et patribus dat iura vocatis.
tum vicina astris Erycino in vertice sedes
fundatur Veneri Idaliae, tumuloque sacerdos 5.760
ac lucus late sacer additus Anchiseo.
Iamque dies epulata novem gens omnis, et aris
factus honos: placidi straverunt aequora venti
creber et aspirans rursus vocat Auster in altum.
exoritur procurva ingens per litora fletus;
complexi inter se noctemque diemque morantur.
ipsae iam matres, ipsi, quibus aspera quondam
visa maris facies et non tolerabile numen,
ire volunt omnemque fugae perferre laborem.
quos bonus Aeneas dictis solatur amicis
et consanguineo lacrimans commendat Acestae.
tris Eryci vitulos et Tempestatibus agnam
caedere deinde iubet solvique ex ordine funem.
ipse caput tonsae foliis evinctus olivae
stans procul in prora pateram tenet, extaque salsos
proicit in fluctus ac vina liquentia fundit.
certatim socii feriunt mare et aequora verrunt;
prosequitur surgens a puppi ventus euntis.


DE VENERE ET NEPTUNO (5.779-834)
At Venus interea Neptunum exercita curis 5.779
adloquitur talisque effundit pectore questus:
´Iunonis gravis ira neque exsaturabile pectus
cogunt me, Neptune, preces descendere in omnis;
quam nec longa dies pietas nec mitigat ulla,
nec Iovis imperio fatisque infracta quiescit.
non media de gente Phrygum exedisse nefandis
urbem odiis satis est nec poenam traxe per omnem
reliquias Troiae: cineres atque ossa peremptae
insequitur. causas tanti sciat illa furoris.
ipse mihi nuper Libycis tu testis in undis
quam molem subito excierit: maria omnia caelo
miscuit Aeoliis nequiquam freta procellis,
in regnis hoc ausa tuis.
per scelus ecce etiam Troianis matribus actis
exussit foede puppis et classe subegit
amissa socios ignotae linquere terrae.
quod superest, oro, liceat dare tuta per undas
vela tibi, liceat Laurentem attingere Thybrim,
si concessa peto, si dant ea moenia Parcae.´
tum Saturnius haec domitor maris edidit alti:
´fas omne est, Cytherea, meis te fidere regnis, 5.800
unde genus ducis. merui quoque; saepe furores
compressi et rabiem tantam caelique marisque.
nec minor in terris, Xanthum Simoentaque testor,
Aeneae mihi cura tui. cum Troia Achilles
exanimata sequens impingeret agmina muris,
milia multa daret leto, gemerentque repleti
amnes nec reperire viam atque evolvere posset
in mare se Xanthus, Pelidae tunc ego forti
congressum Aenean nec dis nec viribus aequis
nube cava rapui, cuperem cum vertere ab imo
structa meis manibus periurae moenia Troiae.
nunc quoque mens eadem perstat mihi; pelle timores.
tutus, quos optas, portus accedet Averni.
unus erit tantum amissum quem gurgite quaeres;
unum pro multis dabitur caput.´
his ubi laeta deae permulsit pectora dictis,
iungit equos auro genitor, spumantiaque addit
frena feris manibusque omnis effundit habenas.
caeruleo per summa levis volat aequora curru;
subsidunt undae tumidumque sub axe tonanti 5.820
sternitur aequor aquis, fugiunt vasto aethere nimbi.
tum variae comitum facies, immania cete,
et senior Glauci chorus Inousque Palaemon
Tritonesque citi Phorcique exercitus omnis;
laeva tenet Thetis et Melite Panopeaque virgo,
Nisaee Spioque Thaliaque Cymodoceque.
Hic patris Aeneae suspensam blanda vicissim
gaudia pertemptant mentem; iubet ocius omnis
attolli malos, intendi bracchia velis.
una omnes fecere pedem pariterque sinistros,
nunc dextros solvere sinus; una ardua torquent
cornua detorquentque; ferunt sua flamina classem.
princeps ante omnis densum Palinurus agebat
agmen; ad hunc alii cursum contendere iussi.


DE PALINURI INTERITU (5.835-871)
iamque fere mediam caeli Nox umida metam 5.835
contigerat, placida laxabant membra quiete
sub remis fusi per dura sedilia nautae,
cum levis aetheriis delapsus Somnus ab astris
aera dimovit tenebrosum et dispulit umbras,
te, Palinure, petens, tibi somnia tristia portans
insonti; puppique deus consedit in alta
Phorbanti similis funditque has ore loquelas:
´Iaside Palinure, ferunt ipsa aequora classem,
aequatae spirant aurae, datur hora quieti.
pone caput fessosque oculos furare labori.
ipse ego paulisper pro te tua munera inibo.´
cui vix attollens Palinurus lumina fatur:
´mene salis placidi vultum fluctusque quietos
ignorare iubes? mene huic confidere monstro?
Aenean credam quid enim? fallacibus auris 5.850
et caeli totiens deceptus fraude sereni?´
talia dicta dabat, clavumque adfixus et haerens
nusquam amittebat oculosque sub astra tenebat.
ecce deus ramum Lethaeo rore madentem
vique soporatum Stygia super utraque quassat
tempora, cunctantique natantia lumina solvit.
vix primos inopina quies laxaverat artus,
et super incumbens cum puppis parte revulsa
cumque gubernaclo liquidas proiecit in undas
praecipitem ac socios nequiquam saepe vocantem;
ipse volans tenuis se sustulit ales ad auras.
currit iter tutum non setius aequore classis
promissisque patris Neptuni interrita fertur.
iamque adeo scopulos Sirenum advecta subibat,
difficilis quondam multorumque ossibus albos
tum rauca adsiduo longe sale saxa sonabant,
cum pater amisso fluitantem errare magistro
sensit, et ipse ratem nocturnis rexit in undis
multa gemens casuque animum concussus amici:
´o nimium caelo et pelago confise sereno, 5.870
nudus in ignota, Palinure, iacebis harena.´

IL ROGO DELL´INFELICE DIODNE (5. 1- 7)
Intanto ormai Enea sicuro teneva il centro della rotta
e tagliava i neri flutti con Aquilone
osservando le mura, che già splendono per le fiamme
dell´infelice Elissa. Si ignora quale motivo abbia acceso
tanto fuoco; ma i crudeli dolori per un amore
macchiato ed il sapere cosa possa una donna furente,
conduconoi cuori dei Teucri attraverso un triste presagio.


ARRIVO DI ENEA IN SICILIA ( 5. 8- 34)
Come le barche tennero il mare e non appare più
alcuna terra, mari ovunque ed ovunque cielo,
gli stette sopra il capo una scura nube
portando notte e freddo e l´nda rabbrividì per le tenebre.
Lo stesso Palinuro, il pilota, dall´alta poppa:
"Ahi, perché mai tante nubi cinsero i cieli?
O cosa prepari, padre Nettuno?" Poi espressosi così
ordina di raccoglier le vele e di buttarsi sui forti remi,
piega le velature al vento dice tali cose:
"Magnanimo Enea, se anche Giove garante mi
rispondesse, non spererei di toccare l´Italia con tale cielo.
I venti cambiati fremono di traverso e si alzano
dal nero occidente, anche l´aria si coagula in nube.
Noi pur sforzandoci siam tanto capaci di proseguire
contro. Poiché la Sorte vince, seguiamola,
ovunque chiami, volgiamo il cammino. Non credo lontano
i leali lidi fraterni di Erice ed i porti siculi,
se però ben memore ricalcolo gli astri osservati"
Allora il pio Enea: "Gia da molto vedo che i venti
voglion così e che tu invano vai contro.
Cambia corso con le vele. C´è forse per me qualche terra
più gradita, dove più desideri lasciare le stanche navi,
che quella che mi conserva il dardanio Aceste
e che abraccia in grembo le ossa del padre Anchise?
Appena detto ciò, gli Zefiri favorevoli volgono ai porti
e gonfian le vele; e veloce la flotta sene va nel gorgo,
e finalmente lieti si dirigono alla conosciuta spiaggia.


