L´Eneide (Libro 10)


LATINOITALIANO

DE IOVIS CONCILIO (10.1-117)
Panditur interea domus omnipotentis Olympi 10.1
conciliumque vocat divum pater atque hominum rex
sideream in sedem, terras unde arduus omnis
castraque Dardanidum aspectat populosque Latinos.
considunt tectis bipatentibus, incipit ipse: 5
´caelicolae magni, quianam sententia vobis
versa retro tantumque animis certatis iniquis?
abnueram bello Italiam concurrere Teucris.
quae contra vetitum discordia? quis metus aut hos
aut hos arma sequi ferrumque lacessere suasit? 10
adveniet iustum pugnae ne arcessite tempus,
cum fera Karthago Romanis arcibus olim
exitium magnum atque Alpis immittet apertas:
tum certare odiis, tum res rapuisse licebit.
nunc sinite et placitum laeti componite foedus.´ 15
Iuppiter haec paucis; at non Venus aurea contra
pauca refert:
´o pater, o hominum rerumque aeterna potestas
(namque aliud quid sit quod iam implorare queamus?),
cernis ut insultent Rutuli, Turnusque feratur 10.20
per medios insignis equis tumidusque secundo
Marte ruat? non clausa tegunt iam moenia Teucros;
quin intra portas atque ipsis proelia miscent
aggeribus murorum et inundant sanguine fossae.
Aeneas ignarus abest. numquamne levari 25
obsidione sines? muris iterum imminet hostis
nascentis Troiae nec non exercitus alter,
atque iterum in Teucros Aetolis surgit ab Arpis
Tydides. equidem credo, mea vulnera restant
et tua progenies mortalia demoror arma. 30
si sine pace tua atque invito numine Troes
Italiam petiere, luant peccata neque illos
iuveris auxilio; sin tot responsa secuti
quae superi manesque dabant, cur nunc tua quisquam
vertere iussa potest aut cur nova condere fata? 35
quid repetam exustas Erycino in litore classis,
quid tempestatum regem ventosque furentis
Aeolia excitos aut actam nubibus Irim?
nunc etiam manis ( haec intemptata manebat
sors rerum ) movet et superis immissa repente 10.40
Allecto medias Italum bacchata per urbes.
nil super imperio moveor. speravimus ista,
dum fortuna fuit. vincant, quos vincere mavis.
si nulla est regio Teucris quam det tua coniunx
dura, per eversae, genitor, fumantia Troiae 45
excidia obtestor: liceat dimittere ab armis
incolumem Ascanium, liceat superesse nepotem.
Aeneas sane ignotis iactetur in undis
et quacumque viam dederit Fortuna sequatur:
hunc tegere et dirae valeam subducere pugnae. 50
est Amathus, est celsa mihi Paphus atque Cythera
Idaliaeque domus: positis inglorius armis
exigat hic aevum. magna dicione iubeto
Karthago premat Ausoniam; nihil urbibus inde
obstabit Tyriis. quid pestem evadere belli 55
iuvit et Argolicos medium fugisse per ignis
totque maris vastaeque exhausta pericula terrae,
dum Latium Teucri recidivaque Pergama quaerunt?
non satius cineres patriae insedisse supremos
atque solum quo Troia fuit? Xanthum et Simoenta 10.60
redde, oro, miseris iterumque revolvere casus
da, pater, Iliacos Teucris.´ tum regia Iuno
acta furore gravi: ´quid me alta silentia cogis
rumpere et obductum verbis vulgare dolorem?
Aenean hominum quisquam divumque subegit 65
bella sequi aut hostem regi se inferre Latino?
Italiam petiit fatis auctoribus esto
Cassandrae impulsus furiis: num linquere castra
hortati sumus aut vitam committere ventis?
num puero summam belli, num credere muros, 70
Tyrrhenamque fidem aut gentis agitare quietas?
quis deus in fraudem, quae dura potentia nostra
egit? ubi hic Iuno demissave nubibus Iris?
indignum est Italos Troiam circumdare flammis
nascentem et patria Turnum consistere terra, 75
cui Pilumnus avus, cui diva Venilia mater:
quid face Troianos atra vim ferre Latinis,
arva aliena iugo premere atque avertere praedas?
quid soceros legere et gremiis abducere pactas,
pacem orare manu, praefigere puppibus arma? 10.80
tu potes Aenean manibus subducere Graium
proque viro nebulam et ventos obtendere inanis,
et potes in totidem classem convertere nymphas:
nos aliquid Rutulos contra iuvisse nefandum est?
"Aeneas ignarus abest": ignarus et absit. 85
est Paphus Idaliumque tibi, sunt alta Cythera:
quid gravidam bellis urbem et corda aspera temptas?
nosne tibi fluxas Phrygiae res vertere fundo
conamur? nos? an miseros qui Troas Achivis
obiecit? quae causa fuit consurgere in arma 90
Europamque Asiamque et foedera solvere furto?
me duce Dardanius Spartam expugnavit adulter,
aut ego tela dedi fovive Cupidine bella?
tum decuit metuisse tuis: nunc sera querelis
haud iustis adsurgis et inrita iurgia iactas.´ 95
Talibus orabat Iuno, cunctique fremebant
caelicolae adsensu vario, ceu flamina prima
cum deprensa fremunt silvis et caeca volutant
murmura venturos nautis prodentia ventos.
tum pater omnipotens, rerum cui prima potestas, 10.100
infit eo dicente deum domus alta silescit
et tremefacta solo tellus, silet arduus aether,
tum Zephyri posuere, premit placida aequora pontus:
´accipite ergo animis atque haec mea figite dicta.
quandoquidem Ausonios coniungi foedere Teucris 105
haud licitum, nec vestra capit discordia finem,
quae cuique est fortuna hodie, quam quisque secat spem,
Tros Rutulusne fuat, nullo discrimine habebo,
seu fatis Italum castra obsidione tenentur
sive errore malo Troiae monitisque sinistris. 110
nec Rutulos solvo. sua cuique exorsa laborem
fortunamque ferent. rex Iuppiter omnibus idem.
fata viam invenient.´ Stygii per flumina fratris,
per pice torrentis atraque voragine ripas
adnuit et totum nutu tremefecit Olympum. 115
hic finis fandi. solio tum Iuppiter aureo
surgit, caelicolae medium quem ad limina ducunt.


DE AENEADUM LEGIONE DENUO OBSESSA
(10.118-145)
Interea Rutuli portis circum omnibus instant
sternere caede viros et moenia cingere flammis.
at legio Aeneadum vallis obsessa tenetur 120
nec spes ulla fugae. miseri stant turribus altis
nequiquam et rara muros cinxere corona:
Asius Imbrasides Hicetaoniusque Thymoetes
Assaracique duo et senior cum Castore Thymbris,
prima acies; hos germani Sarpedonis ambo 125
et Clarus et Thaemon Lycia comitantur ab alta.
fert ingens toto conixus corpore saxum,
haud partem exiguam montis, Lyrnesius Acmon,
nec Clytio genitore minor nec fratre Menestheo.
hi iaculis, illi certant defendere saxis 130
molirique ignem nervoque aptare sagittas.
ipse inter medios, Veneris iustissima cura,
Dardanius caput, ecce, puer detectus honestum,
qualis gemma micat fulvum quae dividit aurum,
aut collo decus aut capiti, vel quale per artem 135
inclusum buxo aut Oricia terebintho
lucet ebur; fusos cervix cui lactea crinis
accipit et molli subnectens circulus auro.
te quoque magnanimae viderunt, Ismare, gentes
vulnera derigere et calamos armare veneno, 10.140
Maeonia generose domo, ubi pinguia culta
exercentque viri Pactolusque inrigat auro.
adfuit et Mnestheus, quem pulsi pristina Turni
aggere murorum sublimem gloria tollit,
et Capys: hinc nomen Campanae ducitur urbi. 145


DE ETRUSCIS SOCIIS (10.146-214)
Illi inter sese duri certamina belli
contulerant: media Aeneas freta nocte secabat.
namque ut ab Evandro castris ingressus Etruscis
regem adit et regi memorat nomenque genusque
quidve petat quidve ipse ferat, Mezentius arma 150
quae sibi conciliet, violentaque pectora Turni
edocet, humanis quae sit fiducia rebus
admonet immiscetque preces, haud fit mora, Tarchon
iungit opes foedusque ferit; tum libera fati
classem conscendit iussis gens Lydia divum 155
externo commissa duci. Aeneia puppis
prima tenet rostro Phrygios subiuncta leones,
imminet Ida super, profugis gratissima Teucris.
hic magnus sedet Aeneas secumque volutat
eventus belli varios, Pallasque sinistro 10.160
adfixus lateri iam quaerit sidera, opacae
noctis iter, iam quae passus terraque marique.
Pandite nunc Helicona, deae, cantusque movete,
quae manus interea Tuscis comitetur ab oris
Aenean armetque rates pelagoque vehatur. 165
Massicus aerata princeps secat aequora Tigri,
sub quo mille manus iuvenum, qui moenia Clusi
quique urbem liquere Cosas, quis tela sagittae
gorytique leves umeris et letifer arcus.
una torvus Abas: huic totum insignibus armis 170
agmen et aurato fulgebat Apolline puppis.
sescentos illi dederat Populonia mater
expertos belli iuvenes, ast Ilva trecentos
insula inexhaustis Chalybum generosa metallis.
tertius ille hominum divumque interpres Asilas, 175
cui pecudum fibrae, caeli cui sidera parent
et linguae volucrum et praesagi fulminis ignes,
mille rapit densos acie atque horrentibus hastis.
hos parere iubent Alpheae ab origine Pisae,
urbs Etrusca solo. sequitur pulcherrimus Astyr, 10.180
Astyr equo fidens et versicoloribus armis.
ter centum adiciunt ( mens omnibus una sequendi )
qui Caerete domo, qui sunt Minionis in arvis,
et Pyrgi veteres intempestaeque Graviscae.
Non ego te, Ligurum ductor fortissime bello, 185
transierim, Cynira, et paucis comitate Cupavo,
cuius olorinae surgunt de vertice pennae,
crimen, Amor, vestrum formaeque insigne paternae.
namque ferunt luctu Cycnum Phaethontis amati,
populeas inter frondes umbramque sororum 190
dum canit et maestum Musa solatur amorem,
canentem molli pluma duxisse senectam
linquentem terras et sidera voce sequentem.
filius aequalis comitatus classe catervas
ingentem remis Centaurum promovet: ille 195
instat aquae saxumque undis immane minatur
arduus, et longa sulcat maria alta carina.
Ille etiam patriis agmen ciet Ocnus ab oris,
fatidicae Mantus et Tusci filius amnis,
qui muros matrisque dedit tibi, Mantua, nomen, 10.200
Mantua dives avis, sed non genus omnibus unum:
gens illi triplex, populi sub gente quaterni,
ipsa caput populis, Tusco de sanguine vires.
hinc quoque quingentos in se Mezentius armat,
quos patre Benaco velatus harundine glauca 205
Mincius infesta ducebat in aequora pinu.
it gravis Aulestes centenaque arbore fluctum
verberat adsurgens, spumant vada marmore verso.
hunc vehit immanis Triton et caerula concha
exterrens freta, cui laterum tenus hispida nanti 210
frons hominem praefert, in pristim desinit alvus,
spumea semifero sub pectore murmurat unda.
Tot lecti proceres ter denis navibus ibant
subsidio Troiae et campos salis aere secabant.


DE NYMPHARUM NUNTIO AD AENEAN
(10.215-259)
Iamque dies caelo concesserat almaque curru 10.215
noctivago Phoebe medium pulsabat Olympum:
Aeneas ( neque enim membris dat cura quietem )
ipse sedens clavumque regit velisque ministrat.
atque illi medio in spatio chorus, ecce, suarum
occurrit comitum: nymphae, quas alma Cybebe 10.220
numen habere maris nymphasque e navibus esse
iusserat, innabant pariter fluctusque secabant,
quot prius aeratae steterant ad litora prorae.
agnoscunt longe regem lustrantque choreis;
quarum quae fandi doctissima Cymodocea 225
pone sequens dextra puppim tenet ipsaque dorso
eminet ac laeva tacitis subremigat undis.
tum sic ignarum adloquitur: ´vigilasne, deum gens,
Aenea? vigila et velis immitte rudentis.
nos sumus, Idaeae sacro de vertice pinus, 230
nunc pelagi nymphae, classis tua. perfidus ut nos
praecipitis ferro Rutulus flammaque premebat,
rupimus invitae tua vincula teque per aequor
quaerimus. hanc genetrix faciem miserata refecit
et dedit esse deas aevumque agitare sub undis. 235
at puer Ascanius muro fossisque tenetur
tela inter media atque horrentis Marte Latinos.
iam loca iussa tenent forti permixtus Etrusco
Arcas eques; medias illis opponere turmas,
ne castris iungant, certa est sententia Turno. 10.240
surge age et Aurora socios veniente vocari
primus in arma iube, et clipeum cape quem dedit ipse
invictum ignipotens atque oras ambiit auro.
crastina lux, mea si non inrita dicta putaris,
ingentis Rutulae spectabit caedis acervos.´ 245
dixerat et dextra discedens impulit altam
haud ignara modi puppim: fugit illa per undas
ocior et iaculo et ventos aequante sagitta.
inde aliae celerant cursus. stupet inscius ipse
Tros Anchisiades, animos tamen omine tollit. 250
tum breviter supera aspectans convexa precatur:
´alma parens Idaea deum, cui Dindyma cordi
turrigeraeque urbes biiugique ad frena leones,
tu mihi nunc pugnae princeps, tu rite propinques
augurium Phrygibusque adsis pede, diva, secundo.´ 255
tantum effatus, et interea revoluta ruebat
matura iam luce dies noctemque fugarat;
principio sociis edicit signa sequantur
atque animos aptent armis pugnaeque parent se.


