L´Eneide (Libro 11)


LATINOITALIANO

DE AENEA VICTORE (11.1-58)
Oceanum interea surgens Aurora reliquit: 11.1
Aeneas, quamquam et sociis dare tempus humandis
praecipitant curae turbataque funere mens est,
vota deum primo victor solvebat Eoo.
ingentem quercum decisis undique ramis 5
constituit tumulo fulgentiaque induit arma,
Mezenti ducis exuvias, tibi magne, tropaeum,
bellipotens; aptat rorantis sanguine cristas
telaque trunca viri, et bis sex thoraca petitum
perfossumque locis, clipeumque ex aere sinistrae 10
subligat atque ensem collo suspendit eburnum.
tum socios (namque omnis eum stipata tegebat
turba ducum) sic incipiens hortatur ovantis:
´maxima res effecta, viri; timor omnis abesto,
quod superest; haec sunt spolia et de rege superbo 15
primitiae manibusque meis Mezentius hic est.
nunc iter ad regem nobis murosque Latinos.
arma parate, animis et spe praesumite bellum,
ne qua mora ignaros, ubi primum vellere signa
adnuerint superi pubemque educere castris, 20
impediat segnisve metu sententia tardet.
interea socios inhumataque corpora terrae
mandemus, qui solus honos Acheronte sub imo est.
ite,´ ait ´egregias animas, quae sanguine nobis
hanc patriam peperere suo, decorate supremis 25
muneribus, maestamque Evandri primus ad urbem
mittatur Pallas, quem non virtutis egentem
abstulit atra dies et funere mersit acerbo.´
Sic ait inlacrimans, recipitque ad limina gressum
corpus ubi exanimi positum Pallantis Acoetes 30
servabat senior, qui Parrhasio Evandro
armiger ante fuit, sed non felicibus aeque
tum comes auspiciis caro datus ibat alumno.
circum omnis famulumque manus Troianaque turba
et maestum Iliades crinem de more solutae. 35
ut vero Aeneas foribus sese intulit altis
ingentem gemitum tunsis ad sidera tollunt
pectoribus, maestoque immugit regia luctu.
ipse caput nivei fultum Pallantis et ora
ut vidit levique patens in pectore vulnus 40
cuspidis Ausoniae, lacrimis ita fatur obortis:
´tene,´ inquit ´miserande puer, cum laeta veniret,
invidit Fortuna mihi, ne regna videres
nostra neque ad sedes victor veherere paternas?
non haec Evandro de te promissa parenti 45
discedens dederam, cum me complexus euntem
mitteret in magnum imperium metuensque moneret
acris esse viros, cum dura proelia gente.
et nunc ille quidem spe multum captus inani
fors et vota facit cumulatque altaria donis, 50
nos iuvenem exanimum et nil iam caelestibus ullis
debentem vano maesti comitamur honore.
infelix, nati funus crudele videbis.
hi nostri reditus exspectatique triumphi?
haec mea magna fides? at non, Evandre, pudendis 55
vulneribus pulsum aspicies, nec sospite dirum
optabis nato funus pater. ei mihi quantum
praesidium, Ausonia, et quantum tu perdis, Iule.´


DE SUPREMO VALE (11.59-99)
Haec ubi deflevit, tolli miserabile corpus
imperat, et toto lectos ex agmine mittit 60
mille viros qui supremum comitentur honorem
intersintque patris lacrimis, solacia luctus
exigua ingentis, misero sed debita patri.
haud segnes alii cratis et molle feretrum
arbuteis texunt virgis et vimine querno 65
exstructosque toros obtentu frondis inumbrant.
hic iuvenem agresti sublimem stramine ponunt:
qualem virgineo demessum pollice florem
seu mollis violae seu languentis hyacinthi,
cui neque fulgor adhuc nec dum sua forma recessit, 70
non iam mater alit tellus virisque ministrat.
tum geminas vestis auroque ostroque rigentis
extulit Aeneas, quas illi laeta laborum
ipsa suis quondam manibus Sidonia Dido
fecerat et tenui telas discreverat auro. 75
harum unam iuveni supremum maestus honorem
induit arsurasque comas obnubit amictu,
multaque praeterea Laurentis praemia pugnae
aggerat et longo praedam iubet ordine duci;
addit equos et tela quibus spoliaverat hostem. 80
vinxerat et post terga manus, quos mitteret umbris
inferias, caeso sparsurus sanguine flammas,
indutosque iubet truncos hostilibus armis
ipsos ferre duces inimicaque nomina figi.
ducitur infelix aevo confectus Acoetes, 85
pectora nunc foedans pugnis, nunc unguibus ora, chiasm
sternitur et toto proiectus corpore terrae;
ducunt et Rutulo perfusos sanguine currus.
post bellator equus positis insignibus Aethon
it lacrimans guttisque umectat grandibus ora. 90
hastam alii galeamque ferunt, nam cetera Turnus
victor habet. tum maesta phalanx Teucrique sequuntur
Tyrrhenique omnes et versis Arcades armis.
postquam omnis longe comitum praecesserat ordo,
substitit Aeneas gemituque haec addidit alto: 95
´nos alias hinc ad lacrimas eadem horrida belli
fata vocant: salve aeternum mihi, maxime Palla,
aeternumque vale.´ nec plura effatus ad altos
tendebat muros gressumque in castra ferebat.



DE ORATORIBUS VENIAM ROGANTIBUS
(11.100-138)
Iamque oratores aderant ex urbe Latina 100
velati ramis oleae veniamque rogantes:
corpora, per campos ferro quae fusa iacebant,
redderet ac tumulo sineret succedere terrae;
nullum cum victis certamen et aethere cassis;
parceret hospitibus quondam socerisque vocatis. 105
quos bonus Aeneas haud aspernanda precantis
prosequitur venia et verbis haec insuper addit:
´quaenam vos tanto fortuna indigna, Latini,
implicuit bello, qui nos fugiatis amicos?
pacem me exanimis et Martis sorte peremptis 110
oratis? equidem et vivis concedere vellem.
nec veni, nisi fata locum sedemque dedissent,
nec bellum cum gente gero; rex nostra reliquit
hospitia et Turni potius se credidit armis.
aequius huic Turnum fuerat se opponere morti. 115
si bellum finire manu, si pellere Teucros
apparat, his mecum decuit concurrere telis:
vixet cui vitam deus aut sua dextra dedisset.
nunc ite et miseris supponite civibus ignem.´
dixerat Aeneas. illi obstipuere silentes 120
conversique oculos inter se atque ora tenebant.
Tum senior semperque odiis et crimine Drances
infensus iuveni Turno sic ore vicissim
orsa refert: ´o fama ingens, ingentior armis,
vir Troiane, quibus caelo te laudibus aequem? 125
iustitiaene prius mirer belline laborum?
nos vero haec patriam grati referemus ad urbem
et te, si qua viam dederit Fortuna, Latino
iungemus regi. quaerat sibi foedera Turnus.
quin et fatalis murorum attollere moles 130
saxaque subvectare umeris Troiana iuvabit.´
dixerat haec unoque omnes eadem ore fremebant.
bis senos pepigere dies, et pace sequestra
per silvas Teucri mixtique impune Latini
erravere iugis. ferro sonat alta bipenni 135
fraxinus, euvrtunt actas ad sidera pinus,
robora nec cuneis et olentem scindere cedrum
nec plaustris cessant vectare gementibus ornos.


DE EVANDRI DOLORE GEMITUQUE (11.139-182)
Et iam Fama volans, tanti praenuntia luctus,
Evandrum Evandrique domos et moenia replet, polipt,
quae modo victorem Latio Pallanta ferebat. 141
Arcades ad portas ruere et de more vetusto
funereas rapuere faces; lucet via longo
ordine flammarum et late discriminat agros.
contra turba Phrygum veniens plangentia iungit 145
agmina. quae postquam matres succedere tectis
viderunt, maestam incendunt clamoribus urbem.
at non Evandrum potis est vis ulla tenere,
sed venit in medios. feretro Pallante reposto
procubuit super atque haeret lacrimansque gemensque, 150
et via vix tandem voci laxata dolore est:
´non haec, o Palla, dederas promissa parenti,
cautius ut saevo velles te credere Marti.
haud ignarus eram quantum nova gloria in armis
et praedulce decus primo certamine posset. 155
primitiae iuvenis miserae bellique propinqui
dura rudimenta, et nulli exaudita deorum
vota precesque meae. tuque, o sanctissima coniunx,
felix morte tua neque in hunc servata dolorem.
contra ego vivendo vici mea fata, superstes 160
restarem ut genitor. Troum socia arma secutum
obruerent Rutuli telis. animam ipse dedissem
atque haec pompa domum me, non Pallanta, referret.
nec vos arguerim, Teucri, nec foedera nec quas
iunximus hospitio dextras: sors ista senectae 165
debita erat nostrae. quod si immatura manebat
mors gnatum, caesis Volscorum milibus ante
ducentem in Latium Teucros cecidisse iuvabit.
quin ego non alio digner te funere, Palla,
quam pius Aeneas et quam magni Phryges et quam 170
Tyrrhenique duces, Tyrrhenum exercitus omnis.
magna tropaea ferunt quos dat tua dextera leto;
tu quoque nunc stares immanis truncus in arvis,
esset par aetas et idem si robur ab annis,
Turne. sed infelix Teucros quid demoror armis? 175
vadite et haec memores regi mandata referte:
quod vitam moror invisam Pallante perempto
dextera causa tua est, Turnum gnatoque patrique
quam debere vides. meritis vacat hic tibi solus
fortunaeque locus. non vitae gaudia quaero, 180
nec fas, sed gnato manis perferre sub imos.´


DE EXSEQUIIS TEUCRORUM RUTULORUMQUE
(11.182-224)
Aurora interea miseris mortalibus almam
extulerat lucem referens opera atque labores:
iam pater Aeneas, iam curvo in litore Tarchon
constituere pyras. huc corpora quisque suorum 185
more tulere patrum, subiectisque ignibus atris
conditur in tenebras altum caligine caelum.
ter circum accensos cincti fulgentibus armis
decurrere rogos, ter maestum funeris ignem
lustravere in equis ululatusque ore dedere. 190
spargitur et tellus lacrimis, sparguntur et arma,
it caelo clamorque virum clangorque tubarum. Onomat
hic alii spolia occisis derepta Latinis
coniciunt igni, galeas ensisque decoros
frenaque ferventisque rotas; pars munera nota, 195
ipsorum clipeos et non felicia tela.
multa boum circa mactantur corpora Morti,
saetigerosque sues raptasque ex omnibus agris
in flammam iugulant pecudes. tum litore toto
ardentis spectant socios semustaque servant 11.200
busta, neque avelli possunt, nox umida donec
invertit caelum stellis ardentibus aptum.
Nec minus et miseri diversa in parte Latini
innumeras struxere pyras, et corpora partim
multa virum terrae infodiunt, avectaque partim 205
finitimos tollunt in agros urbique remittunt.
cetera confusaeque ingentem caedis acervum
nec numero nec honore cremant; tunc undique vasti
certatim crebris conlucent ignibus agri.
tertia lux gelidam caelo dimoverat umbram: 210
maerentes altum cinerem et confusa ruebant
ossa focis tepidoque onerabant aggere terrae.
iam vero in tectis, praedivitis urbe Latini,
praecipuus fragor et longi pars maxima luctus.
hic matres miseraeque nurus, hic cara sororum 215
pectora maerentum puerique parentibus orbi
dirum exsecrantur bellum Turnique hymenaeos;
ipsum armis ipsumque iubent decernere ferro,
qui regnum Italiae et primos sibi poscat honores.
ingravat haec saevus Drances solumque vocari 11.220
testatur, solum posci in certamina Turnum.
multa simul contra variis sententia dictis
pro Turno, et magnum reginae nomen obumbrat,
multa virum meritis sustentat fama tropaeis.