ONORI SULLA TOMBA DEL PADRE ANCHISE ( 5. 35- 104)
Ma lontano osservando dall´alta cima del monte
Aceste corre all´arrivo, alle navi amiche,
spaventoso nelle armi e nella pelle di orsa libistide,
(lui) che madre troiana generò concepito dal fiume
Crinisio. Egli non immemore degli antichi padri
festeggia i reduci e lieto e li accoglie con rustico
dono e consola gli stanchi con regali amichevoli.
Poi appena il chiaro giorno aveva cacciato le stelle
dal primo Oriente, Enea chiama a raccolta da tutta la spiaggia
i compagni e parla dall´argine di un rialzo:
"Grandi Dardanidi, stirpe dall´alto sangue degli dei,
si compie, trascorsi i mesi, il giro d´un anno,
da quando seppellimmo in terra i resti e le ossa
del padre divino e consacrammo i mesti altari.
Ormai, se non sbaglio, ricorre il giorno, che sempre
riterrò acerbo, ma sempre onorato (così voleste, o dei).
Se io, esule, lo passassi nelle Sirti getule
o, catturato, nel mare Argolico e nella città di Micene,
tuttavia eseguirei i voti annuali e le solenni cerimonie,
secondo il rito e riempirei gli altari dei loro doni.
Ora poi siamo vicini alle ceneri ed alle ossa dello stesso
padre, non credo senza un progetto, senza una volontà
degli dei ed entriamo, spinti, in porti amici.
Oesù e celebriamo tutti la lieta festa;
chiamiamo i venti; egli voglia che io annualmente,
fondata la città, offra alui in templi consacrati questi riti.
Aceste, generato da Troia, vi dà due capi, in tutto, di buoi
per navi: invitate anche i penati patrii ali banchetti
anche quelli che l´ospite Aceste onora.
Inoltre se la nona Aurora porterà ai mortali
il santo giorno e ricoprirà il mondo di raggi,
indirò per i Teucri per prime le gare della flotta veloce;
e chi vale nella corsa a piesi e chi, audace per forze
o si presenta migliore nel giavellotto e nelle frecce leggere
o si fida d´attaccare uno scontro col forte cesto,
tutti sian presenti e s´aspettino i premi della meritata palma.
Propiziate tutti col silenzio e cingete le tempia di rami"
Così espressosi, vela le tempia di mirto materno:
Questo fa Elimo, questo Aceste, maturo d´età,
questo il giovane Ascanio e l´altra gioventù li segue.
Egli avanzava dall´assemblea verso il tumulo con molte
migliaia, in mezzo, mentre una grande folla l´accompagna.
Qui ritualmente libandodue coppe di puro Bacco,
(ne) versa per terra, due di latte fresco, due di sangue sacro,
e sparge fiori purpurei e dice tali cose:
"Salve, padre santo, di nuovo salve, ceneri
invano raccolte, anime ed ombre paterne.
Non fulecito con te cercare i territori itali ed i campi
fatali, né, qualunque sia, l´ausonio Tevere".
Aveva detto queste cose, quando dai luoghi più profondi
una serpe enorme, viscida, trasse sette cerchi, sette giri
abbracciando placidamente il tumulo e scivolando tra gli altari,
macchiato sul dorso di nota cerulea, ed un fulgore accendeva
la squama d´oro, come l´arcobaleno proietta tra le nubi
mille diversi colori, quando il sole è davanti
Stupì alla vista Enea. Quello con lungo snodo
finalmente strisciando tra le tazze e le leggere coppe
libò le offerte e di nuovo, innocuo, si ritrasse nel profondo
del tumulo e lasciò gli altari assaggiati.
Per questo riprende di più i riti iniziati per il padre,
incerto se credere se sia il genio del luogo o un messaggero
del padre; sgozza secondo il rito due pecore,
altrettanti porci, altrettanti giovenchi neri nei dorsi,
con le coppe versava vini ed invocava l´anima
del grande Anchise ed i Mani richiamati dall´Acheronte.
Non meno i compagni, quale a ciascuno è dato, lieti
portano doni, riempiono gli altari e sacrifican giovenchi;
alcuni collocano in ordine caldaie e sparsi nell´erba
mettono spine sotto gli spiedi ed arrostiscono le carni.


I GIOCHI FUNEBRI (5. 105-138)
Il giorno aspettato arrivava e nella luce serena
i cavalli di Fetonte ormai recavano la nona Aurora,
la fama ed il nome dell´illustre Aceste aveva chiamato
i vicini; avevan riempito i lidi con lieto gruppo
per vedere gli Eneadi, parte anche pronti a gareggiare.
Anzitutto i premi son posti in mezzo allo spiazzo
davanti agli occhi: triopodi sacri,verdi corone, palme come
dono ai vincitori, armi e vesti ricamate
di porpora, talenti d´argento e d´oro;
la tormba dall´altura squilla i giochi promessi.
Quattro navi uguali, scelte da tutta la flotta
con remi pesanti iniziano le prime gare.
Mnesteo guida l´agile Pristi con forte remeggio,
presto Mnesteo, l´italo, dal cui nome la gente di Memmio,
Gia (guida) la gran Chimera dalla grande stazza,
costruzione di una città, e la spingono la gioventù Dardana
con triplice spinta, i remi s´alzano con triplice ordine;
Sergesto, da cui trae nome la casa Sergia,
si spinge con la grande Centauro, Cloanto con l´azzurra
Scilla, da cui, o romano Cluenzio, la stirpe per te.
Lontano nel mare c´è una roccia contro i lidi
spumeggianti, che sommerso a volte è colpito da flutti
rigonfi, quando i Curi invernali nascondon le stelle;
con la calma tace, ma se l´onda è immobile si innalza
come una pianura, graditissimo spazio per i caldi gabbiani.
Qui il padre Enea fissò da verde leccio la verde meta
come segnale ai marinai, da cui sapessero
ritornare e dove ripiegare le lunghe rotte.
Allora scelgono a sorte i posti e gli stessi capi adorni
splendono lontano sulle poppe di porpora e d´oro;
il resto della gioventù si vela di fronde di pioppo
e risplende, cosparsa le nude apalle di olio.
Siedon sui banchi, lebraccia tese sui remi;
attenti aspettan il segnale, un´ansia plsante e la tesa
voglia di lodi divora i cuori esultanti.