DE AENEAE REDITU AD SUOS (10.260-307)
Iamque in conspectu Teucros habet et sua castra 260
stans celsa in puppi, clipeum cum deinde sinistra
extulit ardentem. clamorem ad sidera tollunt
Dardanidae e muris, spes addita suscitat iras,
tela manu iaciunt, quales sub nubibus atris
Strymoniae dant signa grues atque aethera tranant 265
cum sonitu, fugiuntque Notos clamore secundo.
at Rutulo regi ducibusque ea mira videri
Ausoniis, donec versas ad litora puppis
respiciunt totumque adlabi classibus aequor.
ardet apex capiti cristisque a vertice flamma 270
funditur et vastos umbo vomit aureus ignis:
non secus ac liquida si quando nocte cometae
sanguinei lugubre rubent, aut Sirius ardor.
ille sitim morbosque ferens mortalibus aegris
nascitur et laevo contristat lumine caelum. 275
Haud tamen audaci Turno fiducia cessit
litora praecipere et venientis pellere terra.
[ultro animos tollit dictis atque increpat ultro:]
´quod votis optastis adest, perfringere dextra.
in manibus Mars ipse viris. nunc coniugis esto 10.280
quisque suae tectique memor, nunc magna referto
facta, patrum laudes. ultro occurramus ad undam
dum trepidi egressisque labant vestigia prima.
audentis Fortuna iuvat.´
haec ait, et secum versat quos ducere contra 285
vel quibus obsessos possit concredere muros.
Interea Aeneas socios de puppibus altis
pontibus exponit. multi servare recursus
languentis pelagi et brevibus se credere saltu,
per remos alii. speculatus litora Tarchon, 290
qua vada non spirant nec fracta remurmurat unda,
sed mare inoffensum crescenti adlabitur aestu,
advertit subito proras sociosque precatur:
´nunc, o lecta manus, validis incumbite remis;
tollite, ferte rates, inimicam findite rostris 295
hanc terram, sulcumque sibi premat ipsa carina.
frangere nec tali puppim statione recuso
arrepta tellure semel.´ quae talia postquam
effatus Tarchon, socii consurgere tonsis
spumantisque rates arvis inferre Latinis, 10.300
donec rostra tenent siccum et sedere carinae
omnes innocuae. sed non puppis tua, Tarchon:
namque inflicta vadis, dorso dum pendet iniquo
anceps sustentata diu fluctusque fatigat,
solvitur atque viros mediis exponit in undis, 305
fragmina remorum quos et fluitantia transtra
impediunt retrahitque pedes simul unda relabens.


DE PROELIO CUM RUTULIS (10.308-361)
Nec Turnum segnis retinet mora, sed rapit acer
totam aciem in Teucros et contra in litore sistit.
signa canunt. primus turmas invasit agrestis 310
Aeneas, omen pugnae, stravitque Latinos
occiso Therone, virum qui maximus ultro
Aenean petit. huic gladio perque aerea suta,
per tunicam squalentem auro latus haurit apertum.
inde Lichan ferit exsectum iam matre perempta 315
et tibi, Phoebe, sacrum: casus evadere ferri
quo licuit parvo? nec longe Cissea durum
immanemque Gyan sternentis agmina clava
deiecit leto; nihil illos Herculis arma
nec validae iuvere manus genitorque Melampus, 320
Alcidae comes usque gravis dum terra labores
praebuit. ecce Pharo, voces dum iactat inertis,
intorquens iaculum clamanti sistit in ore.
tu quoque, flaventem prima lanugine malas
dum sequeris Clytium infelix, nova gaudia, Cydon, 325
Dardania stratus dextra, securus amorum
qui iuvenum tibi semper erant, miserande iaceres,
ni fratrum stipata cohors foret obvia, Phorci
progenies, septem numero, septenaque tela
coniciunt; partim galea clipeoque resultant 10.330
inrita, deflexit partim stringentia corpus
alma Venus. fidum Aeneas adfatur Achaten:
´suggere tela mihi, non ullum dextera frustra
torserit in Rutulos, steterunt quae in corpore Graium
Iliacis campis.´ tum magnam corripit hastam 335
et iacit: illa volans clipei transverberat aera
Maeonis et thoraca simul cum pectore rumpit.
huic frater subit Alcanor fratremque ruentem
sustentat dextra: traiecto missa lacerto
protinus hasta fugit servatque cruenta tenorem, 10.340
dexteraque ex umero nervis moribunda pependit.
tum Numitor iaculo fratris de corpore rapto
Aenean petiit: sed non et figere contra
est licitum, magnique femur perstrinxit Achatae.
Hic Curibus fidens primaevo corpore Clausus 345
advenit et rigida Dryopem ferit eminus hasta
sub mentum graviter pressa, pariterque loquentis
vocem animamque rapit traiecto gutture; at ille
fronte ferit terram et crassum vomit ore cruorem.
tris quoque Threicios Boreae de gente suprema 350
et tris quos Idas pater et patria Ismara mittit,
per varios sternit casus. accurrit Halaesus
Auruncaeque manus, subit et Neptunia proles,
insignis Messapus equis. expellere tendunt
nunc hi, nunc illi: certatur limine in ipso 355
Ausoniae. magno discordes aethere venti
proelia ceu tollunt animis et viribus aequis;
non ipsi inter se, non nubila, non mare cedit;
anceps pugna diu, stant obnixa omnia contra: 359
haud aliter Troianae acies aciesque Latinae pol+chias
concurrunt, haeret pede pes densusque viro vir. Polipt. 2


DE PALLANTIS VIRTUTE (10.362-438)
At parte ex alia, qua saxa rotantia late 10.362
intulerat torrens arbustaque diruta ripis,
Arcadas insuetos acies inferre pedestris
ut vidit Pallas Latio dare terga sequaci, 365
(aspera quis natura loci dimittere quando
suasit equos ), unum quod rebus restat egenis,
nunc prece, nunc dictis virtutem accendit amaris;
´quo fugitis, socii? per vos et fortia facta,
per ducis Evandri nomen devictaque bella 370
spemque meam, patriae quae nunc subit aemula laudi,
fidite ne pedibus. ferro rumpenda per hostis
est via. qua globus ille virum densissimus urget,
hac vos et Pallanta ducem patria alta reposcit.
numina nulla premunt, mortali urgemur ab hoste 375
mortales; totidem nobis animaeque manusque.
ecce maris magna claudit nos obice pontus,
deest iam terra fugae: pelagus Troiamne petamus?´
haec ait, et medius densos prorumpit in hostis.
Obvius huic primum fatis adductus iniquis 10.380
fit Lagus. hunc, vellit magno dum pondere saxum,
intorto figit telo, discrimina costis
per medium qua spina dabat, hastamque receptat
ossibus haerentem. quem non super occupat Hisbo,
ille quidem hoc sperans; nam Pallas ante ruentem, 385
dum furit, incautum crudeli morte sodalis
excipit atque ensem tumido in pulmone recondit.
hinc Sthenium petit et Rhoeti de gente vetusta
Anchemolum thalamos ausum incestare novercae.
vos etiam, gemini, Rutulis cecidistis in arvis, 390
Daucia, Laride Thymberque, simillima proles,
indiscreta suis gratusque parentibus error;
at nunc dura dedit vobis discrimina Pallas.
nam tibi, Thymbre, caput Evandrius abstulit ensis;
te decisa suum, Laride, dextera quaerit 395
semianimesque micant digiti ferrumque retractant.
Arcadas accensos monitu et praeclara tuentis
facta viri mixtus dolor et pudor armat in hostis.
Tum Pallas biiugis fugientem Rhoetea praeter
traicit. hoc spatium tantumque morae fuit Ilo; 10.400
Ilo namque procul validam derexerat hastam,
quam medius Rhoeteus intercipit, optime Teuthra,
te fugiens fratremque Tyren, curruque volutus
caedit semianimis Rutulorum calcibus arva.
ac velut optato ventis aestate coortis 405
dispersa immittit silvis incendia pastor,
correptis subito mediis extenditur una
horrida per latos acies Volcania campos,
ille sedens victor flammas despectat ovantis:
non aliter socium virtus coit omnis in unum 410
teque iuvat, Palla. sed bellis acer Halaesus
tendit in adversos seque in sua colligit arma.
hic mactat Ladona Pheretaque Demodocumque,
Strymonio dextram fulgenti deripit ense
elatam in iugulum, saxo ferit ora Thoantis 415
ossaque dispersit cerebro permixta cruento.
fata canens silvis genitor celarat Halaesum;
ut senior leto canentia lumina solvit,
iniecere manum Parcae telisque sacrarunt
Evandri. quem sic Pallas petit ante precatus: 10.420
´da nunc, Thybri pater, ferro, quod missile libro,
fortunam atque viam duri per pectus Halaesi.
haec arma exuviasque viri tua quercus habebit.´
audiit illa deus; dum texit Imaona Halaesus,
Arcadio infelix telo dat pectus inermum. 425
At non caede viri tanta perterrita Lausus,
pars ingens belli, sinit agmina: primus Abantem
oppositum interimit, pugnae nodumque moramque.
sternitur Arcadiae proles, sternuntur Etrusci
et vos, o Grais imperdita corpora, Teucri. 430
agmina concurrunt ducibusque et viribus aequis;
extremi addensent acies nec turba moveri
tela manusque sinit. hinc Pallas instat et urget,
hinc contra Lausus, nec multum discrepat aetas,
egregii forma, sed quis Fortuna negarat 435
in patriam reditus. ipsos concurrere passus
haud tamen inter se magni regnator Olympi;
mox illos sua fata manent maiore sub hoste.


DE PALLANTIS INTERITU (10.439-509)
Interea soror alma monet succedere Lauso
Turnum, qui volucri curru medium secat agmen. 440
ut vidit socios: ´tempus desistere pugnae;
solus ego in Pallanta feror, soli mihi Pallas
debetur; cuperem ipse parens spectator adesset.´
haec ait, et socii cesserunt aequore iusso.
at Rutulum abscessu iuvenis tum iussa superba 445
miratus stupet in Turno corpusque per ingens
lumina volvit obitque truci procul omnia visu,
talibus et dictis it contra dicta tyranni:
´aut spoliis ego iam raptis laudabor opimis
aut leto insigni: sorti pater aequus utrique est. 450
tolle minas.´ fatus medium procedit in aequor;
frigidus Arcadibus coit in praecordia sanguis.
desiluit Turnus biiugis, pedes apparat ire
comminus; utque leo, specula cum vidit ab alta
stare procul campis meditantem in proelia taurum, 455
advolat, haud alia est Turni venientis imago.
hunc ubi contiguum missae fore credidit hastae,
ire prior Pallas, si qua fors adiuvet ausum
viribus imparibus, magnumque ita ad aethera fatur:
´per patris hospitium et mensas, quas advena adisti, 10.460
te precor, Alcide, coeptis ingentibus adsis.
cernat semineci sibi me rapere arma cruenta
victoremque ferant morientia lumina Turni.´
audiit Alcides iuvenem magnumque sub imo
corde premit gemitum lacrimasque effundit inanis. 465
tum genitor natum dictis adfatur amicis:
´stat sua cuique dies, breve et inreparabile tempus
omnibus est vitae; sed famam extendere factis,
hoc virtutis opus. Troiae sub moenibus altis
tot gnati cecidere deum, quin occidit una 470
Sarpedon, mea progenies; etiam sua Turnum
fata vocant metasque dati pervenit ad aevi.´
sic ait, atque oculos Rutulorum reicit arvis.
At Pallas magnis emittit viribus hastam
vaginaque cava fulgentem deripit ensem. 475
illa volans umeri surgunt qua tegmina summa
incidit, atque viam clipei molita per oras
tandem etiam magno strinxit de corpore Turni.
hic Turnus ferro praefixum robur acuto
in Pallanta diu librans iacit atque ita fatur: 10.480
´aspice num mage sit nostrum penetrabile telum.´
dixerat; at clipeum, tot ferri terga, tot aeris,
quem pellis totiens obeat circumdata tauri,
vibranti cuspis medium transverberat ictu
loricaeque moras et pectus perforat ingens. 485
ille rapit calidum frustra de vulnere telum:
una eademque via sanguis animusque sequuntur.
corruit in vulnus sonitum super arma dedere
et terram hostilem moriens petit ore cruento.
quem Turnus super adsistens: [ sic ore precatur] 490
´Arcades, haec´ inquit ´memores mea dicta referte
Evandro: qualem meruit, Pallanta remitto.
quisquis honos tumuli, quidquid solamen humandi est,
largior. haud illi stabunt Aeneia parvo
hospitia.´ et laevo pressit pede talia fatus 495
exanimem rapiens immania pondera baltei
impressumque nefas: una sub nocte iugali
caesa manus iuvenum foede thalamique cruenti,
quae Clonus Eurytides multo caelaverat auro;
quo nunc Turnus ovat spolio gaudetque potitus. 10.500
nescia mens hominum fati sortisque futurae
et servare modum rebus sublata secundis.
Turno tempus erit magno cum optaverit emptum
intactum Pallanta, et cum spolia ista diemque
oderit. at socii multo gemitu lacrimisque 505
impositum scuto referunt Pallanta frequentes.
o dolor atque decus magnum rediture parenti,
haec te prima dies bello dedit, haec eadem aufert,
cum tamen ingentis Rutulorum linquis acervos.