DE LATINI REGIS CONCILIO (11.225-295)
Hos inter motus, medio in flagrante tumultu, 225
ecce super maesti magna Diomedis ab urbe
legati responsa ferunt: nihil omnibus actum
tantorum impensis operum, nil dona neque aurum
nec magnas valuisse preces, alia arma Latinis
quaerenda, aut pacem Troiano ab rege petendum. 230
deficit ingenti luctu rex ipse Latinus:
fatalem Aenean manifesto numine ferri
admonet ira deum tumulique ante ora recentes.
ergo concilium magnum primosque suorum
imperio accitos alta intra limina cogit. 235
olli convenere fluuntque ad regia plenis
tecta viis. sedet in mediis et maximus aevo
et primus sceptris haud laeta fronte Latinus.
atque hic legatos Aetola ex urbe remissos
quae referant fari iubet, et responsa reposcit 11.240
ordine cuncta suo. tum facta silentia linguis,
et Venulus dicto parens ita farier infit:
´Vidimus, o cives, Diomedem Argivaque castra,
atque iter emensi casus superavimus omnis,
contigimusque manum qua concidit Ilia tellus. 245
ille urbem Argyripam patriae cognomine gentis
victor Gargani condebat Iapygis agris.
postquam introgressi et coram data copia fandi,
munera praeferimus, nomen patriamque docemus,
qui bellum intulerint, quae causa attraxerit Arpos. 250
auditis ille haec placido sic reddidit ore:
"o fortunatae gentes, Saturnia regna,
antiqui Ausonii, quae vos fortuna quietos
sollicitat suadetque ignota lacessere bella?
quicumque Iliacos ferro violavimus agros 255
mitto ea quae muris bellando exhausta sub altis,
quos Simois premat ille viros, infanda per orbem
supplicia et scelerum poenas expendimus omnes,
vel Priamo miseranda manus; scit triste Minervae
sidus et Euboicae cautes ultorque Caphereus. 11.260
militia ex illa diversum ad litus abacti,
Atrides Protei Menelaus adusque columnas
exsulat, Aetnaeos vidit Cyclopas Ulixes.
regna Neoptolemi referam versosque penatis
Idomenei? Libycone habitantis litore Locros? 265
ipse Mycenaeus magnorum ductor Achivum
coniugis infandae prima inter limina dextra
oppetiit, devictam Asiam subsedit adulter.
invidisse deos, patriis ut redditus aris
coniugium optatum et pulchram Calydona viderem? 270
nunc etiam horribili visu portenta sequuntur,
et socii amissi petierunt aethera pennis
fluminibusque vagantur aves heu, dira meorum
supplicia. et scopulos lacrimosis vocibus implent.
haec adeo ex illo mihi iam speranda fuerunt 275
tempore cum ferro caelestia corpora demens
appetii et Veneris violavi vulnere dextram.
ne vero, ne me ad talis impellite pugnas.
nec mihi cum Teucris ullum post eruta bellum
Pergama nec veterum memini laetorve malorum. 11.280
munera quae patriis ad me portatis ab oris
vertite ad Aenean. stetimus tela aspera contra
contulimusque manus: experto credite quantus
in clipeum adsurgat, quo turbine torqueat hastam.
si duo praeterea talis Idaea tulisset 285
terra viros, ultro Inachias venisset ad urbes
Dardanus, et versis lugeret Graecia fatis.
quidquid apud durae cessatum est moenia Troiae,
Hectoris Aeneaeque manu victoria Graium
haesit et in decimum vestigia rettulit annum. 290
ambo animis, ambo insignes praestantibus armis,
hic pietate prior. coeant in foedera dextrae,
qua datur; ast armis concurrant arma cavete."
et responsa simul quae sint, rex optime, regis
audisti et quae sit magno sententia bello.´ 295


DE LATINI REGIS PROPOSITO (11.296-335)
Vix ea legati, variusque per ora cucurrit
Ausonidum turbata fremor, ceu saxa morantur
cum rapidos amnis, fit clauso gurgite murmur
vicinaeque fremunt ripae crepitantibus undis.
ut primum placati animi et trepida ora quierunt, 300
praefatus divos solio rex infit ab alto:
´Ante equidem summa de re statuisse, Latini,
et vellem et fuerat melius, non tempore tali
cogere concilium, cum muros adsidet hostis.
bellum importunum, cives, cum gente deorum 305
invictisque viris gerimus, quos nulla fatigant
proelia nec victi possunt absistere ferro.
spem si quam adscitis Aetolum habuistis in armis,
ponite. spes sibi quisque; sed haec quam angusta videtis.
cetera qua rerum iaceant perculsa ruina, 310
ante oculos interque manus sunt omnia vestras.
nec quemquam incuso: potuit quae plurima virtus
esse, fuit; toto certatum est corpore regni.
nunc adeo quae sit dubiae sententia menti,
expediam et paucis animos adhibete docebo. 315
est antiquus ager Tusco mihi proximus amni,
longus in occasum, finis super usque Sicanos;
Aurunci Rutulique serunt, et vomere duros
exercent collis atque horum asperrima pascunt.
haec omnis regio et celsi plaga pinea montis 320
cedat amicitiae Teucrorum, et foederis aequas
dicamus leges sociosque in regna vocemus:
considant, si tantus amor, et moenia condant.
sin alios finis aliamque capessere gentem
est animus possuntque solo decedere nostro, 325
bis denas Italo texamus robore navis;
seu pluris complere valent, iacet omnis ad undam
materies: ipsi numerumque modumque carinis
praecipiant, nos aera, manus, navalia demus.
praeterea, qui dicta ferant et foedera firment 330
centum oratores prima de gente Latinos
ire placet pacisque manu praetendere ramos,
munera portantis aurique eborisque talenta
et sellam regni trabeamque insignia nostri.
consulite in medium et rebus succurrite fessis.´ 335


DE DRANCIS IMPETU (11.336-375)
Tum Drances idem infensus, quem gloria Turni
obliqua invidia stimulisque agitabat amaris,
largus opum et lingua melior, sed frigida bello
dextera, consiliis habitus non futtilis auctor,
seditione potens (genus huic materna superbum 340
nobilitas dabat, incertum de patre ferebat, )
surgit et his onerat dictis atque aggerat iras:
´rem nulli obscuram nostrae nec vocis egentem
consulis, o bone rex: cuncti se scire fatentur
quid fortuna ferat populi, sed dicere mussant. 345
det libertatem fandi flatusque remittat,
cuius ob auspicium infaustum moresque sinistros
(dicam equidem, licet arma mihi mortemque minetur)
lumina tot cecidisse ducum totamque videmus
consedisse urbem luctu, dum Troia temptat 350
castra fugae fidens et caelum territat armis.
unum etiam donis istis, quae plurima mitti
Dardanidis dicique iubes, unum, optime regum,
adicias, nec te ullius violentia vincat
quin natam egregio genero dignisque hymenaeis 355
des pater, et pacem hanc aeterno foedere iungas.
quod si tantus habet mentes et pectora terror,
ipsum obtestemur veniamque oremus ab ipso:
cedat, ius proprium regi patriaeque remittat.
quid miseros totiens in aperta pericula civis 360
proicis, o Latio caput horum et causa malorum?
nulla salus bello, pacem te poscimus omnes,
Turne, simul pacis solum inviolabile pignus.
primus ego, invisum quem tu tibi fingis (et esse
nil moror,) en supplex venio. miserere tuorum, 365
pone animos et pulsus abi. sat funera fusi
vidimus ingentis et desolavimus agros.
aut, si fama movet, si tantum pectore robur
concipis et si adeo dotalis regia cordi est,
aude atque adversum fidens fer pectus in hostem. 370
scilicet ut Turno contingat regia coniunx,
nos animae viles, inhumata infletaque turba,
sternamur campis. etiam tu, si qua tibi vis,
si patrii quid Martis habes, illum aspice contra
qui vocat.´ 375


DE TURNI VIOLENTO RESPONSO (11.376-444)
Talibus exarsit dictis violentia Turni.
dat gemitum rumpitque has imo pectore voces:
´larga quidem semper, Drance, tibi copia fandi
tum cum bella manus poscunt, patribusque vocatis
primus ades. sed non replenda est curia verbis, 380
quae tuto tibi magna volant, dum distinet hostem
agger murorum nec inundant sanguine fossae.
proinde tona eloquio (solitum tibi) meque timoris
argue tu, Drance, quando tot stragis acervos
Teucrorum tua dextra dedit, passimque tropaeis 385
insignis agros. possit quid vivida virtus
experiare licet, nec longe scilicet hostes
quaerendi nobis; circumstant undique muros.
imus in adversos? quid cessas? an tibi Mavors
ventosa in lingua pedibusque fugacibus istis 390
semper erit?
pulsus ego? aut quisquam merito, foedissime, pulsum
arguet, Iliaco tumidum qui crescere Thybrim
sanguine et Evandri totam cum stirpe videbit
procubuisse domum atque exutos Arcadas armis? 395
haud ita me experti Bitias et Pandarus ingens
et quos mille die victor sub Tartara misi,
inclusus muris hostilique aggere saeptus.
nulla salus bello? capiti cane talia, demens,
Dardanio rebusque tuis. proinde omnia magno 400
ne cessa turbare metu atque extollere viris
gentis bis victae, contra premere arma Latini.
nunc et Myrmidonum proceres Phrygia arma tremescunt,
nunc et Tydides et Larisaeus Achilles,
amnis et Hadriacas retro fugit Aufidus undas. 405
vel cum se pavidum contra mea iurgia fingit,
artificis scelus, et formidine crimen acerbat.
numquam animam talem dextra hac absiste moveri
amittes: habitet tecum et sit pectore in isto.
nunc ad te et tua magna, pater, consulta revertor. 410
si nullam nostris ultra spem ponis in armis,
si tam deserti sumus et semel agmine verso
funditus occidimus neque habet Fortuna regressum,
oremus pacem et dextras tendamus inertis.
quamquam o, si solitae quicquam virtutis adesset. 415
ille mihi ante alios fortunatusque laborum
egregiusque animi, qui, ne quid tale videret,
procubuit moriens et humum semel ore momordit.
sin et opes nobis et adhuc intacta iuventus
auxilioque urbes Italae populique supersunt, 420
sin et Troianis cum multo gloria venit
sanguine (sunt illis sua funera, parque per omnis
tempestas) cur indecores in limine primo
deficimus? cur ante tubam tremor occupat artus?
multa dies variique labor mutabilis aevi 425
rettulit in melius, multos alterna revisens
lusit et in solido rursus Fortuna locavit.
non erit auxilio nobis Aetolus et Arpi:
at Messapus erit felixque Tolumnius et quos
tot populi misere duces, nec parva sequetur 430
gloria delectos Latio et Laurentibus agris.
est et Volscorum egregia de gente Camilla
agmen agens equitum et florentis aere catervas.
quod si me solum Teucri in certamina poscunt
idque placet tantumque bonis communibus obsto, 435
non adeo has exosa manus Victoria fugit
ut tanta quicquam pro spe temptare recusem.
ibo animis contra, vel magnum praestet Achillem
factaque Volcani manibus paria induat arma
ille licet. vobis animam hanc soceroque Latino 440
Turnus ego, haud ulli veterum virtute secundus,
devovi. solum Aeneas vocat? et vocet oro;
nec Drances potius, sive est haec ira deorum,
morte luat, sive est virtus et gloria, tollat.´


DE AENEAE ADVENTU (11.445-497)
Illi haec inter se dubiis de rebus agebant 11.445
certantes: castra Aeneas aciemque movebat.
nuntius ingenti per regia tecta tumultu
ecce ruit magnisque urbem terroribus implet:
instructos acie Tiberino a flumine Teucros
Tyrrhenamque manum totis descendere campis. 450
extemplo turbati animi concussaque vulgi
pectora et arrectae stimulis haud mollibus irae.
arma manu trepidi poscunt, fremit arma iuventus,
flent maesti mussantque patres. hic undique clamor
dissensu vario magnus se tollit in auras, 455
haud secus atque alto in luco cum forte catervae
consedere avium, piscosove amne Padusae
dant sonitum rauci per stagna loquacia cycni.
´immo,´ ait ´o cives,´ arrepto tempore Turnus,
´cogite concilium et pacem laudate sedentes; 11.460
illi armis in regna ruunt.´ nec plura locutus
corripuit sese et tectis citus extulit altis.
´tu, Voluse, armari Volscorum edice maniplis,
duc´ ait ´et Rutulos. equitem Messapus in armis,
et cum fratre Coras latis diffundite campis. 465
pars aditus urbis firment turrisque capessant;
cetera, qua iusso, mecum manus inferat arma.´
Ilicet in muros tota discurritur urbe.
concilium ipse pater et magna incepta Latinus
deserit ac tristi turbatus tempore differt, 470
multaque se incusat qui non acceperit ultro
Dardanium Aenean generumque asciverit urbi.
praefodiunt alii portas aut saxa sudesque
subvectant. bello dat signum rauca cruentum
bucina. tum muros varia cinxere corona 475
matronae puerique, vocat labor ultimus omnis.
nec non ad templum summasque ad Palladis arces
subvehitur magna matrum regina caterva
dona ferens, iuxtaque comes Lavinia virgo,
causa mali tanti, oculos deiecta decoros. .480
succedunt matres et templum ture vaporant
et maestas alto fundunt de limine voces:
´armipotens, praeses belli, Tritonia virgo,
frange manu telum Phrygii praedonis, et ipsum
pronum sterne solo portisque effunde sub altis.´ 485
cingitur ipse furens certatim in proelia Turnus.
iamque adeo rutilum thoraca indutus aenis
horrebat squamis surasque incluserat auro,
tempora nudus adhuc, laterique accinxerat ensem,
fulgebatque alta decurrens aureus arce 490
exsultatque animis et spe iam praecipit hostem:
qualis ubi abruptis fugit praesepia vinclis
tandem liber equus, campoque potitus aperto
aut ille in pastus armentaque tendit equarum
aut adsuetus aquae perfundi flumine noto 495
emicat, arrectisque fremit cervicibus alte
luxurians luduntque iubae per colla, per armos.


