L´anima ricerca Dio (Agostino)


LATINOITALIANO

Da mihi, scire et intelligere, utrum sit prius invocare te an laudare te et scire prius sit an invocare te. Sed quis te invocat nesciens te? Aliud enim pro alio potest invocare nesciens. An potius invocaris, ut sciaris? Quomodo autem invocabunt, in quem non crediderunt? Aut quomodo credunt sine praedicante? Et laudabunt dominum qui requirunt um. Quaerents enim inveniunt eum et invenienes laudabunt eum. Quaeram te, Domine, invocans te et invocem te credens in te: praedicatus enim es nobis. Invocat te, Domine, fides mea, quam dedisti mihi, quam inspirasti mihi per humanitatem fillii tui, per ministerium praedicatoris tui.

Concedimi, signore, di conoscere e capire se si deve prima invocarti o lodarti, prima conoscere oppure invocare. Chi ti invoca senza conoscerti? Senza sapere potrebbe invocare questo per quello. Dunque ti si deve piuttosto invocare per conoscere? Ma come invocheranno colui in cui non credettero? E come credere, senza chi annunci? Loderanno il signore coloro che lo cercano perchè cercandolo lo trovano e trovandolo lo loderanno. Che io ti cerchi, Signore, invocandoti, e t´ invochi credendoti perchè sei stato annunciato a noi. T´ invoca, Signore la mia fede, che mi hai dato e ispirato mediante tuo figlio fatto uomo, mediante l´opera del tuo annunziatore.