LA GARA DELLE NAVI (5. 139 - 285)
Poi, quando la tromba squillante lanciò il suono, senza indugio,
tutti scattarono dai loro posti; il grido marinaresco ferisce
i cieli, spinti i muscoli, le onde sconvolte spumeggiano.
Tagliano parallelamente solchi, tutto il mare, battuto
dai remi e da rostri a tridente si spalanca.
Non così a precipizio in una gara di bighe, i carri
si avventarono sulla pianura, usciti dal cancello,
né, lanciati i gioghi, gli aurighi scossero le briglie
ondeggianti e piegati si tendoni nelle frustate.
Allora tutto il bosco risuona all´applauso ed al clamore
di uomini che con impegno tifano, i lidi chiusi risuonano
la voce, i colli percossi dal grido riecheggiano.
Scatta davanti agli altri Gia e scivola sulle prime onde
tra le turba ed i fremito; ma Cloanto
lo insegue, (la nave) di pino, migliore per i remi, ma lenta
per il peso lo trattiene.Dopo questi, ad ugual distanza, Pristi
e Centauro tentano di raggiungere una miglior postazione;
ora ce l´ha Pristi, ora l´enorme Centauro sorpassa la vinta,
ora entrame si portano insieme, unite le fronti
e con la lunga carena solvcano i guadi salati.
Ormai s´avvicinavan allo scoglio e tenevano la meta,
quando Gia per primo, vincitore, nel gorgo
sgrida a voce il pilota della nave, Menete:
"Dove mi vai tanto a destra? Qui dirigi la rotta;
ama il lido e con la sinistra senza remo stringa la roccia;
altri tengano il largo." disse; ma Menete temendo
le cieche rupi, distorce la prora verso le onde d´alto mare.
"Dove vai fuori corsa?" di nuovo" Tieni le rocce, Menete."
Mentre Gia urlava con grida, ecco vede Cloanto,
che incalza dietro e si tiene più vicino.
Egli tra la nave di Gia e le rocce sonanti all´nterno
rasenta il passaggio sinistro e subito sorpassa
il primo e, lasciate le mete, ottiene il mare sicuro.
Allora davvero al giovane un forte dolore bruciò
nelle ossa, ne le guance mancaron di lacrime e dimentico
del suo onore e della salvezza dei compagni sbatte
il lento Menete a capofitto dall´alta poppa in mare;
egli come pilota subentra al timone, egli da nocchiero
esorta gli uomini e gira la barra ai lidi.
Ma pesante, come appena a stento si riprese dal fondo,
Menete, già vecchio e grondante per la veste inzuppata
si dirige in cima allo scoglio e si sedette sulla rupe asciutta.
Ne risero i Teucri, quando cadeva e nuotava, ne ridono
mentre vomita dal petto i flutti salati.
Allora per gli ultimi due si accese una lieta speranza,
per Sergesto e Mnesteo, di superare Gia che s´attardava.
Sergesto prende prima il posto e s´avvicina allo scoglio,
ma tuttavia egli non è primo, perché la nave non sorpassava
tutta, in parte è primo, in parte l´emila Pristi preme col rostro.
Ma Mnesteo in mezzo alla nave andando trai compagni
esortava:"Adesso, adesso forzate coi remi,
compagni di Ettore, che io scelsi come cpmpagni nell´estrema
sorte di Troia; adesso mostrate quelle forse, adesso quegli spiriti, di cui vi serviste nelle getule Sirti
e nel mar Ionio e nelle onde incalzanti di Melea.
Io Mnesteo non chiedo i primi premi né voglio vincere,
benchè, oh..Ma vincano, Nettuno, quelli cui ciò concedesti;
sia vergogna esser arrivati ultimi: in questo vincete, cittadini,
ed evitate il disonore". Essi buttano al massimo
della gara: l´aerea poppa trema per i forti colpi
il suolo (del mare) si toglie di sotto, poi un frequente anelito
scuote le membra e le aride bocche, ovunque il sudore scorre a rivi.
Ma proprio il caso porto agli uomini il desiderato onore:
infatti mentre Sergesto furente nel cuore all´interno
spinge la prora alle rocce e s´mmette in spazio sfavorevole,
sortunato s´incagliò nelle rocce sporgenti.
Le rupi si scossero ed i remi puntati sullo scoglio aguzzo
si spaccarono e la prua schiacciata restò sospesa.
S´alzano i marinai e tra grande schiamazzo si fermano
prendono pali ferrati e pertiche dalla cima appuntita
e raccolgon nel gorgo i remi spezzati.
Ma lieto Mnesteo più forte per lo stesso fatto
con la veloce schiera dei remi ed i venti invocati
si dirige sui flutti distesi e corre sul mare aperto.
Come una colomba improvvisamente cacciata da una caverna,
che ha la casa ed i dolci nidi nell´oscuro sasso,
si porta volando sui campi ed atterrita nell´interno
dà un gran battito di penne, poi scivolando nell´aria quieta
sfiora il limpido corso e muove le celeri ali:
così Mnesteo, così la stessa Pristi in fuga taglia gli ultimi
flutti, così la stessa foga la porta in volo.
Ed anzitutto lascia sull´alto scoglio Sergesto
che lotta e che invano nei bassi fondali invocava
aiuto e tentava di correre coi remi spezzati.
Quindi raggiunge Gia e la stessa Chimera
dalla gran stazza; cede, perché è privata del pilota.
Ormai resta da solo Cloanto sullo stesso arrivo,
ma lo cerca e lo incalza spingendo con tutte le forze.
Allora davvero si raddoppia il grido e tutti incitano
l´inseguitore col tifo, il cielo risuona d´applausi.
Questi si irritano se non ottengono il proprio onore
ed il premio guadagnato, voglion scambiare la vita col premio.
Li anima il successo: possono, perché credon di potere.
Forse avrebbero preso i premi, pareggiati i rostri,
se Cloanto tendendo in mare entrambe le palme
non avesse offerto preghiere e chiamato gli dei in aiuto:
"Dei, che avete il dominio del mare, di cui corro i mari,
io, lieto, vi dedicherò su questo lido un toro davanti
agli altari, fedele al voto, getterò nei flutti salati
le viscere e verserò limpidi vini"
Disse, e sotto i flutti profondi lo udì tutto il coro
delle Nereidi, di Forco e la vergine Panopea,
e lo stesso padre Portuno con la gran mano lo spinse
ad andare: quella più celermente di Noto ed alata freccia
fugge a terra e si ritrasse nel porto profondo.
Allora il figlio d´Anchise, chiamatili tutti, secondo
costume, con la gran voce dell´araldo dichiara vincitore
Cloanto e gli vela le tempia di verde alloro, concede di scegliere i doni per le navi, tre giovenchi ciascuna,
e portare vini ed un pesante talento d´argento.
Agli stessi capi aggiunge particolari premi:
al vincitore una clamide d´oro, che una lunga orpora
melibea circonda attorno con triplice orlo,
c´è ricamato il regio fanciullo sull´Ida frondosa,
spietato stanca veloci cervi con freccia e corsa,
simile ad ansante, ma lo rapì in alto dall´Ida il veloce
armigero di Giove con piedi uncinati;
gli anziani custodi invano tendono le palme
stelle, il latrato dei cani abbaia contro le stelle.
Ma chi poi ottenne il secondo posto per coraggio,
a costui concede di avere una triplice corazza intessuta
d´oro e con tre ami, che lui vincitore aveva tolto a Demoleo
presso il rapido Simoenta sotto l´alta Ilio,
come onore e protezione in armi per un eroe.
A stento i servi Fegeo e Sagari la portavano
sforzandosi sulle spalle, ripiegata; un tempo Damoleo,
rivestitone, inseguiva di corsa i Teucri sbandati.
Offre come terzi premi due lebeti di bronzo
e coppe d´argento lavorate e sbalzate con figure.
Ormai così tutti premiati se n´andavano superbi coi doni,
recinte le tempia di nastri purpurei,
quando strappatosi a stento con molta fatica dallo scoglio
crudele, Sergesto, persi i remi, debole per un solo ordine,
conduceva una barcca derisa, senza premio.
Quale spesso un serpente sorpreso in un argine di strada,
che una ruota di bronzo trapassò di traverso o un crudele
viandante lasciò mezzo morto e ferito da un colpo con un sasso,
invano fuggendo dà lunghi contorsioni col corpo,
in parte fiero e ardente con gli occhi e dritto alzando
i colli sibilanti; la parte storpiata dalla ferita trattiene
lui che s´ntreccia con nodi e si ripiega nelle sue membra:
con tale remeggio la nave si muoveva lenta;
tuttavia spiega le vele ed a vele piene raggiunge i porti.
Enea lieto per la nave salvata ed i compagni ricondotti
premia Sergesto col dono promesso.
Gli è data una schiava non ignara dell´opera di Minerva,
Foloe, cretese di stirpe, due figli gemelli al seno.