DE TURNO ET CAMILLA (11.498-597)
Obvia cui Volscorum acie comitante Camilla
occurrit portisque ab equo regina sub ipsis
desiluit, quam tota cohors imitata relictis 500
ad terram defluxit equis; tum talia fatur:
´Turne, sui merito si qua est fiducia forti,
audeo et Aeneadum promitto occurrere turmae
solaque Tyrrhenos equites ire obvia contra.
me sine prima manu temptare pericula belli, 505
tu pedes ad muros subsiste et moenia serva.´
Turnus ad haec oculos horrenda in virgine fixus:
´o decus Italiae virgo, quas dicere grates
quasve referre parem? sed nunc, est omnia quando
iste animus supra, mecum partire laborem. 510
Aeneas, ut fama fidem missique reportant
exploratores, equitum levia improbus arma
praemisit, quaterent campos; ipse ardua montis
per deserta iugo superans adventat ad urbem.
furta paro belli convexo in tramite silvae, 515
ut bivias armato obsidam milite fauces.
tu Tyrrhenum equitem conlatis excipe signis;
tecum acer Messapus erit turmaeque Latinae
Tiburtique manus, ducis et tu concipe curam.´
sic ait, et paribus Messapum in proelia dictis 520
hortatur sociosque duces et pergit in hostem.
Est curvo anfractu valles, accommoda fraudi
armorumque dolis, quam densis frondibus atrum
urget utrimque latus, tenuis quo semita ducit
angustaeque ferunt fauces aditusque maligni. 525
hanc super in speculis summoque in vertice montis
planities ignota iacet tutique receptus,
seu dextra laevaque velis occurrere pugnae
sive instare iugis et grandia volvere saxa.
huc iuvenis nota fertur regione viarum 530
arripuitque locum et silvis insedit iniquis.
Velocem interea superis in sedibus Opim,
unam ex virginibus sociis sacraque caterva,
compellabat et has tristis Latonia voces
ore dabat: ´graditur bellum ad crudele Camilla, 535
o virgo, et nostris nequiquam cingitur armis,
cara mihi ante alias. neque enim novus iste Dianae
venit amor subitaque animum dulcedine movit.
pulsus ob invidiam regno virisque superbas
Priverno antiqua Metabus cum excederet urbe, 540
infantem fugiens media inter proelia belli
sustulit exsilio comitem, matrisque vocavit
nomine Casmillae mutata parte Camillam.
ipse sinu prae se portans iuga longa petebat
solorum nemorum: tela undique saeva premebant 545
et circumfuso volitabant milite Volsci.
ecce fugae medio summis Amasenus abundans
spumabat ripis, tantus se nubibus imber
ruperat. ille innare parans infantis amore
tardatur caroque oneri timet. omnia secum 550
versanti subito vix haec sententia sedit:
telum immane manu valida quod forte gerebat
bellator, solidum nodis et robore cocto,
huic natam libro et silvestri subere clausam
implicat atque habilem mediae circumligat hastae; 555
quam dextra ingenti librans ita ad aethera fatur:
"alma, tibi hanc, nemorum cultrix, Latonia virgo,
ipse pater famulam voveo; tua prima per auras
tela tenens supplex hostem fugit. accipe, testor,
diva tuam, quae nunc dubiis committitur auris." 560
dixit, et adducto contortum hastile lacerto
immittit: sonuere undae, rapidum super amnem
infelix fugit in iaculo stridente Camilla.
at Metabus magna propius iam urgente caterva
dat sese fluvio, atque hastam cum virgine victor 565
gramineo, donum Triviae, de caespite vellit.
non illum tectis ullae, non moenibus urbes
accepere neque ipse manus feritate dedisset,
pastorum et solis exegit montibus aevum.
hic natam in dumis interque horrentia lustra 570
armentalis equae mammis et lacte ferino
nutribat teneris immulgens ubera labris.
utque pedum primis infans vestigia plantis
institerat, iaculo palmas armavit acuto
spiculaque ex umero parvae suspendit et arcum. 575
pro crinali auro, pro longae tegmine pallae
tigridis exuviae per dorsum a vertice pendent.
tela manu iam tum tenera puerilia torsit
et fundam tereti circum caput egit habena
Strymoniamque gruem aut album deiecit olorem. 580
multae illam frustra Tyrrhena per oppida matres
optavere nurum; sola contenta Diana
aeternum telorum et virginitatis amorem
intemerata colit. vellem haud correpta fuisset
militia tali conata lacessere Teucros: 585
cara mihi comitumque foret nunc una mearum.
verum age, quandoquidem fatis urgetur acerbis,
labere, nympha, polo finisque invise Latinos,
tristis ubi infausto committitur omine pugna.
haec cape et ultricem pharetra deprome sagittam: 590
hac, quicumque sacrum violarit vulnere corpus,
Tros Italusque, mihi pariter det sanguine poenas.
post ego nube cava miserandae corpus et arma
inspoliata feram tumulo patriaeque reponam.´
dixit, at illa levis caeli delapsa per auras 595
insonuit nigro circumdata turbine corpus.


DE EQUITUM PUGNA (11.597-647)
At manus interea muris Troiana propinquat,
Etruscique duces equitumque exercitus omnis
compositi numero in turmas. fremit aequore toto
insultans sonipes et pressis pugnat habenis 600
huc conversus et huc; tum late ferreus hastis
horret ager campique armis sublimibus ardent.
nec non Messapus contra celeresque Latini
et cum fratre Coras et virginis ala Camillae
adversi campo apparent, hastasque reductis 605
protendunt longe dextris et spicula vibrant,
adventusque virum fremitusque ardescit equorum.
iamque intra iactum teli progressus uterque
substiterat: subito erumpunt clamore furentisque
exhortantur equos, fundunt simul undique tela 610
crebra nivis ritu, caelumque obtexitur umbra.
continuo adversis Tyrrhenus et acer Aconteus
conixi incurrunt hastis primique ruinam
dant sonitu ingenti perfractaque quadripedantum
pectora pectoribus rumpunt; excussus Aconteus 615
fulminis in morem aut tormento ponderis acti
praecipitat longe et vitam dispergit in auras.
Extemplo turbatae acies, versique Latini
reiciunt parmas et equos ad moenia vertunt;
Troes agunt, princeps turmas inducit Asilas. 620
iamque propinquabant portis rursusque Latini
clamorem tollunt et mollia colla reflectunt;
hi fugiunt penitusque datis referuntur habenis.
qualis ubi alterno procurrens gurgite pontus
nunc ruit ad terram scopulosque superiacit unda 625
spumeus extremamque sinu perfundit harenam,
nunc rapidus retro atque aestu revoluta resorbens
saxa fugit litusque vado labente relinquit:
bis Tusci Rutulos egere ad moenia versos,
bis reiecti armis respectant terga tegentes. 630
tertia sed postquam congressi in proelia totas
implicuere inter se acies legitque virum vir,
tum vero et gemitus morientum et sanguine in alto
armaque corporaque et permixti caede virorum
semianimes volvuntur equi, pugna aspera surgit. 635
Orsilochus Remuli, quando ipsum horrebat adire,
hastam intorsit equo ferrumque sub aure reliquit;
quo sonipes ictu furit arduus altaque iactat
vulneris impatiens arrecto pectore crura,
volvitur ille excussus humi. Catillus Iollan 640
ingentemque animis, ingentem corpore et armis
deicit Herminium, nudo cui vertice fulva
caesaries nudique umeri nec vulnera terrent;
tantus in arma patet. latos huic hasta per armos
acta tremit duplicatque virum transfixa dolore. 645
funditur ater ubique cruor; dant funera ferro
certantes pulchramque petunt per vulnera mortem.


DE CAMILLAE REBUS GESTIS (11.648-724)
At medias inter caedes exsultat Amazon
unum exserta latus pugnae, pharetrata Camilla,
et nunc lenta manu spargens hastilia denset, 650
nunc validam dextra rapit indefessa bipennem;
aureus ex umero sonat arcus et arma Dianae.
illa etiam, si quando in tergum pulsa recessit,
spicula converso fugientia derigit arcu.
at circum lectae comites, Larinaque virgo 655
Tullaque et aeratam quatiens Tarpeia securim,
Italides, quas ipsa decus sibi dia Camilla
delegit pacisque bonas bellique ministras:
quales Threiciae cum flumina Thermodontis
pulsant et pictis bellantur Amazones armis, 660
seu circum Hippolyten seu cum se Martia curru
Penthesilea refert, magnoque ululante tumultu
feminea exsultant lunatis agmina peltis.
Quem telo primum, quem postremum, aspera virgo,
deicis? aut quot humi morientia corpora fundis? 665
Eunaeum Clytio primum patre, cuius apertum
adversi longa transverberat abiete pectus.
sanguinis ille vomens rivos cadit atque cruentam
mandit humum moriensque suo se in vulnere versat.
tum Lirim Pagasumque super, quorum alter habenas 670
suffosso revolutus equo dum colligit, alter
dum subit ac dextram labenti tendit inermem,
praecipites pariterque ruunt. his addit Amastrum
Hippotaden, sequiturque incumbens eminus hasta
Tereaque Harpalycumque et Demophoonta Chromimque;
quotque emissa manu contorsit spicula virgo,
tot Phrygii cecidere viri. procul Ornytus armis
ignotis et equo venator Iapyge fertur,
cui pellis latos umeros erepta iuvenco
pugnatori operit, caput ingens oris hiatus 680
et malae texere lupi cum dentibus albis,
agrestisque manus armat sparus; ipse catervis
vertitur in mediis et toto vertice supra est.
hunc illa exceptum (neque enim labor agmine verso )
traicit et super haec inimico pectore fatur: 685
´silvis te, Tyrrhene, feras agitare putasti?
advenit qui vestra dies muliebribus armis
verba redargueret. nomen tamen haud leve patrum
manibus hoc referes, telo cecidisse Camillae.´
Protinus Orsilochum et Buten, duo maxima Teucrum 690
corpora, sed Buten aversum cuspide fixit
loricam galeamque inter, qua colla sedentis
lucent et laevo dependet parma lacerto;
Orsilochum fugiens magnumque agitata per orbem
eludit gyro interior sequiturque sequentem; 695
tum validam perque arma viro perque ossa securim
altior exsurgens oranti et multa precanti
congeminat; vulnus calido rigat ora cerebro.
incidit huic subitoque aspectu territus haesit
Appenninicolae bellator filius Auni, 700
haud Ligurum extremus, dum fallere fata sinebant.
isque ubi se nullo iam cursu evadere pugnae
posse neque instantem reginam avertere cernit,
consilio versare dolos ingressus et astu
incipit haec: ´quid tam egregium, si femina forti 705
fidis equo? dimitte fugam et te comminus aequo
mecum crede solo pugnaeque accinge pedestri:
iam nosces ventosa ferat cui gloria fraudem.´
dixit, at illa furens acrique accensa dolore
tradit equum comiti paribusque resistit in armis 710
ense pedes nudo puraque interrita parma.
at iuvenis vicisse dolo ratus avolat ipse
haud mora, conversisque fugax aufertur habenis
quadripedemque citum ferrata calce fatigat.
´vane Ligus frustraque animis elate superbis, 715
nequiquam patrias temptasti lubricus artis,
nec fraus te incolumem fallaci perferet Auno.´
haec fatur virgo, et pernicibus ignea plantis
transit equum cursu frenisque adversa prehensis
congreditur poenasque inimico ex sanguine sumit: 720
quam facile accipiter saxo sacer ales ab alto
consequitur pennis sublimem in nube columbam
comprensamque tenet pedibusque eviscerat uncis:
tum cruor et vulsae labuntur ab aethere plumae.


DE TARCONTIS VIRTUTE (11.725-758)
At non haec nullis hominum sator atque deorum 725
observans oculis summo sedet altus Olympo.
Tyrrhenum genitor Tarchonem in proelia saeva
suscitat et stimulis haud mollibus inicit iras.
ergo inter caedes cedentiaque agmina Tarchon
fertur equo variisque instigat vocibus alas 730
nomine quemque vocans, reficitque in proelia pulsos.
´quis metus, o numquam dolituri, o semper inertes
Tyrrheni, quae tanta animis ignavia venit?
femina palantis agit atque haec agmina vertit.
quo ferrum quidve haec gerimus tela inrita dextris? 735
at non in Venerem segnes nocturnaque bella,
aut ubi curva choros indixit tibia Bacchi.
exspectate dapes et plenae pocula mensae
(hic amor, hoc studium) dum sacra secundus haruspex
nuntiet ac lucos vocet hostia pinguis in altos.´ 740
haec effatus equum in medios moriturus et ipse
concitat, et Venulo adversum se turbidus infert
dereptumque ab equo dextra complectitur hostem
et gremium ante suum multa vi concitus aufert.
tollitur in caelum clamor cunctique Latini 745
convertere oculos. volat igneus aequore Tarchon
arma virumque ferens; tum summa ipsius ab hasta
defringit ferrum et partis rimatur apertas,
qua vulnus letale ferat; contra ille repugnans
sustinet a iugulo dextram et vim viribus exit. Polip 750
utque volans alte raptum cum fulva draconem
fert aquila implicuitque pedes atque unguibus haesit,
saucius at serpens sinuosa volumina versat
arrectisque horret squamis et sibilat ore
arduus insurgens, illa haud minus urget obunco 755
luctantem rostro, simul aethera verberat alis:
haud aliter praedam Tiburtum ex agmine Tarchon
portat ovans. ducis exemplum eventumque secuti
Maeonidae incurrunt.


