L´Eneide (Libro 9)


LATINOITALIANO

DE TURNO ET IRI, A IUNONE MISSA (9.1-32)
Atque ea diversa penitus dum parte geruntur,
Irim de caelo misit Saturnia Iuno
audacem ad Turnum. luco tum forte parentis
Pilumni Turnus sacrata valle sedebat.
ad quem sic roseo Thaumantias ore locuta est: 5
´Turne, quod optanti divum promittere nemo
auderet, volvenda dies en attulit ultro.
Aeneas urbe et sociis et classe relicta
sceptra Palatini sedemque petit Evandri.
nec satis: extremas Corythi penetravit ad urbes 10
Lydorumque manum, collectos armat agrestis.
quid dubitas? nunc tempus equos, nunc poscere currus.
rumpe moras omnis et turbata arripe castra.´
dixit, et in caelum paribus se sustulit alis
ingentemque fuga secuit sub nubibus arcum. 15
agnovit iuvenis duplicisque ad sidera palmas
sustulit ac tali fugientem est voce secutus:
´Iri, decus caeli, quis te mihi nubibus actam
detulit in terras? unde haec tam clara repente
tempestas? medium video discedere caelum 9.20
palantisque polo stellas. sequor omina tanta,
quisquis in arma vocas.´ et sic effatus ad undam
processit summoque hausit de gurgite lymphas
multa deos orans, oneravitque aethera votis.
Iamque omnis campis exercitus ibat apertis 25
dives equum, dives pictai vestis et auri;
Messapus primas acies, postrema coercent
Tyrrhidae iuvenes, medio dux agmine Turnus:
[vertitur arma tenens et toto vertice supra est]
ceu septem surgens sedatis amnibus altus 30
per tacitum Ganges aut pingui flumine Nilus
cum refluit campis et iam se condidit alveo.


DE RUTULIS IN TEUCRORUM
CASTRIS (9.33-76)
hic subitam nigro glomerari pulvere nubem
prospiciunt Teucri ac tenebras insurgere campis.
primus ab adversa conclamat mole Caicus: 35
´quis globus, o cives, caligine volvitur atra?
ferte citi ferrum, date tela, ascendite muros,
hostis adest, heia.´ ingenti clamore per omnis
condunt se Teucri portas et moenia complent.
namque ita discedens praeceperat optimus armis 40
Aeneas: si qua interea fortuna fuisset,
neu struere auderent aciem neu credere campo;
castra modo et tutos servarent aggere muros.
ergo etsi conferre manum pudor iraque monstrat,
obiciunt portas tamen et praecepta facessunt, 45
armatique cavis exspectant turribus hostem.
Turnus, ut ante volans tardum praecesserat agmen
viginti lectis equitum comitatus et urbi
improvisus adest, maculis quem Thracius albis
portat equus cristaque tegit galea aurea rubra, 50
´ecquis erit mecum, iuvenes, qui primus in hostem ?
en,´ ait et iaculum attorquens emittit in auras,
principium pugnae, et campo sese arduus infert.
clamorem excipiunt socii fremituque sequuntur
horrisono; Teucrum mirantur inertia corda, 55
non aequo dare se campo, non obvia ferre
arma viros, sed castra fovere. huc turbidus atque huc
lustrat equo muros aditumque per avia quaerit.
ac veluti pleno lupus insidiatus ovili
cum fremit ad caulas ventos perpessus et imbris 9.60
nocte super media; tuti sub matribus agni
balatum exercent, ille asper et improbus ira
saevit in absentis; collecta fatigat edendi
ex longo rabies et siccae sanguine fauces:
haud aliter Rutulo muros et castra tuenti 65
ignescunt irae, duris dolor ossibus ardet.
qua temptet ratione aditus, et quae via clausos
excutiat Teucros vallo atque effundat in aequum?
classem, quae lateri castrorum adiuncta latebat,
aggeribus saeptam circum et fluvialibus undis, 70
invadit sociosque incendia poscit ovantis
atque manum pinu flagranti fervidus implet.
tum vero incumbunt urget praesentia Turni,
atque omnis facibus pubes accingitur atris.
diripuere focos: piceum fert fumida lumen 75
taeda et commixtam Volcanus ad astra favillam.


DE TEUCRORUM NAVIBUS IN
DIVINAM FORMAM MUTATIS (9.77-125)
Quis deus, o Musae, tam saeva incendia Teucris
avertit? tantos ratibus quis depulit ignis?
dicite: prisca fides facto, sed fama perennis.
tempore quo primum Phrygia formabat in Ida 80
Aeneas classem et pelagi petere alta parabat,
ipsa deum fertur genetrix Berecyntia magnum
vocibus his adfata Iovem: ´da, nate, petenti,
quod tua cara parens domito te poscit Olympo.
pinea silva mihi multos dilecta per annos, 85
lucus in arce fuit summa, quo sacra ferebant,
nigranti picea trabibusque obscurus acernis.
has ego Dardanio iuveni, cum classis egeret,
laeta dedi; nunc sollicitam timor anxius angit.
solve metus atque hoc precibus sine posse parentem, 90
ne cursu quassatae ullo neu turbine venti
vincantur: prosit nostris in montibus ortas.´
filius huic contra, torquet qui sidera mundi:
´o genetrix, quo fata vocas? aut quid petis istis?
mortaline manu factae immortale carinae 95
fas habeant? certusque incerta pericula lustret
Aeneas? cui tanta deo permissa potestas?
immo, ubi defunctae finem portusque tenebunt
Ausonios olim, quaecumque evaserit undis
Dardaniumque ducem Laurentia vexerit arva, 9.100
mortalem eripiam formam magnique iubebo
aequoris esse deas, qualis Nereia Doto
et Galatea secant spumantem pectore pontum.´
dixerat idque ratum Stygii per flumina fratris,
per pice torrentis atraque voragine ripas 105
adnuit, et totum nutu tremefecit Olympum.
Ergo aderat promissa dies et tempora Parcae
debita complerant, cum Turni iniuria Matrem
admonuit ratibus sacris depellere taedas.
hic primum nova lux oculis offulsit et ingens 110
visus ab Aurora caelum transcurrere nimbus
Idaeique chori; tum vox horrenda per auras
excidit et Troum Rutulorumque agmina complet:
´ne trepidate meas, Teucri, defendere navis
neve armate manus; maria ante exurere Turno 115
quam sacras dabitur pinus. vos ite solutae,
ite deae pelagi; genetrix iubet.´ et sua quaeque
continuo puppes abrumpunt vincula ripis
delphinumque modo demersis aequora rostris
ima petunt. hinc virgineae, mirabile monstrum, 120
[quot prius aeratae steterant ad litora prorae]
reddunt se totidem facies pontoque feruntur.
Obstipuere animis Rutuli, conterritus ipse
turbatis Messapus equis, cunctatur et amnis
rauca sonans revocatque pedem Tiberinus ab alto.


DE AUDACIS TURNI FIDUCIA (9.126-175)
at non audaci Turno fiducia cessit; 9.126
ultro animos tollit dictis atque increpat ultro:
´Troianos haec monstra petunt, his Iuppiter ipse
auxilium solitum eripuit: non tela neque ignis
exspectant Rutulos. ergo maria invia Teucris, 130
nec spes ulla fugae: rerum pars altera adempta est,
terra autem in nostris manibus, tot milia gentes
arma ferunt Italae. nil me fatalia terrent,
si qua Phryges prae se iactant, responsa deorum;
sat fatis Venerique datum, tetigere quod arva 135
fertilis Ausoniae Troes. sunt et mea contra
fata mihi, ferro sceleratam exscindere gentem
coniuge praerepta; nec solos tangit Atridas
iste dolor, solisque licet capere arma Mycenis.
"sed periisse semel satis est": peccare fuisset 9.140
ante satis, penitus modo non genus omne perosos
femineum. quibus haec medii fiducia valli
fossarumque morae, leti discrimina parva,
dant animos; at non viderunt moenia Troiae
Neptuni fabricata manu considere in ignis? 145
sed vos, o lecti, ferro qui scindere vallum
apparat et mecum invadit trepidantia castra?
non armis mihi Volcani, non mille carinis
est opus in Teucros. addant se protinus omnes
Etrusci socios. tenebras et inertia furta 150
Palladii caesis late custodibus arcis
ne timeant, nec equi caeca condemur in alvo:
luce palam certum est igni circumdare muros.
haud sibi cum Danais rem faxo et pube Pelasga
esse ferant, decimum quos distulit Hector in annum.
nunc adeo, melior quoniam pars acta diei, 156
quod superest, laeti bene gestis corpora rebus
procurate, viri, et pugnam sperate parari.´
interea vigilum excubiis obsidere portas
cura datur Messapo et moenia cingere flammis. 160
bis septem Rutuli muros qui milite servent
delecti, ast illos centeni quemque sequuntur
purpurei cristis iuvenes auroque corusci.
discurrunt variantque vices, fusique per herbam
indulgent vino et vertunt crateras aenos. 165
conlucent ignes, noctem custodia ducit
insomnem ludo.
Haec super e vallo prospectant Troes et armis
alta tenent, nec non trepidi formidine portas
explorant pontisque et propugnacula iungunt, 170
tela gerunt. instat Mnestheus acerque Serestus,
quos pater Aeneas, si quando adversa vocarent,
rectores iuvenum et rerum dedit esse magistros.
omnis per muros legio sortita periclum
excubat exercetque vices, quod cuique tuendum est. 175


DE EURYALO ET NISO (9.176-223)
Nisus erat portae custos, acerrimus armis,
Hyrtacides, comitem Aeneae quem miserat Ida
venatrix iaculo celerem levibusque sagittis,
et iuxta comes Euryalus, quo pulchrior alter
non fuit Aeneadum Troiana neque induit arma, 9.180
ora puer prima signans intonsa iuventa.
his amor unus erat pariterque in bella ruebant;
tum quoque communi portam statione tenebant.
Nisus ait: ´dine hunc ardorem mentibus addunt,
Euryale, an sua cuique deus fit dira cupido? 185
aut pugnam aut aliquid iamdudum invadere magnum
mens agitat mihi, nec placida contenta quiete est.
cernis quae Rutulos habeat fiducia rerum:
lumina rara micant, somno vinoque soluti
procubuere, silent late loca. percipe porro 190
quid dubitem et quae nunc animo sententia surgat.
Aenean acciri omnes, populusque patresque,
exposcunt, mittique viros qui certa reportent.
si tibi quae posco promittunt, nam mihi facti
fama sat est, tumulo videor reperire sub illo 195
posse viam ad muros et moenia Pallantea.´ spondaico
obstipuit magno laudum percussus amore
Euryalus, simul his ardentem adfatur amicum:
´mene igitur socium summis adiungere rebus,
Nise, fugis? solum te in tanta pericula mittam? 200
non ita me genitor, bellis adsuetus Opheltes,
Argolicum terrorem inter Troiaeque labores
sublatum erudiit, nec tecum talia gessi
magnanimum Aenean et fata extrema secutus:
est hic, est animus lucis contemptor et istum 205
qui vita bene credat emi, quo tendis, honorem.´
Nisus ad haec: ´equidem de te nil tale verebar,
nec fas, non; ita me referat tibi magnus ovantem
Iuppiter aut quicumque oculis haec aspicit aequis.
sed si quis (quae multa vides discrimine tali) 210
si quis in adversum rapiat casusve deusve,
te superesse velim, tua vita dignior aetas.
sit qui me raptum pugna pretiove redemptum
mandet humo, solita aut si qua id Fortuna vetabit,
absenti ferat inferias decoretque sepulcro. 215
neu matri miserae tanti sim causa doloris,
quae te sola, puer, multis e matribus ausa
persequitur, magni nec moenia curat Acestae.´
ille autem: ´causas nequiquam nectis inanis
nec mea iam mutata loco sententia cedit. 220
acceleremus´ ait, vigiles simul excitat. illi
succedunt servantque vices; statione relicta
ipse comes Niso graditur regemque requirunt.


