La Resistenza al sud

ASPETTI SCONOSCIUTI DEL SUD
Si ricordano da 50 anni le azioni partigiane, con tanto di monumenti, lapidi, onorificenze militari, tuttora conferite.
Nessuno, o quasi, ricorda invece l'ostilità della gente del Sud agli invasori alleati. Vero: non ci fu qui guerriglia armata, ma ostilità e propaganda patriottica. Ciò per volontà precisa di Mussolini, che volle escludere il fratricidio della lotta civile e il rischio di rappresaglie anglo-americane. Volontà espressa alla Principessa Maria Pignatelli di Cerchiara, che attraversò i fronti, prima per abboccarsi col Duce, poi per rientrare a Napoli e comunicare al marito Valerio le direttive ricevute. Furono perciò riannodati clandestinamente i gruppi delle "Guardie ai Labari", costituiti dal P.N.F. dal 1943 in previsione di sbarchi nemici. Responsabili dei gruppi furono, in Sicilia, Santagati, Russo e d'Alì, l'avv. Luigi Filosa in Calabria, l'Avv. Nando di Nardo a Napoli.
Buon gioco all'attività dei gruppi furono: - l'economia sempre più disastrata; - l'inflazione galoppante, con le amlire stampate dal governo militare alleato; - il ritomo della mafia al potere, compenso per l'aiuto all'invasione; - la cresta rialzata della dirigenza prefascista, spazzata dal fascismo; - il blocco dei salari; - la riduzione del pane da 300 a 200 grammi, favorendo il mercato nero.
Così il 19 ottobre 1944 si scatenò la repressione dei soldati della Div. Sabaudia, che spararono contro la folla in dimostrazione alla prefettura di Palermo al grido: "Pane, lavoro".
Ulteriore scintilla la chiamata alle armi delle classi 1922-1923-1924, per combattere contro la Germania e la R.S.I., mobilitazione sostenuta dai comunisti, ancora una volta dimentichi delle istanze popolari.

A pieno diritto la gente negava fiducia al regno del Sud, fatto da quegli stessi politici e militari che il 25 luglio proclamarono "La guerra continua", l'8 settembre tradirono la Germania e il popolo italiano, che il 9 fuggirono a Brindisi in braccio agli angloamericani, abbandonando i soldati, il 13 ottobre dichiararono addirittura guerra alla Germania. Così a Chiaramonte Gulfi iniziarono quelle manifestazioni, esplose poi a Comiso con testarda gagliardia. Si scriveva sui muri e si ripeteva in improvvisati comizi: "Non presentatevi", "Presentarsi significa servire i Savoia", "Non vogliamo andare contro i fratelli del Nord". E così a Noto, Naro, Piana degli Albanesi, Ramacca Giarratana, Modica, Scicli, ecc.
Anche le forze di polizia inviate furono disarmate e respinte. Il 6 gennaio 1945 la rivolta di Ragusa si diffuse ai paesi limitrofi: Vittoria, Acate, Santa Croce Camerina, Chiaramonte. Ripresa Ragusa dai governativi dopo dura battaglia, Comiso restò per una settimana a vivere la sua indipendenza con la repubblica di Comiso, fondata il 6 gennaio 1945: comitato di salute pubblica, squadre per l'ordine interno, distribuzioni di viveri a prezzi di consorzio, impossibilità di lasciare la città, pena di morte per i ladri. Il 6 gennaio furono respinti 10 autocarri militari e una littorina da Palermo con 70 carabinieri. Respinta altra littorina l'8 gennaio. Occupato l'aeroporto.
Da Roma Bonomi telegrafò ad Aldisio: "Azione per stroncare definitivamente sedizione deve essere condotta a fondo e senza alcuna incertezza". L'11 gennaio il Gen. Brisotto circondò la città. I bombardieri inglesi sono pronti a Licata per bombardare. "Se Comiso non si arrenderà, sarà distrutta". Intervenne allora la popolazione e, tramite il clero, si addivenne alla resa. Queste le condizioni: deporre le armi, nessuna rappresaglia. Fu illusione: più di 2000 comisani languirono a Ustica, amnistiati solo nel 1946 per la proclamazione della Repubblica Italiana.
Peccato che nessuno ricordi questa fedeltà alla patria, una dalle Alpi a Linosa.
Anche questa è storia, locale, sia pure in un quadro generale: soprattutto senza colpo alla nuca e pugno chiuso.