DE CAMILLA AB ARRUNTE VULNERATA
Tum fatis debitus Arruns
velocem iaculo et multa prior arte Camillam
circuit, et quae sit fortuna facillima temptat. 760
qua se cumque furens medio tulit agmine virgo,
hac Arruns subit et tacitus vestigia lustrat;
qua victrix redit illa pedemque ex hoste reportat,
hac iuvenis furtim celeris detorquet habenas.
hos aditus iamque hos aditus omnemque pererrat 765
undique circuitum et certam quatit improbus hastam.
Forte sacer Cybelo Chloreus olimque sacerdos
insignis longe Phrygiis fulgebat in armis
spumantemque agitabat equum, quem pellis aenis
in plumam squamis auro conserta tegebat. 770
ipse peregrina ferrugine clarus et ostro
spicula torquebat Lycio Gortynia cornu;
aureus ex umeris erat arcus et aurea vati
cassida; tum croceam chlamydemque sinusque crepantis
carbaseos fulvo in nodum collegerat auro 775
pictus acu tunicas et barbara tegmina crurum.
hunc virgo, sive ut templis praefigeret arma
Troia, captivo sive ut se ferret in auro
venatrix, unum ex omni certamine pugnae 780
caeca sequebatur totumque incauta per agmen
femineo praedae et spoliorum ardebat amore,
telum ex insidiis cum tandem tempore capto
concitat et superos Arruns sic voce precatur:
´summe deum, sancti custos Soractis Apollo, 785
quem primi colimus, cui pineus ardor acervo
pascitur, et medium freti pietate per ignem
cultores multa premimus vestigia pruna,
da, pater, hoc nostris aboleri dedecus armis,
omnipotens. non exuvias pulsaeve tropaeum 790
virginis aut spolia ulla peto, mihi cetera laudem
facta ferent; haec dira meo dum vulnere pestis
pulsa cadat, patrias remeabo inglorius urbes.´
Audiit et voti Phoebus succedere partem
mente dedit, partem volucris dispersit in auras: 795
sterneret ut subita turbatam morte Camillam
adnuit oranti; reducem ut patria alta videret
non dedit, inque Notos vocem vertere procellae.
ergo ut missa manu sonitum dedit hasta per auras,
convertere animos acris oculosque tulere 800
cuncti ad reginam Volsci. nihil ipsa nec aurae
nec sonitus memor aut venientis ab aethere teli,
hasta sub exsertam donec perlata papillam
haesit virgineumque alte bibit acta cruorem.


DE CAMILLAE MORTE (11.805-835)
concurrunt trepidae comites dominamque ruentem 805
suscipiunt. fugit ante omnis exterritus Arruns
laetitia mixtoque metu, nec iam amplius hastae
credere nec telis occurrere virginis audet.
ac velut ille, prius quam tela inimica sequantur,
continuo in montis sese avius abdidit altos 810
occiso pastore lupus magnove iuvenco,
conscius audacis facti, caudamque remulcens
subiecit pavitantem utero silvasque petivit:
haud secus ex oculis se turbidus abstulit Arruns
contentusque fuga mediis se immiscuit armis. 815
illa manu moriens telum trahit, ossa sed inter
ferreus ad costas alto stat vulnere mucro.
labitur exsanguis, labuntur frigida leto
lumina, purpureus quondam color ora reliquit.
tum sic exspirans Accam ex aequalibus unam 820
adloquitur, fida ante alias quae sola Camillae
quicum partiri curas, atque haec ita fatur:
´hactenus, Acca soror, potui: nunc vulnus acerbum
conficit, et tenebris nigrescunt omnia circum.
effuge et haec Turno mandata novissima perfer: 825
succedat pugnae Troianosque arceat urbe.
iamque vale.´ simul his dictis linquebat habenas
ad terram non sponte fluens. tum frigida toto
paulatim exsolvit se corpore, lentaque colla
et captum leto posuit caput, arma relinquens, 830
vitaque cum gemitu fugit indignata sub umbras.
tum vero immensus surgens ferit aurea clamor
sidera: deiecta crudescit pugna Camilla;
incurrunt densi simul omnis copia Teucrum
Tyrrhenique duces Evandrique Arcades alae. 835


DE DIANAE ULTIONE (11.836-867)
At Triviae custos iamdudum in montibus Opis
alta sedet summis spectatque interrita pugnas.
utque procul medio iuvenum in clamore furentum
prospexit tristi mulcatam morte Camillam,
ingemuitque deditque has imo pectore voces: 840
´heu nimium, virgo, nimium crudele luisti
supplicium Teucros conata lacessere bello.
nec tibi desertae in dumis coluisse Dianam
profuit aut nostras umero gessisse pharetras.
non tamen indecorem tua te regina reliquit 845
extrema iam in morte, neque hoc sine nomine letum
per gentis erit aut famam patieris inultae.
nam quicumque tuum violavit vulnere corpus
morte luet merita.´ fuit ingens monte sub alto
regis Dercenni terreno ex aggere bustum 850
antiqui Laurentis opacaque ilice tectum;
hic dea se primum rapido pulcherrima nisu
sistit et Arruntem tumulo speculatur ab alto.
ut vidit fulgentem armis ac vana tumentem,
´cur´ inquit ´diversus abis? huc derige gressum, 855
huc periture veni, capias ut digna Camillae
praemia. tune etiam telis moriere Dianae?´
dixit, et aurata volucrem Threissa sagittam
deprompsit pharetra cornuque infensa tetendit
et duxit longe, donec curvata coirent 860
inter se capita et manibus iam tangeret aequis,
laeva aciem ferri, dextra nervoque papillam.
extemplo teli stridorem aurasque sonantis
audiit una Arruns haesitque in corpore ferrum.
illum exspirantem socii atque extrema gementem 865
obliti ignoto camporum in pulvere linquunt;
Opis ad aetherium pennis aufertur Olympum.


DE LATINIS FUGATIS (11.868-895)
Prima fugit domina amissa levis ala Camillae,
turbati fugiunt Rutuli, fugit acer Atinas,
disiectique duces desolatique manipli 870
tuta petunt et equis aversi ad moenia tendunt.
nec quisquam instantis Teucros letumque ferentis
sustentare valet telis aut sistere contra,
sed laxos referunt umeris languentibus arcus,
quadripedumque putrem cursu quatit ungula campum.
volvitur ad muros caligine turbidus atra
pulvis, et e speculis percussae pectora matres
femineum clamorem ad caeli sidera tollunt.
qui cursu portas primi inrupere patentis,
hos inimica super mixto premit agmine turba, 880
nec miseram effugiunt mortem, sed limine in ipso,
moenibus in patriis atque inter tuta domorum
confixi exspirant animas. pars claudere portas,
nec sociis aperire viam nec moenibus audent
accipere orantis, oriturque miserrima caedes 885
defendentum armis aditus inque arma ruentum.
exclusi ante oculos lacrimantumque ora parentum
pars in praecipitis fossas urgente ruina
volvitur, immissis pars caeca et concita frenis
arietat in portas et duros obice postis. 890
ipsae de muris summo certamine matres
(monstrat amor verus patriae), ut videre Camillam
tela manu trepidae iaciunt ac robore duro
stipitibus ferrum sudibusque imitantur obustis
praecipites, primaeque mori pro moenibus ardent. 895


DE AENEA ET TURNO (11.896-915)
Interea Turnum in silvis saevissimus implet
nuntius et iuveni ingentem fert Acca tumultum:
deletas Volscorum acies, cecidisse Camillam,
ingruere infensos hostis et Marte secundo
omnia corripuisse, metum iam ad moenia ferri. 900
ille furens (et saeva Iovis sic numina poscunt )
deserit obsessos collis, nemora aspera linquit.
vix e conspectu exierat campumque tenebat,
cum pater Aeneas saltus ingressus apertos
exsuperatque iugum silvaque evadit opaca. 905
sic ambo ad muros rapidi totoque feruntur
agmine nec longis inter se passibus absunt;
ac simul Aeneas fumantis pulvere campos
prospexit longe Laurentiaque agmina vidit,
et saevum Aenean agnovit Turnus in armis 910
adventumque pedum flatusque audivit equorum.
continuoque ineant pugnas et proelia temptent,
ni roseus fessos iam gurgite Phoebus Hibero
tingat equos noctemque die labente reducat.
considunt castris ante urbem et moenia vallant. 915

ENEA VINCITORE (11.1-58)
Intanto l´Aurora sorgendo lasciò l´Oceano:
Enea, benchè gli affanni affrettino dare il tempo
per seppellire i compagni e la mente sia turbata dalla morte,
scioglieva vittorioso i voti degli dei alla prima Alba.
Pone sul tumulo, tagliati ovunque i rami, una gigantesca 5
quercia e la riveste delle armi splendenti,
spoglie del capo Mezenzio, e trofeo per te, grande
potente in guerra; appende le creste grondanti di sangue
e le lance spezzate dell´eroe, la corazza in dodici punti
colpita e trapassata, lega lo scudo di bronzo della sinistra 10
ed appende la spada d´avorio nel fodero.
Poi ( mentre tutta la schiera dei capi stipata lo
attorniava) così cominciando esorta i compagni osannanti:
"E´ compiuta una massima impresta, uomini; ogni timore svanisca,
per il resto; queste sono le spoglie e da un re superbo 15
le primizie questi è Mezenzio per i mei mani.
Adesso per noi la marcia dal re e dalle mura latine.
Preparate armi, con coraggio e speranza anticipate la guerra,
nessuna esitazione blocchi (voi) ignari, appena i celesti
assecondino di alzar le insegne e guidare la gioventù 20
dal campo o una vile idea per paura (vi) attardi.
Intanto affidiamo alla terra i compagni ed i corpi
sepolti, questo è l´unico onore sotto la profondità di Acheronte.
Andate, disse. Le nobili vite, che col loro sangue ci
partorirono questa patria, onorateli con gli ultimi 25
doni, per primo si mandi all´addolorata città di Evandro
Pallante, che non povero d´eroismo un nero giorno
ci ha strappato e l´immerse in aceba morte."
Così disse piangendo, e riporta il passo alle soglie
dove vegliava il corpo deposto dell´esanime Pallante 30
l´anziano Acete, che prima fu scudiero al parrasi
Evandro, ma con auspici non ugualmente fortunati
allora come compagno dato al caro figlio seguiva.
Attorno tutto il gruppo dei servi, la folla troiana
e le Iliadi sciolte come d´usanza la chioma dolente. 35
Ma poi quando Enea entrò per le alte porte
battuti i petti, alzano un gigantesco urlo
alle stelle, e la reggia risuonò di mesto lutto.
Egli come vide il capo deposto ed il volto del niveo
Pallante e la ferita aperta sul delicato petto 40
della lancia ausonia, così,spuntate le lacrime, parla:
" Te forse, dice, infelice ragazzo, giungendo lieta,
la Fortuna mi volle togliere, perché no vedesse i nostri
regni e non fossi portato vincitore alle sedi paterne?
Non queste promesse, partendo, avevo dato per te 45
al padre Evandro, quando abbracciatomi mentre partivo
mi inviava per un grande impero e temendo ammoniva
che c´erano uomini crudeli e scontri con dura gente.
Ed ora egli preso certo molto da vana speranza
forse fa voti e colma gli altari di doni, 50
noi accompagniamo mesti con inutile onore un giovane
esanime e che ormai non deve nulla a nessun celeste.
Misero, vedrai la crudele morte del figlio.
Questo il nostro ritorno e gli attesi trionfi?
Questa la mia grande fiducia? Ma non vedrai, Evandro,
uno sconfitto da vergognose ferite, né desidererai, salvo
il figlio, come padre unacrudele morte. Ahimè, quale grande
baluardo perdi, Ausonia, e quanto grande tu, Iulo."