DE TEUCRUM DUCTORUM CONSILIO (9.224-313)
Cetera per terras omnis animalia somno
laxabant curas et corda oblita laborum: 225
ductores Teucrum primi, delecta iuventus,
consilium summis regni de rebus habebant,
quid facerent quisve Aeneae iam nuntius esset.
stant longis adnixi hastis et scuta tenentes
castrorum et campi medio. tum Nisus et una 230
Euryalus confestim alacres admittier orant:
rem magnam pretiumque morae fore. primus Iulus
accepit trepidos ac Nisum dicere iussit.
tum sic Hyrtacides: ´audite o mentibus aequis
Aeneadae, neve haec nostris spectentur ab annis 235
quae ferimus. Rutuli somno vinoque soluti
conticuere. locum insidiis conspeximus ipsi,
qui patet in bivio portae quae proxima ponto.
interrupti ignes aterque ad sidera fumus
erigitur. si fortuna permittitis uti 9.240
quaesitum Aenean et moenia Pallantea, spondaico
mox hic cum spoliis ingenti caede peracta
adfore cernetis. nec nos via fallit euntis:
vidimus obscuris primam sub vallibus urbem
venatu adsiduo et totum cognovimus amnem.´ 245
hic annis gravis atque animi maturus Aletes:
´di patrii, quorum semper sub numine Troia est,
non tamen omnino Teucros delere paratis,
cum talis animos iuvenum et tam certa tulistis
pectora.´ sic memorans umeros dextrasque tenebat 250
amborum et vultum lacrimis atque ora rigabat.
´quae vobis, quae digna, viri, pro laudibus istis
praemia posse rear solvi? pulcherrima primum
di moresque dabunt vestri: tum cetera reddet
actutum pius Aeneas atque integer aevi 255
Ascanius meriti tanti non immemor umquam.´
´immo ego vos, cui sola salus genitore reducto,´
excipit Ascanius ´per magnos, Nise, penatis
Assaracique larem et canae penetralia Vestae
obtestor, quaecumque mihi fortuna fidesque est, 260
in vestris pono gremiis. revocate parentem,
reddite conspectum; nihil illo triste recepto.
bina dabo argento perfecta atque aspera signis
pocula, devicta genitor quae cepit Arisba,
et tripodas geminos, auri duo magna talenta, 265
cratera antiquum quem dat Sidonia Dido.
si vero capere Italiam sceptrisque potiri
contigerit victori et praedae dicere sortem,
vidisti, quo Turnus equo, quibus ibat in armis
aureus; ipsum illum, clipeum cristasque rubentis 270
excipiam sorti, iam nunc tua praemia, Nise.
praeterea bis sex genitor lectissima matrum
corpora captivosque dabit suaque omnibus arma,
insuper his campi quod rex habet ipse Latinus.
te vero, mea quem spatiis propioribus aetas 275
insequitur, venerande puer, iam pectore toto
accipio et comitem casus complector in omnis.
nulla meis sine te quaeretur gloria rebus:
seu pacem seu bella geram, tibi maxima rerum
verborumque fides.´ contra quem talia fatur 280
Euryalus: ´me nulla dies tam fortibus ausis
dissimilem arguerit; tantum fortuna secunda
aut adversa cadat. sed te super omnia dona
unum oro: genetrix Priami de gente vetusta
est mihi, quam miseram tenuit non Ilia tellus 285
mecum excedentem, non moenia regis Acestae.
hanc ego nunc ignaram huius quodcumque pericli
inque salutatam linquo: nox et tua testis
dextera, quod nequeam lacrimas perferre parentis.
at tu, oro, solare inopem et succurre relictae. 290
hanc sine me spem ferre tui, audentior ibo
in casus omnis.´ percussa mente dedere
Dardanidae lacrimas, ante omnis pulcher Iulus,
atque animum patriae strinxit pietatis imago.
tum sic effatur: 295
´sponde digna tuis ingentibus omnia coeptis.
namque erit ista mihi genetrix nomenque Creusae
solum defuerit, nec partum gratia talem
parva manet. casus factum quicumque sequentur,
per caput hoc iuro, per quod pater ante solebat: 300
quae tibi polliceor reduci rebusque secundis,
haec eadem matrique tuae generique manebunt.´
sic ait inlacrimans; umero simul exuit ensem
auratum, mira quem fecerat arte Lycaon
Cnosius atque habilem vagina aptarat eburna. 305
dat Niso Mnestheus pellem horrentisque leonis
exuvias, galeam fidus permutat Aletes.
protinus armati incedunt; quos omnis euntis
primorum manus ad portas, iuvenumque senumque,
prosequitur votis. nec non et pulcher Iulus, 310
ante annos animumque gerens curamque virilem,
multa patri mandata dabat portanda; sed aurae
omnia discerpunt et nubibus inrita donant.


DE NOCTURNA CAEDE (9.314-366)
Egressi superant fossas noctisque per umbram
castra inimica petunt, multis tamen ante futuri 315
exitio. passim somno vinoque per herbam
corpora fusa vident, arrectos litore currus,
inter lora rotasque viros, simul arma iacere,
vina simul. prior Hyrtacides sic ore locutus:
´Euryale, audendum dextra: nunc ipsa vocat res. .320
hac iter est. tu, ne qua manus se attollere nobis
a tergo possit, custodi et consule longe;
haec ego vasta dabo et lato te limite ducam.´
sic memorat vocemque premit, simul ense superbum
Rhamnetem adgreditur, qui forte tapetibus altis 325
exstructus toto proflabat pectore somnum,
rex idem et regi Turno gratissimus augur,
sed non augurio potuit depellere pestem.
tris iuxta famulos temere inter tela iacentis
armigerumque Remi premit aurigamque sub ipsis 330
nactus equis ferroque secat pendentia colla.
tum caput ipsi aufert domino truncumque relinquit
sanguine singultantem; atro tepefacta cruore
terra torique madent. nec non Lamyrumque Lamumque
et iuvenem Serranum, illa qui plurima nocte 335
luserat, insignis facie, multoque iacebat
membra deo victus ; felix, si protinus illum
aequasset nocti ludum in lucemque tulisset:
impastus ceu plena leo per ovilia turbans
suadet enim vesana fames manditque trahitque 340
molle pecus mutumque metu, fremit ore cruento.
nec minor Euryali caedes; incensus et ipse
perfurit ac multam in medio sine nomine plebem,
Fadumque Herbesumque subit Rhoetumque Abarimque
ignaros; Rhoetum vigilantem et cuncta videntem, 345
sed magnum metuens se post cratera tegebat.
pectore in adverso totum cui comminus ensem
condidit adsurgenti et multa morte recepit.
purpuream vomit ille animam et cum sanguine mixta
vina refert moriens, hic furto fervidus instat. 350
iamque ad Messapi socios tendebat; ibi ignem
deficere extremum et religatos rite videbat
carpere gramen equos, breviter cum talia Nisus,
sensit enim nimia caede atque cupidine ferri,
´absistamus´ ait, ´nam lux inimica propinquat. 355
poenarum exhaustum satis est, via facta per hostis.´
multa virum solido argento perfecta relinquunt
armaque craterasque simul pulchrosque tapetas.
Euryalus phaleras Rhamnetis et aurea bullis
cingula, Tiburti Remulo ditissimus olim 360
quae mittit dona, hospitio cum iungeret absens,
Caedicus; ille suo moriens dat habere nepoti;
post mortem bello Rutuli pugnaque potiti:
haec rapit atque umeris nequiquam fortibus aptat.
tum galeam Messapi habilem cristisque decoram
induit. excedunt castris et tuta capessunt.


DE EURYALI ET NISI INTERITU (9.367-449)
Interea praemissi equites ex urbe Latina, 9.367
cetera dum legio campis instructa moratur,
ibant et Turno regi responsa ferebant,
ter centum, scutati omnes, Volcente magistro. 370
iamque propinquabant castris murosque subibant
cum procul hos laevo flectentis limite cernunt,
et galea Euryalum sublustri noctis in umbra
prodidit immemorem radiisque adversa refulsit.
haud temere est visum. conclamat ab agmine Volcens: 375
´state, viri. quae causa viae? quive estis in armis?
quove tenetis iter?´ nihil illi tendere contra,
sed celerare fugam in silvas et fidere nocti.
obiciunt equites sese ad divortia nota
hinc atque hinc, omnemque aditum custode coronant. 380
silva fuit late dumis atque ilice nigra
horrida, quam densi complerant undique sentes;
rara per occultos lucebat semita callis.
Euryalum tenebrae ramorum onerosaque praeda
impediunt, fallitque timor regione viarum. 385
Nisus abit; iamque imprudens evaserat hostis
atque locos qui post Albae de nomine dicti
Albani tum rex stabula alta Latinus habebat,
ut stetit et frustra absentem respexit amicum:
´Euryale infelix, qua te regione reliqui? 390
quave sequar, rursus perplexum iter omne revolvens
fallacis silvae?" simul et vestigia retro
observata legit dumisque silentibus errat.
audit equos, audit strepitus et signa sequentum;
nec longum in medio tempus, cum clamor ad auris 395
pervenit ac videt Euryalum, quem iam manus omnis
fraude loci et noctis, subito turbante tumultu,
oppressum rapit et conantem plurima frustra.
quid faciat? qua vi iuvenem, quibus audeat armis
eripere? an sese medios moriturus in enses 9.400
inferat et pulchram properet per vulnera mortem?
ocius adducto torquet hastile lacerto
suspiciens altam Lunam et sic voce precatur:
´tu, dea, tu praesens nostro succurre labori,
astrorum decus et nemorum Latonia custos. 405
si qua tuis umquam pro me pater Hyrtacus aris
dona tulit, si qua ipse meis venatibus auxi
suspendive tholo aut sacra ad fastigia fixi,
hunc sine me turbare globum et rege tela per auras.´
dixerat et toto conixus corpore ferrum 410
conicit. hasta volans noctis diverberat umbras
et venit aversi in tergum Sulmonis ibique
frangitur, ac fisso transit praecordia ligno.
volvitur ille vomens calidum de pectore flumen
frigidus et longis singultibus ilia pulsat. 415
diversi circumspiciunt. hoc acrior idem
ecce aliud summa telum librabat ab aure.
dum trepidant, it hasta Tago per tempus utrumque
stridens traiectoque haesit tepefacta cerebro.
saevit atrox Volcens nec teli conspicit usquam 9.420
auctorem nec quo se ardens immittere possit.
´tu tamen interea calido mihi sanguine poenas
persolves amborum´ inquit; simul ense recluso
ibat in Euryalum. tum vero exterritus, amens,
conclamat Nisus nec se celare tenebris 425
amplius aut tantum potuit perferre dolorem:
´me, me, adsum qui feci, in me convertite ferrum,
o Rutuli. mea fraus omnis, nihil iste nec ausus
nec potuit; caelum hoc et conscia sidera testor;
tantum infelicem nimium dilexit amicum.´ 430
talia dicta dabat, sed viribus ensis adactus
transadigit costas et candida pectora rumpit.
volvitur Euryalus leto, pulchrosque per artus
it cruor inque umeros cervix conlapsa recumbit:
purpureus veluti cum flos succisus aratro 435
languescit moriens, lassove papavera collo
demisere caput pluvia cum forte gravantur.
at Nisus ruit in medios solumque per omnis
Volcentem petit, in solo Volcente moratur.
quem circum glomerati hostes hinc comminus atque hinc
proturbant. instat non setius ac rotat ensem
fulmineum, donec Rutuli clamantis in ore
condidit adverso et moriens animam abstulit hosti.
tum super exanimum sese proiecit amicum
confossus, placidaque ibi demum morte quievit. 445
Fortunati ambo. si quid mea carmina possunt,
nulla dies umquam memori vos eximet aevo,
dum domus Aeneae Capitoli immobile saxum
accolet imperiumque pater Romanus habebit.