DALLE RIVOLTE DEI "NON SI PARTE" NACQUE LA REPUBBLICA FASCISTA A COMISO
Ma dopo una serie di sanguinosi scontri a fuoco con i reparti dell'esercito badogliano, che provocarono numerosi morti e feriti i fedelissimi di Mussolini furono costretti a capitolare l'11 gennaio del 1945 sotto la minaccia dei bombardamenti terroristici degli aerei britannici.

Emilio Cavaterra
Cinquantadue anni fa, una cittadina siciliana si autoproclamò "Repubblicafascista" indipendente dalla Corona d'Italia e di conseguenza svincolata dal governo Badoglio allora insediato in quel di Brindisi. Era Comiso, in provincia di Ragusa, un abitato assai antico che si rifà alla remota Casmene, fondata dai greci nel 643 a.C. sulla direttrice Agrigento Siracusa, in quel quadrilatero dell'Isola, cioè, che diede del filo da torcere sia alle scarse truppe badogliane, sia a quelle ben più consistenti dei così detti "alleati", per le sue turbolenze politiche di stampo fascista. Fu, comunque, una "Repubblica" ben più rilevante ai fini storici di quella, mitizzata oltre ogni limite malgrado la sua modesta rilevanza anche militare, messa in piedi per poco tempo dai partigiani nella Val d'Ossola durante i diciotto mesi della Repubblica Sociale Italiana.

L'insorgenza dei fascisti
Ma vediamo, anzitutto, la cornice di questa per molti aspetti incredibile vicenda bellica. Ben pochi sanno, e le rievocazioni storiche solitamente di parte non hanno certo aiutato a diffonderne le cronache e nemmanco il ricordo, che l'"insorgenza" fascista nel Mezzogiorno d'Italia si manifestò all'indomani del 25 luglio 1943 che defenestrò Benito Mussolini dalla carica di Capo del Governo. Furono dapprima moti spontanei, spesso improvvisati, sempre volontaristici; in seguito, vennero incanalati e organizzati da personaggi che avevano ricoperto cariche di rilievo provinciale nelle strutture del Regime, ma anche da emissari del Partito fascista repubblicano di Alessandro Pavolini, giunti direttamente al Sud della Penisola dalla Repubblica Sociale Italiana. La Sicilia in particolare, dove più serpeggiavano velleità separatiste mentre la "mafia di campagna" sgominata dal "Prefetto diferro" Mori, rialzava la testa, in ciò aiutata dai "picciotti" italo-americani sbarcati al seguito delle truppe statunitensi, aveva cominciato a reagire al "nuovo corso" badogliano. Sulle prime si trattò di una resistenza al limite del velleitarismo con vistose punte di goliardia; e di fatti, coloro che si ribellarono in quei giorni all'arresto del Duce del Fascismo e la conseguente inevitabile implosione della complessa architettura del Regime, risultarono essere, almeno nelle fasi iniziali, studenti di liceo o tutt'al più di università, tutti dunque assai giovani. Cominciarono a diffondere volantini vergati a mano, poi a tracciare scritte sui muri, gli uni e le altre inneggianti al Duce e al Fascismo; infine ci fu una sorta di "salto di qualità", ma sempre senza neanche un simulacro di organizzazione magari soltanto paramilitare, con alcuni episodi di sabotaggio alle linee elettriche, ai collegamenti telefonici, ai binari ferroviari e perfino agli autocarri militari "alleati". Soltanto all'indomani dell'8 di settembre, quando automaticamente fu sciolto il vincolo fra il potere regio e il popolo, l'insorgenza» fascista acquistò sostanza e organicità, radicandosi anzitutto sul territorio e dunque sfruttando il malanimo, il risentimento e la collera della gente, contro i Savoia e gli alti Comandi militari. Furono organizzate manifestazioni di piazza per protestare contro la mancanza di viveri e la carenza di trasporti, ma la "svolta" si ebbe con le dimostrazioni contro la chiamata alle armi.