ADDIO A PALLANTE (11.59-99)
Come ebbe pianto così, ordina che si prenda il miserevole
corpo, e manda mille uomini scelti da tutto l´esercito 60
che accompagnino l´estrema cerimonia
a partecipino alle lacrime del padre, piccolo sollievo
d´un enorme lutto, ma dovuto al misero padre.
Altri non lenti con graticci intessono un morbido
feretro con rami di corbezzolo e ombreggiano di riparo 65
di fronda i giacigli fatti di vinco di quercia.
Qui pongonoil giovane alto su erba di campo:
quale fiore colto da dita virginee
sia ditenera viola o di languido giacinto,
mentre non ancora gli sfuggì lo splendore ne la sua bellezza, 70
ma non più la madre terra lo nutre e gli porge le forze.
Poi Enea prese due vesti resistenti d´oro
e d´argento, che per lui lieta delle fatiche
la stessa sidonia Didone un tempo aveva fatto
con le sue mani ed aveva cosparso le tele d´oro sottile. 75
Con una di queste, ultimo omaggio, mesto riveste
il giovane e copre con un velo i capelli destinati a bruciare,
inoltre raduna molti premi della battaglia laurente
ed ordina che in lunga fila si porti il bottino;
aggiunge cavalli ed armi di cui aveva spogliato il nemico. 80
Quelli da inviare alle ombre come offerte, ne aveva legato
anche le mani dietro la schiena, per aspergere di sangue sacrificato
le fiamme, ccomanda che gli stessi capi portino tronchi rivestiti
di armi ostili e vi siano scolpiti i nomi nemici.
Si trascina abbattuto dall´età il misero Acete, 85
ora rovinando il petto con pugni, ora con le unghie il volto,
si rovescia anche con tutto il corpo, disteso per terra;
recano pure i cocchi cosparsi di sangue rutulo.
Dietro Etone il cavalo guerriero deposte le insegne
va piangendo e con grosse gocce inumidisce il muso. 90
Altri portanol´elmo e l´asta, perché il resto ce l´ha Turno
il vincitore. Poi l´angosciata falange ed i Teucri seguono
e tutti i Tirreni e gli Arcadi con le armi volte in giù.
Dopo che tutto il seguito dei compagni era avanzato lontano,
si fermò Enea e proferì queste parole con profondo gemito: 95
"Da adesso gli stessi terribili fati di guerra chiamano noi
ad altre lacrime: salve in eterno, (mio) grandissimo Pallante,
in eterno addio." Non dicendo di più si volgeva
alle alte mura e portava il passo verso il campo.



GLI AMBASCIATORI DI PACE (11.100-138)
Ormai ambasciatori dalla città latina si presentavano 100
velati di rami d´olivo e chiedendo grazia:
i corpi, che per il ferro giacevano sparsi per le piane,
li concedesse e permettesse di porli sotterra in un sepolcro;
nessuno scontro coi vinti e privati dell´etere;
risparmiasse quelli chiamati un tempo ospiti e suoceri. 105
Ma il buon Enea li accoglie con la grazia, chiedendo essi cose
da non disprezzare ed alle parole aggiunge questo:
"Quale sorte, Latini, vi implicò in una guerra così
grande, che ci rifiutate come amici?
Chiedete la pace a me per gli esanimi e per i travolti dalla sorte 110
di Marte? Proprio vorrei concederla anche ai vivi.
Non giunsi, se i fati non avessero dato luogo e sede,
né faccio guerra con un popolo; il re abbandonò le nostre
ospitalità e si affidò piuttosto alle armi di Turno.
Era più giusto per lui che Turno si offrisse alla morte. 115
Se si prepara a finire la guerracon la mano, se (vuole) cacciare
i Teucri, doveva confrontarsi con me con queste armi:
avrebbe vissuto quello a cui un dio o la propria destra avesse
dato la vita. Ora andate ed accendete il fuoco ai miseri concittatdini."
Aveva detto Enea. Essi stupirono in silenzio 120
si rivolsero tra loro gli occhi ed osservavano i volri.
Poi Drance anziano e sempre avversario con odio ed accusa
al giovane Turno così a sua volta con la bocca
riprende il discorso: "O grande per fama, più grande per armi,
eroe troiano, con quali lodi ti alzerei al cielo? 125
dovrei ammirarti più per la giustizia o le imprese di guerra?
Noi dunque grati riferiremo queste cose alla città patria
e te, se mai Fortunadarà una via, uniremo
al re Latino. Turno chieda alleanze per sé.
Anzi sarà bello alzare le moli fatali delle mura 130
e trasportare a spalla le pietre troiane."
Aveva detto e tutti a una voce approvavano queste stesse cose.
Pattuirono dosici giorni e, mediatrice la pace,
Teucri e Latini insieme impunemente sui colli per i boschi
andarono. L´alto frassino echeggia per il ferro
a due tagli, sradicano pini spintisi alle stelle,
non cessano né di spaccare coi cunei roveri e l´odoroso
cedro né di trasportare coicarri cigolanti gli orni.



IL LAMENTO DI EVANDRO (11.139-182)
E già la Fama volando, annunciatrice di così grave lutto,
riempie Evandro, le mura e le case di Evandro, 140
quella che or ora raccontava al Lazio Pallante vincitore.
Gli Arcadi corsero alle porte e secondo l´antico costume
strapparono torce funeree; la via splende per il lungo
corteo di fiamme ed tutt´intorno disegna i campi.
La folla dei Frigi venendo incondo congiunge le schiere 145
piangenti. Ma dopo che lemadri le videro avvicinarsi
alle case, accendono l´angosciata città di grida.
Ma nessuna forza è capace di tenere Evandro,
e venne in mezzo. Si gettò su Pallante deposto
nel feretro e si attacca piangendo e gemendo 150
ed a stento la via per la voce fu aperta dal dolore:
"Non avevi, Pallante, date queste promesse al padre,
di volerti affidare più cautamente al crudele Marte.
Non ero ignaro quanto potesse la nuova gloria
nelle armi e dolcissimo l´onore nel primo duello. 155
Misere primizie d´un giovane e duri rudimenti
d´una guerra vicina, e da nessunodegli dei esauditi
i miei voti e le mie preghiere. Tu, o veneratissa consorte,
fortunata per la morte enon conservata per questo dolore.
Io invece vivendo ho vinto i miei fati, da restare 160
un padre superstite. I Rutuli con le armi avessero assalito me
cheho seguito le armi alleate. Avessidato iostesso la vita
e questo corteo riportasse a casa me, non Pallante.
Non potrei accusare voi, Teucri, né i patti né quelle
destre che unimmo: questa sorte era dovuta 165
alla nostra vecchiaia. Che se una morte immatura attendeva
il figlio, uccisi prima migliaia di Volsci,
sarà bello che sia caduto guidando i Teucri nel Lazio.
Anzi io non te penserei degno di altro funerale, Pallante,
di quello del pio Enea, dei grandi Frigi, dei capi 170
Tirreni, di tutto l´esercito dei Tirreni.
Recanograndi trofei, quello che la tua destra mette a morte;
Tu pure adesso staresti come un enorme tronco nei campi,
se l´età fosse pari e la stessa forza per gli anni,
Turno. Ma perché infelice trattengo i Teucri dalle armi? 175
Andate e memori riferite al re questi mandati:
poichè sopporto l´odiata vita, morto Pallante,
il motivo è la tua destra, che vedi deve al padre ed al figlio
Turno. Questa sola occasione manca a te per i meriti
e la fortuna. Non cerco le gioie per la vita, 180
né è giusto, ma portarle al figlio sotto i profondi mani."



ESTREME ESEGUIE DEITEUCRI E DEI RUTULI
(11.182-224)
Intanto Aurora aveva portato ai miseri
mortali la luce divina riportando attività e fatiche:
già il padre Enea, già Tarconte sul curvo lido
han prepato le pire. Qui ognuno secondo il rito dei padri 185
han portato i corpi, ed accesi i neri fuochi,
l´alto cielo si nasconde nelle tenebre per la caligine.
Tre volte cinti di armi splendenti corsero attorno
ai roghi accesi, sui cavalli tre volte passarono in rassegna
il triste fuoco e con la bocca madarono ululati. 190
Anche la terra è sparsa di lacrime, anche le armi ne son sparse,
va al cielo il grido degli uomini e lo squillo delle trombe.
Qui alcuni buttan sul fuoco le spoglie
strappate ai Latini, elmi e spade decorate,
briglie e ruote ardenti; parte doni noti, 195
i loro propri scudi e le armi non fortunate.
Attorno vengono immolati alla Morte molti corpi di buoi,
sgozzano sulla fiamma setolosi porci e bestiame
strappato dai campi. Poi su tutto il lido
osservano i compagni ardenti e vegliano i roghi 200
mezzo arsi, né possono strapparsi, fin che l´umida notte
riporta il cielo ornato di stelle ardenti.
Non di meno in altraparte i miseri Latini
innalzarono innumerevoli pire, e in parte seppelliscono
in terra molti corpi di eroi, in parte trasportatili li recano 205
nei campi vicini e li rimandanoin città.
Per il resto cremano un gigantesco cumulo di confusa
strage senza numero e onore; allora ovunque a gara
i vasti campi risplendoni di continui fuochi.
La terza luce aveva cacciato dal cielo la gelidaombra: 210
piangendo raccoglievano l´alta cenere e le confuse ossa
dai fuochi eli caricavano di untiepido argine di terra.
E nelle case, nella città del ricchissimo Latino,
un immenso frastuono, una grandissima parte del lungo lutto.
Qui le madri e le misere nuore, qui i cari petti 215
delle sorelle piangenti, bambini privi di genitori
maledicono la crudele guerra e le nozze di Turno;
voglion che lui stesso, proprio lui combatta col ferro,
perché si ottenga il regno d´Italia edi primi onori.
Il terribile Drance aggrava questo, chiede che lui solo 220
è chiamato, solo Turno si richiede per gli scontri.
Insieme con diverse parole ampio il parere conto
per Turno, il grande nome della regina lo copre,
ampia fama per i meritati trofei sostiene l´eroe.

IL CONCILIO DEL RE LATINO (11.225-295)
Tra questi moti, in mezzo al divampante tumulto, 225
ecco inoltre dalla grande città di Diomede, ambasciatori
sgomenti portano risposte: nulla di fatto con tutti gli sforzi
di così garndi impegni, per nulla doni né oro
né valsero grandi preghiere, dai Latini si cerchino
altre armi, o al re troiano si chieda la pace. 230
Per il grave lutto lo stesso re Latino è sgomento:
che il fatale Enea è portato da chiara potenza divina
l´ira degli dei lo dichiara e le tombe fresche davanti ai volti.
Dunque raduna dentro la sontuosa reggia un grande concilio
ed i capi dei suoi convocati con un ordine. 235
Essi si riunirono ed affluiscono alle stanze regali
a piene vie. Siede nel mezzo il re Latino con fronte
non lieta, il più anziano d´età ed il primo per gli scettri.
Ed allora ordina che gli ambasciatori ritornati dalla città
etola dicano quello che riportano erichiede tutte le risposte 240
nel loro ordine. Allora imposti i silenzi alle lingue,
Venulo obbedendo al comando così comincia a parlare:
"Abbiam visto, o concittadini, Diomede edi campi argivi,
e compiuto il viaggio superammo ogni evenienza,
toccammo la mano per cui la terra ilia cadde. 245
Egli vincitore fondava la città di Argiripa col nome del popolo
della patria nei territori iapigi del Gargano.
Dopo che entrammo e fu data licenza di parlare alla sua presenza,
presentiamo i doni, dichiariamo il nome e la patria,
chi dichiarò guerra, quale causa ci portò ad Arpi. 250
Ascoltatici, egli così rispose con volto placido:
"O genti fortunate, regni saturni,
antichi Ausoni, quale sorte agita voi tranquilli
e vi sprona a provocare ignote guerre?
Noi che violammo i campiiliaci col ferro, 255
ometto ciò che fu sofferto sotto le alte mura combatendo,
e quali eroi quel Simoenta opprima, per il mondo
pagammo gli orribili supplizi e tutte le pene dei delitti,
pure per Priamo miserevole schiera; lo sa la triste stella
di Minerva, gli scogli euboici, Cafereo vendicatore. 260
Da quella milizia spinti buttati su lido lontano,
Menelao atride vive in esilio fino ad oggi le colonne
di Proteo, Ulisse vide i Ciclopi etnei.
Racconterò i regni di Neottolemo ed i penati distrutti
di Idomeneo? O Locri che abita sul lido libico? 265
Lo stesso miceneo guida dei garndi Achei
per la destra della sacrilega sposa sul primo limitare
morì, un adultero sottomise l´Asia vinta.
(Dirò che) gli dei non vietarono che io restituito agli altari paterni
vedessi il bramato matrimonio e la bella Calidone? 270
Anche adesso mi seguono portenti dalla vista terribile,
i perduti compagni si diressero all´etere con le penne
e come uccelli vagano sui fiumi, ahi, crudeli supplizi
dei miei. Riempiono di voci lacrimose gli scogli.
Queste cose così erano da prevedersi per me
dal tempo in cui, pazzo, asssalii col ferro corpi
divini e violai la destra diVenere con una ferita.
Nodavvero, non spingetemi a tali battaglie.
Per me nessuna guerra coi Teucri dopo Pergamo
distrutta né ricordoo gioisco dei vecchi mali. 280
I doni che portate a me dalle terre patrie
girateli ad Enea. Siamo stati contro armi potenti
abbiamo scontrato le mani: credete a chi sperimentò
quanto grande si innalzi contro lo scudo, con quale forza lanci l´asta.
Se la terra idea in più avesse dato due tali eroi, 285
Dardano sarebbe giunto alle città inachie prima
e la Grecia piangerebbe per i fati avversi.
Per quello che si indugiò presso le mura della forte Troia,
per mano di Ettore ed Enea la vittoria dei Grai
si bloccò e portò i passi fino al decimo anno. 290
Entrambi straordinari per coraggio, entrambi con armi vincenti,
questi primo per la pietà. Le destre si uniscano in alleanze,
come è concesso; ma guardatevi che armi si scontrino con armi."
Ed insieme, ottimo re, udisti quali siano le risposte
e quale sia il parere per una grande guerra. 295