DE AENEAE IRA IN TURNUM (10.510-605)
Nec iam fama mali tanti, sed certior auctor 10.510
advolat Aeneae tenui discrimine leti
esse suos, tempus versis succurrere Teucris.
proxima quaeque metit gladio latumque per agmen
ardens limitem agit ferro, te, Turne, superbum
caede nova quaerens. Pallas, Evander, in ipsis 515
omnia sunt oculis, mensae quas advena primas
tunc adiit, dextraeque datae. Sulmone creatos
quattuor hic iuvenes, totidem quos educat Ufens,
viventis rapit, inferias quos immolet umbris
captivoque rogi perfundat sanguine flammas. 10.520
inde Mago procul infensam contenderat hastam:
ille astu subit, at tremibunda supervolat hasta,
et genua amplectens effatur talia supplex:
´per patrios manis et spes surgentis Iuli
te precor, hanc animam serves gnatoque patrique. 525.
est domus alta, iacent penitus defossa talenta
caelati argenti, sunt auri pondera facti
infectique mihi. non hic victoria Teucrum
vertitur aut anima una dabit discrimina tanta.´
dixerat. Aeneas contra cui talia reddit: 530
´argenti atque auri memoras quae multa talenta
gnatis parce tuis. belli commercia Turnus
sustulit ista prior iam tum Pallante perempto.
hoc patris Anchisae manes, hoc sentit Iulus.´
sic fatus galeam laeva tenet atque reflexa 535
cervice orantis capulo tenus applicat ensem.
nec procul Haemonides, Phoebi Triviaeque sacerdos,
infula cui sacra redimibat tempora vitta,
totus conlucens veste atque insignibus albis.
quem congressus agit campo, lapsumque superstans 540
immolat ingentique umbra tegit, arma Serestus
lecta refert umeris tibi, rex Gradive, tropaeum.
Instaurant acies Volcani stirpe creatus
Caeculus et veniens Marsorum montibus Umbro.
Dardanides contra furit: Anxuris ense sinistram 545
et totum clipei ferro deiecerat orbem;
dixerat ille aliquid magnum vimque adfore verbo
crediderat, caeloque animum fortasse ferebat
canitiemque sibi et longos promiserat annos;
Tarquitus exsultans contra fulgentibus armis, 550
silvicolae Fauno Dryope quem nympha crearat,
obvius ardenti sese obtulit. ille reducta
loricam clipeique ingens onus impedit hasta,
tum caput orantis nequiquam et multa parantis
dicere deturbat terrae, truncumque tepentem 555
provolvens super haec inimico pectore fatur:
´istic nunc, metuende, iace. non te optima mater
condet humi patrioque onerabit membra sepulcro:
alitibus linquere feris, aut gurgite mersum
unda feret piscesque impasti vulnera lambent.´ 10.560
protinus Antaeum et Lucam, prima agmina Turni,
persequitur, fortemque Numam fulvumque Camertem,
magnanimo Volcente satum, ditissimus agri
qui fuit Ausonidum et tacitis regnavit Amyclis.
Aegaeon qualis, centum cui bracchia dicunt 565
centenasque manus, quinquaginta oribus ignem
pectoribusque arsisse, Iovis cum fulmina contra
tot paribus streperet clipeis, tot stringeret ensis:
sic toto Aeneas desaevit in aequore victor
ut semel intepuit mucro. quin ecce Niphaei 570
quadriiugis in equos adversaque pectora tendit.
atque illi longe gradientem et dira frementem
ut videre, metu versi retroque ruentes
effunduntque ducem rapiuntque ad litora currus.
Interea biiugis infert se Lucagus albis 575
in medios fraterque Liger; sed frater habenis
flectit equos, strictum rotat acer Lucagus ensem.
haud tulit Aeneas tanto fervore furentis;
inruit adversaque ingens apparuit hasta.
cui Liger: 10.580
´non Diomedis equos nec currum cernis Achillis
aut Phrygiae campos: nunc belli finis et aevi
his dabitur terris.´ vesano talia late
dicta volant Ligeri. sed non et Troius heros
dicta parat contra, iaculum nam torquet in hostis. 585
Lucagus ut pronus pendens in verbera telo
admonuit biiugos, proiecto dum pede laevo
aptat se pugnae, subit oras hasta per imas
fulgentis clipei, tum laevum perforat inguen;
excussus curru moribundus volvitur arvis. 590
quem pius Aeneas dictis adfatur amaris:
´Lucage, nulla tuos currus fuga segnis equorum
prodidit aut vanae vertere ex hostibus umbrae:
ipse rotis saliens iuga deseris.´ haec ita fatus
arripuit biiugos; frater tendebat inertis 595
infelix palmas curru delapsus eodem:
´per te, per qui te talem genuere parentes,
vir Troiane, sine hanc animam et miserere precantis.´
pluribus oranti Aeneas: ´haud talia dudum
dicta dabas. morere et fratrem ne desere frater.´ 10.600
tum latebras animae pectus mucrone recludit.
talia per campos edebat funera ductor
Dardanius torrentis aquae vel turbinis atri chiasmo
more furens. tandem erumpunt et castra relinquunt


DE IOVE ET IUNONE (10.606-635)
Iunonem interea compellat Iuppiter ultro: 10.606
´o germana mihi atque eadem gratissima coniunx,
ut rebare, Venus nec te sententia fallit
Troianas sustentat opes, non vivida bello
dextra viris animusque ferox patiensque pericli.´ 610
cui Iuno summissa: ´quid, o pulcherrime coniunx,
sollicitas aegram et tua tristia dicta timentem?
si mihi, quae quondam fuerat quamque esse decebat,
vis in amore foret, non hoc mihi namque negares,
omnipotens, quin et pugnae subducere Turnum 615
et Dauno possem incolumem servare parenti.
nunc pereat Teucrisque pio det sanguine poenas.
ille tamen nostra deducit origine nomen
Pilumnusque illi quartus pater, et tua larga
saepe manu multisque oneravit limina donis.´ 10.620
cui rex aetherii breviter sic fatur Olympi:
´si mora praesentis leti tempusque caduco
oratur iuveni meque hoc ita ponere sentis,
tolle fuga Turnum atque instantibus eripe fatis:
hactenus indulsisse vacat. sin altior istis 625
sub precibus venia ulla latet totumque moveri
mutarive putas bellum, spes pascis inanis.´
et Iuno adlacrimans: ´quid si, quae voce gravaris,
mente dares atque haec Turno rata vita maneret?
nunc manet insontem gravis exitus, aut ego veri 630
vana feror. quod ut o potius formidine falsa
ludar, et in melius tua, qui potes, orsa reflectas.´
Haec ubi dicta dedit, caelo se protinus alto
misit agens hiemem nimbo succincta per auras,
Iliacamque aciem et Laurentia castra petivit. 635


DE TURNO A SORORE CUM DOLO DECEPTO
(10.636-688)
tum dea nube cava tenuem sine viribus umbram 10.636
in faciem Aeneae visu mirabile monstrum
Dardaniis ornat telis, clipeumque iubasque
divini adsimulat capitis, dat inania verba,
dat sine mente sonum gressusque effingit euntis, 10.640
morte obita qualis fama est volitare figuras
aut quae sopitos deludunt somnia sensus.
at primas laeta ante acies exsultat imago
inritatque virum telis et voce lacessit.
instat cui Turnus stridentemque eminus hastam 645
conicit; illa dato vertit vestigia tergo.
tum vero Aenean aversum ut cedere Turnus
credidit atque animo spem turbidus hausit inanem:
´quo fugis, Aenea? thalamos ne desere pactos;
hac dabitur dextra tellus quaesita per undas.´ 650
talia vociferans sequitur strictumque coruscat
mucronem, nec ferre videt sua gaudia ventos.
Forte ratis celsi coniuncta crepidine saxi
expositis stabat scalis et ponte parato,
qua rex Clusinis advectus Osinius oris. 655
huc sese trepida Aeneae fugientis imago
conicit in latebras, nec Turnus segnior instat
exsuperatque moras et pontis transilit altos.
vix proram attigerat, rumpit Saturnia funem
avulsamque rapit revoluta per aequora navem. 10.660
tum levis haud ultra latebras iam quaerit imago,
sed sublime volans nubi se immiscuit atrae,
illum autem Aeneas absentem in proelia poscit;
obvia multa virum demittit corpora morti,
cum Turnum medio interea fert aequore turbo. 665
respicit ignarus rerum ingratusque salutis
et duplicis cum voce manus ad sidera tendit:
´omnipotens genitor, tanton me crimine dignum
duxisti et talis voluisti expendere poenas?
quo feror? unde abii? quae me fuga quemve reducit? 670
Laurentisne iterum muros aut castra videbo?
quid manus illa virum, qui me meaque arma secuti?
quosque (nefas) omnis infanda in morte reliqui
et nunc palantis video, gemitumque cadentum
accipio? quid ago? aut quae iam satis ima dehiscat 675
terra mihi? vos o potius miserescite, venti;
in rupes, in saxa (volens vos Turnus adoro )
ferte ratem saevisque vadis immittite syrtis,
quo nec me Rutuli nec conscia fama sequatur.´
haec memorans animo nunc huc, nunc fluctuat illuc, 680
an sese mucrone ob tantum dedecus amens
induat et crudum per costas exigat ensem,
fluctibus an iaciat mediis et litora nando
curva petat Teucrumque iterum se reddat in arma.
ter conatus utramque viam, ter maxima Iuno 685
continuit iuvenemque animi miserata repressit.
labitur alta secans fluctuque aestuque secundo
et patris antiquam Dauni defertur ad urbem.


DE MEZENTII INTERVENTU (10.689-754)
At Iovis interea monitis Mezentius ardens
succedit pugnae Teucrosque invadit ovantis. 690
concurrunt Tyrrhenae acies atque omnibus uni,
uni odiisque viro telisque frequentibus instant.
ille velut rupes vastum quae prodit in aequor,
obvia ventorum furiis expostaque ponto,
vim cunctam atque minas perfert caelique marisque 695
ipsa immota manens prolem Dolichaonis Hebrum
sternit humi, cum quo Latagum Palmumque fugacem,
sed Latagum saxo atque ingenti fragmine montis
occupat os faciemque adversam, poplite Palmum
succiso volvi segnem sinit, armaque Lauso 10.700
donat habere umeris et vertice figere cristas.
nec non Evanthen Phrygium Paridisque Mimanta
aequalem comitemque, una quem nocte Theano
in lucem genitore Amyco dedit et face praegnas
Cisseis regina Parim; Paris urbe paterna 705
occubat, ignarum Laurens habet ora Mimanta.
ac velut ille canum morsu de montibus altis
actus aper, multos Vesulus quem pinifer annos
defendit multosque palus Laurentia silva
pascit harundinea, postquam inter retia ventum est, 710
substitit infremuitque ferox et inhorruit armos,
nec cuiquam irasci propiusve accedere virtus,
sed iaculis tutisque procul clamoribus instant;
haud aliter, iustae quibus est Mezentius irae,
non ulli est animus stricto concurrere ferro, 715
missilibus longe et vasto clamore lacessunt.
ille autem impavidus partis cunctatur in omnis
dentibus infrendens et tergo decutit hastas.
Venerat antiquis Corythi de finibus Acron,
Graius homo, infectos linquens profugus hymenaeos. 720
hunc ubi miscentem longe media agmina vidit,
purpureum pennis et pactae coniugis ostro,
impastus stabula alta leo ceu saepe peragrans
suadet enim vesana fames, si forte fugacem
conspexit capream aut surgentem in cornua cervum, 725
gaudet hians immane comasque arrexit et haeret
visceribus super incumbens; lavit improba taeter
ora cruor :
sic ruit in densos alacer Mezentius hostis.
sternitur infelix Acron et calcibus atram 730
tundit humum exspirans infractaque tela cruentat.
atque idem fugientem haud est dignatus Oroden
sternere nec iacta caecum dare cuspide vulnus;
obvius adversoque occurrit seque viro vir
contulit, haud furto melior sed fortibus armis. 735
tum super abiectum posito pede nixus et hasta:
´pars belli haud temnenda, viri, iacet altus Orodes.´
conclamant socii laetum paeana secuti;
ille autem exspirans: ´non me, quicumque es, inulto,
victor, nec longum laetabere; te quoque fata 10.740
prospectant paria atque eadem mox arva tenebis.´
ad quem subridens mixta Mezentius ira:
´nunc morere.ast de me divum pater atque hominum rex
viderit.´ hoc dicens eduxit corpore telum.
olli dura quies oculos et ferreus urget 745
somnus, in aeternam clauduntur lumina noctem.
Caedicus Alcathoum obtruncat, Sacrator Hydaspen
Partheniumque Rapo et praedurum viribus Orsen,
Messapus Cloniumque Lycaoniumque Erichaeten,
illum infrenis equi lapsu tellure iacentem, 750
hunc peditem. pedes et Lycius processerat Agis,
quem tamen haud expers Valerus virtutis avitae
deicit; at Thronium Salius Saliumque Nealces,
insignis iaculo et longe fallente sagitta.


