Lotte tra patrizi e plebei


LATINOITALIANO

Ingentes divitias patricii possidebant et civitatem arroganter administrabant. Plebeii autem graves labores tolerabant, gravia vectigalia pendebant et pauperes ergo erant: ita plebeiorum vita ardua et difficilis erat. Ideo urbem relinquere statuerunt et in montem Sacrum secesserunt, ibique parva castra aedificaverunt, ita cogitantes: "Divitum agros non seremus, agri messes non dabunt, patricii panem non habebunt et in inopi condicione erunt. Nos, contra, frumentum hic seremus et panem habebimus. Ita patricii plebis preces audient". Tum patricii legatos ad plebem miserunt. Legati, supplici voce dicentes, senatorum verba plebeiis renuntiaverunt: "In urbem remeate! Patricii iusti erunt, vestra aera aliena remittent, lucra in aequas partes divident". Tum plebeii audax consilium deponunt, Romam remeantes. Patricii promissa solvunt civesque Romani concordiam recipiunt...

I patrizi possedevano grandi ricchezze e governavano la città con arroganza. I plebei invece sopportavano pesanti fatiche, pagavano gravosi tributi e dunque erano poveri: così la vita dei plebei era dura e difficile. Perciò decisero di lasciare la città e si ritirarono sul monte Sacro e qui allestirono un piccolo accampamento, così pensando: “Non semineremo i campi dei ricchi, i campi non produrranno messi, i patrizi non avranno pane e saranno in una misera condizione. Noi invece qui semineremo il grano e avremo il pane. Così i patrizi ascolteranno le preghiere della plebe”. Allora i patrizi mandarono ambasciatori alla plebe. Gli ambasciatori, parlando con voce supplichevole, annunciarono ai plebei le parole dei senatori: “Ritornate in città! I patrizi saranno giusti, condoneranno i vostri debiti, divideranno i guadagni in parti uguali”. Allora i plebei depongono il (loro) audace piano, ritornando a Roma. I patrizi mantengono le promesse e i cittadini romani riacquistano la concordia.