LA CORSA A PIEDI ( 5. 286 -361)
Conclusa questa gara, il pio Enea si dirige
in una pianura erbosa, che da ogni parte i boschi cingevano
con curve colline, ed in mezzo alla valle del teatro
c´era un cerchio; dove l´eroe si portò con molte migliaia
e , costruita una tibuna, si sedette in mezzo.
Qui invita con doni gli animosi, che vogliano per caso
gareggiare in rapida corsa e colloca i premi.
D´ogni parre arrivano i Teucri e gli aniti Siculi,
Niso ed Uurialo per primi,
Eurialo famoso per bellezza e verde giovinezza,
Niso per pio amore del ragazzo; poi li seguì il regale
Diore della nobile stirpe di Priamo;
insieme Salio e Patrone, uno di questi Acarnese,
l´altro da Arcadio, sangue di popolo Tegeo;
poi due giovani della Trinacria, Elimo e Panope,
abituati ai boschi, compagni dell´anziano Aceste;
inoltre molti, che l´oscura fama nasconde.
In mezzo ad essi poi Enea così parlò:
"Accogliete queste cose nel cuore e tendete liete le menti.
Nessuno tra questo gruppo se ne andrà da me non premiato.
Darò da portare due lucide lance di ferro lavorato
ed una bipenne cesellata in argento;
questo premio darà uguale per tutti. I primi tre
riceveranno doni e si cingeranno il capo di biondo olivo.
Il primo vincitore avrà un cavallo stupendo con le falere;
il secondo una faretra amazzonia piena di frecce
tracie, che un balteo attorno cinge di oro spesso
e una fibbia l´annoda con gancio lucente.
Il terzo se ne andrà contento di questo elmo argolico."
Come furon dette queste cose, prendon posto e subito,
udito il segnale, divoran gli spazi e lascian la partenza,
lanciati, simili a nube. Insieme guardan le mete.
Per primo corre Niso e brilla ben davanti a tutti
i corpi, più veloce dei venti e delle ali del fulmine;
vicino a lui, vicino ma a molto intervallo,
segue Salio; poi dietro, lasciata una distanza,
Eurialo per terzo;
elimo segue Eurialo; poi proprio dietro a lui
ecco vola Diore e gia col calcagno tocca il calcagno
incalzando alla spalla, e se ci fossero più spazi
passerebbe, scappando per primo e lascierebbe incertezza.
E già quasi nello spazio finale giungevano stanchi
sullo stesso traguardo, quando Niso scivola sfortunato
sul sangue, poichè per caso versato per terra, uccisi
i giovenchi, aveva inzuppato le verdi erbe.
Qui il giovane ormai vincitore, esultante, non trattenne
i piedi uncerti sul suolo premuto, ma piegato cadde
sullo stesso fango immondo e sul sacro sangue.
Tuttavia non dimenticò Eurialo, né gli affetti:
infatti s´oppose a Salio alzandosi sul viscidume;
egli allora giacque. rotolato, sulla terra allentata,
brilla Eurialo e vincitore per dono dell´amico
tiene il traguardo, vola col plaudo ed il fremito favorevole.
Poi arriva Elimo e adesso, terzo premio, Diore.
Allora Sali riempie di fortigrida tutta l´assemblea dell´enorme
platea e le prime presenze dei padri,
chiede sia restituito a lui il premio rubato con l´inganno.
Il favore rassicura Eurialo ed anche le belle lacrime;
poiché il valore giunge più gradito in un bel corpo.
Aiuta e grida a gran voce Diore,
che giunse alla palma ed invano giunse agli ultimi
premi, se fossero resi a Salio i primi posti.
Allora il padre Enea"Vostri, disse, vi restano sicuri
i regali, ragazzi, e nessuno cambia d´ordine la vittoria;
mi sia lecito commiserare i fatti d´un innocente amico".
Espressosi così dà a Salio l´enorme dorso d´un leone
getulo, pesante per i peli e le unghie dorate.
Allora Niso"Se così grandi, disse, sono i premi per i vinti,
abbi pietà dei caduti, quali doni darai
a Niso, io che meritai il primo premio
se il caso ostile, quello di Salio, non avesse colpito me?"
Ed insieme a queste parole ostentava l´aspetto e le membra
sporche d´umido fango. L´ottimo padre gli sorrise
e comandò che si portasse uno scudo, arte di Didimaone,
staccato dai Danai da un sacro battente di Nettuno.
Premia il nobile giovane con questo dono stupemdo.