DE AENEAE PUGNA CUM MEZENTIO (10.755-790)
Iam gravis aequabat luctus et mutua Mavors 10.755
funera; caedebant pariter pariterque ruebant
victores victique, neque his fuga nota neque illis.
di Iovis in tectis iram miserantur inanem
amborum et tantos mortalibus esse labores;
hinc Venus, hinc contra spectat Saturnia Iuno. 10.760
pallida Tisiphone media inter milia saevit.
At vero ingentem quatiens Mezentius hastam
turbidus ingreditur campo. quam magnus Orion,
cum pedes incedit medii per maxima Nerei
stagna viam scindens, umero supereminet undas, 765
aut summis referens annosam montibus ornum
ingrediturque solo et caput inter nubila condit,
talis se vastis infert Mezentius armis.
huic contra Aeneas speculatus in agmine longo
obvius ire parat. manet imperterritus ille 770
hostem magnanimum opperiens, et mole sua stat;
atque oculis spatium emensus quantum satis hastae:
´dextra mihi deus et telum, quod missile libro,
nunc adsint. voveo praedonis corpore raptis
indutum spoliis ipsum te, Lause, tropaeum 775
Aeneae.´ dixit, stridentemque eminus hastam
iecit. at illa volans clipeo est excussa proculque
egregium Antoren latus inter et ilia figit,
Herculis Antoren comitem, qui missus ab Argis
haeserat Evandro atque Itala consederat urbe. 10.780
sternitur infelix alieno vulnere, caelumque
aspicit et dulcis moriens reminiscitur Argos.
tum pius Aeneas hastam iacit; illa per orbem
aere cavum triplici, per linea terga tribusque
transiit intextum tauris opus, imaque sedit 785
inguine, sed viris haud pertulit. ocius ensem
Aeneas viso Tyrrheni sanguine laetus
eripit a femine et trepidanti fervidus instat.
ingemuit cari graviter genitoris amore,
ut vidit, Lausus, lacrimaeque per ora volutae. 790


DE LAUSI INTERITU (10.791-832)
hic mortis durae casum tuaque optima facta, 10.791
si qua fidem tanto est operi latura vetustas,
non equidem nec te, iuvenis memorande, silebo.
ille pedem referens et inutilis inque ligatus
cedebat clipeoque inimicum hastile trahebat. 795
proripuit iuvenis seseque immiscuit armis,
iamque adsurgentis dextra plagamque ferentis
Aeneae subiit mucronem ipsumque morando
sustinuit; socii magno clamore sequuntur,
dum genitor nati parma protectus abiret, 10.800
telaque coniciunt perturbantque eminus hostem
missilibus. furit Aeneas tectusque tenet se.
ac velut effusa si quando grandine nimbi
praecipitant, omnis campis diffugit arator
omnis et agricola, et tuta latet arce viator 805
aut amnis ripis aut alti fornice saxi,
dum pluit in terris, ut possint sole reducto
exercere diem: sic obrutus undique telis
Aeneas nubem belli, dum detonet omnis,
sustinet et Lausum increpitat Lausoque minatur: 810
´quo moriture ruis maioraque viribus audes?
fallit te incautum pietas tua.´ nec minus ille
exsultat demens, saevae iamque altius irae
Dardanio surgunt ductori, extremaque Lauso
Parcae fila legunt. validum namque exigit ensem 815
per medium Aeneas iuvenem totumque recondit;
transiit et parmam mucro, levia arma minacis,
et tunicam molli mater quam neverat auro,
implevitque sinum sanguis; tum vita per auras
concessit maesta ad Manis corpusque reliquit. 10.820
At vero ut vultum vidit morientis et ora,
ora modis Anchisiades pallentia miris,
ingemuit miserans graviter dextramque tetendit,
et mentem patriae subiit pietatis imago.
´quid tibi nunc, miserande puer, pro laudibus istis, 825
quid pius Aeneas tanta dabit indole dignum?
arma, quibus laetatus, habe tua; teque parentum
manibus et cineri, si qua est ea cura, remitto.
hoc tamen infelix miseram solabere mortem:
Aeneae magni dextra cadis.´ increpat ultro 830
cunctantis socios et terra sublevat ipsum
sanguine turpantem comptos de more capillos.


DE MEZENTIO AB AENEA NECATO (10.833-908)
Interea genitor Tiberini ad fluminis undam 10.833
vulnera siccabat lymphis corpusque levabat
arboris acclinis trunco. procul aerea ramis 835
dependet galea et prato gravia arma quiescunt.
stant lecti circum iuvenes; ipse aeger anhelans
colla fovet fusus propexam in pectore barbam;
multa super Lauso rogitat, multumque remittit
qui revocent maestique ferant mandata parentis. 10.840
at Lausum socii exanimem super arma ferebant
flentes, ingentem atque ingenti vulnere victum.
agnovit longe gemitum praesaga mali mens.
canitiem multo deformat pulvere et ambas
ad caelum tendit palmas et corpore inhaeret. 845
´tantane me tenuit vivendi, nate, voluptas,
ut pro me hostili paterer succedere dextrae,
quem genui? tuane haec genitor per vulnera servor
morte tua vivens? heu, nunc misero mihi demum
exitium infelix, nunc alte vulnus adactum. 850
idem ego, nate, tuum maculavi crimine nomen,
pulsus ob invidiam solio sceptrisque paternis.
debueram patriae poenas odiisque meorum:
omnis per mortis animam sontem ipse dedissem.
nunc vivo neque adhuc homines lucemque relinquo. 855
sed linquam.´ simul hoc dicens attollit in aegrum
se femur et, quamquam vis alto vulnere tardat,
haud deiectus equum duci iubet. hoc decus illi,
hoc solamen erat, bellis hoc victor abibat
omnibus. adloquitur maerentem et talibus infit: 10.860
´Rhaebe, diu, res si qua diu mortalibus ulla est,
viximus. aut hodie victor spolia illa cruenti
et caput Aeneae referes Lausique dolorum
ultor eris mecum, aut, aperit si nulla viam vis,
occumbes pariter; neque enim, fortissime, credo, 865
iussa aliena pati et dominos dignabere Teucros.´
dixit, et exceptus tergo consueta locavit
membra manusque ambas iaculis oneravit acutis,
aere caput fulgens cristaque hirsutus equina.
sic cursum in medios rapidus dedit. aestuat ingens 870
uno in corde pudor mixtoque insania luctu.
[et furiis agitatus amor, et conscia virtus]
atque hic Aenean magna ter voce vocavit.
Aeneas agnovit enim laetusque precatur:
´sic pater ille deum faciat, sic altus Apollo. 875
incipias conferre manum.´
tantum effatus et infesta subit obvius hasta.
ille autem: ´quid me erepto, saevissime, nato
terres? haec via sola fuit qua perdere posses:
nec mortem horremus nec divum parcimus ulli. 10.880
desine, nam venio moriturus et haec tibi porto
dona prius.´ dixit, telumque intorsit in hostem;
inde aliud super atque aliud figitque volatque
ingenti gyro, sed sustinet aureus umbo.
ter circum astantem laevos equitavit in orbis 885
tela manu iaciens, ter secum Troius heros
immanem aerato circumfert tegmine silvam.
inde ubi tot traxisse moras, tot spicula taedet
vellere, et urgetur pugna congressus iniqua,
multa movens animo iam tandem erumpit et inter 890
bellatoris equi cava tempora conicit hastam.
tollit se arrectum quadripes et calcibus auras
verberat, effusumque equitem super ipse secutus
implicat eiectoque incumbit cernuus armo.
clamore incendunt caelum Troesque Latinique. 895
advolat Aeneas vaginaque eripit ensem
et super haec: ´ubi nunc Mezentius acer et illa
effera vis animi?´ contra Tyrrhenus, ut auras
suspiciens hausit caelum mentemque recepit:
´hostis amare, quid increpitas mortemque minaris? 10.900
nullum in caede nefas, nec sic ad proelia veni,
nec tecum meus haec pepigit mihi foedera Lausus.
unum hoc, per si qua est victis venia hostibus oro:
corpus humo patiare tegi. scio acerba meorum
circumstare odia: hunc, oro, defende furorem 905
et me consortem nati concede sepulcro.´
haec loquitur, iuguloque haud inscius accipit ensem
undantique animam diffundit in arma cruore. 10.908

IL CONCILIO DI GIOVE (10.1-117)
Si apre intanto la casa dell´onnipotente Olimpo
ed il padre e re degli dei e degli uomini convoca il concilio
nella sede siderea, da cui alto contempla tutte le terre
gli accampamenti dei Dardanidi ed i popoli latini.
Siedono nelle sale a due porte, egli stesso inizia: 5
"Grandi abitatori del cielo, perché mai s´è volta indietro
per voi la sentenza e combattete tanto con animi ingiusti?
Avevo vietato che l´Italia si scontrasse in guerra coi Teucri.
Quale discordia contro il divieto? Quale paura persuase
questi e questi altri a seguire le armi e provocare la spada? 10
Verrà, non provocatelo, il giusto tempo dello scontro,
quando un tempo la fiera Cartagine darà alle rocche
romane una grande strage e le Alpi aperte:
allora si potrà scontrarsi con gli odi, aver rovinato tutto allora.
Ora smettete e lieti fate un patto piacevole." 15
Così Giove in brecìve; ma l´aurea Venere in risposta
riprende non poche cose:
" O padre, o eterno potere di uomini e cose
(e che cos´altro ci sarebbe che ormai possiamo implorare?),
e di come esultino i Rutuli, e Turno superbo si rechi 20
in mezzo a cavallo e corra gonfio per Marte propizio?
Le mura chiuse non proteggono più i Teucri;
Anzi mischiano scontri dentro le porte e sulle stesse
costruzioni delle mura ed i fossati traboccano di sangue.
Enea ignaro è assente. Forse maipermetterai che si levi 25
dall´assedio? Ormai incombe sulle mura il nemico
della nascente Troia ed un secondo esercito,
e di nuovo contro i Teucri sorge da Arpi etolica
un Tidide.Lo credo proprio, restano le mie ferite
ed (io) tua progenie, aspetto armi mortali. 30
se senza la tua pace e con la (tua) potenza contraria i Troiani
han cercato l´Italia, paghino gli errori e non favorirli
con un aiuto; se invece seguendo tanti responsi
che i celesti davano, perché adesso qualcuno può
stravolgere i tuoi ordini e perché creare nuovi fati? 35
Perché ricordare le flotte bruciate sul lido ericino,
perché il re delle tempeste, i venti furenti
provocati dall´Eolia o Iride inviata dalle nubi?
Adesso anche i mani ( restava intentata questa
sorte di cose) li muove ed Alletto subito mandata 40
dai cieli ha delirato in mezzo alle città degli Itali.
Per nulla mi preoccupo dell´impero. Questo l0 sperammo,
mentre ci fu fortuna. Vinvano quelli che preferisci che vincano.
Se non c´è nessuna regione che la tua dura consorte dia
ai Teucri, padre, ti prego per i fumanti eccidi di Troia 45
distrutta: sia lecito mandare incolume
dalle armi Ascanio, sia lecito che sopravviva il nipote.
Enea certo sia getatto su onde ignote
e segua qualunque via abbia dato Fortuna:
che io sia capace di proteggerlo e sottrarlo allo scontro crudele. 50
Io ho Amatunte, ho l´eccelsa Pafo e Citera,
il palazzo di Idalia: inglorioso, deposte le armi,
qui trascorra la vita. Con grande potere comanderai
che Cartagine opprima l´Ausonia; poi nulla ostacolerà
le città tirie. A che valse scampare la rovina della guerra 55
ed esser fuggiti in mezzo ai fuochi argolici,
tanti provati pericoli del mare e della vasta terra,
mentre i Teucri cercavano il Lazio e Pergamo recidiva?
Non più bello esser seduti sulle ultime ceneri della patria
e sul suolo dove Troia fu? Restituisci, ti prego, Xanto 60
e Simoenta ai miseri e di nuovo concedi ai Teucri
di rivivere i casi iliaci." Allora la regale Giunone
spinta da grave furore: " Perché mi costringi a rompere
i solenni silenzi e manifestare a parole il dolore nascosto?
Chi degli uomini e degli dei costrinse Enea 65
a seguire le guerre o recarsi contro il re Latino come nemico?
Cerco l´Italia su proposta dei fati, sia,
spinto dalle furie di Cassandra: forse che abbiamo esortato
a lasciar gli accampamenti o affidare la vita ai venti?
Forse ad affidare ad un ragazzo il comando della guerra, le mura, 70
o sconvolgere la lealtà tirrena e popoli quieti?
Quale dio agì per inganno, quale nostra dura potenza?
Quando qui Giunone o Iride inviata dalle nubi?
E´ indegno che gli Itali circondino di fiamme Troia
nascente e che Turno stia sulla terra patria, 75
che ha Pilunno come antenato, che ha la divina madre Venilia:
e chè, i Troiani col fuoco far violenzaa ai Latini,
metter al giogo terre altrui e rapinare i bottini?
E chè, scegliere suoceri e dai seni rubano le fidanzate,
pregano la pace con la forza, fissano armi sulle poppe? 80
Tu puoi sottrarre Enea dalle mani dei Grai
e presentare al posto dell´uomo una nuvola o vuoti venti,
e trasformare la flotta in altrettante ninfe:
per noi aver aiutato in qualcosa i Rutuli è sacrilegio?
"Enea iganro è lontano": stia pure lontano ignaro. 85
Tu hai Pafo e Idalio, tu hai l´alta Citera:
perché provochi una città gravida di guerre e cuori forti?
Forse noi tentiamo di stravolgerti alla base le cose
vacillanti di Frigia? Noi? Forse qualcuno gettò i miseri
Troiani contro gli Achivi? Quale fu la causa che 90
l´Europa e l´Asia sorgesse in armi e sciogliesse i patti
con un inganno?Sotto la mia guida l´adultero Dardanio
espugnò Sparta, o io diedi le armi e fomentai le guerre
con Cupido? Allora avresti dovuto temere per i tuoi: ora ti alzi
in ritardo con lamentele non giuste e lanci vuoti insulti." 95
Così contestava Giunone, tutti i celesti
fremevano con un assenso vario, come i primi soffi
quando impigliati dalle selve fremono e mandano ciechi
mormorii manifestando ai naviganti i venti che verranno.
Allora il padre onnipotente, che ha il potere supremo 100
delle cose, comincia, al suo parlare l´alta casa degli dei tace
e la terra (fu) agitata nel suolo, ed alto l´etere zittisce,
allora gli Zefiri si calmarono, il mare frena le placide acque:
"Accoglieteli dunque in cuore e fissate queste mie parole.
Poiché fu impossibile che si unissero in alleanza gli Ausoni 105
coi troiani, né la vostra prende fine,
qualunque sia la sorte oggi, chiunque trochi questa speranza
sia Troiano o Rutulo, non terrò in nessuna differenza,
sia che il campo sia tenuto dai fati in assedio degli Itali
sia da malvagio inganno e sinistri miniti per Troia. 110
Né assolvo i Rutuli. Le proprie imprese porteranno
a ciascuno fatica e sorte. Per tutti Giove identico re.
I fati troveranno la via." Per i fiumi del fratello Stige
per le rive che scorrono di pece nella nera voragine
approvò e col cenno fece tremare tutto l´Olimpo. 115
Qiesta la fine del parlare. Allora Giove sorge dall´aureo
trono, ed i celesti al centro lo accompagnano alle soglie.