DE AENEADUM LUCTU (9.450-472)
Victores praeda Rutuli spoliisque potiti 9.450
Volcentem exanimum flentes in castra ferebant.
nec minor in castris luctus Rhamnete reperto
exsangui et primis una tot caede peremptis,
Serranoque Numaque. ingens concursus ad ipsa
corpora seminecisque viros, tepidaque recentem 455
caede locum et pleno spumantis sanguine rivos.
agnoscunt spolia inter se galeamque nitentem
Messapi et multo phaleras sudore receptas.
Et iam prima novo spargebat lumine terras
Tithoni croceum linquens Aurora cubile. 9.460
iam sole infuso, iam rebus luce retectis
Turnus in arma viros armis circumdatus ipse poliptoto
suscitat: aeratasque acies in proelia cogunt,
quisque suos, variisque acuunt rumoribus iras.
quin ipsa arrectis visu miserabile in hastis 465
praefigunt capita et multo clamore sequuntur
Euryali et Nisi.
Aeneadae duri murorum in parte sinistra
opposuere aciem nam dextera cingitur amni,
ingentisque tenent fossas et turribus altis 470
stant maesti; simul ora virum praefixa movebant
nota nimis miseris atroque fluentia tabo.


DE EURYALI MATRIS ULULATU (9.473-524)
Interea pavidam volitans pennata per urbem 9.473
nuntia Fama ruit matrisque adlabitur auris
Euryali. at subitus miserae calor ossa reliquit, 475
excussi manibus radii revolutaque pensa.
evolat infelix et femineo ululatu spondaico
scissa comam muros amens atque agmina cursu
prima petit, non illa virum, non illa pericli
telorumque memor, caelum dehinc questibus implet: 480
´hunc ego te, Euryale, aspicio? tune ille senectae
sera meae requies, potuisti linquere solam,
crudelis? nec te sub tanta pericula missum
adfari extremum miserae data copia matri?
heu, terra ignota canibus data praeda Latinis 485
alitibusque iaces. nec te tua funera mater
produxi pressive oculos aut vulnera lavi,
veste tegens tibi quam noctes festina diesque
urgebam, et tela curas solabar anilis.
quo sequar? aut quae nunc artus avulsaque membra 490
et funus lacerum tellus habet? hoc mihi de te,
nate, refers? hoc sum terraque marique secuta?
figite me, si qua est pietas, in me omnia tela
conicite, o Rutuli, me primam absumite ferro;
aut tu, magne pater divum, miserere, tuoque 495
invisum hoc detrude caput sub Tartara telo,
quando aliter nequeo crudelem abrumpere vitam.´
hoc fletu concussi animi, maestusque per omnis
it gemitus, torpent infractae ad proelia vires.
illam incendentem luctus Idaeus et Actor 9.500
Ilionei monitu et multum lacrimantis Iuli
corripiunt interque manus sub tecta reponunt.
At tuba terribilem sonitum procul aere canoro onomat
increpuit, sequitur clamor caelumque remugit.
accelerant acta pariter testudine Volsci 505
et fossas implere parant ac vellere vallum;
quaerunt pars aditum et scalis ascendere muros,
qua rara est acies interlucetque corona
non tam spissa viris. telorum effundere contra
omne genus Teucri ac duris detrudere contis, 510
adsueti longo muros defendere bello.
saxa quoque infesto volvebant pondere, si qua
possent tectam aciem perrumpere, cum tamen omnis
ferre iuvet subter densa testudine casus.
nec iam sufficiunt. nam qua globus imminet ingens, 515
immanem Teucri molem volvuntque ruuntque,
quae stravit Rutulos late armorumque resolvit
tegmina. nec curant caeco contendere Marte
amplius audaces Rutuli, sed pellere vallo
missilibus certant. 9.520
parte alia horrendus visu quassabat Etruscam
pinum et fumiferos infert Mezentius ignis;
at Messapus equum domitor, Neptunia proles,
rescindit vallum et scalas in moenia poscit.


DE ACRI PUGNA AD TURRIM (9.525-589)
Vos, o Calliope, precor, aspirate canenti 9.525
quas ibi tum ferro strages, quae funera Turnus
ediderit, quem quisque virum demiserit Orco,
et mecum ingentis oras evolvite belli.
[et meministis enim, divae, et memorare potestis ]
Turris erat vasto suspectu et pontibus altis, 530
opportuna loco, summis quam viribus omnes
expugnare Itali summaque evertere opum vi
certabant, Troes contra defendere saxis
perque cavas densi tela intorquere fenestras.
princeps ardentem coniecit lampada Turnus 535
et flammam adfixit lateri, quae plurima vento
corripuit tabulas et postibus haesit adesis.
turbati trepidare intus frustraque malorum
velle fugam. dum se glomerant retroque residunt
in partem quae peste caret, tum pondere turris 9.540
procubuit subito et caelum tonat omne fragore.
semineces ad terram immani mole secuta
confixique suis telis et pectora duro
transfossi ligno veniunt. vix unus Helenor
et Lycus elapsi; quorum primaevus Helenor, 545
Maeonio regi quem serva Licymnia furtim
sustulerat vetitisque ad Troiam miserat armis,
ense levis nudo parmaque inglorius alba.
isque ubi se Turni media inter milia vidit,
hinc acies atque hinc acies astare Latinas, 550
ut fera, quae densa venantum saepta corona
contra tela furit seseque haud nescia morti
inicit et saltu supra venabula fertur;
haud aliter iuvenis medios moriturus in hostis
inruit et qua tela videt densissima tendit. 555
at pedibus longe melior Lycus inter et hostis
inter et arma fuga muros tenet, altaque certat
prendere tecta manu sociumque attingere dextras.
quem Turnus pariter cursu teloque secutus
increpat his victor: ´nostrasne evadere, demens, 9.560
sperasti te posse manus?´ simul arripit ipsum
pendentem et magna muri cum parte revellit:
qualis ubi aut leporem aut candenti corpore cycnum
sustulit alta petens pedibus Iovis armiger uncis,
quaesitum aut matri multis balatibus agnum 565
Martius a stabulis rapuit lupus. undique clamor
tollitur: invadunt et fossas aggere complent,
ardentis taedas alii ad fastigia iactant.
Ilioneus saxo atque ingenti fragmine montis
Lucetium portae subeuntem ignisque ferentem, 570
Emathiona Liger, Corynaeum sternit Asilas,
hic iaculo bonus, hic longe fallente sagitta,
Ortygium Caeneus, victorem Caenea Turnus,
Turnus Ityn Cloniumque, Dioxippum Promolumque
et Sagarim et summis stantem pro turribus Idan, 575
Privernum Capys. hunc primo levis hasta Themillae
strinxerat, ille manum proiecto tegmine demens
ad vulnus tulit; ergo alis adlapsa sagitta
et laevo infixa est alte lateri, abditaque intus
spiramenta animae letali vulnere rupit. 9.580
stabat in egregiis Arcentis filius armis
pictus acu chlamydem et ferrugine clarus Hibera,
insignis facie, genitor quem miserat Arcens
eductum Martis luco Symaethia circum
flumina, pinguis ubi et placabilis ara Palici: 585
stridentem fundam positis Mezentius hastis
ipse ter adducta circum caput egit habena
et media adversi liquefacto tempora plumbo
diffidit ac multa porrectum extendit harena.


DE REMULO AB ASCANIO INTERFECTO (9.590-637)
Tum primum bello celerem intendisse sagittam 9.590
dicitur ante feras solitus terrere fugacis
Ascanius, fortemque manu fudisse Numanum,
cui Remulo cognomen erat, Turnique minorem
germanam nuper thalamo sociatus habebat.
is primam ante aciem digna atque indigna relatu 595
vociferans tumidusque novo praecordia regno
ibat et ingentem sese clamore ferebat:
´non pudet obsidione iterum valloque teneri,
bis capti Phryges, et morti praetendere muros?
en qui nostra sibi bello conubia poscunt. 9.600
quis deus Italiam, quae vos dementia adegit?
non hic Atridae nec fandi fictor Ulixes:
durum a stirpe genus natos ad flumina primum
deferimus saevoque gelu duramus et undis;
cenatu invigilant pueri silvasque fatigant, 605
flectere ludus equos et spicula tendere cornu.
at patiens operum parcoque adsueta iuventus
aut rastris terram domat aut quatit oppida bello.
omne aevum ferro teritur, versaque iuvencum
terga fatigamus hasta, nec tarda senectus 610
debilitat viris animi mutatque vigorem:
canitiem galea premimus, semperque recentis
comportare iuvat praedas et vivere rapto.
vobis picta croco et fulgenti murice vestis,
desidiae cordi, iuvat indulgere choreis, 615
et tunicae manicas et habent redimicula mitrae.
o vere Phrygiae, neque enim Phryges, ite per alta
Dindyma, ubi adsuetis biforem dat tibia cantum.
tympana vos buxusque vocat Berecyntia Matris
Idaeae; sinite arma viris et cedite ferro.´ 9.620
Talia iactantem dictis ac dira canentem
non tulit Ascanius, nervoque obversus equino
contendit telum diversaque bracchia ducens
constitit, ante Iovem supplex per vota precatus:
´Iuppiter omnipotens, audacibus adnue coeptis. 625
ipse tibi ad tua templa feram sollemnia dona,
et statuam ante aras aurata fronte iuvencum
candentem pariterque caput cum matre ferentem,
iam cornu petat et pedibus qui spargat harenam.´
audiit et caeli genitor de parte serena 630
intonuit laevum, sonat una fatifer arcus.
effugit horrendum stridens adducta sagitta
perque caput Remuli venit et cava tempora ferro
traicit. ´i, verbis virtutem inlude superbis.
bis capti Phryges haec Rutulis responsa remittunt´: 635
hoc tantum Ascanius. Teucri clamore sequuntur
laetitiaque fremunt animosque ad sidera tollunt.


DE APOLLINIS INTERVENTU (9.638-671)
Aetheria tum forte plaga crinitus Apollo
desuper Ausonias acies urbemque videbat
nube sedens, atque his victorem adfatur Iulum: 640
´macte nova virtute, puer, sic itur ad astra,
dis genite et geniture deos. iure omnia bella
gente sub Assaraci fato ventura resident,
nec te Troia capit.´ simul haec effatus ab alto
aethere se mittit, spirantis dimovet auras 645
Ascaniumque petit; forma tum vertitur oris
antiquum in Buten. hic Dardanio Anchisae
armiger ante fuit fidusque ad limina custos;
tum comitem Ascanio pater addidit. ibat Apollo
omnia longaevo similis vocemque coloremque iperm
et crinis albos et saeva sonoribus arma,
atque his ardentem dictis adfatur Iulum:
´sit satis, Aenide, telis impune Numanum
oppetiisse tuis. primam hanc tibi magnus Apollo
concedit laudem et paribus non invidet armis; 655
cetera parce, puer, bello.´ sic orsus Apollo
mortalis medio aspectus sermone reliquit
et procul in tenuem ex oculis evanuit auram.
agnovere deum proceres divinaque tela
Dardanidae pharetramque fuga sensere sonantem. 9.660
ergo avidum pugnae dictis ac numine Phoebi
Ascanium prohibent, ipsi in certamina rursus
succedunt animasque in aperta pericula mittunt.
it clamor totis per propugnacula muris,
intendunt acris arcus amentaque torquent. 665
sternitur omne solum telis, tum scuta cavaeque
dant sonitum flictu galeae, pugna aspera surgit:
quantus ab occasu veniens pluvialibus Haedis
verberat imber humum, quam multa grandine nimbi
in vada praecipitant, cum Iuppiter horridus Austris 670
torquet aquosam hiemem et caelo cava nubila rumpit.