"No" alle armi badogliane
Qualcuno le definì le rivolte dei "non siparte" che né le Prefetture con le loro striminzite forze di polizia, né i ben più organizzati e funzionali Carabinieri, riuscirono a contenere; si limitarono, tutti, a inviare "segnalazioni" al governo di Badoglio per scaricarsi la coscienza e non soltanto quella. Per l'intero arco dell'anno 1944, in varie città della Sicilia centinaia di giovani scesero in piazza in segno di protesta e sui muri apparvero scritte inquietanti per i poteri malamente costituiti e sempre sorretti dagli invasori angloamericani. Esortavano i loro coetanei a non presentarsi alla chiamata di leva, invitavano a darsi alla macchia per non combattere "contro i fratelli del Nord" sollecitavano a non "servire i Savoia". Ma quelle scintille accesero ben altrimenti incontrollabili incendi, come a Catania, il cui municipio venne dato alle fiamme da una folla inferocita; anche nella zona ragusana furono registrati duri moti di piazza con relativi assalti a uffici pubblici e perfino alle Stazioni dei reali Carabinieri. come accadde in quel di Giarratana, sempre nella provincia di Ragusa. In breve, i disordini di piazza dilagarono anche nell'Agrigentino, con scontri a fuoco tra le truppe dell'Esercito regio e i dimostranti che non erano peraltro soltanto fascisti, anche se questi ultimi prendevano spesso l'iniziativa e il comando delle manifestazioni di protesta; si contarono numerosi i morti ed i feriti, tutti fra i civili. Ormai era emergenza e da Siracusa come da Gela mossero reparti di fanteria in assetto di guerra che impegnarono gli insorti nelle varie località della provincia, riuscendo dopo aspri combattimenti a riprendere il controllo della situazione. Dovunque, fuorché a Comiso. Rinserrata nelle sue mura medievali, la cittadina respinse i militari e le profferte di tregua dai loro ufficiali avanzate; poi, essendo in prevalenza fra i rivoltosi quei giovani ch'erano stati ribattezzati "i non si parte", fondarono una minirepubblica autonoma dal potere centrale, in ciò aiutati da un agente segreto giunto dall'Italia settentrionale, l'ingegnere Lorenzo Carrara, il cui pseudonimo era Renzo Renzi. Costui prese in mano la situazione e organizzò la resistenza che ebbe momenti di intensa drammaticità e costò decine di vittime, dal momento che i reparti dell'Esercito badogliano erano stati dotati di armi di tutto rispetto, come mitragliere, cannoni e addirittura carri armati, tutto materiale bellico fornito dal Comando britannico. Gli scontri si moltiplicarono durante l'assedio che si protrasse per qualche giorno di fuoco; e mentre gli altri paesi dell'interno cadevano uno dopo l'altro nelle mani dei reparti militari fatti affluire anche dalla Calabria, (fra questi anche Partanna, autoproclamatasi Repubblica autonoma), i "non siparte" continuavano a resistere. Poi, sotto il martellamento degli obici regi e in previsione dell'attuazione della minaccia di essere rasa al suolo dai bombardamenti a tappeto degli aerei inglesi, anche Comiso cedette e capitolò. Si contarono i morti e i feriti: ventisette i primi, ottantasette i secondi. Arrivò anche, puntuale, la vendetta badogliana: quasi trecento insorti, la maggioranza dei quali fascisti riconosciuti e schedati, furono incatenati e trasferiti nell'isola di Ustica, dov'era stato approntato un altro campo di concentramento. Erano coloro i quali avevano dotato la "Repubblica autonoma fascista di Comiso" di ordinamenti, norme, decreti e regolamenti ispirati alla legislazione della Repubblica Sociale Italiana. Era l'l1 gennaio del 1945. Dietro i reticolati del «gulag" savoiardo, i trecento insorti rimasero fino all'anno successivo quando, sul finire del conflitto mondiale, venne decretata l'amnistia. Ma prima dei provvedimenti di clemenza che chiusero la pagina dell'"insorgenza" fascista nel Mezzogiorno d'Italia, ci fu un ulteriore "giro di vite" contro i fedeli mussoliniani che, spesso a rischio della vita e sempre sfidando pericoli e persecuzioni, mantennero alta la bandiera della fedeltà.