LA LEGIONE DEGLI ENEADI ASSEDIATA DI NUOVO
(10.118-145)
Intanto i Rutuli incalzano su tutte le porte
a stendere uomini e cingere le mura di fiamme.
Ma la legine degli Eneadi assediata è protetta dai valli 120
e nessuna speranza di fuga. Miseri stanno sulle alte torri
invano e cinsero le mura di rada cerchia:
Asio, Imbraside, Timete l´icetaonio,
i due Assarici e l´anziano Timbri con Castore
(son) prima schiera; li accompagnano entrambi i fratelli 125
di Sarpedone, e Claro e Temone dall´alta Licia.
Limesio Acmone sforzandosi con tutto il corpo
porta un masso gigantesco, non piccola parte di monte,
né inferiore al padre Clizio né al fratello Menesteo.
Questi con lanci, quelli con pietr tentatno di difendere 130
e maneggiare il fuoco ed adattare frecce sul nervo.
Lo stesso ragazzo dardanio, giustissima cura di Venere,
ecco, in mezzo, scoperto la bella testa,
quale gemma che divide un rosso oro,
gioiello o per il collo o per il capo, o quale avorio 135
incastonato nel bosso o nel terebinto di Orico
risplende; e il letteo collo raccoglie i capelli sciolti
ed un cerchio d´oro flessibile che li trattiene.
Te pure, Ismaro, le magnanime genti videro
dirigere colpi ed armare le frecce di veleno, 140
nobile dalla casata meonia, dove gli uomini lavorano
ricche coltivazioni ed il Pattolo li irriga d´oro.
Ci fu anche Mnesteo, che l´antica gloria di Turno
scacciato dal bastione delle mura rende famoso,
e Capi: di qui vien tratto il nome alla città campana. 145

GLI ALLEATI ETRUSCHI (10.146-214)
Essi avevan intrecciato tra loro gli scontri della dura
guerra: Enea nel mezzo della notte tagliava le onde.
Infatti come da Evandro entrato nei campi etruschi
incontra il re ed al re ricorda nome e stirpe
o cosa chieda o cosa lui stesso porti, quali armi Mezenzio 150
si procuri, e spiega i violenti propositi di Turno,
rammenta quale sia la fiducia sulle cose umane
ed unisce preghiere, non c´è indugio, Tarconte
unisce le forze e stringe il patto; la gente lidia libera
dal fato fa salpare la flotta per i comandi degli dei 155
affidatasi al capo straniero. La poppa di Enea
sta per prima, posti sotto il rostro leoni frigi,
sopra incombe l´Ida, graditissima ai profughi Teucri.
Qui siede il grande Enea e tra sé ripensa
i vari eventi di guerra, e Pallante attaccato al fianco 160
sinistro ora fa domande sulle stelle, sentiero della opaca
notte, cosa sofferse per mare e per terra.
Aprite l´Elicona adesso, dee, muovete i canti,
quale schiera intanto accompagni Enea dalle terre
etrusche ed armi le navi e si rechi per il mare. 165
Massico per primo con la bronzea Tigri solca le acque,
sotto di lui mille schiere di giovani, che lasciarono
le mura di Chiusi e la cità di Cosa, essi (hanno) come armi
le frecce, leggere faretre sulle spalle e l´arco letale.
Insieme il torvo Abante: per lui tutta l´armata brillava 170
di splendide armi e la poppa di un Apollo dorato.
La madre Populonia gli aveva dato seicento giovani
esperti di guerra, ma l´Elba trecento,
isola generosa di inesauste miniere dei Calibi.
Terzo quell´Asila interprete degli uomini e degli dei, 175
a cui obbediscono le viscere delle bestie, le stelle del cielo,
le lingue degli uccelli ed i fuochi premonitori del fulmine,
(ne) reca mille, serrati in battaglia e dalle aste appuntite.
ordina che gli obbediscano Pisa, città alfea per origine,
etrusca per posizione. Segue il bellissimo Asture, 180
Asture che si fida del cavallo e dalle armi variopinte.
Trecento ne aggiungono ( in tutti un unico cuore di seguirlo)
quelli che sono di casa a Cere, quelli nei campi del Mignone,
l´antica Pirgo e la malsana Gravisca.
Non tralascierò te, fortissimoa guida dei Liguri in guerra, 185
Cupavone, da Cinira, accompagnato da pochi,
dal cui capi s´alzano penne di cigno,
vostra colpa, Amore, ed insegna dell´aspetto paterno.
Raccontano che Cicno per il lutto dell´amato Fetonte,
mentre cantava tra le fronde di pioppo e l´ombra 190
delle sorelle e con la Musa consola il mesto amore,
assunse una vecchiezza biancheggiante di morbida pima
lasciando le terre e seguendo con la voce le stelle.
Il figlio seguendo le truppe coetanee con la flotta
spinge avanti coi remi la gigantesca Centauro: quello 195
sta sull´acqua ed alto minaccia con un gran sasso
le onde, e con la lunga carena solca i mari profondi.
Anche lui, Ocno, chiama una truppa dalle patrie terre,
figlio della fatidica Manto e del fiume Tosco,
che diede a te, Mntova, le mura ed il nome della madre, 200
Mantova ricca di avi, ma non per tutti un´unica stirpe:
lei ( ha ) un triplice gente, quattro popoli per gente,
lei stessa capitele per i popoli, le forze da sangue tirreno.
Di qui pure Mezenzio ne arma cinquecento contro di sé,
che il Mincio velato di canna verdazzurra guidava 205
su pino nemico, dal padre Benaco verso il mare.
Auleste avanza solenne e con certo remi batte il flutto
alzandosi, el rotte spumeggiano sul mare solcato.
Lo trasporta un immane Tritone terrorizzando
con la conchiglia le acque azzurre, l´ispida prua offre a lui 210
che nuota, fino ai fianchi figura umana, la pancia finisce
in balena, spumosa sotto il petto mezzo bestiale mormora l´onda.
Tanti capi scelti avanzavano su tre volte dieci navi
in aiuto a Troia e col bronzo tagliavano le pianure del mare.

MESSAGGIO DELLE NINFE AD ENEA
(10.215-259)
Omai il giorno era uscito dal cielo e la divina Febe 215
sul carro vagante di notte batteva nel mezzo dellOlimpo:
Enea ( la preoccupazione non dà riposso alle membra)
lui stesso sedendo regge il timone e con le vele guida.
Ed in mezzo al corso, ecco, gli corre incontro il coro delle sue
compagne: le ninfe, che la divina Cibele aveva ordinato 220
avessero la divinità e da navi fossero ninfe,
nuotavano insieme e solcavano i flutti,
quante prima erano state prore dorate sui lidi.
Riconoscon da lontano il re e l´onorano con danze;
Cimodocea quella tra loro più dotata a parlare 225
seguendolo da dietro con la destra tiene la poppa e lei
emerge col dorso e con la sinistra rema sotto le tacite onde.
Così si rivolge all´ignaro: " Vegli forse, stirpe di dei,
Enea? Veglia ed allenta le funi alle vele.
Siamo noi, i pini dell´Ida dalla sacra cima,
ora ninfe del mare, tua flotta. Come il perfido Rutulo
ci incalzava alla rovina con ferro e fiamma,
a malincuore rompemmo le tue catene e cerchiamo te
per il mare. Compassionevole la madre ci rifece questo aspetto
e diede di essere dee e passare la vita sotto le onde. 235
Ma il ragazzo Ascanio è tenuto da muro e fossati
in mezzo alle frecce ed i Latini spaventosi per Marte.
Ormai la cavalleria Arcade unita al forte Etrusco occupano
i luoghi assegnati; opporre loro schiere in mezzo,
che non s´uniscano al campo, è il sicuro progetto di Turno. 240
Orsù alzati e per primo ordina al venir dell´Aurora che si chiamino
i compagni alle armi e prendi lo scudo invincibile che offrì
il potente col fuoco e ne circondò d´oro gli orli.
La luce di domani, se non crederai vane le mie parole,
vedrà giganteschi cumuli di strage rutula." 245
Aveva detto e partendo con la destra spinse l´alta
poppa, non ignara del modo: ella fugge tra le onde
più veloce e d´un dardo e d´una freccia che pareggia i venti.
Le altre dopo affrettan la corsa. Lo stesso Troiano
Anchisiade ignaro stupisce, tuttavia con l´augurio alza i cuori. 250
Poi brevemente guardando alle profondità superiori prega:
"Divina Idea madre degli dei, sui (stanno) a cuore Dindimo,
le città turrite ed i leoni appaiati alle briglie,
tu ora per me guida della battaglia, tu affretta bene
l´augurio ed assisti i Frigi, divina, con piede propizio." 255
Soltanto si esprese, ed intanto il giorno ritornato irrompeva
già con luce piena ed aveva allontanato la notte;
ordina anzitutto ai compagni che seguano i segnali
adeguino gli animi alle armi e si preparino allo scontro.