PANDARO ET BITIA (9.672-755)
Pandarus et Bitias, Idaeo Alcanore creti,
quos Iovis eduxit luco silvestris Iaera
abietibus iuvenes patriis et montibus aequos,
portam, quae ducis imperio commissa, recludunt 675
freti armis, ultroque invitant moenibus hostem.
ipsi intus dextra ac laeva pro turribus astant
armati ferro et cristis capita alta corusci:
quales aeriae liquentia flumina circum
sive Padi ripis Athesim seu propter amoenum 9.680
consurgunt geminae quercus intonsaque caelo
attollunt capita et sublimi vertice nutant.
inrumpunt aditus Rutuli ut videre patentis:
continuo Quercens et pulcher Aquiculus armis
et praeceps animi Tmarus et Mavortius Haemon 685
agminibus totis aut versi terga dedere
aut ipso portae posuere in limine vitam.
tum magis increscunt animis discordibus irae,
et iam collecti Troes glomerantur eodem
et conferre manum et procurrere longius audent. 690
Ductori Turno diversa in parte furenti
turbantique viros perfertur nuntius, hostem
fervere caede nova et portas praebere patentis.
deserit inceptum atque immani concitus ira
Dardaniam ruit ad portam fratresque superbos. 695
et primum Antiphaten ( is enim se primus agebat ),
Thebana de matre nothum Sarpedonis alti,
coniecto sternit iaculo: volat Itala cornus
aera per tenerum stomachoque infixa sub altum
pectus abit; reddit specus atri vulneris undam 9.700
spumantem, et fixo ferrum in pulmone tepescit.
tum Meropem atque Erymanta manu, tum sternit Aphidnum
tum Bitian ardentem oculis animisque frementem,
non iaculo neque enim iaculo vitam ille dedisset,
sed magnum stridens contorta phalarica venit 705
fulminis acta modo, quam nec duo taurea terga
nec duplici squama lorica fidelis et auro
sustinuit; conlapsa ruunt immania membra,
dat tellus gemitum et clipeum super intonat ingens.
talis in Euboico Baiarum litore quondam 710
saxea pila cadit, magnis quam molibus ante
constructam ponto iaciunt, sic illa ruinam
prona trahit penitusque vadis inlisa recumbit;
miscent se maria et nigrae attolluntur harenae,
tum sonitu Prochyta alta tremit durumque cubile 715
Inarime Iovis imperiis imposta Typhoeo.
Hic Mars armipotens animum virisque Latinis
addidit et stimulos acris sub pectore vertit,
immisitque Fugam Teucris atrumque Timorem.
undique conveniunt, quoniam data copia pugnae, 9.720
bellatorque animo deus incidit.
Pandarus, ut fuso germanum corpore cernit
et quo sit fortuna loco, qui casus agat res,
portam vi multa converso cardine torquet
obnixus latis umeris, multosque suorum 725
moenibus exclusos duro in certamine linquit;
ast alios secum includit recipitque ruentis,
demens, qui Rutulum in medio non agmine regem
viderit inrumpentem ultroque incluserit urbi,
immanem veluti pecora inter inertia tigrim. 730
continuo nova lux oculis effulsit et arma
horrendum sonuere, tremunt in vertice cristae
sanguineae clipeoque micantia fulmina mittit.
agnoscunt faciem invisam atque immania membra
turbati subito Aeneadae. tum Pandarus ingens 735
emicat et mortis fraternae fervidus ira
effatur: ´non haec dotalis regia Amatae,
nec muris cohibet patriis media Ardea Turnum.
castra inimica vides, nulla hinc exire potestas.´
olli subridens sedato pectore Turnus: 9.740
´incipe, si qua animo virtus, et consere dextram,
hic etiam inventum Priamo narrabis Achillem.´
dixerat. ille rudem nodis et cortice crudo
intorquet summis adnixus viribus hastam;
excepere aurae, vulnus Saturnia Iuno 745
detorsit veniens, portaeque infigitur hasta.
´at non hoc telum, mea quod vi dextera versat,
effugies, neque enim is teli nec vulneris auctor´.
sic ait, et sublatum alte consurgit in ensem
et mediam ferro gemina inter tempora frontem 750
dividit impubisque immani vulnere malas.
fit sonus, ingenti concussa est pondere tellus;
conlapsos artus atque arma cruenta cerebro
sternit humi moriens, atque illi partibus aequis
huc caput atque illuc umero ex utroque pependit. 755


DE TURNI CAEDE IN TEUCRORUM CASTRIS
(9.756-777)
Diffugiunt versi trepida formidine Troes,
et si continuo victorem ea cura subisset,
rumpere claustra manu sociosque immittere portis,
ultimus ille dies bello gentique fuisset.
sed furor ardentem caedisque insana cupido 760
egit in adversos.
principio Phalerim et succiso poplite Gygen
excipit, hinc raptas fugientibus ingerit hastas
in tergum, Iuno viris animumque ministrat.
addit Halyn comitem et confixa Phegea parma, 765
ignaros deinde in muris Martemque cientis
Alcandrumque Haliumque Noemonaque Prytanimque. omo
Lyncea tendentem contra sociosque vocantem
vibranti gladio conixus ab aggere dexter
occupat, huic uno deiectum comminus ictu 770
cum galea longe iacuit caput. inde ferarum
vastatorem Amycum, quo non felicior alter
unguere tela manu ferrumque armare veneno,
et Clytium Aeoliden et amicum Crethea Musis,
Crethea Musarum comitem, cui carmina semper 775
et citharae cordi numerosque intendere nervis,
semper equos atque arma virum pugnasque canebat.


DE TURNO A TEUCRORUM CASTRIS FUGATO
(9.778-818)
Tandem ductores audita caede suorum
conveniunt Teucri, Mnestheus acerque Serestus,
palantisque vident socios hostemque receptum. 780
et Mnestheus: ´quo deinde fugam, quo tenditis?´ inquit.
´quos alios muros, quaeve ultra moenia habetis?
unus homo et vestris, o cives, undique saeptus
aggeribus tantas strages impune per urbem
ediderit? iuvenum primos tot miserit Orco? 785
non infelicis patriae veterumque deorum
et magni Aeneae, segnes, miseretque pudetque?´
talibus accensi firmantur et agmine denso
consistunt. Turnus paulatim excedere pugna
et fluvium petere ac partem quae cingitur unda. 790
acrius hoc Teucri clamore incumbere magno
et glomerare manum, ceu saevum turba leonem
cum telis premit infensis; at territus ille,
asper, acerba tuens, retro redit et neque terga
ira dare aut virtus patitur, nec tendere contra 795
ille quidem hoc cupiens potis est per tela virosque.
haud aliter retro dubius vestigia Turnus
improperata refert et mens exaestuat ira.
quin etiam bis tum medios invaserat hostis,
bis confusa fuga per muros agmina vertit; 9.800
sed manus e castris propere coit omnis in unum
nec contra viris audet Saturnia Iuno
sufficere; aeriam caelo nam Iuppiter Irim
demisit germanae haud mollia iussa ferentem,
ni Turnus cedat Teucrorum moenibus altis. 805
ergo nec clipeo iuvenis subsistere tantum
nec dextra valet, iniectis sic undique telis
obruitur. strepit adsiduo cava tempora circum
tinnitu galea et saxis solida aera fatiscunt
discussaeque iubae capiti nec sufficit umbo 810
ictibus; ingeminant hastis et Troes et ipse
fulmineus Mnestheus. tum toto corpore sudor
liquitur et piceum nec respirare potestas
flumen agit, fessos quatit aeger anhelitus artus.
tum demum praeceps saltu sese omnibus armis 9.815
in fluvium dedit. ille suo cum gurgite flavo
accepit venientem ac mollibus extulit undis
et laetum sociis abluta caede remisit.

TURNO E IRIDE, INVIATA DA GIUNONE (9.1-32)
Ma mentre queste cose accadono in una parte totalmente diversa,
la saturnia Giunone mandò dal cielo Iride
all´audace Turno. Casualmente allora Turno sedeva nel bosco
nella valle consacrata del padre Pilumno.
Ed a lui così la Taumanzia si rivolse con la rosea bocca: 5
"Turno, quello che nessuno degli dei oserebbe promettere
a chi lo desidera, ecco il giorno da passare lo offrì spontaneamente.
Enea, lasciata la città, i compagni e la flotta,
si dirige ai scettri del Palatino ed alla sede di Evandro.
E non basta: penetrò nelle estreme città di Corito 10
ed arma un manipolo di Lidi, contadini raccolti.
Perché esiti? Ora (è) tempo di cercare cavalli, ora i cocchi.
Rompi tutti gli indugi ed assalta gli accampamenti turbati."
Disse, e si alzò ad ali congiunte in cielo
e nella fuga tagliò un gigantesco arco sotto le nubi. 15
(La) riconobbe il giovane e levò entrambe le palme
alle stelle ed inseguì la fuggente con tale frase:
"Iride, splendore del cielo, chi a me ti spinse inviata
dalle nubi nelle terre? Donde questa occasione così splendida
improvvisamente? Vedo aprirsi il mezzo del cielo 20
e le stelle vaganti nel polo. Seguo sì grandi auguri,
chiunque (tu sia che) chiami alle armi." Così espressosi
s´avvicinò all´onda e bevve le acque sulla cima del gorgo
molto pregando gli dei, e riempì il cielo di voti.
E già tutto l´esercito marciava nella piane aperte 25
ricco di cavalli, ricco di vestiario dipinto e d´oro;
Mssapo le prime schiere, i giovani tirridi guidano
la retroguardia, a capo a metà dell´esercito, Turno:
[si volge tenendo le armi ed è sopra con tutta la testa]
come il Gange sorgendo alto, sedati i sette corsi 30
nella quiete o il Nilo con ricco afflusso
quando rifluisce dalle piane e si è nascosto nell´alveo.

I RUTULI NEGLI ACCAMPAMENTI DEI TEUCRI
(9.33-76)
Qui i Teucri vedono addensarsi una nube improvvisa
di nera polvere e le tenebre sorgere dalle pianure.
Per primo dalla torre di fronte Caico grida: 35
" Che gruppo, cittadini, si volge nella nera caligine?
Veloci portate il ferro, date le armi, scalete le mura,
il nemico è presente, orsù." Con grande clamore per tutte
le porte i Teucri si accalcano e riempiono i bastioni.
Così infatti partendo aveva ordinato l´ottimo in armi 40
Enea: se frattanto vi fosse stata qualche situazione,
né osassero attaccare battaglia né affidarsi al campo aperto;
solo tenessero l´accampamento ed le mura sicure col vallo.
Perciò anche se ira e vergogna mostra di venir alle mani,
oppongono tuttavia le porte ed eseguono gli ordini, 45
ed armati aspettano nelle cave torri il nemico.
Turno, come volando davanti aveva preceduto il lento esercito,
accompagnato da venti scelti tra i cavalieri ed arriva
improvviso alla città, e lo porta un cavallo tracio con bianche
macchie e lo copre un elmo d´oro con cresta rossa, 50
"Chi sarà mai con me, giovani, che per primo contro il nemico…?
Ecco," disse e vibrando un giavellotto lo scaglia in aria,
principio di scontro, e si getta alto sul campo.
I compagni raccolgono il grido e lo seguono con fremito con suono
spaventoso; si meravigliano degli inerti cuori dei Teucri, 55
che non si danno ad uguale campo, che uomini non muovano
contro le armi, ma che s´annidano in casa. Qua e laà torbido
perlustra a cavallo le mura cerca un ingresso nell´imposibile.
E come quando un lupo insidiando un ovile pieno
freme ai varchi sopportando i venti e le piogge 60
nel mezzo della notte; gli agnelli sicuri sotto le madri
mandano un belato, egli crudele e malvagio infuria
con ira contro gli assenti; lo tormenta la rabbia di mangiare
accumulata da tempo e le fauci secche di sangue:
non diversamente s´infiammano le ire al Rutulo che guarda 65
mura e campo, il dolore arde nelle dure ossa.
Con quale tattica tenti i varchi e quale via scuota i Teucri
chiusi nel vallo e li spinga nel piano?
La flotta, che unita ad un lato dell´acampamento era nascosta,
circondata dagli argini e dalle onde del fiume, 70
l´assale e chiede ai compagni festanti gli incendi
e furioso riempie la mano di pino bruciante.
Allora proprio incalzano, li sprona la presenza di Turno,
tutta la gioventù si munisce di nere fiaccole.
Saccheggiarono i fuochi: la torcia fumosa offre luce
di pece e Vulcano (porta) la congiunta favilla alle stelle.


