La fine di Cartagine


LATINOITALIANO

Tertium bellum contra Carthaginem suscipitur sexcentesimo secundo anno postquam urbs condita erat, anno quinquagesimo primo postquam secundum bellum Punicum transactum erat. Consules Manlius Censorinus et Marcus Manilius, cum Africam missi essent, Carthaginem oppugnaverunt. Contra eos certabant Hasdrubal cum peditibus et Framea, equitum magister. Scipio tum, Scipionis Africani nepos, tribunus in Romano exercitu militabat. Huius apud omnes gentes inges metus et reverentia erant. Nam et peritissimus rei militaris et fortissimus existimabatur. Itaque per eum multa a consulibus egregie gesta sunt et ab Hasdrubale vel a Framea maxime vitabatur proelium contra Romanam partem, quae a Scipione ducebatur. Cum igitur Scipionis nomen clarum apud omnes factum esset, iuvenis adhuc consul creatus est et contra Carthaginem missus est. Ab eo urbs capta et diruta est. Ita Carthago, septingentesimo anno postquam condita erat, deleta est et Scipio Africanus Minor appellatus est.

La terza guerra contro Cartagine venne (lett.: viene) intrapresa nel seicentoduesimo anno dopo che Roma era stata fondata, nel cinquantunesimo anno dopo che era stata terminata la seconda guerra punica. I consoli Manlio Censorino e Marco Manilio, essendo stati inviati in Africa, assediarono Cartagine. Contro di loro combattevano Asdrubale con la fanteria (lett.: i fanti) e Framea, comandante della cavalleria (lett.: dei cavalieri). Scipione, nipote di Scipione l´Africano, militava allora, come tribuno, nell´esercito romano. Tutti i popoli avevano (lett.: presso tutti i popoli c´erano) grande timore e rispetto di lui. Infatti era ritenuto espertissimo di arte militare e fortissimo. Pertanto per mezzo suo furono mirabilmente compiute dai consoli molte imprese e da Asdrubale o da Framea veniva soprattutto evitato il combattimento contro quella parte romana che era guidata da Scipione. Essendo pertanto il nome di Scipione diventato grande presso tutti, ancora giovane fu fatto console e fu mandato contro Cartagine. Da lui la città fu presa e rasa al suolo. Così Cartagine settecento anni (lett.: nel settecentesimo anno) dopo che era stata fondata fu distrutta e Scipione fu chiamato l´Africano Minore.