IL PUGILATO ( 5.362- 484)
Poi, quando furon finite le corse consegnò i doni,
"Ora, se a qualcuno in petto (c´è) valore e coraggio forte,
si presenti ed alzi le braccia con le palme legate":
così disse, e propone doppio premio per la gara,
al vincitore un giovenco velato d´oro e di bende,
una spada ed uno splendido elmo, come consolazioni per il vinto.
Non esitazione; subito con grandi forse Darete
offre la faccia e s´alza tra un gran mormorio di uomini.
Il solo che era solito gareggiare contro Paride,
e lui stesso al tumulo dove giace il massimo Ettore,
abbattè il vincitore Bute, dal corpo gigantesco, che si
vantava provenendo dalla stirpebebricia di Amico;,
e lo stese moribondo sulla bionda sabbia.
Tale Darete alza l´alto capo per gli inizi degli scontri,
mostra le larghe spalle e stendendole mostra
le braccia alterne e colpisce l´aria di colpi.
Si cerca un altro per costui; e nessuno tra tanta folla
osa affrontare l´uomo portare i cesti alle mani.
Quindi superbo credendo che tutti si ritirassero dalla gara
si piantò ai piedi di Enea, né esitando di più
tiene per un corno il toro con la sinistra e così parla:
"Figlio di dea, se nessuno osa darsi allo scontro,
quale il termine di star femi? Fin quando è decente che sia tenuto?
Ordina di portare i doni". Tutti insieme fremevano in viso
i Dardanidi e incitavano a dare all´eroe le promesse.
Allora il severo Aceste rimprovera Entello con parole,
come sedeva vicino sul verdeggiante letto d´erba:
"Entello, invano un tempo il più forte degli eroi,
permetti sopportando che si gran doni sian presi senza
alcuna gara? Dov´è adesso quel dio per noi, invano
ricordato come maestro, Erice? Dove la fama per tutta
la Trinacria e quei trofei pendenti nelle tue case?"
Quegli in risposta:"Non cessò l´amore del premio e la gloria,
spenta dalla paura; ma il sangue freddo per la vecchiaia che blocca
s´affievolisce, le forze sfinite nel corpo gelano.
Se avessi quella d´un tempo di cui costui superbo
esulta fidandosi, se adesso ci fosse quella giovinezza,
non indotto senz´altro dal dono e dal bel giovenco
sarei venuto, non aspetto regali". Avendo così parlato,
gettò nel mezzo i due cesti di enorme peso,
con cui il terribile Erice portava in gara il pugno
e stendere le braccia nella dura pelle.
Gli animi stupirono: le enormi pelli di sette buoi
eran rigidi per il piombo inserito ed il ferro.
Prima di tutti lo stesso Darete si stupisce e davvero rifiuta,
il magnanimo Anchisiade valuta il peso
qua e là e le stesse immense cinghie.
Allora l´anziano riferiva tali espressioni dal petto:
"Che? Se uno avesse visto i cesti e le stesse armi
di Ercole e la triste lotta su questa stessa spiaggia?
Un tempo tuo fratello Erice portava queste armi;
li vedi ancora sporchi di sangue e cervello sparso,
con questi stesse contro il grande Alcide, con questi io
ero abituato, mentre un sangue migliore dava le forze,
né ancora la rivale vecchiaia, sparsa, biancheggiava sulle
due tempia. Ma se il troiano Darete rifiuta queste nostre
armi e ciò piace al pio Enea, Aceste, il garante, l´approva,
pareggiamo gli scontri. Ripongo le pelli di Erice,
caccia le paure, anche tu togli i cesti troiani.
Detto questo buttò dalle spalle il doppio mantello,
denudò i grandi arti delle membra, le grandi ossa ed
i muscoli ed immenso si piantò in mezzo all´arena.
Allora il padre, figlio d´Anchise, portò cesti uguali
e legò le palme di entrambi con armi pari.
L´uno e l´altro teso subito si portò sulle punte
e impavido alzò le braccia in alto al cielo.
Ritrassero le alte teste lontano dal colpo
incrociano le mani e con le mani provocan lo scontro,
quello migliore per l´agilità dei piedi fidandosi sulla giovinezza,
questi potente per le membra e la mole; ma le lente ginocchia,
a lui tremolante, vacillano ed il debole respiro scuote le grandi membra.
Gli uomini invano tra loro si lancian molti colpi;
molti ne raddoppiano e provocano di petto vasti
rimbombi, la mano gira frequente attorno alle orecchie
ed alle tempia, le mascelle crepitano sotto il colpo violento.
Entello pesante è fermo ed immobile con sforzo e lo stesso
corpo svia i colpi con la tattica e gli occhi vigili.
Quello, come chi con macchine assedia un´alta città
o sta sotto le armi attorno a fortezze montane, con arte
gira attorno ora a questi passaggi, ora a quelli e ad ogni
postazione ed invano preme con vari assalti.
Entello alzandosi mostrò un destro e s´alzò
in alto, quello veloce previde il colpo proveniente
da sopra e sfuggendo col corpo veloce si scansò;
Entello buttò le forze al vento ed inoltre
lui, pesante, pesantemente cadde a terra col gran
peso, come talvolta un pino cavo, divelto alle radici,
cade sull´Erimanto o sul grande Ida.
Per il tifo si alzano i Teucri e la gioventù trinacria;
il clamore va al cielo, Aceste accorre per primo
e pietoso alza da terra l´amico coetaneo.
Ma l´eroe non bloccato dall´incidente né atterrito
più aspro ritorna allo scontro e l´ira accresce la forza;
allora la vergogna ed il coraggio risoluto accende le forze,
acceso insegue Darete a precipizio per tutto lo spiazzo
ora col destro raddoppiando i colpi, ora quello con la sinistra.
Non dubbio, né riposo: quanto le nubi crepitano sui tetti
per la molta grandine, così l´eroe incessante con densi colpi
e con ambe le mani imperversa e colpisce Darete.
Allora il padre Enea non sopportando che Entello
continuasse oltre ed infierisse con animosità furibonde,
impose allora la fine dello scontro e strappò lo stanco
Darete, convincendlo a parole e s´esprime così:
"Sfortunato, che grande pazzia ti colpì la mente?
Non senti altre forze e le divinità contrarie?
Cedi al dio."Disse e col discorso troncò gli scontri.
Ma i fidi compagni portano quello, che trascina le deboli
ginocchia, che sbatte la testa da una parte e dall´altra,
che vomita dalla bocca sangue denso ed i denti mischiati
col sangue; richiamati ritirano l´elmo
e la spada, ad Entello lascian la palma ed il toro.
Questi vincitore, esultando in cuore e superbo per il toro:
"Figlio di dea, e voi , Teucri, disse, sappiate queste cose:
quali sian state le forze in me, in un corpo giovane,
e da quale morte salviate Darete, sottrattolo:"
Disse e si piantò contro il muso del giovenco davanti,
che stava come premio della gara, e ritirata la destra,
dritto, librò in mezzo tra e corna i pesanti cesti
spaccato il cervello, li conficcò nelle ossa:
il bue si stende esanime e tremando stramazza a terra.
Egli aggiunge dal petto tali espressioni:
"Erice, ti offro questa anima migliore al posto della morte
di Darete; qui vincitore depongo i cesti e l´arte".