RITORNO DI ENEA (10.260-307)
Ormai ha in vista i Teucri edi suoi accampamenti 260
stando sull´alta poppa, quando po con la sinistra alzò
lo scudo brillante. I Dardanidi alzano un grido alle stelle
dalle mura, la speranza infusa eccita le ire,
con la mano lanciano dardi, quali le gru strimonie
sotto le nere nubi danno segnali ed attraversano l´etere 265
con rimbombo, fuggono i Noti con grido propizio.
Ma ciò sembrava starno al re rutulo ed agli Ausonii,
finchè vedono le poppe volte ai lidi
e tutto il mare scoorere con le navi.
Arde l´elmo sul capo e dalla cima con le creste la fiamma 270
si riversa e l´umbone d´oro vomita vasti fuochi:
non diversamente se a volte di notte le comete
rosseggiano sanguinee o l´ardore di Sirio.
Egli nasce portando sete e malattie ai mortali
malati e rattista il cielo con luce sinostra. 275
Tuttavia non cessò la fiducia a Turno
di comandare sui lidi e cacciare i giungenti dalla terra.
[ancor più con le parole rialza i cuori ed ancor più grida:]
"Quel che desideraste, c´è, sbaragliare con la destra.
Marte stesso in mano agli eroi. Ora ognuno sia memore 280
della sua consorte e del tetto, ora richiami le grandi
Azioni, le glorie dei padri. Su corriamo all´onda
mentre (sono) trepidi ed i primi passi tremano per gli sbarcati.
Fortuna aiuta quelli che osano."
Questo disse, e tra sé escogita contro possa guidare 285
all´attacco o a chi affidare le mura assediate.
Intanto dalle alte poppe Enea sbarca i compagni
con ponti. Molti osservavano i riflussi
del mare decrescente e con un salto si affidano alle secche,
altri attraverso i remi. Osservati i lidi, Tarconte, 290
dove le risacche non spirano le l´onda infranta rimormora,
ma il mare inoffensivo scivola con flusso crescente,
volge subito le prore e prega i compagni:
"Adesso, o scelta schiera, piegatevi sui validi remi;
alzate, portate le navi, spaccate coi rostri questa terra 295
nemica, la stessa carena si imprima il solco.
Non rifiuto di infrangere la poppa con tale approdo
una volta prsa la terra." Dopo che Tarconte disse
tali cose, i compagni sorgevano insieme sulle onde
e portavano le barche sui campi latini, 300
fin che i rostri occupano l´asciutto e tutte le carene
si fermarono incolumi. Ma non la tu paoppa, Tarconte:
conficcata nelle secche, mentre pende col dorso sbilanciato
incerta a lungo sostenutasi affatica i flutti,
si sfascia e getta gli uomini in mezzo alle onde, 305
ma gli spezzoni di remi ed i banchi fluttuanti
li bloccano ed insieme l´onda rifluente travolge i piedi.


BATTAGLIA CONTRO I RUTULI (10.308-361)
Né un pigro indugio trattiene Turno, ardente trascina
tutto l´esercito contro i Teucri e si ferma sul lido.
Risuonano i segnali. Per primo Enea assaltò le truppe 310
agresti, augurio di scontro, travolse i Latino,
ucciso Terone, un uomo che certamente grandissimo
assale Enea. A costui con la spada attraverso le maglie di bronzo,
attraverso la tunica intessuta d´oro tocca il fianco aperto.
Poi ferisce Lica, staccato dalla madre già morta, 315
ed a te, Febe, sacro: perché a lui piccolo fu possibile
evitare i rischi del ferro? E non lontano il duro Cissea
ed il gigantesco Gia che atterravano schiere con la clava,
li spinse a morte; a nulla loro giovarono le armi di Ercole
ne le potenti mani ed il padre Melampo, 320
compagno di Alcide, fin che la terra gli offrì le gravi
fatiche. Ecco a Faro, mentre vanta inutili frasi,
tirando una lancia gliela conficca in bocca mentre grida.
Tu pure infelice Cidone mentre segui Clizio, nuovi amori,
che biondeggia le guance della prima lanugine, 325
atterrato dalla destra dardania, sicuro degli amori di giovani
che sempre avevi, miserando giaceresti,
se la serrata coorte dei fratelli non si presentasse davanti, i figli
di Forco, dette di numero, lanciano sette lance per volta;
in parte rimbalzano inutili per l´elmo e lo scudo 330
in parte la divina Venere li deviò sfiorano
il corpo. Enea si rivolge al fido Acate:
"Passami le armi, la destra non ne scagli nessuno invano
contro i Rutuli, di quelli che stettero nel corpo dei Grai
sui campi iliaci." Poi prende una grande asta 335
e la lancia: quella volando trapassa i bronzi dell´elmo
Meone e rompe la corazza insieme col petto.
Soccorre costui il fratello Alcanore e con la destra sostiene
il fratello che cade: trapassato il braccio, un´asta lanciata
subito fugge ed insanguinata conserva la corsa, 340
e la destra dalla spalla coi nervi moribonda pendette.
Allora Numitore tratta la lancia dal corpo del fratello
si diresse du Enea: ma non fu possibile conficcarla
contro, e sfiorò una coscia del grande Acate.
Qui Clauso di Curi confidando nel corpo giovanile 345
giunge e da lontano con la rigida asta piantata pesantemente
sotto il mento ferisce Driopeed insieme, trapassata la gola,
rapisce la voce e la vita di lui che parlava; ma quello
con la fronte sbatte in terra e dalla bocca vomita sangue denso.
Pure tre Traci dal lontano popolo di Borea 350
e tre che il padre Ida e la patria Ismara invia,
li abbatte per varie vicende. Accorre Aleso
e la schiera aurunca, giunge anche prole nettunia,
Messapo famoso per cavalli. Ora questi, ora quelli tentano
di respingere: si combatte sulla soglia stessa 335
dell´Ausonia. Come venti discordi nel grande etere
alzano scontri con ire e forze eguali;
non essi tra loro, non le nubi, non il mare cede;
a lungo incerta la lotta, tutti stanno ben saldi contro:
non diversamente le truppe troiane e le truppe latine
si scontrano, piede s´attacca a piede, uomo ad uomo.


EROISMO DI PALLANTE (10.362-438)
Ma dall´altra parte, dove il torrente aveva portato per gran
tratto sasso rotolanti ed arbusti crollati dalle rive,
come Pallante vide gli Arcadi non abituati ad attaccare
schiere di fanti a dar le spalle al Lazio che insegue, 365
(poiché l´aspra natura del luogo li aveva persuasi
a lasciare i cavalli), unica cosa che resta in situazioni precarie,
or con preghiera, or con parole amare accende il coraggio;
"Dove fuggite, compagni? Per voi e le forti imprese,
per il nime del condottiero Evandro e le guerre vinte, 370
per la mia speranza, che ora subentra emula alla gloria paterna,
non confidate nei piedi. Bisogna rompere la via tra i nemici
col ferro. Dove preme quel drappello densissimo di uomini
là la nobile patria richiama voi e Pallante come guida.
Nessuna divinità incalza, noi mortali siam pressati da un nemico 375
mortale; noi abbiamo altrettante vite e mani.
Ecco l´acqua ci chiude con la grande barriera del mare,
già manca la terra per la fuga: cerchiamo forse il mare come Troia?"
Così disse, ed in mezzo ai nemici serrati si slancia.
Gli si fa davanti anzitutto Lago , spinto da fati 380
malvagi. Costui, mentre solleva un masso di gran peso,
scagliata l´arma, lo trafigge dove la spina dorsale segnava
le divisioni alle costole, e strappa l´asta
che s´attacca alle ossa. Isbone non lo sorprende,
sperandolo proprio, lui; infatti Pallante lo coglie prima 385
quando si lancia incauto, mentre è furioso per la crudele morte
del compagno e nasconde la spada nel polmone rigongio.
Poi assale Stenioed Anchemolo dell´antica stirpe di Reto
che osò violare d´incesto il letto della matrigna.
Anche voi, gemelli, cadeste nei campi rutuli, 390
Larde e Timbro, somigliantissima prole di Dauco,
indistinti e piacevole sbaglio per i loro genitori;
ma ora Pallante vi ha dato terribili differenze.
A te, Timbro, l´Evandria spada staccò la testa;
la destra recisa cerca te come suo, Larde, 395
le dita semivive s´agitano e stringono il ferro.
Gli Arcadi accesi dall´esortazione e osservanti le straordinarie
imprese dell´eroe, li arma contro i nemici il dolore e unito il pudore.
Allora Pallante trapassa Reteo che fugge via
con le bighe. Ilo ebbe solo questo spazio e queltanto di indugio; 400
Ilo da lontano aveva drizzato un´asta robusta,
che Reteo in mezzo l´intercetta, fuggendo te, ottimo Teutra,
ed il fratello Tire, caduto dal cocchio
semivivo colpisce a calci i campi de Rutuli.
E come d´estate, sorti i venti, secondo i desideri, 405
il pastore invia alle selve disseminati incendi,
attaccati subito in mezzo, la schiera di Vulcano si estende
insieme orrenda per i vasti campi,
egli sedendo vincitore contempla le fiamme esultanti:
non diversamente tutto il valore dei compagni s´unisce in unità 410
e ti favorisce, Pallante. Ma Aleso spietato in guerra
si lancia sui nemici e si raccoglie nelle sue armi.
Costui ammazza Ladone, Ferete e Demodoco,
a Strimonio strappa la destra col la spada fulgente
alzata contro la gola, con un sasso ferisce il volto di Toante 415
disperse le ossa mischiate a cervello sanguinante.
Il padre predicendo i fati aveva nascosto nei boschi Aleso;
quando anziano sciolsecon la morte le luci biancheggianti,
le Parche gettaron la mano elo consacrarono alle armi
d´Evandro. Pallante lo assale avendo prima pregato così: 420
"Padre Tevere, da´ oraal ferro, che vibro come proiettile,
la fortuna e la via nel petto del crudele Aleso.
La tua quercia avrà queste armie le spoglie dell´uomo."
Le ascoltò il dio; mentre Aleso protesse Imaone,
il misero dà il petto inerme al dardo arcadio. 425
Ma Lauso, parte ingente della guerra, non lascia le schiere
sgomente per la morte così grave dell´eroe: per primo uccide
Abante oppostogli, nosdo e ostacolo della battaglia.
Vien stesa la prole d´Arcadia, vengon stesi gli Etruschi
e voi, Teucri, o corpi risparmiati dai Grai. 430
Le scchiere si scontrano con capi e forzeuguali;
gli ultimi serran le file né la ressa non lascia che
armi e mani si muovano. Da una parte Pallante incalza e preme,
dall´altra Lauso contro, né l´età differisce di molto,
stupendi d´aspetto, ma a loro Fortuna aveva negato 435
il ritorno in patria. Tuttavia il governatore del grande
Olimpo non permise che essi si scontrassero tra loro;
presto i loro fati li attendono sotto un nemico maggiore.


LA MORTE DI PALLANTE (10.439-509)
Intando la divina sorella avvisa di subentrare a Lauso
Turno, che tagliain mezzo la schiera col cocchio alato. 440
Come vide i compagni: "E´ tempo di smetterelo scontro;
io da solo mi porto contro Pallante, a me solo Pallante
è dovuto; vorrei che lo stesso padre fosse presente come spettatore."
Così disse, ed i compagni si ritirarono dal campo ordinato.
Ma alla ritirata dei Rutuli poi il giovane meravigliatosi 445
dei superbi ordini stupisce davanti a Turno e volge gli occhi
sul corpo gigantesco e da lontano con volto truce squadra tutto,
e con tali parole va contro le parole del re:
"O io ormai sarò lodato per le ricche spoglie strappate oppure
per una morte gloriosa: il padre è uguale per la doppia sorte. 450
Smetti le minacce." Espressosi avanza in mezzo al campo;
un samgue freddo agli Arcadi si stringe nei cuori.
Turno saltò giù dalla biga, si prepara ad andare a piedi
al duello; come un leone, quando da un alta vedetta ha visto
lontano nelle piane un toro star fermo meditando agli scontri 455
vola, non diverso è l´aspetto di Turno che arriva.
Quando credette che costui fosse vicino all´asta lanciata,
avanzaperprimo Pallante, se un caso aiutasse chi osa
con forze impari, e così parla al grande etere:
"Per l´ospitalità e le mense del padre,che forestiero trovasti, 460
ti prego, Alcide, assisti legigantesche imprese.
Veda me che strappo a lui semimorto le armi cruente
e gli occhi morenti di Turno mi sopportino vincitore."
Alcide ascoltò il giovane e represse in fondo al cuore
un grande gemito e versò lacrime inutili. 465
Allora il padre parla al figlio con parole amiche:
"Per ognuno è fisso il suo giorno, per tutti iltempo della vita
è breve ed irreparabile; ma estendere la fama coi fatti,
questo il compito del valore. Sotto le alte muradi Troia
tanti figli di dei caddero, anzi cadde insieme
Sarpedonte, mia progenie; anche i suoifati chiamano
Turno ed è giunto alle mete dell´età concessa."
Così disse, e distolse gli occhi dai campi dei Rutuli.
Ma Pallante consforzi enormi lancia l´asta
e strappa dal cavo fodero la splendente spada. 475
Quella volando cadde dove s´alzano i più alti ripari
della spalla, e trovata una via sugli orli dello scudo
apena sfiorò anche il grandecorpo di Turno.
Allora Turno a lungo librandola lancia l´asta munita
di ferro acuto contro Pallante ecosì parla: 480
"Guarda se il nosto dardo sia più penetrabile."
Aveva detto; ma lo scudo, tante lamine di ferro, tante di bronzo
altrettante di pelle di toro, messe attorno, che ( la punta) incontri,
in mezzo con un colpo vibrante la punta lo trapassa
e perfora i rapari della corazza ed il grande petto. 485
Egli afferra il caldo dardo invano dalla ferita:
per una stessa via sangue ed anima escono.
Crollò sulla ferita e sopra le armi diedero in suono
e morendo colpisce la terra ostile col volto cruento.
Ma sopra di lui Turno piantandosi sopra [ così grida con la bocca] 490
"Arcadi, disse, queste mie parole riferite memori
ad Evandro: come ha meritato, rimando Pallante.
Qualsiasi onore della tomba, qualunque consolazione ci sia
di seppellirlo, concedo. Per lui non costeranno poco le ospitalità
di Enea." E, dicendo così, col piede sinistro calpestò 495
l´esanime afferrandoi gli enormi pesi del balteo
ed il sacrilego impresso: in un´unica notte nuziale
una schiera di giovani uccisa sconciamente ed i letti cruenti,
che Clono Euritide aveva cesellato con molto oro;
di questa spoglia oraTurno trionfa e gode, impadronitosene. 500
Mente degli uomini ignara del fato e della sorte futura
e privata nei momenti favorevoli di mantenere un controllo.
Vi sarà un tempo per Turno quando desidererà che Pallante intatto
fosse stato riscattato a grande prezzo, e odierà queste spoglie
ed il giorno. Ma i compagni con molto gemito e lacrime 505
in folla riportano Pallante posto sullo scudo.
Oh destinato a ritornare al padre quale dolore e grande onore,
questo ti diede il primo giorno con la guerra, proprio questo ti toglie,
mentre tuttavia lasci enormi mucchi di Rutuli.