LE NAVI TROIANE TRAMUTATE (9.77-125)
Quale Dio, o Muse, ha allontanato dai Teucri così crudeli
incendi? Chi cacciò così grandi fuochi dalle navi?
Dite: antica la fede per il fatto, ma la fama perenne.
Nel tempo in cui all´inizio Enea formava la flotta sull´Ida 80
di Frigia e si preparava a dirigersi nell´alto del mare,
si narra che la stessa Berecinzia madre degli dei con queste
frasi si rivolse al grande Giove: "Da´, figlio, a me chelo chiedo,
quello che la tua cara madre ti chiede, domato l´Olimpo.
Io ebbi una amata selva di pini per molti anni, 85
un bosco sulla sommità della vetta, dove portavano cose sacre,
ombroso di nereggiante resinoso (abete) e tronchi di acero.
Io le diedi lieta al giovene Dardanio, avendo bisogno
di flotta; ora mi angustia, preoccupata, un ansioso timore.
Sciogli le paure e permetti che la madre possa questo con preghiere,
sconnesse da nessuna rotta, non siano vinte da tempesta
di vento: serva esser nate sui nostri monti."
Il figlio a lei in risposta, lui che fa girare le stelle del mondo:
"O madre, dove chiami i fati? O cosa chiedi con questo?
Che carene fatte da mano mortale abbiano 95
fato immortale? Ed Enea, certo, veda incerti
pericoli? A quele dio è permesso talepotere?
Orbene, quando assolto il compito un giorno terranno i porti
ausoni, quella che sarà scampata dalle onde
ed avrà portato il capo dardanio ai campi di Laurento, 100
toglierò la forma mortale e comanderò che siano
del grande mare, come la nereide Doto
e Galatea solchino col petto il mare spumeggiante."
Aveva detto e confermò la decisione per i fiumi del fratello
stigio, per i torrenti di pece e le rive dalla nera voragine, 105
e col cenno fece tremare tutto l´Olimpo.
Dunque giungeva il giorno promesso e le Parche avevan
adempiuto i tempi dovuti, quando l´affronto di Turno
avvertì la Madre di scacciare le torce dalle sacre navi.
Allora prima una nuova luce brillò agli occhi ed una grande 110
nube parve percorrere il cielo dall´Aurora
ed i cori dell´Ida; poi una voce orreda cade
per l´aria e riempie le schiere di Troiani e Rutuli:
" Non preoccupatevi, Teucri, di difendere le mie navi
e non armate le mani; sarà dato aturno di bruciare prima 115
i mari che i sacri pini. Voi andate sciolte,
andate dee del mare, lo comanda la madre."
Subito le poppe rompono le catene dalle rive
e alla maniera dei delfini, sommersi i rostri, si volgono
nelle profondità delle acque. Di qui, mirabile prodigio, 120
[quante prore bronzee prima s´eran trovate sui lidi]
si offrono altrettanti volti di fanciulle e si portan nel mare.
I Rutuli stupirono in cuore, atterrito lo stesso Messapo
sui cavalli spaventati, tentenna ed il fiume Tiberino
rimbombando raucamente e trattiene il piede dal largo. 125

LA FIDUCIA DELL´AUDACE TURNO (9.126-175)
Ma la fiducia non cessòper l´audace Turno;
di più sollevagli animi e con parole incita di più:
"Questi prodigi riguardano i Troiani, ad essi lo stesso Giove
ha tolto il solito aiuto: armi e fuochi non aspettano
i Rutuli. Dunque mari impraticabili per i Teucri, 130
e nessuna speranza di fuga: la seconda parte di forze fu tolta,
ma la terra nelle nostre mani, tante genti itale, migliaia,
prendono le armi. Per nulla mi atterriscono i fatali
responsi degli dei, se alcuni i Frigi ne vantano per sé;
abbastanza fu dato ai fati ed a Venere, perché i Troiani 135
han toccato i campi della fatale Ausonia. Anch´io ho i mei
fati, distruggere col ferro una gente scellerata,
rapitami la sposa; e questo dolore non tocca i soli
Atridi, ad alla sola Micene è lecito prendere le armi.
"Ma è sufficiente esser morti una volta": sarebbe dovuto esser 140
sufficiente mancare prima, non solo odiando profondamente tutta
la razza femminile. Ad essi questa fiducia del vallo di mezzo
egli ostacoli delle fosse, piccoli ripari di morte,
danno sicurezze; ma non han visto le mura di Troia
costruite dalla mano di Nettuno crollare tra i fuochi? 145
Ma voi, o scelti, chi si prepara a tagliare il vallo col ferro
e con me invade gli accampamenti trepidanti?
Per me non delle armi di Vulcano, non di mille carene
c´è bisogno contro i Teucri. Si associno proprio tutti
gli Etrusci come alleati. Non temano le tenebre 150
ed i timidi furti del Palladio, uccise attorno le guardie
della rocca, né ci nasconderemo nella cieca pancia d´un cavallo:
alla luce apertamente è certo circondare le mura di fuoco.
Farò che sentano che la cosa non è con Danai e gioventù
pelasga, ed Ettore li trattenne fino al decimo anno. 155
Ora dunque, poiché è passata la parte migliore del giorno,
per quel che resta, lieti delle belle imprese curate
i corpi, eroi, e sperate si prepari la lotta."
Intanto con turni di guardie è dato incarico a Messapo
di assediare le porte e gingere le mura di fiamme. 160
Sono scelti due volte sette Rutuli che con una guarnigione
controllino i muri, ma li seguono ognuno in cento
giovani purpurei di creste e brillanti d´oro.
Caracollano e cambiano i turni, e sdraiati nell´erba
si danno al vino e vuotano coppe di bronzo. 165
Rufulgono i fuochi, la guardia passa la notte
insonne nel gioco.
I Troiani dall´alto dal vallo osservano queste cose e in armi
tengon gli spalti, e trepidi di terrore esplorano le porte
ed uniscono ponti e baluardi, 170
portano armi. Sorvegliano Mnesteo ed il forte Seresto,
che il padre Enea, se mai le avversità lo richiedessero,
chiamò ad essere capi dei giovani e guide delle cose.
Per tutti i muri una legione spartendosi il pericolo
veglia e fa i turni su quello che ognuno deve difendere. 175

EURIALO E NISO (9.176-223)
Niso era custode ad una porta, fortissimo in armi,
figlio di Irtaco, che l´Ida ricca di caccia aveva inviato
come compagno di Enea, veloce nel lancio e nelle frecce leggere,
e vicino il compagno Eurialo, di cui un altro più bello
non ci fu tra gli Eneadi né vestì armi troiane, 180
ragazzo che segnava guance intonse della prima giovinezza.
Essi avevano un unico amore ed insieme si gettavan nelle mischie;
pure allora custodivano la porta con guardia comune.
Niso disse: "Gli dei forse aggiungono ardore ai cuori,
Eurialo, o la propria terribile passione diventa per ciascuno un dio? 185
o il cuore mi agita lo scontro o a tentare da tempo qualcosa
di grande, e non è contento della placida quiete.
Vedi quale fiducia degli eventi tenga i Rutuli:
le luci brillano rare, sciolti nel sonno e nel vino
si son sdraiati, attorno i luoghi tacciono. Senti dunque 190
su cosa io esiti e male idea ora sorga nell´animo.
Tutti chiedono, popolo ed anziani, che si richiami
Enea, che si mandino uomini che riveriscano la realtà.
Se promettono quello che richiedo per te, per me è bastante
la fama del fatto, mi sembra di poter trovare sotto quella 195
altura la via alle mura ed ai bastioni pallantei."
Stupì colpito dal grande amore di lodi
Eurialo, subito così risponde all´amico ardente:
" Me forse rifiuti di unire come compagno in situazioni estreme,
Niso? Te solo manderò a così grandi pericoli? 200
Non così mi educò il padre, Ofelte abituato alle guerre,
allevatomi tra il terrore degli Argolici e gli affanni
di Troia, né con te feci tali cose
seguendo il magnanimo Enea e fati estremi:
cè qui, c´è un cuore disprezzatore della luce e che crede 205
si compri bene con la vita questo onore, cui tendi."
Niso in risposta: " Certamente niente di simile temevo di te,
né è possibile, no; così mi restituisca festante a te il gran
Giove o chiunque guardi queste cose con occhi giusti.
Ma se uno (quante cose vedi in tale frangente) 210
se uno o un caso o un dio, portasse all´avversità,
vorrei che tu sopravvivessi, la tua età (è) più degna di vita.
Ci sarebbe chi affidi alla terra me colpito in uno scontro o
riscattato con somme, o se la solita Fortuna lo vieterà,
faccia le esequie all´assente e lo onori del sepolcro. 215
Che non sia io causa di così garnde dolore alla misera madre,
che unica, ragazzo, tra molte madri osandolo
segue te, né bada alle mura del grande Aceste."
Ma lui: " Invano macchini inutili cause
né la mia idea ormai, cambiata di posizione, si ritrae. 220
Affrettiamoci", disse. Subilo sveglia le gurdie. Essi
subentrano e mantengono i turni; lasciata la guardia
egli come compagno di Niso avanza e cercano il re.