LA PROPOSTA DI RE LATINO (11.296-335)
Così appena i legati, ed un vario fremito corse
sui volti turbati degli Ausonidi, come quando dei massi
bloccano rapidi torrenti, aviene un mormorio nel chiuso gorgo
le rive vicine fremono per le onde crepitanti.
Appena che si placarono gli animi ed i volti trepidi si calmarono, 300
invocati gli dei il recominciadall´alto solio:
"Certamente prima, Latini, avrei voluto che si decidesse
sulla grave situazione e sarebbe stato meglio, non radunare
unconcilio in unatale occasione, quando il nemico sta sulle mura.
Conduciamo unaguerra inopportuna, concittadini, con gente 305
degli deied eroi invincibili, nessunoscontro li affatica
né possono, vinti, astenersi dal ferro.
Se aveste qualche speranza nellearmi invocate degli Etoli,
lasciatele. Ciascuno è speranza per sé; ma vedete quanto anguste
le situazioni. Il resto, distrutto da quale rovina, 310
è tutto davanti agli occhi e tra le vostre mani.
Ma non accuso nessuno: quel valore che potè essere
massimo, lo fu; si è combattuto con tutto il corpo del regno.
Ora così quale sia il parere per una mente incerta,
esporrò e dirò in breve, prestate attenzione. 315
Io ho un terreno antico vicino al fiume tosco,
lungo a occidente, in su fino ai territori sicani;
Aurunci e Rutuli seminano, ecol vomere lavorano
i duri colli e pascolano nei più aspri di questi.
Tutta questa regione e la zona a pini dell´alto monte 320
passi al´amicizia dei Teucri, indiciamo giuste leggi
di alleanza e chiamiamoli alleati nei regni:
sifermino, se tanto è l´amore, e fondano mura.
Se l´intenzione invece è di cercare altre terre ed altra
gente possono partire del nostro suolo, 325
costruiamo dodici navi di rovere italico;
se son capaci di completarne di più, tutto il materiale giace
vicino all´onda: loro stessi comandino il numero e la misura
per le carene, noi diamo bronzo, manod´opera e cantieri.
Inoltre, si decida che vadano cento ambasciatori latini 330
di prima stirpe, che portino proposte e sanciscano i patti
e rechino in mano rami di pace, portando
come doni talenti di oro e d´avorio,
ed ilseggio e la trabea, insegne del nostro regno.
Decidete in comune e provvedete a situazioni pericolose." 335

L´ATTACCO DI DRANCE (11.336-375)
Allora il medesimo Drance ostile, la gloria di Turno
tormentava di torva invidia e di amari stimoli,
ricco di beni e migliore di lingua, ma la destra fredda
in guerra, stimato non incapace promotore nelle assemblee,
potente nel dissenso (la nobiltà materna gli dava stirpe 340
superba, dal padre portava incertezza,)
si alza e con queste parole aggrava ed accumula asti:
"Su tema a nessuno oscuro né bisognoso della nostra voce
ci consulti, o buon re: tutti dichiarano che sanno
che cosa rechi la sorte del popolo, ma esitano a parlare. 345
Dia la libertà di parlare e laci le borie,
colui per il cui auspicio in fausto e abitudini sinistre
( parlerò proprio, anche se mi minaccia armi e morte)
vediamo esser cadutit tanti fari di capi e tutta la città
caduta nel lutto, mentre provoca i campi troiani 350
affidandosi alla fuga e terrorizza il cielo con le armi.
Uno solo ancora a questi doni, che comandi siano inviati
abbondantissimi e datiai Dardanidi, uno solo, tu il miglore dei re,
aggiungi, né ti vinca la violenza di nessuno,
cioè che tu padre dia la figlia ad un nobile genero 335
per le nozze e raggiunga questa pace con patto eterno.
Che se così grande terrore possiede menti e cuori,
preghiamo proprio lui e chiadiamo proprio a lui la grazia:
ceda, restituisca al re edalla patria il proprio diritto.
Perché tante volte butti i miseri concittadini in aperti 360
pericoli, o capo e causa di così gravi mali per il Lazio?
Nessuna salvezza con la guerra, ti chiediamo tutti la pace,
Turno, ed insieme l´unico inviolabile pegno di pace.
Per primo io, che tu immagini a te ostile (e che lo sono,
per nulla esito) ecco vengo supplice. Abbi pietà dei tuoi, 365
deponi le rabbie e sconfitto ritirati. Abbastanza morti, sbaragliati,
abbiam visto e desolato enormi campi.
O, se la fama spinge, senutri in petto così grande vigore
e se a tal punto sta a cuore la dote regale,
osa e porta contro il nemico il petto fiducioso in faccia. 370
Davvero perché a Turno tocchi una sposa regale,
noi vite vili, folla insepoltae e non compianta,
siamo abbattutinelle campagne! Tu però, se in te (c´è) una forza,
se hai qualcosa del paterno Marte, guarda in faccia colui
che chiama." 375


LA VIOLENTA RISPOSTA DI TURNO (11.376-444)
La violenza di Turno scoppiò a tali parole.
Dà in gemito e prorompe dal profondo del cuore in queste frasi :
"Larga davvero, Drance, per te la libertà di parlare
allora quando le mani chiedono guerre, chiamati i senatori
ti presenti per primo. Ma la curia non si deve riempire di parole, 380
che volano grosse per te sicuro, mentre l´argine delle mura
trattiene il nemico né le fosse grondano di sangue.
Perciò tuona con la chiacchiera ( solita per te) e me accusa
di paura tu, Drance, poiché la tua destra diede tanti cumuli
di strage di Teucri, e i campi gloriosi di trofei 385
qua e là. Cosa possa il vivido valore
è lecito sperimentarlo, né proprio noi dobbiamo interrogare
i nemici; ovunque circondano le mura.
Andiamo contro? Perché esiti? O per te Marte
sarà sempre sulla lingua ventosa e su questi piedi 390
pronti a fuggire?
Sconfitto io ? O chi, vigliacchissimo, accuserà
sconfitto, lui che vedrà i Tevere crescere gonfio di sangue
troiano e tutta la casa di Evandro crollata
e gli Arcadi spogliati delle armi? 395
Non così mi han sperimentato Bizia ed il gigantesco Pandaro
ed i mille che in un giorno ho spedito vincitore sotto il Tartare,
io chiuso dalle mura e circondato da argine nemico.
Nessuna salvezza con la guerra? Canta, pazzo, tali cose
al capo Dardanio ed alle tue imprese. Dunquenon smettere
di turbare tutto con grande terrore ed esaltare le forze
di gente vinta due volte, di calpestare invere le armi di Latino.
Ora anche i capi dei Mirmidoni tremano per le srmi frige,
ora anche il Tidide ed il larisseo Achille,
anche il fiume Ofanto rifugge indietro dalle onde adriatiche. 405
O quando si finge timoroso contro le mie ingiurie,
scelleratezza di impostore, aggrava di terrore l´accusa.
Mai perderai una vita simile con questa destra, smetti
di temerlo: abiti con te e sia in un petto così.
Ora, padre, ritorno a te ed ai tuoi grandi progetti. 410
Se non riponi più nessuna speranza nelle nostre armi,
se siamo stati così abbandonati e per uno scontro sconfitto una sola
volta cadiamo completamente e la Fortuna non ha ritorno,
preghiamo pace e protendiamo le destre inerti.
Benchè oh, se si presentasse qualcosa del solito coraggio. 415
Colui sopra tutti per me fortunato tra le fatiche
e nobile di animo, che, per non vedere qualcosa di simile,
cadde morendo e una volta morse con labocca la terra.
Se invece per noi le forze ed ancora una gioventù
intatta e le città d´Italia ed i popoli restano d´aiuto, 420
se anche ai Troiani la gloria è giunta con molto
sangue (esssi hanno le loro morti, e pari per tutti
la tempesta) perché vigliacchi ci eclissiamo sulla prima
soglia? Perché il terrore occupa le membra prima della tromba?
Molte cose il giorno ed il lavorio mutevole del tempo vario 425
cambiò in meglio, la Fortuna alterna ritornando
giocò molti e di nuovo li collocò sul sicuro.
Non ci sarà d´aiuto Etolo ed Arpi:
ma ci sarà Messapo ed il ricco Tolumnio ed i capi che
tanti popoli hanno inviato, né piccola gloria seguirà 430
i prescelti dal Lazio e dai campi di Laurento.
C´è anche Camilla della nobile stirpi dei Volsci
che guida una schiera di cavalieri e squadre fiorenti di bronzo.
Chese i Teucri chiedono me solo per i duelli
e questo si decide ed ostacolo così tanto i beni comuni, 435
la Vittoria, odiando, non rifugge così queste mani
che io rifiuti di tentare qualcosa in cambio di così grande speranza.
Andrò contro con coraggio, anche se superasse il grande Achille
e vestisse armi pari, fatte dalle mani di Vulcano,
colui. A voi ed al suocero Latino ho votato questa vita 440
io Turno, non secondo a nessuno degli antenati per valore.
Enea chiama me solo? Chiami pure, prego;
e non piuttosto Drance, se questa è l´ira degli dei,
paghi con la morte, se è valore e gloria, la prenda."


L´ARRIVO DI ENEA (11.445-497)
Essi trattavano tra loro queste cose in situazioni incerte 445
discutendo: Enea muovevail campo e l´esercito.
Un araldo con grande tumulto per le sale regie
ecco corre e riempie la città di enormi spaventi:
i Teucri schierati in battaglia e la squadra tirrena
scendono dal fiume Tevere in tutte le piane. 450
Subito, animi sgomenti, cuori sconvolti
del popolo ed ire drizzate dastimoli non teneri.
Trepidi chiedono armi, la gioventù riecheggia armi,
piangono mesti e mormorano gli anziani. Allora ovunque un grido
si innalza grande nell´aria con vario scompiglio, 455
non diversamente quando per caso in un alto bosco schiere
di uccelli si sono stanziate o nel pescoso fiume della Padosa
i cigni rauchi fanno schiamazzo per i loquaci stagni.
"Su, dice, concittadini, colto il momento Turno,
radunate il consiglio e sedendo lodate la pace; 460
quelli con le armi invadono i regni.."Né aggiunto di più
si alzò e veloce uscì dagli alti tetti.
"Tu, Voluso, ordina ai manipoli dei Volsci di armarsi,
guida, dice, anchei Rytuli. Messapo la cavalleria in armi,
e Cora col fratello spandetevi suillevaste campagne. 465
Parte rafforzino gli ingressi della città ed occupino le torri;
l´altro gruppo con me porteràle armi dove comanderò."
Subito in tutta la città si corre sulle mura.
Lo stesso padre Latino abbandona il consilio e turbato
dal triste momento rimanda le grandi iniziative, 470
e molto si accusa per non aver accolto spontaneamente
il dardanioEnea ed averlo associato alla città come genero.
Altri sacavano fosse davanti alle porte o trasportano sassi
e pali. La rauca tromba dà il segnale cruento
per la battaglia. Poi con un vario cerchio donne e bambini 475
hanno cinto le mura, l´ultimo travaglio chiama tutti.
Inoltre al tempio ed alla sommità delle rocche di Pallade
si porta la regina con una grande folla di madri
portando doni, e vicino come accompagnatrice le vergine Lavinia,
causa di sì grave male, abbassati gli occhi belli. 480
Avanzano le madri e colmano di incenso il tempio
e sull´alta soglia riversano meste frasi:
"Armipotente, padrona della guerra, vergine tritonia,
spezza con la mano l´arma del predone frigio, e prono
stendilo al suolo e rovescialo sotto le alte porte." 485
In fretta lo stesso Turno Furente si cinge per i duelli.
E già rivestita la rossa corazza terrorizzava
con le squame di bronzo ed aveva chiuso con oro i polpacci,
nude ancora le tempie, aveva cinta la spada al fianco,
e correndo giù dall´alta rocca splendeva aureo, 490
esulta in cuore e già colla speranza comanda al nemico:
come quando un cavallo rotti i legami fugge le stalle
finalmente libero, ed impadronitosi dell´aperta campagna
o lui si volge ai pascoli ed alle mandrie delle cavalle
o abituato a buttarsi nella nota corrente d´acqua 495
brilla, e drizzata la testa in alto nitrisce
esuberante e le criniere giocano sul collo, sulle membra.