IL TIRO CON L´ARCO ( 5. 485 -544)
Subito Enea invita a gareggiare con la freccia veloce quelli
che eventualmente vogliano e proclama i premi,
con mano potente innalza l´albero dalla nave
di Seresto e sospende sull´alto dell´albero perforato
ad una fune un´alata colomba, cui tirare col ferro.
Vennero gli uomini ed un elmo di bronzo accolse
la sorte gettata, e per primo esce con grido concorde
prima di tutti il turno dell´Irtacide Ippocoonte;
e lo segue poi Mnesteo, vincitore nella gara
navale, Mnesteo cinto di verde oliva.
Terzo Eurizione, o nibilissimo Pandaro, tuo
fratello, che una volta istigato ad infrangere un patto
per primo lanciasti un´arma in mezzo agli Achei.
Ultimo restò Aceste in fondo all´elmo,
osando anche lui tentare con la mano un impegno di giovani.
Allora con grandi forze gli uomini, ognuno per sé, curvano
i flessibili archi e estraggono le frecce dalle faretre,
per prima la freccia del giovane Irtacide straccia le arie
veloci nel cielo, stridendo il nervo,
giunse e si conficca sul palo dell´albero davanti.
L´albero tremò e il volatile vibrò con le penne, atterrito,
e tutto rinuonò d´un immenso applauso.
Poi il fiero Mnesteo, accostato l´arco, guardando
in alto tese insieme gli occhi e la freccia .
ma sfortunato non potè toccare col ferro
lo stesso uccello; ruppe i nodi e le corde di lino,
con cui, legata per il piede, pendeva dall´alto albero;
ella fugge volando tra i Noti e le nere nubi.
Allora rapido, già tenendo le frecce tese con l´arco
preparato, Eurizione invocò con preghiere il fratello,
osservando ormai nel vuoto cielo la colomba che con le ali
volava, la trafigge sotto una nera nube.
Cadde esanime e lasciò la vita tra gli astri celesti
e cadendo riporta la freccia conficcata.
Persa la palma, restava il solo Aceste,
che tuttavia tese l´arma nelle aure celesti
mostrando, come padre, l´arte e l´arco risonante.
Qui apparve improviso agli occhi un prodigio destinato
a grande augurio; in seguito il grande esito insegnò
ed i terrorizzanti vati predissero tardi responsi.
Infatti volando il legno si incendiò tra le limpide nubi
segnò la via con le fiamme e sottile svanì
consunta tra i venti, come spesso staccate dal cielo
le stelle volando passano e lasciano una chioma.
Gli uomini Trinacrii ed i Teucri si bloccarono
con le menti sospese pregando i celesti, e il grandissimo Enea
non disconobbe il presagio, ma abbacciando Aceste contento
lo riempie di grandi doni e così parla:
"Prendi, padre:il gran re dell´Olimpo volle infatti che tu
sorteggiato per tali auspici ritirassi i premi.
Avrai questo dono dello stesso anziano Anchise,
una coppa scolpita di immagini, che un tempo il tracio
Cisseo aveva dato al padre Anchise da tenere
in gran dono come ricordo di sé e pegno d´amore".
Così espressosi cinge le tempia di verdegggiante alloro
e davanti a tutti dichiara vincitore assoluto Aceste.
Né il buon Eurizione invidiò l´onore tolto,
anche se lui solo atterrò dall´alto cielo l´uccello.
Vicino giunge per i premi chi ruppe le corde,
ultimo chi trafisse col legno alato l´albero.


PARATA DI GIOVANI TROIANI A CAVALLO ( 5.545-602)
Ma il padre Enea, non ancora finita la gara,
chiama a sé Epitide, tutore e compagno
del giovane Iulo e così parla all´orecchio fidato:
"Orsù vai e di´ ad Ascanio se ha già con sé pronta
una giovane schiera ed ha disposto i tornei di cavalli,
guidi le squadre per il nonno e si mostri nelle armi"
disse. Egli ordina che tutto il popolo entrato nel grande
circo si ritiri e gli spiazzo siano liberi.
Avanzano i ragazzi ed insieme davanti agli acchi dei genitori
brillano sui cavalli frenati, e tutta la gioventù della Trinacria
e di Troia ammirandoli mentre procedono, freme.
Secondo l´uso, tutti (hano) la chioma cinta di corona ritaglaita;
portano due aste di corniolo puntate di ferro,
parte (ha) leggere faretre in spalla; una collana di duttile
oro intrecciato corre sul collo.
Tre squadre in tutto di cavalieri ed i tre capi
girano; dodici ragazzi seguendo ciascuno
con schiera divisa splendono e con a capo le guide.
Una schiera di giovani, che esultante la guida il piccolo
priamo che ripete il nome del nonno, tua famosa, o Polite,
Stirpe, destinata ad accrescere gli Itali; e lo porta
un cavallo tracio bicolore, con macchie bianche, ostentando
pezze bianche in fondo al piede e, dritto, la fronte bianca.
Il secondo Atis, da cui i latini Azii trassero la stirpe,
il piccolo Atis e ragazzo amato da Iulo ragazzo.
Ultimo e prima di tutti bello d´aspetto, Iulo,
e portato da cavallo di Sidone, che la candida Didone
aveva dato che fosse ricordo di sé e del suo amore.
L´altra gioventù è portata da cavalli trinacrii dell´anziano
Aceste.
I Dardanidi osservando i timorosi li accolgono con l´applauso,
gioiscono e riconoscono i volti degli antichi antenati.
Dopo che lieti sui cavalli osservarono tutta l´assemblea
e gli occhi dei loro, da lontano Epitide diede con un grido
il segnale ai pronti e schioccò con la frusta.
Essi allineati corsero ed aprirono le schiere a tre,
sciolte le schere, e di nuovo chiamati
invertirono le vie e portarono le armi puntate.
Poi iniziano, affrontandosi, altri giri ed altri ritorni
negli spazi, ed intrecciano giri alterni con giri
evocano finte di guerra sotto le armi;
or con la fuga scoprono le spalle, ora aggressivi
volgon le armi, fatta la pace insieme si recano.
Come un tempo, si dice, nell´alta Creta il Labirinto
aveva un passaggio coperto da buie pareti ed un doppio
inganno con le mille vie, per dove un incomprensibile
ed irripetibile intrico rompeva i segnali del proseguire;
non diversamente i figli dei Teucri bloccano di corsa
i passaggi ed intrecciano fughe e scontri per gioco,
simili ai delfini, che nuotando per gli umidi mari
solcano il (mar) libico e Carpazio (e giocan nell´onde).
Ascanio per primo ripetè questo tipo di corsa
e queste gare, cingendo di mura Alba Longa,
ed istruì gli antichi Latini a celebrarli,
nel modo in cui lui da ragazzo, e con lui la gioventù troiana;
Gli albani insegnarono ai loro; di qui poi la grandissima
Roma imparò e conservò il rito dei padri;
ora si chiama "Troia" ed i ragazzi "schiera troiana".
Fin qui le gare celebrate per il divino padre.