IL CONSIGLIO DEI CAPI TROIANI (9.224-313)
Gli altri viventi per le tutte terre col sonno
sollevavano gli affani ed i cuori dimentichi delle fatiche: 225
ma i primi capi dei Teucri, gioventù scelta,
avevano il consiglio sui massimi affari del regno,
cosa fare o chi ormai fosse messaggero ad Enea.
Stanno appoggiati alle lunghe lance e tenendo gli scudi
nel mezzo dell´accampamento e della piana. Allora Niso 230
ed insieme Eurialo chiedono veloci di esser ammessi subito:
ci sarebbe un affare importante ed il valore dell´indugio. Per primo
Iulo ricevette i trepidanti e comandò a Niso di parlare.
Allora così l´Irtacide: "Ascoltate, o Eneadi, con giuste
attenzioni, perché le cose che riferiamo non siano giudicate 235
dai nostri anni. I Rutuli sciolti dal sonno e dal vino
hanno taciuto. Noi stessi abbiam perlustrato un luogo per insidie,
che si apre nel bivio della porta, quella vicina al mare.
Si son interrotti i fuochi ed un anero fumo si leva
alle stelle. Se permettete che si usi la fortuna 240
per cercare Enea e le mura pallantee,
presto ci vedrete qui presentarci con le sploglie, compiuta
un´immensa strage. Ne ci dfugge la via per andare:
abbiam visto l´inizio della città nelle ombrose valli
e con la caccia frequente abbiam conosciuto tutto il fiume." 245
Allora Alete grave e maturo di coraggio:
"Dei patrii, sotto la cui protezione Troia è sempre,
non vi preparate certamente a cancellare i Teucri del tutto,
poiché allevaste tali animi di giovani e cuori così
sicuri.." Così commentando teneva le spalle e le destre 250
di entrambi e rigava il volto e le guance di lacrime.
"Quali per voi, quali degni premi, o eroi, penserei si possan
pagare in cambio di queste glorie? Anzitutto gli dei ed i vostri
caratteri li daranno bellissimi: i restanti poi li renderà presto
il pio Enea ed Ascanio integro di età 255
non immemore mai di così gran merito."
"Anzi vi giuro io, cui sola salvezza (è), che sia tornato il padre,
riprende Ascanio, per i grandi penati, Niso,
il lare di Assaraco ed i penetrali della bianca
Vesta, quanta sia per me la fortuna e la fiducia, 260
le ripongo nei vostri petti. Richiamate il padre,
restituitene la presenza; nulla di triste se lui sia tornato.
Darò doppie tazze fatte d´argento e cariche
di ceselli, che il padre prese, vinta Arisba,
e due tripodi, due grossi talenti d´oro, 265
un antico cratere che regala la sidonia Didone.
Se poi vincitore mi capiterà di prendere l´Italia e
di impadronirmi degli scettri e decidere la sorte della preda
avete visto con quale cavallo, con quali armi Turno avanza
d´oro; eccettuerò dalla sorte quello stesso, lo scudo e 270
le creste rosseggianti, già ora tuoi premi, Niso.
Inoltre il padre darà due volte sei corpi sceltissimi
di madri e prigionieri e per ognuno le sue armi,
oltre a questi quella parte di piana che ha lo stesso re Latino.
Te invece, che la mia età segue di tempi più vicini, 275
straordinario ragazzo, ti accolgo con tutto il cuore
e ti abbraccio come compagno per tutti gli eventi.
Nessuna gloria si cercherà per le mie gesta senza di te:
Sia che faccia le guerre che la pace, per te la massima lealtà
di azioni e parole." Ed a lui in risposta dice 280
Eurialo: " Nessun giorno mi accusi dissimile
da tanto forti imprese; la fortuna cada tanto propizia
o avversa. Ma sopra tutti i doni ti chiedo
una cosa aola: io ho una vecchia madre della strirpe
di Priamo, ma la terra ilia non trattenne la misera 285
che partiva con me, non le mura del re Aceste.
Costei io ora lascio ignara di questo pericolo, qualunque (sia)
e non salutata: la notte e la tua destra (sia) testimone,
perché non potrei sostenere le lacrime della madre.
Ma tu, prego, consola la povera e soccorri l´abbandonata. 290
Lascia che io porti questa speranza di te, andrò più audace
contro tutti i casi." Colpita la mente, tutti i Dardanidi
sparsero lacrime, prima di tutti il bello Iulo,
e l´immagine dell´amore del padre (gli) strinse il cuore.
Poi così parla: 295
" Ripromettiti tutto degno delle tue grandi imprese.
Infatti costei mi sarà madre ed il solo nome di Creusa
le mancherà, né un tale parto resta
un merito piccolo. Qualunque evenienza seguirà il fatto,
questa mia persona giuro, per la quale prima soleva il padre: 300
quello che prometto a te reduce ed alla fortuna propizia
queste stesse cose si manterranno per la tua madre e la stirpe."
Così disse piangendo; tolse dalla spalla la spada
dorata, che Licaone di Cnosso aveva fatto con arte
e l´aveva adattata agevole ad un fodero d´avorio. 305
Mnesteo dà a Niso la pelle e le spoglie d´un ispido
leone, il fido Alete scambia l´elmo.
Subito avanzano armati; e mentre vanno alle porte
tutta la schiera dei primi, dei giovani e degli anziani,
li accompagna di auguri. E pure il bello Iulo, 310
che aveva un coraggio ed un attenzione virile più degli anni,
dava molte incombenze da portare al padre; la i venti
strappano tutto e l´offrono inutile ale nubi.

LA STRAGE NOTTURNA (9.314-366)
Usciti superano i fossati e per l´ombra della notte
si dirigono all´accampamenot nemico, tuttavia prima destinati 315
ad essere di rovina per molti. Qua e là nell´erba vedono giacere
corpi vinti dal sonno e dal vino, cocchi alzati sul lido,
uomini tra redini e ruote, insieme armi,
vini insieme. Per primo l´Irtacide così parlando con la bocca:
"Euriale, bisogna osare con la destra: ora la realtà stessa chiama. 320
Di qua è la strada. Tu, perché un manipolo non possa alzarsi
per noi alle spalle, sta´ in guardia e da lontano fa´ attenzione;
io darò queste rovine e ti guiderò per largo sentiero."
Così commenta ed abbassa la voce, insieme assale con la spada
il superbo Ramnete, che allora sdraiato su alti 325
tappeti da tutto il petto soffiava il sonno,
re lui stesso e graditissimo augure del re Turno,
ma con l´augurio non potè allontanare la rovina.
Vicino tre servitori giacenti fortuitamente tra le armi,
sopprime l´armigero di Remo e raggiunto l´auriga sotto 330
gli stessi cavalli taglia col ferro i colli pendenti.
Poi toglie allo stesso padrone la testa e lascia il tronco
singhiozzante di sangue; la terra intiepidita dalla nera strage
ed i giacigli s´inzuppano. Ancora Lamiro,Lamo
ed il giovane Serrano, che in quella notte aveva giocato 335
Moltissimo, bello d´aspetto, e giaceva vinto le membra
da molto dio; fortunato continuamente avesse eguagliato
quel gioco alla notte e l´avesse protratto fino alla luce:
come un leone digiuno terrorizzando per i pieni ovili
infatti lo sprona una pazza fame e sbrana e strascina 340
il tenero gregge e muto di paura, rugge con la bocca sanguinante.
Non minore la strage di Eurialo; eccitato anche lui
impazza e (uccide) molta plebe nel mezzo senza nome,
e Fado ed Erbeso affronta e Reto ed Abari,
ignari; Reto che vegliava e vedeva tutto, 345
ma temendo si copriva dietro un grande cratere.
A lui in pieno petto gli nascose tutta la spada
completamente mentre s´alzava e lo ricevette con molta morte.
Quello vomita la vita purpurea e morendo rigetta vini
misti a sangue, questo incalza furioso con la rapina. 350
Ormai si volgeva ai compagni di Messapo; li vedeva
l´ultimo fuoco svanire ed i cavalli legati con cura
brucare l´erba, quando brevemente Niso così,
sentì infatti esser preso da troppa strage e passione,
"Smettiamo, disse, la luce nemica s´avvicina. 355
si è compiuto abbastanza di vendette, tra i nemici la via è fatta."
Lasciano molte armi di uomini lavorate in puro argento
insieme a creteri e bei tappeti.
Eurialo (lascia) le falere di Ramnete e le cinture d´oro
con borchie, che un tempo inviò come doni a Remulo 360
di Tivoli, il ricchissimo Cedico, alleandosi pur assente
con l´ospitalità; egli morendo lo dà da possedere a suo nipote;
dopo la morte i Rutuli in guerra ed in battaglia se ne impadronirono:
queste le afferra e le adatta alle spalle inutilmente forti.
Allora vestì l´agevole elmo di Messapo e decorato
di creste. Escono dall´accampamento e cercano il sicuro.

LA MORTE DI EURIALO E NISO (9.367-449)
Intanto i cavalieri inviati avanti dalla città latina,
mentre il resto della legione si ferma schierata,
marciavano e portavano al re Turno le risposte,
in trecento, tutti con scudo, sotto la guida di Volcente. 370
Ormai s´avvicinavano al campo ed arrivavano alle mura
quando vedon costoro che girano sul sentiero a sinistra,
e l´elmo nell´ombra incerta della notte tradì l´immemore
Eurialo e di fronte risplendette di raggi.
Non impunemente si vide. Dalla schiera Volcente grida: 375
"Fermate, uomini. Quale motivo di viaggio? O chi siete con armi?
Dove volgete il cammino?" Nulla essi davano in risposta,
ma affrettavan la fuga nelle selve e s´affidavan alla notte.
Si lanciano i cavalieri alle note biforcazioni
di qua e di là, e attorniano ogni accesso di guardie. 380
Fu una selva irta attorno di rovi e di nera elce,
che da ogni parte dense spine riempivano;
un rado sentiero luccicava per nascosti passaggi.
Le tenebre dei rami e la pesante preda bloccano
Eurialo e il timore sulla direzione delle vie lo inganna. 385
Niso se ne va; e già senza pensare aveva superato i nemici
ed i luoghi che poi son detti Albani dal nome di Alba,
allora il re Latino aveva grandi stalle,
come si fermò ed invano guardò all´amico assente:
"Eurialo infelice, in che direzione t´ho lasciato? 390
Dove seguirti, rifacendo di nuovo tutto l´ntricato percorso
della ingannevole selva?" Nello stesso tempo scruta
a ritroso le orme stampate ed erra tra rovi silenti.
Sente i cavalli, sente gli strepiti ed i segnali degli inseguitori;
e non molto tempo nel mezzo, quando giunge un grido 395
alle orecchie e vede Eurialo, ma ormai tutta la schiera
per l´inganno del luogo e della notte, agitandosi un improvviso
scompiglio, lo afferra sorpreso e divincolandosi tantissimo invano.
Che fare? Con quale forza, con queli armi osare strappare
il giovane? O buttarsi a morire in mezzo alle spade 400
ed affrettare una bella morte tra i colpi?
Piuttosto rapidamente alzato il braccio brandisce la lancia
guardando all´alta Luna e così prega con la voce:
" Tu, dea, tu presente soccorri la nostra impresa,
splendore deglia astri e latonia custode dei boschi. 405
Se mai mio padre Irtaco per me offrì qualche dono
davanti ai tuoi altari, se io stesso li aumentai con le mie cacce
o li sospesi alla cupola o li fissai ai sacri frontoni,
lascia che io sconvolga questa schiera e guida le armi nell´aria."
Aveva detto e tesosi con tutto il corpo lancia 410
il ferro. La lancia volando rompe le ombre della notte
e giunse nella schiena di Sulmone voltato e lì
s´infrange e trapassa le viscere, rotto il legno.
Rotola quello vomitando dal petto un caldo fiume,
e freddo sbatte i fianchi con lunghi singulti. 415
Da ogni parte guadano. Lui più accanito per questo
ecco librava un´altra arma all´altezza dell´orecchio.
Mentre trepidano, la lancia va su Tago per entrambe le tempie
stridendo e trapassato il cervello s´arrestò intirpidita.
Impazza feroce Volcente né vede in alcun posto l´autore 420
del lancio né dove possa buttarsi fremente.
"Tu però intanto mi pagherai il fio per entrambi
col caldo sangue" disse; insieme sguainata la spada
andava contro Eurialo. Allora sì, atterrito, fuor di sé,
Niso grida né potè di più celarsi nelle tenebre 425
o sopportare un così garnde dolore.
"Me, me, son io che l´ho fatto, antro me volgete il ferro,
o Rutuli, mio ogni inganno, niente costui né osò
ne potè; invoco a testimoni di ciò il cielo e le stelle coscienti;
soltanto amò troppo un amico infelice." 430
Offriva tali parole, ma con forze la spada spinta
trapassa le costole e rompe i candidi petti.
Rotola Eurialo nella morte, e per le belle membra
corre il sangue e la testa rovesciata sulle spalle s´abbandona:
come quando un purpureo fiore reciso dall´aratro 435
languisce morente, o sul collo stanco i papaveri
abbassarono il capo quando per caso son gravati da pioggia.
Ma Niso precipita in mezzo e tra tutti cerca il solo
Volcente, sul solo Volcente si ferma.
Ma i nemici schierati attorno di qua e di là da vicino 440
lo respingono. Non di meno insiste e ruota la spada
fulminea, finchè la nascose nella bocca di fronte
del Rutulo urlante e, morente, tolse la vita al nemico.
Poi si gettò sopra l´amico esanime,
trafitto, e li finalmente riposò di placida morte. 445
Fortunati entrambi. Se i miei versi posson qualcosa,
nessun giorno mai vi toglierà da un´epoca memore,
fin che la casa d´Enea abiterà l´immobile roccia
del Campidoglio el il padre romano terrà il potere.