L´IRA DI ENEA CONTRO TURNO (10.510-605)
Né ormai la fama di così grave male, ma un troppo sicuro 510
testimone vola da Enea che i suoi sono in estremo rischio
di morte, che è tempo di soccorrere i Teucri sbaragliati.
Miete ogni cosa vicina con la spada e tra la schiera fa una larga
strada col ferro, cercando, ardente, per la recente strage te,
Turno, superbo. Pallante, Evandro, tutto è negli occhi 515
stessi, le mense, che da forestiero allora per prime
avvicinò, le destrescambiate. Qui quattro giovani
nati da Sulmone, altrettanti che l´Ufente nutre,
li afferra viventi, da immolare come offerte alle ombre
e cospargere di sangue prigioniero le fiamme del rogo. 520
Poida lontano aveva lanciato a Mago l´asta nemica:
egli con astuzia s´abbassa, ma tremebonda l´asta vola sopra,
e piegando le ginocchia suppliceprega così:
"Per gli dei paterni ele speranze diIulo che cresce,
ti prego, salvaquesta vita peril figlio ed il padre. 525
la casa è grande, son nascosti bene telenti sepolti
di argento cesellato, ho quantità d´oro lavorato
e non lavorato. La vittoria dei Teucri non si tratat qui
oppure una sola vita non darà così tante differenze."
Aveva detto. Ma Enea così gli risponde: 530
" I molti talenti d´oro e d´argento che ricordi,
risparmiali per i tuoi figli. Questi commerci di guerra Turno
perprimo li ha tolti gia allora, ucciso Pallante.
Questo gli dei del padre Anchise, questo pensa Iulo."
Così parlando con la sinistra tiene l´elmo e rovesciato
il collo del supplice, affonda la spada fino all´elsa. 535
Non lontano, Emonide, sacerdote di Febo e di Trivia,
e l´infula gli cingeva le tempie con sacra benda,
brillando tutto con la veste ele bianche insegne.
Scontratosi lo coglie sulcampo, e stando sopra al caduto 540
lo immola e lo coprì con l´enorme ombra, Seresto riporta
le armi scelte perte, ore Gradivo, come trofeo.
Riorganizzano le schiere Ceculo, nato dalla stirpe
di Vulcano ed Umbrone che viene dai monti dei Marsi.
Il Dardanire furoreggia contro: con la spada aveva staccato 545
la sinistra di Anxure e col ferro tutto il cerchio dello scudo;
Quello aveva pronunciato qualche cosa di garnde e aveva creduto
che ci fosse potenza nella formula, e forse innalzava il coraggio
al cielo e si era ripromesso vecchiaia e lunghi anni;
Tarquito che saltava contro con armi splendenti, 550
e l´aveva generato la ninfa Driope a Fauno abitatore delle selve,
si offrì davanti a lui ardente. Egli vibrata l´asta
blocca la corazza ed il gran peso dello scudo,
poi abbatte a terra la testa di chi invano pregava e si preparava
a dire molto, e rovesciando il troco tirpido 555
sopra ciò esclama con anino ostile:
"Qui adesso, o terribile, giaci. L´ottima madre non ti seppellirà
in terra e onorerà le membre con sepolcro patrio:
sarai lasciato agli uccelli rapaci, o un´onda ti trascinerà
sommerso ed i pesci affamati leccheranno le ferite." 560
Subito insegue Anteo e Luca, prime schiere di Turno,
il forte Numa ed il rosso Camerte,
figlio del magnanimo Volcente, che fu il più ricco di terreno
degli Ausonidi e regnò sulla tacita Amicla.
Quale Egeone, che dicono avesse cento braccia 565
e cento mani, e ardesse fuoco per cinquanta
bocche e petti, quando tuonò contro i fulmini di Giove
con altrettanti scudi, brandendo altrettante spade:
così Enea infierì su tutto il campo da vincitore,
appena intiepidì la punta. Anzi, ecco attacca contro 570
i cavalli da quadriga di Nifeo ed i petti di fronte.
E quelli quando lo videro avanzare da lontano e fremere
paurosamente, giratisi dietro per paura e correndo
rovesciano il conducente e trascinano i cocchi sui lidi.
Intanto Lucago ed il fratello Ligeri con le bianche bighe 575
si lancia in mezzo; ma il fratello con le briglie
piega i cavalli, l´aspro Licago rotea la spada sguainata.
Enea non sopportò chi furoreggiava con tanto fervore;
si buttò e gigantesco apparve con l´asta puntata.
A lui Ligeri: 580
"Non vedi i cavalli di Diomede né il cocchio di Achille
o le piane di Frigia: oraverràdata la fine della guerra edella vita
su queste terre." Per il pazzo Ligeri tali parole volano
lontano. Ma l´eroe troiano non prepara parole
di risposta, ma lancia un giavellotto contro i nemici. 585
Come Lucago pendendo per le frustate ai cavalli piegato
li spronò con la lancia, mentre puntato il piede sinistro
si preparava allo scontro, l´asta giunse attraverso gli ultimi
orli del brillante scudo, poi perfora l´inguine a sinistra;
sbalzato dal cocchio moribondo si rotola sui campi. 590
Ed il pio Enea gli si rivolge con parole amare:
"Lucago, nessuna fuga vile dei cavalli tradì i tuoi cocchi
o vuote ombre li volsero via dai nemici:
tu stesso saltando dalle ruote abbandoni il cocchio." Così parlando
afferrò la pariglia; il fratello misero tendeva le palme 595
inerti caduto dallo stesso carro:
"Per te, per te che i genitori hanno generato così,
eroe troiano, lasciami questa vita edabbi pietà di chi prega."
Enea a lui che di più diceva: "Poco fa non offrivi
tali parole. Muori e da fratello non lasciare il fratello." 600
Poi aprì conla punta il petto, protezione della vita.
Il condottiero dardanio per lapianura produceva
tali stragi infuriando alla stregua d´acqua torrenziale
o di nera uragano. Finalmente escono e lasciano il campo
il giovane Ascanio e la gioventù inutilmente assediata. 605


GIOVE E GIUNONE (10.606-635)
Intanto Giove così si rivolge a Giunone:
"O perme sorella ed insieme carissima sposa,
come pensavi, Venere ( e l´idea non ti inganna)
sostiene le forze troiane, gli uomini in guerra non hanno
una destra vivace, né animo fiero che sopporta il rischio." 610
A lui Giunone sottomessa: "Perché, o bellissimo marito,
provochi una triste e che teme le tue parole?
Se io, ed un tempo l´avevo ed era giusto che l´avessi,
avessi la forza nell´amore, non mi negheresti questo,
onnipotente, che potessi sottrarre Turno allo scontro 615
e salvarlo incolume per il padre Dauno.
Ora perisca e paghi il fio ai Teucri con il sangue pio.
Egli però prende il nome dalla nostra origine
e Pilumno gli è quarto padre e spesso con larga
mano e molti doni colmò le tue soglie." 620
Ed a lei brevemente così risponde il re dell´etereo Olimpo:
"Se si chiede un ritardo della morte presente ed unmomento
per il giovane destinato a cadere e pensi che io decida così questo,
prendi Turno con la fuga e toglilo dai fati imminenti.
Fin qui è possibile permetterlo. Se sotto queste preghiere 625
si nasconde un permesso maggiore e credi che tutta la guerra
si sconvolga o muti, nutri vane speranze."
Egiunone piangendo: " E che? Se, quello che a parole ti rincresce,
tu dessi col cuore e questa vita restasse valida per Turno?
Ma una morte pesante attende l´innocente, o io lontana 630
dal vero mi porto. Oh se piuttosto fossi ingannata da falsa
paura, e tu che puoi cambiassi in meglio le tue parole."
Come espresse queste frasi, subito si lanciò dall´alro
cielo, vestita di nube, trascinando nell´aria tempesta,
e si diresse alla schiera iliaca ed al campo laurente. 635




TURNO INGANNATO DALLA SORELLA (10.636-688)
Allora la dea con una nube cava crea un´ombra sottile
senza forze dall´aspetto di Enea, mirabile prodigio a vedersi,
con armi dardanie, dimula lo scudo ed i pennacchi
del capo divino, dà parole vuote,
dà una voce senza cuore e finge passi che vanno, 640
quale è fama che, giunta la morte, le forme volteggino
o i sogni che ingannano i sensi assopiti.
Ma il fantasma lieto esulta davanti alle prime file
incita l´eroe con le armi e lo provoca con la voce.
Turno lo incalza e lancia da lontano l´asta 645
stridente; quello, date le spalle, cambia percorso.
Allora Turno credette che Enea voltatosi si ritirasse
e spavaldo in cuore bevve una vana speranza:
"Dove fuggi, Enea? Non lasciare i talami pattuiti;
con questa destra sarà data la terra cercata per mare." 650
Così gridando insegue e vibra la punta sguainata,
non vede che i venti portano le sue gioie.
Per caso una nave stava unita alla base di un´alta roccia,
le scale pronte ed il ponte preparato,
il re Osinio da Chiusi era stato portato da quella. 655
Qui il trepido fantasma di Enea che fuggiva
si getta in nascondigli, né Turno più lento incalza
oltrepassagli ostacoli e salta sugli alti ponti.
Aveva quasi toccato la prua, la Sturnia rompe la fune
ed afferra la nave salpata nelle acque già percorse. 660
Allora leggero il fantasma non cerca più nascondigli,
ma volando in alto si nascose in nera nube,
Eneaperò cerca lui assente per il duello;
spedisce molti corpi incontrati di eroi alla morte,
mentre intanto una tempesta porta Turno in mezzo al mare. 665
Guarda ignarodella realtà ed ingrato della salvezza
tende ambedue le mani alle stelle con la frase:
"Onnipotente genitore, mi ritenesti degno di così grave
delitto e velesti che pagassi simili pene?
Dove son portato? Donde scappai? Quale fuga o inche stato mi 670
riporta? Vedrò di nuovo le mura ed i campi di Laurento?
E che?quella schiera d´eroi, hanseguito me e le mie armi?
Tutti quelli che (orribile!) lasciai in vergognoasa morte
ed ora vedo allo sbaraglio, e sento il gemito
dei morenti? Che faccio?o quale profondità della terra mi 675
inghiottirebbe a sufficienza? Voi, oh, venti piuttosto abbiate di me;
contro rupi, contro rocce ( io Turno volente vi adoro)
portate la nave e gettatela nelle crudeli secche della sirte,
dove né i Rutuli né la fama cosciente mi segua."
Dicendo questo con la mente vacilla ora qua ora là, 680
fuor di sè se colpirsi per così gran disonore
con la punta e spinger tra le costole la spada crudele,
o buttarsi in mezzo ai flutti enuotando dirigersi ai curvi
lidi e di nuovo darsi alle armi dei Teucri.
Tre volte tentò entrambe le vie, trevolte la massima Giunone 685
lo trattenne ed impietorita dell´anino, bloccò il giovane .
Corre solcando l´alto mare con flutto e marea favorevole
e si riporta all´antica città del padre Dauno.