LE NAVI INCENDIATE ( 5. 603 -663)
Anzitutto qui Fortuna, mutatasi, cambiò aspetto.
Mentre con vari giochi offrivano alla tomba i riti solenni,
la saturnia Giunone inviò dal cielo Iride
e spira a lei che va alla flotta iliaca i venti,
tramando molto non ancora ripagata dell´antico dolore.
La vergine affrettando la via, per un sentiero, attraverso
l´arco di mille colori, vista da nessuno, corre velocemente.
Vede la grande folla, guarda i lidi,
vede i porti deserti e la flotta abbandonata.
Ma lontane le Troiane ritirate in suoli isolati
piangevano il perduto Anchise e tutte osservavano
il mare profondo piangendo. Ahi, restava per le stanche
tanti guadi, e tanto mare: una sola espressione per tutte.
Chiedono una città, angoscia patire la fatica del mare.
Perciò si immette in mezzo, non ignara di nuocere
depone la veste e l´aspetto di dea;
diventa Beroe, anziana moglie di Tmario Doriclo,
che un tempo ebbe stirpe, fame e figli,
e così si porta in mezzo alle madri dei Dardanidi.
"O misere, che la mano achea, disse, non ha tatto
alla morte sotto le mura della patria. O popolo
sfortunato, a quale rovina tiriserva Fortuna?
Ormai ricorre la settima estate dopo la caduta di Troia,
da che siam portate dopo aver misurato mari, tutte le terre
tante rocce inospitali e stelle, mentre inseguiamo
per il grande mare un italia che fugge e siam travolte dalle onde.
Qui (sono) le terre fraterne di Erice e l´ospite Aceste:
chi impedisce di fondare mura e dare una città ai cittadini?
O patria, o Penati invano strappati al nemico,
forse mai nessuna sarà chiamata mura di Troia? Altrove
non vedrò fiumi ettorei, Xanto e Simoenta?
Dunque orsù, bruciate con me le sciagurate navi.
Mi parve in sogno che la figura della profetessa
Cassandra portasse ardenti fiamme:"Qui cercate Troia;
questa è la patria, disse. E´ tempo ormai le la cosa si compia,
nessuna esitazione a tanti prodigi. Ecco quattro altariper
Nettuno; il dio stesso offre fiaccole e coraggio"
Ricordando queste cose, per prima afferra con forza il fuoco
nemico e sforzandosi, alzata la destra in alto, la scuote
e la scaglia. Bloccate (sono) le menti e storditi i cuori
delle Troiane. Allora una delle tante, la più anziana,
Pirgo, nutrice regia dei tanti figli di Priamo,
"Voi non avete Beroe, non è questa, o madri, la retea
moglie di Doriclo; notate i segni della divina bellezza
e gli occhi ardenti, quale spirito in lei che avanza,
quale volto e suono di voce o passo.
Io stessa, partita, ho lasciato poco fa Beroe
malata, addolorandosi perché lei sola mancava a tale
cerimonia e non offrisse meritati riti ad Anchise".
Così paelò.
Ma le madri dapprima esitanti con occhi malevoli
guardavano le navi, incerte tra il misero amore
della terra presente ed i regni che chiamavano coi fati
quando la dea con ali appaiate si alzò per il cielo
e con la fuga segnò sotto le nubi un grande arco.
Allora attonite per i prodigi e spinte dal furore
gridano, afferrano il fuoco dai focolari interni,
parte spogliano gli altari, gettano fronda, virgulti
e fiaccole.Vulcano infuria, a briglie sciolte,
tra i banchi, i remi e le poppe d´abete, dipinte.


LA BENEFICA PIOGGIA DI GIOVE (5. 664-699)
L´araldo Eumelo riferisce alla tomba d´Anchise ed ai settori
del teatro delle navi bruciate, loro stessi
vedono in una nube la nera siamma volare.
Per primo anche Ascanio, come guidava lieto le corse
equestri, così ardente a cavallo si diresse al campo Sconvolto, né lo posson trattenere i pallidi maestri.
"Che strana pazzia questa? Dove ora, dove andate?" disse,
ahi, misere cittadine? Non bruciate il nemico, ed i campi
avversari degli Argivi, ma le vostre speranze. Ecco, son io
il vostro Ascanio". Buttò ai piedi l´elmo inutile,
di cui rivestito per gioco evocava finzioni di guerra:
Insieme s´affretta Enea, insieme le schiere dei Teucri.
Ma quelle scappano qua e là disordinatamente sui lidi
per paura, si dirigono nei boschi e di nascosto ovunque
nelle rocce scavate; si vergognano dell´azione e della luce,
cambiate riconoscono i loro e Giunone fu scossa dal petto.
Ma intoro la fiamma e gli incendi non deposero le forze
indomabili; sotto il rovere bagnato vive
la stoppa vomitando un fumo pigro, il fuoco rode
le carene e la rovina scende per tutto il corpo,
le forze degli eroi ed i fiumi versati non giovano .
Allora il pio Enea strappava la veste dalle spalle
chiamava in aiuto gli dei e tendeva le palme:
"Giove onnipotente, se non ancora odiasti i Troiani
fino all´ultimo uomo, se la pietà guarda un poco
le fatiche umane, concedi ora che la fiamma fugga
dalla flotta, padre, e strappa da morte le esili sorti dei Troiani.
Oppure tu, ciò che resta, mandami a miore col fulmine ostile,
se lo merito, e qui annullami con la tua destra":
Appena aveva detto questo, quando, rovesciatesi le piogge,
una nera tempesta infuria senza preavviso e tremano
le cime delle terre e le pianure; una furiosa pioggia cade
da tutto il cielo, nerissima, d´acqua e di densi Austri,
sopra si riempion le poppe, le tavole semibruciate
s´nzuppano, finchè tutto il fuoco (fu) spento e tutte le navi,
perdutene quattro, (furon) salvate dalla rovina.


CONSIGLI DI NAUTE (5.700-745)
Ma il padre Enea, scosso dalla crudele disgrazia,
pensando volgeva i grandi affanni ora qua, ora là
nel cuore, se dimenticandosi dei fati si fermasse nei campi
siculi, e raggiungesse le spagge italiche.
Allora l´anziano Naute, l´unico che la tritonia Pallade
istruì e rese famoso per la grande arte -
essa dava responsi, o cosa significasse la grande ira
degli dei o cosa chiedesse l´ordine dei fati;-
egli consolando Enea con queste frasi, comincia:
"Figlio di dea, dove i fati traggono e ritraggono, seguiamo(li);
checcè sarà, ogni sorte dev´esser vinta sopportando.
Tu hai il dardanio Aceste di stirpe divina:
prendilo ed uniscilo come alleato volonteroso per i consigli,
a lui affida quelli che, perdute le navi, sono in più e quelli
che odiano la grande iniziativa e le tue imprese.
Scegli i vecchi longevi e le madri stanche di mare
e ciò che c´è con te di malato e che teme il pericolo,
e lascia che, stanchi, abbian le mura su queste terre;
chiameranno la città, approvato il nome, Acesta"
Infiammato da queste parole dell´anziano amico
allora ancora è dibattuto in cuore in tutti gli affanni;

E la nera Notte, portata su bighe, occupava il polo.
Poi sembrò che l´immagine del pader Anchise
scesa dal cielo improvvisamente dicesse tali frasi:
"Figlio, per me più caro della vita un tempo, quando
la vita durava, figlio addolorato dai fati iliaci,
vengo qui per ordine di Giove, che scosse il fuoco
dalle navi, e finalmente si è impietosito dall´alto cielo.
Obbedisci ai consigli che l´anziano Naute dà,
bellissimi; porta in Italia giovani scelti, cuori
fortissimi. Nel Lazio tu devi vincere un popolo duro
per tradizione ed aspro. Prima però vai
alle dimore infernali e cerca nei profondi Averni
i miei incontri. Non mi tengono infatti gli empi
Tartari, le ombre tristi, ma abito le belle
assemblee dei pii, l´Elisio. Qui la casta Sibilla
ti condurrà, grazie al gran sangue di animali.
Allora imparerai tutta la tua stirpe e quali mura sian date.
Ormai ti saluto; l´umida Notte volge i corsi
ed il crudele Oriente mi ha spinto con i cavalli ansanti."
Aveva detto e fugge leggero come fumo nell´aria.
Enea "Dove corri dunque? Dove precipiti? disse,
"chi fuggi? O chi ti caccia dai nostri abbracci?"
Ricordando questo scuote la cenere ed i fuochi assopiti,
supplice venera il Lare di Pergamo ed i penetrali della bianca
Vesta con pio farro e con incensiere pieno.