IL LUTTO DEGLI ENEADI (9.450-472)
I Rutuli vincitori impossessatisi delle spoglie 450
portavano nel campo piangendo Volcente esanime.
Né minore nel campo il lutto, trovato Ramnete
esangue ed in una sola strage uccisi tanti capi,
Serrano e Numa. Enorme l´accorrere verso gli stessi
corpi e uomini agonizzanti, al luogo fresco di tiepida 455
strage ed a ruscelli spumeggianti di sangue.
Riconoscono le spoglie tra loro e l´elmo splendente
di Messapo e le falere conquistate con molto sudore.
Ed ormai la prima Aurora spargeva le terre di nuova
luce lasciando il dorato letto di Titone. 460
Diffusosi già il sole, ricoperte già le cose di luce
Turno stesso circondato di armi eccita alle armi
gli uomini: spingono le bronzee schiere agli scontri,
ognuno i suoi, con varie frasi acuiscono le ire.
Addirittura configgono, miserevole alla vista, su lance 465
drizzate e le seguono con grande urlo le stesse teste
di Eurialo e Niso.
Gli Eneadi forti sulla parte sinistra del muro
opposero una squadra poiché la destra è cinta dal fiume,
controllano gli enormi fossati estanno mesti 470
sule alti torri; li commuovono i volti degli eroi infilzati
troppo noti ai miseri e grondanti di nero sangue.

L´URLO DELLA MADRE DI EURIALO (9.473-524)
Intanto la pennuta fama volteggiando per la città sgomenta annun
corre messaggera e sfiora le orecchie della madre
di Eurialo. Ma improvviso il calore abbandona le ossa, 475
i fusi crollarono dalle mani rotolarono i gomitoli di lana.
Vola via l´infelice e con un urlo di donna
scilta la chioma, fuor di sé di corsa cerca le mura e
le prime schiere, non memore, lei, degli uomini, non lei
del pericolo, quindi riempie il cielo di lamenti: 480
"Così io te, Eurialo, vedo? Tu quella pace finale
della mia vecchiaia, potesti lasciarmi sola,
crudele? Né fu data la possibilità alla misera madre
un´ultima volta di parlare a te inviato a così gravi pericoli?
Ahi, giaci su terra ignota, come preda data ai cani 485
latini ed agli uccelli. Né io, la madre, preparai te, le tue
esequie o chiusi gli occhi o lavai le ferite,
coprendo con la veste che per te sollecita giorni e noti
affrettavo e con la tela consolavo gli affanni senili.
Dove seguirti? O quale terra adesso tiene le braccia e 490
le membra squartate ed il cadavere lacero? Questo di te mi
riporti, figlio? Per questo ti ho seguita per terra e per mare?
Trafiggetemi, se c´è una pietà, tutte le armi su di me
gettatele, o Rutuli, me per prima annientate col ferro;
o tu, grande padre degli dei, abbi pietà e con la tua 495
arma scaglia questo capo odioso sotto il Tartaro,
poiché non posso diversamente annientare una vita crudele."
A questo pianto si sconvolsero gli animi, un mesto gemito
corre fra tutti, le forze spezzate sono fiacche per gli scontri.
Lei che incendiava pianti l´afferrano Ideo ed Attore 500
su consiglio di Ilioneo e di Iulo piangente a dirotto
e tra le braccia la riportono sotto i tetti.
Ma la tromba da lontano col bronzo sonoro un terribile squillo
echeggiò, segue un grido ed il cielo rimbomba.
Creata una testuggine i Volsci s´affrettano insieme 505
e si preparano a riempire i fossati e svellere il vallo;
parte cercano un varco e scalare le mura con scale,
dove la schiera è rada risalta una cerchia non tanto
densa di uomini. I Teucri riversano contro ogni sorta
di armi e respingono con dure pertiche, 510
abituati a difender le mura con lunga guerra.
Rotolavano fure sassi di peso terrificante, si potessero
da qualche parte spezzare la schiera coperta, mentre è dovere
sopportare ogni situazione sotto la testuggine.
Ma ormai non resistono. Infatti dove il gruppo incalza 515
numeroso, i Teucri rotolano e precipitano un masso gigantesco,
che atterrò atorno i Rutuli e rovinò i tetti
di armi. Ma i Rutuli audacinon curano più di lottare
con Marte cieco, ma s´impegnano a cacciarli dal vallo
con proiettili. 520
Da un´altra parte, orribile a vedersi, Mezenzio scuoteva
un pino etrusco e porta fuochi fumosi;
ma Messapo, domator di cavalli, prole di Nettuo,
spacca il vallo e chiede scale contro le mura.

ASPRA BATTAGLIA PRESSO LA TORRE (9.525-589)
Voi, o Calliope, prego, ispirate a chi canta 525
quali stragi allora vi (fece) Turno, quali morti
produsse, quele uomo ciascuno spedì all´Orco,
e con me spiegate le grandi arree di guerra.
[lo ricordate infatti, dee, e potete raccontare.]
C´era una torre di grande altezza ed enormi ponti, 530
strategica per luogo, che tutti gli Itali con sommi
sforzi tentavano di espugnare ed abbattere con somma potenza
di mezzi, di contro i Teucri a difenderla con sassi e
numerosi per le cave finestre a lanciare armi.
Per primo Turno gettò una torcia ardente 535
ed appiccò la fiamma ad un lato, che grandissima per il vento
afferrò le tavole e si attaccò alle porte divorate.
Turbati dentro trepidavano ed invano volevano la fuga
dei mali. Mentre si radunavano e si fermavano dentro
nella parte che è priva di rovina, allora per il peso la torre 540
crollò improvvisamente e tutto il cielo rimbomba per il fragore.
Semivivi per terra, poiché la grande mole seguiva,
giungono trafitti dalle loro armi e trapassati i petti
dal duro legno. A stento Elenore solo
e Lico sfuggiti; il più giovane di questi Elenore, 545
che la schiava Licimnia furtivamente aveva allevato
per il re Meonio ed aveva inviato a Troia con armi proibite,
veloce con la nuda spada e non famoso con.il bianco scudo.
Egli quando si vide in mezzo alle migliaia di Turno,
di qua schiere ed ancora schiere latine sbarrarlo, 550
come belva, che assediata da una fitta cerchia di cacciatori
infuria contro le armi e si getta alla morte, non inconscia,
e con un salto si porta sopra gli spiedi;
non diversamente il giovane si lancia a morire in mezzo
ai nemici e si volge dove vede più fitte le armi. 555
Ma molto migliore di piedi Lico raggiunge in fuga
le mura sia tra nemici che tra le armi, tenta di afferrare
con la mano gli alti tetti e toccare le destre dei compagni.
Ma Turno ugualmente seguendolo di corsa e con l´arma
vittorioso lo apostrofa così: "Forse sperasti, pazzo, di poter 560
sfuggire le nostre mani?" Subito lo afferra
mentre pencola e lo strappa con granparte del muro:
come quando (l´aquila) scudiero di Giove con le zampe uncinate
librandosi in alto ha sollevato o una lepre o un cigno dal corpo
candido o il marzio lupo ha rapito dagli ovili un agnello 565
cercato con molti belati dalla madre. Da ogni parte si alza
un grido: irrompono e riempiono il fossato,
altri scagliano torce ardenti ai tetti.
Ilioneo atterra con un sasso ed un enorme frammento
di monte Lucezio che s´avvicinava alla porta e portava fuochi, 570
Ligeri (atterra) Emazione, Asila Corineo,
bravo costui nel lancio, l´altro con l´insidiante freccia da lontano,
Ceneo Ortigio, Turno Ceneo vincitore,
Turno Iti e Clonio, Dioxippo e Promulo,
Sagari ed Ida che stava davanti alle altissime torri, 575
Capi Priverno. Prima la lancia di Temilla aveva
sfiorato costui, egli, pazzo, gettato lo scudo portò
la mano alla ferita; allora un´alata freccia arrivò
e si infisse in alto sul fianco sinistro, dentro nascosta
ruppe con ferita mortale i passaggi della vita. 580
Stava in belle armi il figlio di Arcente
lavorata la clamide con l´ago e splendido di porpora iberica,
notevole di aspetto, che il padre Arcente aveva mandato
cresciutolo nel bosco di marte attorno al fiume Simeto,
dove (c´è) il ricco e benigno altare di Palico: 585
lo stesso Mezenzio, deposte le lance, girò tre volte
attorno alla testa, tirata la cinghia, la stridente fionda
e , di fronte, gli spaccò in mezzo le tempie col piombo
liquefatto e lo stese allungato su molta sabbia.

REMULO UCCISO DA ASCANIO (9.590-637)
Si narra che allora per la prima volta in guerra Ascanio, 590
solito prima ad atterrire le timide fiere, scagliò una veloce
freccia e rovesciò il forte Numano, che si chiamava
anche Remolo, da poco unitosi in matrimonio
aveva la sorella minore di Turno.
Costui in prima linea vociferando cose degne ed indegne 595
da riferire e gonfio nel petto per il nuovo regno
procedeva e si rendeva gigantesco per il vociare:
"Non è vergognoso di nuovo in assedio esser protetti da un vallo,
Frigi catturati due volte, metter muri davanti alla morte?
Ecco quelli che si cercano con la guerra i nostri matrimoni. 600
Quale dio, quale pazzia vi costrinse in Italia?
Qui non ci sono gli Atridi ed Ulisse simulatore del dire:
razza dura dalla origine fin dall´inizio portiamo i figli
ai fiumi e li induriamo col crudele gelo e con le onde;
i bambini vegliano a caccia e frequentan le selve, 605
gioco (è) guidare i cavalli e tendere frecce col (arco di) corno.
Ma la gioventù resistente ai lavori abituata alla parsimonia
doma la terra con rastrelli o scuote le città conla guerra.
Ogni età si consuma col ferro, girata la lancia pungoliamo
le schiene dei giovenchi, né la tarda vecchiaia 610
debilita le forze dell´animo e muta il vigore:
premiamo la canizie con l´elmo, piace sempre
radunare fresche prede e vivere di razzia.
Voi avete veste dipinta di croco e risplendente porpora,
la pigrizia (sta) a cuore, vi piace divertirvi con danze, 615
le tuniche han le maniche e le mitre nastrini.
O davvero Frigie, e non proprio Frigi, andate per l´alto
Dindimo, dove il flauto dà agli appassionati il doppio canto.
I timpani berecinzi della Madre dell´Ida ed i flauto chiama
voi; lasciate le armi agli uomini e rinunciate al ferro." 620
Ascanio non sopportò chi a parole si vantava così
e proclamava ingiurie, e giratosi, sul nervo equino
tese la freccia e tirando le braccia divaricate
si fermò, davanti a Giove con voti prega, supplice:
"Giove onnipotente, acconsenti alle audaci imprese, 625
io stesso porterò ai tuoi templi doni solenni,
e porrò davanti agli altari uno splendente giovenco
dalla fronte dorata che già alza la testa con la madre,
che gà cozzi col corno e con le zampe sparga l´arena."
Sentì ed il padre dalla parte serena del cielo 630
tuonò a sinistra, rimbomba insieme l´arco fatale.
La freccia scoccata stridendo orribilmente fuggì
e giunse nella testa di Remulo e trapassò le cave
tempie. "Va´, schernisci il coraggio con parole superbe.
I Frigi presi due voltespediscono ai Rutuli queste risposte": 635
Cosi Ascanio (disse) soltanto. I Teucri seguono con un urlo
fremon di gioia ed alzano gli animi allle stelle