TURNO E CAMILLA (11.498-597)
Incontro a lui Camilla, accompagnandola la schiera dei Vosci,
corse e la regina sulle stesse porte saltò giù
da cavallo, ed imitandola tutta la coorte lasciati 500
i cavalli scivolò a terra; poi così parla:
"Turno, se il forte a diritto ha fiducia di sé,
oso e prometto di correr incontro alla squadre degli Eneadi
e da sola affrontare i cavalieri tirreni.
Lacia che io con un manipolo tenti i primi rischi di guerra, 505
tu a piedi schierati presso le mura e controlla i bastioni."
Turno fissati gli occhi sulla terribile vergine in risposta:
O vergine, gloria dell´Italia, quali grazie potrei dire
o quali offrire? Ma ora, poiché questo coraggio
è sopraa tutto, dividi con me la fatica. 510
Enea, come la fama fa fede e gli esploratori inviati
riportano, maligno, ha mandato avanti le armi leggere
dei cavalieri, a battere le campagne; egli sul giogo del monte
passando attraverso scoscesiluoghi solitari s´avvicina alla città.
Io preparo insidie di guerra nel curvo passaggio della selva, 515
per occupare con una soldatesca armata le duplicigole.
Tu , attaccata battaglia, accogli la cavalleria tirrena;
sarà con te il forte Messapo, le suadre latine
e la schiera di Tiburto, tu prendi l´incarico di capo."
Così disse e con uguali parole esorta agli scontri 520
Messapo ed i capi alleati e s´affretta contro il nemico.
C´è in un curvo anfratto una valle, adatta all´insidia
ed agli agguati delle armi, che da ambe le parti un nero fianco
di dense fronde stringe, dove un piccolo sentiero conduce
e le strette gole e maligni ingressi portano. 525
Sopra questa in vedetta ed alla sommità della vetta del monte
sta una pianura ignota e sicuri rifugi,
sia tu voglia da destra e da sinistra entrare nella mischia
o fermarti sulle alture rotolare grossi massi.
Qui si reca il giovane nella nota zona di vie, 530
conquistò il luogo e s´insediò nelle selve insidiose.
Intanto nelle sedi superiori la veloce Opi,
una trale vergini compagne e la sacra squadra
la chiamava Latonia e con la bocca le dava queste tristi
frasi:"Camilla avanza verso una crudele guerra, 535
o vergine, e invano si cinge delle nostre armi,
caraper me più di tutte. Né questo amore giunse nuovo
a Diana e commosse il cuored´improvvisa dolcezza.
Cacciato per invidia dal regno e per forze superbe,
Metabo quando usciva dall´anticacittà di Priverno, 540
fuggendo in mezzo agli scontri di guerra portò
la bambina come compagna per l´esilio e dal nome
della madre Casmilla, cambiatauna parte, la chiamò Camilla.
Egli portandola in seno davanti a sé si dirigeva su lontani gioghi
di soli boschi: ovunque crudeli armi incalzavano 545
ed i Vosci volteggiavano, sparsasi la soldataglia attorno.
Ecco in mezzo alla fuga l´Amaseno straripante spumeggiava
in cima alle rive, così tanta pioggia s´era riversata
dalle nubi. Eglipreparandosi a passare a nuoto è bloccato
dall´amore della bambina e teme per il caro fagotto. A lui che 550
tra sé tutto meditava improvvisamente questa idea appena si fissò:
la gigantesca lancia che casualmente reggeva con forte mano
da combattente, robusta di nodi e di rovere riarso,
a questa attacca la figlia fasciata di corteccia e sughero
silvestre e la lega leggera a metà dell´asta; 555
e librandola con la destra potente così parla al cielo:
"Divina, vergine Latonia, abitatrice dei boschi a te costei
io da padre la dedico come ancella; tenendo le tue prime armi
supplice nell´aria fugge il nemico. Accoglila, ti prego,
divina come tua, lei che è affidata ora alle incerte aure." 560
Disse e steso il braccio manda la lancia violenta:
risuonarono le onde, sopra la rapida corrente
infelice fuggì sull´arma stridente Camilla.
Ma Metabo quando già lo squadrone incalzava troppo vicino
si dà al fiume e vittorioso svelle l´asta con la ragazza, 565
dono di Trivia, da una zolla erbosa.
Nessuna città l´accolse sotto i tetti, non sotto le mura
né lui stesso si sarebbe consegnato per la fierezza,
passò la vita dei pastori sui monti solitari.
Qui nutriva la figlia nei roveti e tra le ispide tane 570
alle mammelle d´una cavalla della mandria e col latte
selvaggio mungendo le poppe sulle tenere labbra.
Come da bambina impresse le orme con le prime piante
dei piedi, armò le oalme di acuta lancia
ed appese alla spalla della piccola le frecce e l´arco. 575
Invece di oro per i capelli, invece della veste di lungo mantello
dal capo pendono lungo il dorso spogli di tigre.
Già allora con la tenera mano lanciò armi infantili
e attorno al capo ruotò la fionda con la liscia cinghia
ed ababttè una gru strimonia ed un bianco cigno. 580
Molte madri inutilmente per le città tirrene
la desiderarono come nuora; contenta della sola Diana
intemerata coltiva l´eterno amore delle armi
e della verginità. Avrei voluto non fosse stata mai presa
da tale milizia tentando di provocare i Teucri: 585
a me cara, ora sarebbe una delle mie compagne.
Ma orsù, poiché è incalzata daacerbi fati,
scendi, ninfa, dal cielo e visita le terre latine,
dove si attacca una triste battaglia con infausto auspicio.
Prendi queste e scaglia dalla faretra la freccia vendicatrice: 590
con questa, chiunque avrà violato il sacro corpo con una ferita,
Troiano e Italo, ugualmente col sangue mi paghi le pene.
Poi io in una cava nube porterò il corpo della misera
e le armi non spogliate e le riporrò al sepolcro ed alla patria."
Disse, ma quella scendendo leggera per l´aria del cielo 595
risuonò rivestito il corpo di nero turbine.

LA BATTAGLIA DELLA CAVALLERIA (11.597-647)
Ma la schiera troiana s´avvicina intanto alle mura,
ed i capi etruschi etutto l´esercito dei cavalieri
divisi per numero in squadre. Su tutta la piana freme
saltando lo zoccolo sonante e lotta contro le briglie strette 600
voltandosi qua e là; poi attorno il ferreo campo
è irto di aste le pianure ardono di armi altissime.
Contro anche Messapo ed i veloci Latini
e Cora col fratello e l´ala della vergine Camilla
appaiono oposti in campo e protendono lo aste da lontano 605
ritirate le destre e le frecce vibrano,
l´arrivo degli eroi ed il fremito dei cavalli s´infiamma.
Ed ormai le due avanzate s´eran arrestate entro
il tiro d´una lancia: subito si slanciano con urla ed incitano
i cavalli furenti, insieme rovesciano ovunque dardi 610
fitto come la neve, il cielo si copre di ombra.
Immediatamente Tirreno e l´aspro Aconteo impegnati
si scontrano con le aste opposte e per primi crollano
con gigantesco rimbombo e coi petti rompono
gli spaccati petti dei quadrupedi; sbalzato Aconteo 615
come un fulmine o una massa spinta da una catapulta
precipita lontano e sparge la vita nell´aria.
Subito schiere sconvolte, ed i Latini sconfitti
gettano gli scudi e girano i cavalli alle mura;
i Troiani spingono, Asila per primo guida le truppe. 620
Già s´avvicinavano alle porte e di nuovo i Latini
alzano un grido e rivoltano i docili colli;
questi fuggono e si portano lontano a briglie sfrenate.
Come quando il mare correndo avanti co alterno gorgo
ora corre a terra e l´onda ricopre gli scogli 625
spumoso, ed avvolge ad arco l´ultima sabbia,
ora rapido indietro e con il flutto risucchiando i sassi
rotolati fugge e lascia il lido, mentre la secca scivola:
due volte i Toschi spinsero i Rutuli volti alle mura,
due volte respinti dalle armi si fermano coprendosi le spalle. 630
Ma dopo che scontratisi per un terzo combattimento
mischiarono tutte le schieretra loro ed un eroe scelse un eroe,
allora davvero i gemiti dei morenti ed armi e corpi
dentro profondo sangue e mescolati nella strage di eroi
si rotolano cavalli semivivi, sorge un´aspra lotta. 635
Orsiloco, poiché inorridiva ad affrontarlo, scagliò
l´asta al cavallo di Remulo e lasciò il ferro sotto l´orecchio;
a tale colpo lo zoccolo sonante alto s´impenna e sbatte
altele zampe a petto drizzato insofferente alla ferita,
lui scosso si rotola a terra. Catillo abbatte Iolla 640
gigantesco per coraggio ed Erminio gigantesco di corpo
e di armi, egli ha una rossa capigliatura sulla testa nuda
nude le spalle né lo spaventano le ferite;
tanto largo si apre alle armi. Un´asta lanciata gli trema
sulle larghe membra e trapassato l´uomo lo piega per il dolore. 645
Si rovescia ovunque un sangue nero; duellando col ferro
danno morti e cercanonelle ferite una bella morte.

LE IMPRESE DI CAMILLA (11.648-724)
Ma in mezzo alle stragi esulta l´Amazzone
scoperto un sol fianco per lo scontro, la faretrata Camilla,
ed ora moltiplica con la mano spargendo flessibili dardi, 450
ora instancabile strappa con la destra la forte bipenne;
alla spalla risuona l´arco d´oro e le armi di Diana.
Ella snche se a volte ricacciata si è ritirata indietro,
con l´arco girato lancia frecce fuggenti.
Ma attorno le compagne scelte, la vergine Larina 655
Tulla e Terpea che scuote una scure di bronzo,
italiche, che lei stessa scelse per sé quale gloria
la divina Camilla e buone aiutanti di pace e di guerra:
come le Trace quando battono i fiumi di Termodonte
e le Amazzoni combattono con armi dipinte, 660
sia attorno ad Ippolita o quando la marzia Pentesilea
si reca sul cocchio, e con grande ululante tumulto
le schiere femminee danzano con scudi lunati.
Chi con l´arma abbatti per primo, chi per ultimo, o vergine
aspra? O quanti corpi morenti riversi a terra? 665
Euneo per primo, di Clizio padre, trapassa
con una lunga asta d´abete il petto aperto di lui di fronte.
Egli vomitando rivoli di sangue cade e mangia la cruenta
terra e morendo si gira sulla sua ferita.
Poi Liri e Pagaso sopra di lui, il primo di loro mentre 670
raccoglieva le briglie rotolato dal cavallo trafitto, l´altro
mentre accorre e tende la destra inerme al cadente,
ugualmente crollano a testa in giù. A questi aggiunge Amastro
Ippotade, ed insegue minacciandoli con l´asta da lontano
Tereo, Arpalico, Demofonte, Cromi;
quante frecce inviate la vergine lanciò con la mano,
altrettanti eroi frigi caddero. Lontano Omito con armi
strane e cacciatore galoppa su cavallo iapige,
gli copre le larghe spalle la pelle strappata ad un giovenco
battagliero, la testa l´han protetta una enorme apertura 680
di bocca e le guance di un lupo con denti bianchi,
uno spiedo arma le rustiche mani; egli si girain mezzo
alle schiere e sta sopra con tutta la testa.
Lei, preso costui ( non è fatica, giratasi la schiera)
lo trafigge e con cuore nemico aggiunge così: 685
"Pensasti, Tirreno, di stanare bestie dai boschi?
E´ giunto il giorno che rimproveri le vostre parole
con armi femminee. Tuttavia riferirai ai mani dei padri
questa fama non piccola, esser caduto per l´arma di Camilla."
Subito anche Orsiloco, Bute, due corpi, i più grandi 690
tra i Teucri, ma Bute lo trafisse con la punta, voltato,
tra la corazza e l´elmo, dove il collo di chi siede ( a cavallo)
risplende e dal braccio sinistro pende lo scudo;
Orsiloco invece mentre lei fugge e svelta con un grande cerchio
lo inganna all´interno del giro ed insegue l´inseguitore; 695
allora ergendosi più alta sull´uomo che prega e molto
scongiura raddoppia la forte scure sulle armi e
sulle ossa; la ferita riga il volto di caldo cervello.
Con costei s´imbatte ed atterrito dall´improvvisa visione si bloccò
il figlio guerriero di Auno abitatore dell´Appennino, 700
non ultimo dei Liguri, finchè i fati permisero di imbrogliare.
Egli quando vede di non poter più scappare per nessuna
strada ed evitare la regina che incalza,
entrato nell´idea di tentare tranelli e con astuzia
comincia così: " Cosa di tanto nobile, se da donna ti affidi 705
ad un forte cavallo? Smetti la fuga e mettiti con me in suolo pari
corpo a corpo con me e datti allo scontro a piedi:
poi conoscerai a chi rechi frode una gloria ventosa."
Disse, ma ella furente ed accesada forte dolore
consegna ilcavallo alla compagna e resiste con pari armi 710
a piedi con la nuda spada ed impavida con il puro scudo.
Ma il giovane pensando aver vinto con l´inganno vola via lui
senza indugio, e si sottrae fuggendo girate le briglie
ed affatica il veloce quadrupede con lo sperone ferrato.
" Falso Ligure invano innalzato da superba animosità, 715
inutilmente insidioso tentasti le arti patrie,
né la frode ti porterà incolume al bugiardo Auno."
Così dice la ragazza, ed infuocata con le veloci piante
sorpassa il cavallo di corsa e prese le briglie davanti
l´affronta e dal sangue nemico prende le vendette: 720
come facilmente il falco, volatile sacro, da un´alta roccia
raggiunge con le penne una colomba altissima su di una nube
ed afferrratala la tiene e la sviscera con gli artigli adunchi:
allora il sangue ele pime strappate scivolano dal cielo.