NUOVA PARTENZA ( 5. 746-778)
Subito anzitutto chiama i compagni ed Aceste per primo
rivela il comando di Giove e gli ordini del caro
padre e quale idea adesso stia in cuore.
Non esitazione per le decisioni, Aceste non rifiuta i comandi:
assegnano alla città le madri e lasciano il popolo
che vuole, animi per nulla vogliosi di gran lode.
Essi rinnovano i banchi e rimettono sulle navi le travi mangiate
dalle fiamme, adattano remi e funi,
pochi di numero, ma un coraggio vivace per la guerra.
Frattanto Enea con l´aratro disegna la città
e sorteggia le case; ordina che questo sia Ilio e questi
luoghi Troia. Il traiano Aceste gode per il regno
convoca il foro e dà le leggi ai padri eletti.
Allora sulla vetta ercina è fondata una sede vicina
agli astri per Venere idalia, al tumulo di Anchise attorno
(fu) assegnato un sacerdote ed un bosco sacro.
Ormai per nove giorni tutto il popolo ha banchettato e
(fu) reso onore agli altari: i placidi venti stesero le acque
ed Austro assiduo spirando cihama di nuovo al largo.
Sorge un immenso pianto sui lidi ricurvi;
abbracciandosi a vicenda indugiano giorno e notte.
Le stesse madri ormai, gli stessi, cui un tempo senbrò
crudele la vista del mare e non tollerabile il nome,
vogliono andare e sopportare tutta la fatica della fuga.
Il buon Enea li consola con parole amiche
e piangendo li affida alconsanguineo Aceste.
Ordina di uccidere tre vitelli per Erice ed un´agnella
alle Tempeste e di scioglire la fune per ordine.
Egli cinto di foglie di olivo tagliato
lontano, stando sulla prua tiene la coppa, lancia viscere
sul flutti salati e versa limpidi vini.
A gara i compagni feriscon il mare e spazzan le acque;
il vento sorgendo da poppa accompagna i partenti.


VENERE E NETTUNO ( 5.779 -834)
Ma Venere intanto colpita dagli affanni parla
a Nettuno e riversa dal cuore tali lamenti:
"L´ira pesante di Giunone ed il cuore insaziabile
mi costringono, Nettuno, a scendere a tutte le preghiere;
ma né il lungo tempo né alcuna pietà la mitiga,
né calmata dal comando di Giove e dai fati si quieta.
Non è sufficiente aver annientato dal centro del popolo dei Frigi
una città con odii indicibili né d´aver tratto per ogni pena
I resti di Troia: perseguita le ceneri e le ossa della (città)
stramorta. Sappia lei le cause di tanto furore.
Tu stesso mi (se) testimone, quale mole improvvisamente
abbia susciato nelle onde poco fa: ha mischiato tutti
i mari col cielo, confidando invano nelle tempeste eolie,
osando questo nei ruoi regni.
Ecco, spinte al delitto le madri Troiane,
brutalmente incendiò le poppe e, persa la flotta,
costrinse a lasciare compagni a terra ignota.
Per il resto, prego, ti piaccia dare sull´onde vele
sicure, piaccia toccare il Tevere Laurente,
se chieso cose permesse, se le Parche dàn quelle mura".
Allora il saturnio domatore dell´alto mare disse queste cose:
" E´ tutto giusto che tu, Citerea, confidi nei miei regni,
da cui trai origine. Lo meritai anche; spesso compressi
i furori e tanta rabbia di cielo e mare.
Né sulle terre, chiamo a testimonio Xanto e Simoenta,
(ebbi) minore cura del tuo Enea. Quando Achille spingeva
alle mura inseguendole le stremate schiere troiane,
quando dava molte migliaia alla morte, i torrenti gemevano
pieni né Xanto poteva trovare la via al mare
e scorrere, allora io rapii in una nube cava Enea
scontratosi col forte Pelide, senza dei e forze pari,
mentre desideravo sradicare dal profondo
le mura costruite con le mie mani di Troia spergiura.
Anche adesso per lui mi resta lo stesso sentimento; caccia le paure.
Sicuro raggiungerà i porti dell´Averno, che tu desideri.
Sarà uno soltanto che tu cercherai perduto nel gorgo;
sarà data una sola testa in cambio di molte2.
Come addolcì con tali detti i lieti cuori della dea,
il padre con l´oro unisce i cavalli ad essi selvaggi mette
i freni schiumanti e con le manni allenta tutte le briglie.
Con l´azzurro carro vola leggero sulla sommità delle acque;
s´abbassano le onde ed il mare gonfio d´acque si distende
sotto l´asse tuonante, i nembi fuggono nel vasto etere.
Allora le varie forme di compagni, i giganteschi cetacei,
Il vecchio coro di Glauco, Palemone di Ino
i Tritoni veloci e tutto l´esercito di Forco;
Teti tiene la sinistra, Melite, la vergine panopea,
Nisea e Spio, Talia e Cimodoce.
Allora le blande gioie penetrano a loro volta la mente
sospesa del padre Enea; ordina ben presto si alzino
tutti gli alberi, si mettan le braccia alle vele.
Insieme tutti puntarono il piede e parimenti sciolsero
i sinistri ed ora i veli destri, insieme girano gli alti
pennoni e li rigirano; i propizi soffi portano la flotta.
Davanti a tutti Palinuro per primo guidava la fitta
schiera; gli altri son obbligati ad andare su tale rotta.


LA MORTE DI PALINURO (5. 835 - 871)
Ormai l´umida Notte aveva quasi toccato la meta nel mezzo
del cielo, i marinai rilassavan le membra nella placida quiete
sdraiati sotto i remi lungo i duri sedili,
quando il Sonno scivolando leggero dagli eterei astri
smosse l´ aria tenebrosa e cacciò le ombre,
cercando te, Plinuro, portando a te innocente i tristi
sogni; il dio si sedette sull´alta poppa
simile a Forbante e versa con la bocca queste chiacchiere:
"Palinuro di Iasio, le stesse acque portan la flotta,
le arie spirano costanti, è dato tempo al riposo.
Poggia la testa e ruba gli stanchi occhi alla fatica.
Io stesso un poco affronterò i tuoi doveri per te."
A stento alzandogli gli occhi Palinuro dice.
"Vuoi forse che io ignori il volto del placido mare
ed i quieti flutti? Forse che io mi fidi di questo mostro?
Affiderei forse Enea? Tante volte ingannato da arie
fallaci e dall´imbroglio del cielo sereno?"
Dava tali risposte, fisso ed attaccandosi mai lasciava
il timone e teneva gli occhi sotto le stelle.
Ecco il dio scuote sopre entrambe le tempia un ramo
inzuppato di rugiada letea e drogato di forza
Stigia, scioglie, a lui esitante, gli occhi natanti.
Appena la quiete improvvisa aveva rilassato le prime membra,
quando saltandogli sopra, divelta una parte della poppa,
lo gettò nelle limpide onde col timone
a capo fitto e spesso invocante invano i compagni;
egli alato, volando, si alzò leggero nell´aria.
Non di meno la flotta corre una rotta sicura
imperterrita per le promesse del padre Nettuno s´avanza.
Ed ormai trasportata raggiungeva gli scogli delle Sirene,
un tempo difficili e bianchi per le ossa di molti,
allora le rocce risuonavano roche lontano per il mare incessante,
quando il padre capì che la nave ondeggiando errava, perduto
il pilota, lui stesso la resse nelle onde notturne
molto gemendo e colpito in cuore dalla morte dell´amico:
"O Palinuro, fidatoti troppo del cielo e del mare
sereno, nudo giacerai su sabbia ignota".