L´INTERVENTO DI APOLLO (9.638-671)
Nella regione eterea per caso Apollo crinito
dall´alto vedeva le truppe ausonie e la città
sedendo su di una nube, e così parla a Iulo vittorioso: 640
"Evviva il tuo nuovo valore, ragazzo, così si sale alle stelle,
generato da dei e destinato a generare dei. Giustamente
tutte le guerre venture resteranno sotto il fato di Assaraco,
né Troia basta a te." Detto questo dall´alto
etere si lancia, muove l´aria che spira 645
e cerca Ascanio; allora si cambia per l´aspetto del volto
nel vecchio Bute; costui fu prima armigero
al dardanio Anchise e fedele guardia alle soglie;
poi il padre lo diede come compagno ad Ascanio. Apollo
camminava in tutto simile all´anziano nella voce, colore, 650
bianchi capelli e le armi crudeli nei suoni,
e con queste parole si rivolge all´ardente Iulo:
"Sia sufficiente, Eneide, aver colpito impunemente
Numano con le tue armi. Il grande Apollo ti concede
questo primo premio e non ti invidia per le pari armi; 655
per il resto, ragazzo, smetti la guerra." Così espressosi
Apollo, a metà del discorso, lasciò le sembianze mortali
e svanì dagli occhi lontano nell´aria leggera.
I Dardanidi riconobbero il dio e le armi divine
e sentirono la faretra risonante nella fuga. 660
Percìò bloccano Ascanio avido di lotta per le parole
e la volontà di Febo, essi di nuovo tornano ai duelli
e mettono le vite in aperti pericoli.
Un grido corre su tutte le mura attraverso i bastioni,
tendono i forti archi e lanciano giavellotti. 665
Tutto il suolo è coperto di armi, poi gli scudi ed i cavi
elmi per l´urto danno rimbomdo, sorge un´aspra battaglia:
quanta pioggia batte la terra venendo dai piovosi
Capretti, con quanta grandine i nembi precipitano
in molti torrenti, quando Giove spaventoso per gli Austri 670
lancia l´acquosa tempesta e rompe in cielo le cave nubi.

PANDARO E BIZIA (9.672-755)
Pandaro e Bizia, nati da Alcanore dell´Ida,
che Iera silvestre allevò nel bosco di Giove
giovani uguali agli abeti della patria ed ai monti,
aprono la porta, che era affidata da un ordine del capo, 675
confidando nelle armi, inoltre invitano il nemico alle mura.
Essi dentro a destra e sinistra stan come torri torri
armati di ferro e splendenti nelle alte teste di creste:
come attorno ai limpidi fiumi sia sulle rive del Po
o lungo l´ameno Adige si ergono aeree due querce 680
ed alzano al cielo il capo intonso e
ondeggiano con l´altissima cima.
I Rutuli irrompono, come vedono le entrate che s´aprono:
subito Quercente ed Aquicolo, bello nell´armi,
e Tmaro focoso di animo ed il mavorzio Emone 685
con tutte le squadre o sconfitti voltaron le spalle
o deposero la vita sulla soglia stessa della porta.
Allora di più le ire crescono negli animi discordi,
e già i Troiani riuniti si addensano nello stesso posto
ed osano venire alle mani ed avanzare più lontano. 690
A condottiero Turno che in un´altra parte infuriava
e scompigliava uomini, vien portata la notizia, che il nemico
imperversa con nuova strage ed offre le porte aperte.
Abbandona l´azione ed incitato da ira tremenda
si precipita alla porta dardania ed ai fratelli superbi. 695
E, lanciato un giavelotto, stende per primo Antifate
(costui si metteva per primo ), bastardo del grande
Sarpedone da madre tebana: il cornio italo vola
tra la tenera aria e conficcatosi nello stomaco se ne va
nel profondo petto; la caverna della nera ferita getta un´onda 700
spumeggiante, ed il ferro s´intiepidisce nel polmone trapassato.
Poi con la mano atterra Merope, Erimanto, poi Afidno,
poi Bizia che arde negli occhi e nell´animo freme,
non con un dardo, infatti egli non avrebbe dato la vita
con un dardo, ma stridendo grandemente venne una violenta
falarica lanciata a modo di fulmine, che non sostenne 706
né doppia pelle di toro né la fedele corazza con duplice squama
ed oro; le gigantesche membra crollate stramazzano,
la terra dà un gemito e l´enorme scudo sopra rimbomba.
Tale sul lido euboico di Baia a volte cade 710
una pila di sassi, che prima costruita a grandi mucchi
gettano in mare, così quella inclinata trascina
il crollo e completamente schiacciata si sdraia sui fondali;
i mari si mescolano e le nere sabbie si sollevano,
allora l´alta Procida trema al rimbombo ed Ischia, duro 715
letto imposto a Tifeo dai comandi di Giove.
Allora Marte potentenelle armi aggiunse vigore e forze
ai Latini e mise nel petto acuti sproni,
inviò ai Teucri Fuga e Timore.
Giungono da ogni parte, poicè è data possibilità di scontro, 720
ed il dio guerriero è penetrato nell´animo.
Pandaro, come vede il fratello col corpo crollato
ed in quale luogo sia la fortuna, quale casualità guidi le cose,
girato il cardine con molta forza spinge la porta
sforzandosi con le larghe spalle e la scia molti dei suoi 725
chiusi fuori dalle mura nell´aspra lotta;
ma richiude altri con sé e gli accoglie accorrenti,
pazzo, da non vedere il re rutulo nel mezzo dello scontro
che entrava e da chiuderlo per di più nella città,
come una gigantesca tigre tra timidi greggi. 730
Subito una strana luce sfavillò agli occhi e le armi
orribilmente risuonarono, tremano in alto le creste
sanguinee e dallo scudo irradia fulmini brillanti.
Riconoscono l´aspetto nemico e le gigantesche membra.
Sibito gli Eneadi si turbarono. Allora l´enorme Pandaro 735
spicca e acceso d´ira per la morte del fratelo
afferma: " Non questa (è) la reggia dotale di Amata,
né il centro di Ardea protegge Turno con le patrie mura.
Vedi un campo nemico, nessuna possibilità di uscire di qui."
Sorridendogli Turno, sedato il petto: 740
"Comincia, se qualche valore c´è incuore, ed impugna la destra,
anche qui dirai a Priamo aver trovato un Achille."
Aveva detto. Egli sforzandosi con sforzi estremi vibra
la lancia rozza di nodi e dalla cruda corteccia;
la ricevettero le arie, Giunone Saturnia deviò il colpo 745
che arrivava, e la lancia si conficca sulla porta.
"Ma non sfuggirai questa arma, che la mia destra lancia
con forza, non è lo stesso l´autore del lancio e del colpo."
Così disse, e s´alza sulla spada alzata in alto
e spacca col ferro in mezzo la fronte fra le due tempie 750
e le guance giovanili con un´immensa ferita.
C´è un tonfo, la terra fu scossa dall´enorme peso;
morente stende a terra le membra crollate e le armi
cruente di cervello, e gli penzolò in parti uguali
qua e là la testa da entrambe le spalle. 755


LA STRAGE DI TURNO NEL CAMPO DEI TEUCRI
(9.756-777)
I Troiani sconvolti scappano con trepida paura,
e se subito fosse venuto al vincitore quella idea, rompere
le sbarre con la mano ed introdurre i compagni dalle porte,
quello sarebbe stato l´ultimo giorno per la guerra ed il popolo.
Ma il furore e la voglia pazza di strage lo rese focoso 760
contro gli avversari.
Prima prende Faleri e, tagliatogli una gamba,
Gige, poi lancia rapide lance nella schiena
ai fuggitivi, Giunone prodiga forze e coraggio.
Aggiunge Ali come compagno e Fegeo, trafitto lo scudo, 765
poi ignari sulle mura e che chiamavano Marte,
Alcandro, Alio, Nemone, Pritani.
Linceo che si dirigeva contro e chiamava i compagni,
lo colpisce con la spada vibrante puntandosi svelto
dall´argine, a questi con un colpo solo, staccata in duello 770
la testa con l´elmo, la scagliò lontano. Poi Amico
sterminatore di belve, di cui non un altro più abile
ad ungere le frecce con la mano e armare il ferro di veleno,
e Clizio eolide e Creteo amico delle Muse,
Creteo compagno delle Muse, cui (stavan) sempre a cuore 775
i canti e le cetre e tendere sulle corde i ritmi,
sempre cantava i cavalli, le armi e le battaglie degli eroi.

TURNO MESSO IN FUGA DAI CAMPI DEI TEUCRI
(9.778-818)
Finalmente i capi dei Teucri sentita la strage dei loro
si radunano, Mnesteo ed il forte Seresto,
vedono i compagni che si sbandano ed il nemico accolto. 780
E Mnesteo: " Dove mai volgete la fuga, dove?" disse.
"Quali altre mura, quali bastioni avete più?
Un uomo solo e da ogni parte accerchiato, o cittadini,
dai vostri argini poterbbe fare tante stragi impunemente
per la città? Invierebbe tanti eccellenti tra i giovani all´Orco? 785
Non avete compassione e vi vergognate, vigliacchi,
dell´infelice patria, degli antichi dei e del grande Enea?"
Accesi così si rafforzano e con schiera serrata
si fermano. Turno a poco a poco si ritira dalla mischia
e cerca il fiume e la parte che è cinta dall´onda. 790
Per questo più aspramente i Teucri incombevano con grande
urlo ed univano la schiera, come una folla quando
incalza con armi ostili un crudele leone; Ma lui spaventato,
feroce, guardando biecamente, ritorna indietro e l´ira
ed il coraggio non tollera di dare le spalle né quello è capace, 795
pur desiderandolo, di avventarsi contro tra armi ed uomini.
Non diversamente Turno dubbioso ritrae dietro
i passi lenti e il cuore brucia di rabbia.
Anzi poi due volte era balzato in mezzo ai nemici,
due volte volge in fuga le schiere confuse per le mura; 800
Ma tutto il gruppo dal campo si unisce in fretta insieme
né Giunone Saturnia osa dargli forze
contro; Giove infatti inviò dal cielo l´aerea
Iride che portava non teneri ordini alla sorella,
se Turno non si ritiri dalle alte mura dei Teucri. 805
Dunque il giovane né può resistere tanto con lo scudo
né la destra ha vigore, lanciati così da ogni parte i dardi
è travolto. Il cavo elmo stride continuamente attorno
alle tempie con strepito ed i solidi bronzi ed i pennacchi
sconvolti cedono dal capo né l´umbone basta per i colpi; 810
sia i Troiani sia lo stesso Mnesteo fulmineo
raddoppiano. Allora da tutto il corpo il sudore
si scioglie e forma un flusso di pece né ( c´è) possibilità
di respirare, un affanno malato scuote le stanche membra.
Allora finalmente a capofitto con un salto si buttò nel fiume 815
contutte le armi. Quello col suo gorgo biondo
l´accolse mentre giungeva e lo sollevò con le morbide onde
e lo restituì lieto ai compagni, lavata la strage.
9.818