L´INTERVENTO DI MEZENZIO (10.689-754)
Ma intanto per gli ordini di Giove Mezenzio ardente
succede nello scontro ed assale i Teucri esultanti. 690
Le schiere tirrene accorrono e con tutti gli odi per un unico,
incombono su un unico uomo con incessanti lanci.
Lui come rupe che emerge in vasto mare,
davanti alle furie dei venti ed opposta al flutto,
sopporta tutta la forza e le minacce di cielo e mare 695
lei stesso restando immobile stende a terra Ebro, prole
di Dolicaone, e con lui Latago e Palmo fuggitivo,
ma Latago, con un sasso ed un enorme pezzo di monte,
lo colpisce davanti in faccia, sul volto, e tagliato un polpaccio
lascia che Palmo si rotoli lento, concede a Lauso 700
di avere le armi e fissare alla testa le creste.
Ed inoltre il frigio Evante e Mimante coetaneo
e compagno di Paride, che Teano diede alla luce
dal padre Amico nella stessa notte che la regina Cisseide
gravida di fiamma (partorì) Paride; Paride giace nella città 705
paterna, la terra di Laurento tiene Mimante sconosciuto.
E come il cinghiale spinto dagli alti monti dal morso
dei cani, che il Vesuloricco di piniper molti anni
protesse e per molti la palude di Laurento nutre nella selva
di canne, dopo che si arrirò tra le reti, 710
s´è fermato e feroce ha grugnito e drizzato i peli,
e nessuno ha il coraggio di eccitarlo o avvicinarsi di più,
ma da lontano incalzano con lanci e sicure grida;
non diversamente, quelli che hanno un giusto odio per Mezenzio,
nessuno ha il coraggio di affrontarlo col ferro sguainato, 715
da lontano econ vasto urlare lo provocano con proiettili.
Lui però impavido tentenna in tutte le parti
digrignando coi denti e scuote le aste dalla schiena.
Era giunto dagli antichi territori di Corito Acrone,
uomo graio, lasciando profugo le nozze incompiute. 720
Come vide costui sconvolgere il centro delle schiere,
rosso per le piume e la porpora della sposa promessa,
come leone affamato aggirandosi spesso tra grandi stalle
poiche una pazza fame lo spinge, se mai ha visto una capra
paurosa o un gervo che si erge con le corna 725
gioisce bramando, ha drizzato le criniere e s´attacca
alle viscere buttandosi sopra; nero sangue bagna
le fauci malvage:
così Mezenzio corre veloce contro i fitti nemici .
Il miseroAcrone è atterrato ecoi calci colpisce il nero 730
suolo spirando ed insanguina le armi spezzate.
E lo stesso non si degnò di stendere Orode
che fuggiva né di dare una cieca ferita, lanciato il dardo;
davanti in faccia gli corse e si presentò da uomo
a uomo, non migliore per inganno, ma per leforti armi. 735
Poi sopra di lui atterrato spingendo col piede calcato e con l´asta:
"(Come) Parte di guerra non disprezzabile, o eroi, l´alto Orode giace."
Acclamano i compagni accompagnando un lieto canto di guerra;
ma quello spirando: " Chiunque tu sia, non io invendicato,
né tu vittorioso ti allieterai a lungo; i fati uguali aspettano 740
anche te ed occuperai presto gli stessi campi."
Ma sghignazzandoli con aggiunta l´ira Mezenzio:
"Ora muori. Ma per me il padre degli dei e re degli uomini
provvederà." Così dicendo estrae dal corpo la spada.
A quello una crudele quiete ed un ferreo sonno blocca 745
gli occhi, le luci si chiudoni per l´eterna notte.
Cedico stronca Alcatoo, Sacratore Idaspe,
Rapone Partenio ed Orse, durissimo per le forze,
Messapo Clonio ed Erichete licaonio,
quello che giaceva per terra per la caduta del cavallo sfrenato, 750
questo da fante. Anche Licio agide era venuto come fante,
tuttavia Valero non privo del valore ereditato lo
abbatte; ma Salio (uccide) Tronio e Salio ( lo uccide) Nealce,
famoso per il lancio e la freccia che da lontano inganna.


SCONTRO TRA ENEA E MEZENZIO (10.755-790)
Ormai Marte eguagliava i gravi lutti e le reciproche 755
morti; parimenti uccidevano eparimenti cadevano
vincitori e vinti; né agli uni né agli altri era nota la fuga.
Gli dei nel palazzo di Giove commiseravano l´inutile ira
di entrambi e che i mortali avessero cosìgrandi affanni;
Da una parte Venere osserva, dall´altra contro la saturnia Giunone.
Tisifone infuria pallita in mezzo alle migliaia.
Mezenzio però scuotendo l´asta gigantesca
furioso entra in campo. Quanto grande Orione,
quando avanza i piedi aprendo la via attraverso i grandissimi
stagni di Nereo, con la spalla sovrasta le onde, 765
o portandosi un annoso orno dagli altissimi monti
cammina sul suolo e nasconde il capo tra le nubi,
così si presenta Mezenzio con le grandi armi.
Contro costui Enea, scortoloin una lunga schiera,
si prepara ad andargli davanti. Egli resta imperterrito 770
aspettando il magnanimo nemico, e sta sulla sua mole;
misurato lo spazio con gli occhi quanto sufficiente per l´asta:
"La destra, un dio per me, e la lancia, che vibro come proiettile,
ora mi assistino. Faccio voto che tu, Lauso, vestito
delle spoglie strappate dal corpo del predone (sia) proprio 775
trofeo su Enea." Disse,e da lontano lanciò l´asta stridente.
Ma quella volando è sbalzata dallo scudo e lontano
trafigge il nobile Antore tra il fianco ed il ventre,
Antore compagno di Ercole, che inviato da Argo
s´era unito ad Evandro e s´era insediato nella città itala. 780
il misero è steso da un colpo altrui, guarda il cielo
e morendo si ricorda della dolce Argo.
Allora Enea lancia l´asta; ella attraverso il cavo cerchio
di triplo bronzo, attraverso gli strati di lino, opera intessuta
di tre (pelli di) tori trapassò e si fermò in fondo 785
all´inguine, ma non entrò con violenza. Più rapidamente
Enea lieto, visto il sangue del tirreno sguaina
la spada dal fodero e furioso sta sul vacillante.
Gemette profondamenteper amore del caro genitore,
come vide, Lauso, lacrime scesero sul volto. 790




LA MORTE DI LAUSO (10.791-832)
Qui non tacerò il caso della crudele morte e le ottime
imprese, se una posterità potrà portare fede a sì grande azione
né certamente te, giovane degno di ricordo.
Egli ritraendo il piede, incapace e quasi legato,
si ritirava e strappava dallo scudo la lancia nemica. 795
Il giovane si slanciò e si unì alle armi,
e andò sotto la punta di Enea che s´alzava con la destra
e sferrava il colpo e contrastandolo lo trattenne;
i compagni accompagnano con grande grido,
mentre il genitore protetto dallo scudo del figliose n´andava, 800
lanciano armi e da lontano disturbano il nemico
coi proiettili. Furoreggia Enea e si tiene coperto.
Come quando i nembi precipitano, rovesciatasi
la grandine, ogni aratore scappa dalle piane
ed ogni agricoltore, ed il viandante si nasconde in rocca 805
sicura o sotto lerive di un fiume o la voltadi alta roccia,
mentre sulle terre piove, per potere, ritornato il sole,
continuar la giornata: così Enea, coperto ovunque di lance,
sostiene la nube di guerra, fin che tutto si plachi,
e sgrida Lauso e minaccia Lauso: 810
"Dove corri a morire e osi cose maggiori delle forze?
Inganna te incauto il tuo amore." Non di meno quello
pazzo s´agita, e maggiormente crescono le ire al capo
dardanio, ma le Parche raccolgono gli ultimi
fili per Lauso. Enea estrae la forte spada 815
e tutta la nasconde in pieno sul giovane ;
la punta trapassò anche lo scudo, armi leggere del temerario,
e la tunica che la madre aveva intessuto con tenero oro
(ne) riempì l´orlo il sangue; poi la vita mesta scappò
nell´aria verso i Mani ed abbandonò il corpo. 820
Ma come vide l´aspetto ed il volto del morente,
il volto pallido in forme straordinarie, l´Anchisiade
gemette commiserando profondamente etesela destra,
e il pensiero dell´amore paterno gli toccò il cuore.
"Che cosa adesso, misero ragazzo, per questi eroismi, 825
che cosa darà il pio Enea ( a te) degno di così garnde carattere?
Abbi le tue armi, di cui eri fiero; e ti affido ai mani
dei genitori ed alla cenere, se vale tale cura.
Tuttavia tu infelice consolerai la misera morte:
cadi per la destradel grande Enea." Rimprovera poi
i compagni esitanti e lo solleva proprio da terra
mentre deturpava col sanguei capelli bene pettinati.



MEZENZIO UCCISO DA ENEA (10.833-908)
Intanto il padre presso l´onda del fiume Tevere
asciugava con le acque le ferite e riposavail corpo
appoggiato al troco d´un albero. Lontano l´elmo pende 835
aereo e le pesanti armi riposano sul prato.
Giovani scelti stanno attorno; egli debole ansimante
massaggia il collo sciolto la barba pendente sul petto;
molto domanda su Lauso, molte volte manda gente che lo
richiami riferiscano i messaggi del padre afflitto. 840
Ma i compagni portavano Lauso esanime sulle armi
piangendo il grande vinto da grande ferita.
Il cuore presago della disgrazia da lontano riconobbe il gemito.
Imbratta la canizie di molta polvere e tende
al cielo ambo le palme e s´attacca al corpo. 845
"Forse così grande brama di vivere, figlio, mi prese,
da sopportare che quello che generai si avvicinasse alla destra
nemica per me? Io padre da queste ferite sono conservato
vivo grazie alla tua morte? Ahi, adesso per me misero alla fine
la morte infelice, adesso il colpo profondamente sferrato. 850
Proprio io, figlio, ho macchiato di delitto il tuo nome,
cacciato per odio dal trono e dagli scettri paterni.
Dovevo la pena alla patria ed agli odi dei miei:
avessi dato io stesso la vita colpevole con tutte le morti.
Ora vivo e non lascio ancora la luce egli uomini. 855
Ma la lascerò." Dicendo insieme così si alza sul debole
femore e bench´ la forza ritardi per la ferita profonda,
non abbattuto comanda di portare il cavallo. Lui aveva questo
orgoglio, questa consolazione, con questi usciva vincitore da tutte
le guerre. Parla all´afflitto e così comincia: 860
"Rebo, a lungo, se mai i mortali hanno a lungo qualcosa,
abbiam vissuto. O vincitore oggi riporterai quelle spoglie
E la testa del cruento Enea econ me sarai vendicatore
dei dolori di Lauso, o, se nessuna forza aprela via,
giacerai insieme; non credo, fortissimo, che ti degnerai 865
di sopportare altri ordini e padroni troiani."
Disse, ed accolto in groppa posò le membra abituate
e caricò ambo le mani di acute lance,
nel capo splendendo di bronzo ed ispido di cresta equina.
Così rapido si buttò in mezzo al galoppo. Gigantesca 870
brucia in un sol cuore vergogna e pazzia con lutto insieme.
[anche l´amore sconvolto da furori ed il valore cosciente]
ed allora chiamò tre volte a gran voce Enea.
Enea lo riconobbe elieto prega:
"Così il padre degli dei lo conceda, così il nobile Apollo. 875
Comincia a venire alle mani."
Appena parlato ed avanti va con l´asta puntata.
Ma quello: "In cosa, strappatomi il figlio, crudelissimo, mi
mi spaventi?Questa sola fu la via per cui tu potessi rovinarmi:
né abbiam pauradella morte ne rispettiamo qualcuno degli dei. 880
Smetti, vengo infatti a morire e prima ti porto
questi doni." Disse, e lanciò contro il nemico l´arma;
poi un´altra ne conficca ed altra ancora evola
in enorme giro, ma l´umbone d´oro resiste.
Tre volte cavalcò attorno a (Enea) che stava davanti in cerchi
a sinistra scagliando con la mano le armi, l´eroe troiano porta
attorno con sé sulla copertura dorata una selva gigantesca.
Quando poi si stanca di aver protratto tanti indugi, di strappare
tante frecce, e scontratosi è incalzato da lotta sfavorevole,
riflettendo molto in cuore finalmente attacca e scaglia 890
un´asta tra le cave tempie del cavallo combattente.
Il quadrupede sialza dritto ed a calci colpisce
l´aria, e lui stesso cadutosopra il cavaliere disarcionato
lo travolge e giace a testa in giù con la spalla lussata
Troiani e Latini incendiano il cielo di urla. 895
Enea vola e strappa la spada dal fodero
ed aggiunge: "Dove adesso il crudele Mezenzio r quella
feroce violenza del cuore?" Il tirreno in risposta, come
alzando lo sguardo tirò il fiato e raccolse cielo e coscienza:
"Nemico amaro, perché sbraiti eminacci morte? 900
nessuna empietà nella morte, né cosìvenni agli scontri,
né con te il mio Lauso pattuì per me questi patti.
Questo solo, se inemici vinti hanno un favore, supplico:
permetti che il corpo sia coperto da terra. So che gli odi
acerbi dei miei stanno attorno: allontana, supplico, questo 905
furore e rendimi partecipe del sepolcro del figlio."
Questo dice, e non inconscio accoglie ingola la spada
e riversa la vita sulle armi col sangue traboccante 10.908