1961: L'uomo nello spazio


12 APRILE, ORE 9.07
IL PRIMO ESSERE UMANO NELLO SPAZIO ORBITALE
YURI GAGARIN


E’ l’anno quindi dell’uomo nello spazio, dove ancora una volta la supremazia missilistica russa non e’ solo spettacolare ma inquieta il mondo. "Adesso i rossi ci spiano".

E’ l’anno dove il pianeta ha rischiato un’altra guerra mondiale e questa volta nucleare tra America e Russia: La "Crisi a Cuba, il "Muro" a Berlino, e la Francia nella morsa algerina, mentre in Italia 245 attentati nella "notte dei fuochi" sconvolgono l’Alto Adige e il "Monumento alla Vittoria" a Bolzano, il simbolo per i Tirolesi dell’"oppressione" italiana. Inizia una lunga stagione del terrorismo altoatesino che terminerą il 23 nov. del ’69, 13 giorni prima dall’inizio di un’ "altra stagione" terroristica, tutta italiana; il 12 dicembre ci fu infatti la strage di Piazza Fontana a Milano.

E’ l’anno del Centenario dell’Italia Unita che cade proprio in un periodo dove in divario economico tra Nord e Sud sta creando squilibri enormi epocali, che spaccano in due l’Italia. Il reddito della popolazione del Nord e’ gia’ due volte e mezzo quello del Sud.

E’ l’anno dove meta’ Paese e’ in pieno Boom, e dove il PIL tocca le sue piu’ alte vette con il + 8,6%. Nel Nord ci sono cittą nel collasso, mentre nel Sud paesi e cittą si svuotano, restano solo gli anziani. Hanno risalito la penisola circa cinque milioni di persone in eta’ lavoro, quasi il 50% di tutta quella esistente nel Sud. Dove rimane un’agricoltura senza braccia, senza trattori, e gli ultimi contadini sconsolati guardano i raccolti marcire, le terre inaridire, i pascoli ritornare allo stato brado; in poco tempo non vi cresce neppure l’erba. (vedi il 31 dicembre)

E’ l’anno dove nella politica italiana ritorna FANFANI che strizza l’occhio a sinistra, mentre PAPA GIOVANNI diventa ancora piu’ esplicito (e sconcerta i conservatori clericali e i non clericali che sul conservatorismo delle masse ci campano) , giustifica e invita la collaborazione tra credenti e non credenti. Spiazza tutti, politici, preti e laici. Butta nello sconcerto i democristiani, mentre la sinistra non piu’ demonizzata, fa scoprire agli italiani che i comunisti non hanno la "coda" e non "mangiano i bambini"; entrano perfino in Vaticano, e iniziano quest’anno (con accorti democristiani che hanno capito che il vento sta cambiando direzione) a fare patti, alleanze e giunte, nelle grandi citta’. Ma nella vecchia guardia resistono i censori, i timorati, i bigotti, e gli intransigenti; e come al solito fanno quadrato, si difendono accusando.

E’ l’anno dove l’Italia ha gia’ 4.235.000 telefoni, 5.880.000 radio, 2.761.000 televisori. Si sono prodotte 693.000 auto e ne circolano gia’ 3 milioni. Vi sono stati 244.000 delitti contro il patrimonio (nel 1979 saranno gia a 1.548.000). E circa 1000 italiani al giorno (387.000) se ne vanno all’estero a fare lavori umili, di cui 142.000 in Svizzera, 114.000 in Germania, 49.000 in Francia. (vedi 31 dicembre). Un vero boom nella scuola; gli alunni sono diventati quasi il doppio rispetto al 1951 e proseguono gli studi dopo le elementari 2.380.000. Il doppio anche gli iscritti all’Universita’ circa 300.000.