IL VALORE DI TARCONTE (11.725-758)
Ma il padre degli uomini e degli dei osservando queste 725
cose non con occhi disattenti siede alto sulla sommità dell´Olimpo.
Il padre suscita il tirreno Tarconte agli scontri
crudeli e con stimoli non teneri inietta le ire.
Perciò tra le stragi e le schiere che cedono Tarconte
si reca a cavallo e con varie frasi incita le ali 730
chiamando ciascuno per nome, rianima per gli scontri i vinti.
"Quale paura, o mai capaci di far soffrire, o sempre inerti
Tirreni, quale così grave ignavia è giunta nei cuori?
Una femmina spinge allo sbaraglio e sconvolge queste schiere.
Dove portiamo il ferro o perché queste inutili armi nelle destre? 735
Ma non pigri verso Venere e le guerre notturne,
o quando il curvo flauto ha indetto le danze di Bacco.
Aspettate le vivande e le coppe d´una mensa piena
(questo l´amore, questo il dovere)fin che l´aruspice propizio
annunzi i riti e una grassa vittima vi chiami negli alti boschi." 740
Detto questo sprona il cavallo in mezzo, lui stesso
a morire, e rabbioso si butta addosso a Venulo
e starppato dal cavallo conla destra avvinghia il nemico
e davanti al suo petto eccitato con molta forza lo strappa.
S´alza al cielo il clamore e tutti i Latini 745
volsero gli occhi. Vola infuovato Tarconte nel piano
portando le armi e l´uomo;poi dalla sommità della sua asta
spezza il ferro e spacca le parti aperte,
dove porti la ferita mortale; ma quello battendosi
trattiene da destra dalla gola ed evita la forza con la forza. 750
E come quando una rossa aquila in alto volando porta un serpente
afferrato ed ha annodato le zampe e s´è attaccato agli artigli,
ma il serpente ferito volge le sinuose spire
si rizza con le squame irte e sibila con la bocca
drizzandosi alto, quella non di meno col becco adunco 755
l´attacca mentre lotta, insieme flagella con le ali il cielo:
non diversamente Tarconte trionfante porta la preda
dalla schiera di Tivoli. I Meonidi che han seguito l´esempio
e l´impreda del capo accorrono.

CAMILLA FERITA DA ARRUNTE
(11.759-804)
Poi votato ai fati, Arrunte
circuisce la veloce Camilla per primo con molta
Astuzia, e tenta quale sia il momento più propizio. 760
Dovunque si portò in mezzo alla schiera la vergine furente
qui Arrunte s´acquatta e tacito spia le mosse;
dove lei ritorna vittoriosa e riporta il passo dal nemico,
qui il giovane furtivamente volge le veloci briglie.
Questi ingressi e questi altri ingressi ancora e vaga 765
ovunque per ogni passaggio e maligno scuote l´asta sicura.
Per caso Cloreo un tempo sacerdote sacro al Cibelo
da lontano splendeva smagliante in armi frigie
e spronava uno spumeggiante cavallo, che una pelle intessuta
d´oro con squame di bronzo a piuma proteggeva. 770
Lui splendido di curioso turchinoo e porpora
lanciava freccegortinie con arco di corno licio;
Il vate aveva l´arco sulle spalle d´oro e d´oro
l´elmo; poi aveva raccolto la clamide di croco e
gli orli fruscianti di lino in un nododirosso oro 775
lavorate con l´ago le tuniche e le barbare protezioni delle gambe.
Costui la vergine, sia per attaccare ai templi le armi
troiane, sia per mostrasi cacciatrice nell´oro
catturato, lui solo tra ogni duello della battaglia 780
seguiva cieca e per tutta la schiera incauta
ardeva del femminile amore di preda e spoglie,
quando negli agguati scelto finalmente il momento
scaglia l´arma Arrunte e con la voce prega così:
"Sommo fra gli dei, Custode del santo Soratte Apollo, 785
che per primi abbiam venerato, della cui catasta sipasce
l´ardore di pino, e fiduciosi nella pietà in mezzo al fuoco
e noi adoratori prmiamo i passi su molta brace,
da´ , padre, di abolire questo disonore con le nostre armi,
onnipotente. Non chiedo le spoglie o il trofeidella sconfitta 790
vergine o alcun bottino, le altre imprese mi
daranno onore; purchè cada con un mio colpo questa crudele
peste, sconfitta, ritornerò senza gloria alle città paterne."
Ascoltò Apollo e concesse in cuore che parte del voto
si compisse, parte la disperse nell´aria alata: 795
accordò all´orante di abbattere Camilla travolta
da morte istantanea; non concesse di vedere reduce
le alte cose patrie, e le procelle mandarono la frase ai Noti.
Perciò come l´asta lanciata con la mano mandò il sibilo nell´aria,
volsero l´attenzione e portarono gli occhi attenti 800
sulla regina, tutti i Volsci. Lei, nulla né memore
dell´aria né del sibilo, o dell´arma che veniva dall´etere,
fin che l´asta portata sotto la mammella scoperta
s´attaccò ed entrata bevve profondamente il sangue virgineo.

LA MORTE DI CAMILLA (11.805-835)
Le compagne accorrono trepide e sorreggono la regina 805
che crolla. Fugge prima di tutti atterrito Arrunte
con letizia e misto lutto, e non osa ormai più confidare
nell´asta né affrontare le armi della vergine.
E come quel lupo, prima che giungano armi nemiche,
subito si nascose lontano sugli alti monti, 810
ucciso il pastore o un grosso giovenco, cosciente
dell´impresa audace, ed abbassando la coda tremante
l´ha messa sotto il ventre e si è diretto alle selve:
non diversamente Arrunte agitato si tolse dagli occhi
e contento della fuga si mescolò in mezzo alle armi. 815
Alla con la mano, morente, estrae l´arma ma la punta
di ferro sta tra le ossa nelle costole con ferita profonda.
Vien meno esangue, vengono meno, freddi di morte,
gli occhi, il colore un tempo purpureo ha lasciato le guance.
Poi spirando così si rivolge ad Acca una 820
delle coetanee, che unica fedele più di tutte a Camilla
con cui spartiva gli affanni, e questo così dice:
"Fin qui, orella Acca, ho potuto: ora una ferita acerba
mi finisce, e tutte le cose diventan nere di tenebre.
Fuggi e questi ultimi avvisi portali a Turno. 825
Entri in battaglia ed allontani i Troiani dalla città.
Ed ormai addio." Insieme a queste parole lasciava le briglie
a terra non spontaneamente, accasciandosi. Poi fredda per tutto
il corpo si sciolse a paoco a poco, e posò il flessuoso collo
ed il capo preso dalla morte, lasciando le armi, 830
e la vita con un gemito fuggì angosciata sotto le ombre.
Allora davvero un gigantesco urlo sorgendo ferì le dorate
stelle: battattuta Camilla la battagli rincrudisce.
Si scontrano serrati insieme tutta la truppa dei Teucri,
i capi tirreni e le ale arcadi di Evandro. 835


LA VENDETTA DI DIANA (11.836-867)
Ma Opi sentinella di Trivia già da tempo sulla cima dei monti
in alto siede ed impettarrita guarda gli scontri.
Come da lontano in mezzo al grido dei giovani
vide Camilla colpita da triste morte,
gemette ed emise dalla profondità del petto queste frasi: 840
"Ahi troppo, vergine, troppo crudele strazio
pagasti tentando di provocare in guerra i Teucri.
Né te solitaria giovò aver onorato Diana
o aver portato in spalla le nostre faretre.
Tuttavia la tua regina non li lasciò senza onore 845
ormai nella estrema morte, né questa morte sarà senza lode
tra le genti o soffrirai la fama di invendicata.
Chiunque abbia violato il tuo corpo con la ferita
pagherà con meritata morte." Ci fu gigantesca sotto l´alto monte
su cumulo di terra la tomba del re Dercenno 850
dell´antica Laurento e coperta di ombrosa elce;
Qui anzitutto con un rapido balzo la bellissima de
si fermò e dall´alto tumulo spia Arrunte
Come lo vide splendente nelle armi ed invano gonfio,
"Perché, disse, tene vai in altra direzione? Dirigi qui il passo, 855
vieni qui a morire, per prendere i degni premi
di Camilla. Morirai forse anche tu per le armi di Diana?"
Disse, e dalla faretra dorata la Tracia scelsce
una freccia alata ed ostile tese l´arco
e lo tirò tanto, fin che le estremità curvate s´unissero 860
tra loro ed ormai toccasse con le mani pareggiate,
la sinistra la punta di ferro, con la destra ed il nervo la mammella.
Subito lo stridore dell´arma e l´aria sibilante
sentì insieme Arrunte ed il ferro s´attaccò nel corpo.
Lui spirante e gemente gli ultimi (gemiti) i compagni 865
dimenticatolo lo abbandonano nella polvere ignota delle pianure;
Opi sulle penne si porta all´etereo Olimpo.

I LATINI IN FUGA (11.868-895)
l ´ala leggeradi Camilla, perduta la regina, fugge per prima,
sconvolti fuggono i Rutuli, fugge l´aspro Atina,
i capi dispersi edi manipoli abbandonati 870
cercano rifugi e voltatisi a cavallo si dirigono alle mura.
Ma nessuno è capace di sostenere con le armii Teucri
incalzanti e recanti morte o contrastarli,
ma riportano gli archi allentati sulle spalle languenti,
lo zoccolo dei quadrupedi in corsa batte la molle pianura. 875
In nera caligine s´avvolge presso le mura la torbida
polvere e dalle vedette le madri percossesi i petti
alzano un femmineo grido alle stelle del cielo.
Quelli che di corsa per primi varcaronole porte aperte,
costoro la folla nemica sopra li incalza con schiera unita, 880
e non sfuggono una misera morte, ma sulla stessa soglia,
nelle patrie mura e nelle sicurezze delle case
trafitti esalano le vite. Parte osano chiudere
le porte, né aprire la via ai compagni né accoglierli
supplicanti tra le mura, nasce una miserrima strage 885
di chi difende con le armi gli ingressi e sulle armi cade.
Esclusi davantia gli occhi ed ai volti dei genitori piangenti
parte è travolta nei fossati scoscesi, incalzando il disastro,
parte, ceca e spinta dalle briglie sfrenate
sbatte sulle porte ed i duri battenti con spranga. 890
Dalle mura le stesse madri nel massimo scontro
(ilvero amor di patria insegna), come videro Camilla
tremanti lanciano con mano armi e co duro rovere
con pali e tronchi induriti al fuoco imitano il ferro
rapide, ed ardono di morire per prime a difesa delle mura. 895


TURNO ED ENEA (11.896-915)
Intanto la crudelissima notizia raggiunge Turno
nelle selve ed Acca riferisce al giovane il gigantesco tumulto:
le schiere dei Volsci distrutte, Camilla ècaduta,
i nemici accaniti incalzano, e con Marte propizio
hanno sconvolto tutto, la paura ormai è portata presso le mura. 900
Egli furente ( ecosì richiedono le crudeli potenze di Giove)
abbandona i colli assediati, lascia gli aspri boschi.
Era appena uscito allo scoperto e teneva la pianura,
quando il padre Enea entrato nelle balze aperte
supera il giogo ed esce dalla selva oscura. 905
Così ambedue rapidi si portano alle mura e con tutto
l´esercito non sono lontani tra loro molti passi;
appena Enea da lontano osservò le piane
fumanti di polvere e vide le schiere di Laurento,
e Turno riconobbe il terribile Enea in armi 910
e l´arrivo dei fanti e sentì l´ansimare dei cavalli.
Subito attaccherebbero battaglie e tenterebbero scontri,
se ormai il roseo Febo nel gorgo ibero non
immergesse i cavalli e calando il giorno non riportasse la notte.
Si fermano negli accampamenti davanti alla città e cingono le mura.