PERCHE' NON CI FU GUERRA CIVILE AL SUD
Francesco Fatica Nella primavera del '43 Carlo Sforza, segretario del PNF, propose di preparare, fra gli organizzati del Partito, una forza clandestina di resistenza nella previsione di una imminente invasione. Mussolini aderì alla proposta e suggerì anche il nome dell'organizzazione: "Guardie ai Labari", ma impose di darle un carattere esclusivamente ideale, senza fornire armi.
E' evidente che questa precauzione fu presa per evitare che nelle terre occupate avvenissero sanguinose rappresaglie. A capo dell'organizzazione fu posto il principe Valerio Pignatelli di Cerchiara, colonnello dei paracadutisti, pluridecorato, valoroso combattente di tutte le guerre, più volte ferito.
Seguì il 25 luglio e, naturalmente, venne messa da parte l'idea di creare formazioni clandestine. Tuttavia Pignatelli ritenne di continuare la preparazione della futura attività clandestina.
Intanto, già il 27 luglio nasceva spontaneamente - a Trapani - il primo gruppo clandestino fascista nella Sicilia invasa. Mentre i fascisti del resto d'Italia, e sui vari fronti, venivano frenati nei loro impulsi di ribellione dalle continue dichiarazioni ufficiali del governo Badoglio di voler continuare la guerra a fianco dell'alleato tedesco.
Per chi non ha vissuto il clima dell'era fascista potrà essere opportuno chiarire che l'amore per la Patria era l'imperativo sovrano di ogni fascista, perciò in quel frangente nessuno osò pensare di arrivare a nuocere alla Patria in guerra con aperte lotte intestine. Ma, appena fu chiaro l'inganno con la rivelazione palese dell'armistizio, l'attività clandestina fascista ebbe un notevole impulso: gruppi clandestini fascisti sorsero spontaneamente un po' dappertutto e mentre al Nord, costituendosi la RSI, migliaia di volontari si presentarono alle armi, nelle terre invase la lotta clandestina fu avviata con lo stesso rabbioso stato d'animo, pur tra mille difficoltà e superando proibitivi ostacoli di comunicazioni, assoluta mancanza di mezzi, persecuzioni e deportazioni, sfidando bandi dell'invasore che comminavano la pena di morte per i sabotatori e per i detentori di armi.
Da più parti si tentò e talvolta si riuscì a prendere contatto con la RSI, passando clandestinamente le linee. Furono scoperti imbarcazioni a motore MAS che stavano effettuando la traversata del Tirreno partendo dalla Sardegna per approdare sulle coste della RSI.
Valerio Pignatelli aveva preso accordi con Barracu prima dell'invasione della Calabria e da lì teneva contatti radio col Nord.
Le direttive che giungevano dalla RSI erano costantemente orientate ad evitare spargimento di sangue fraterno. Tuttavia, alcuni gruppi clandestini spontanei si spinsero a svolgere attività terroristica con l'uso di esplosivi.
In Sicilia gli Alleati, avendo scoperto il primo gruppo clandestino fascista a Trapani, avevano processato quei giovani, fra cui una ragazza, condannandoli a pene varie. Salvatore Bramante, riconosciuto colpevole di sabotaggi e di detenzione di armi, fu condannato a morte. Analoghi processi gli Alleati svolsero contro gruppi organizzati di fascisti clandestini ad Agrigento e a Lecce, ma poi preferirono lasciare al governo Badoglio l'onere e l'impopolarità di perseguire i fascisti clandestini. I Tribunali militari territoriali di guerra furono investiti della responsabilità di processare le bande armate dei clandestini, ma gli italiani dei Tribunali militari non se la sentirono di infliggere pene capitali ed invece di applicare il codice militare di guerra usarono disinvoltamente il codice penale, molto meno drastico, così la costituzione di bande armate fu derubricata in associazione a delinquere. Tuttavia i processi portati a compimento furono pochi e tutti finirono per sgonfiarsi definitivamente nell'amnistia del 1946.
Dai carabinieri reali, dai questori, dai prefetti giungevano al governo della "King's Italy" i rapporti sull'attività clandestina dei fascisti. I CC.RR. della Sardegna nel maggio '44 concludevano in un rapporto ufficiale che dagli elementi raccolti si aveva "la certezza dell'esistenza nell'isola di focolai fascisti che covano desideri di rivincita......" In effetti l'organizzazione clandestina fascista sia in Sardegna sia nelle altre regioni occupate, aveva coinvolto anche militari di ogni grado in servizio. Inoltre erano avvenuti tumulti, manifestazioni pubbliche, erano apparse scritte sui muri, circolavano giornaletti clandestini e volantini scritti a mano o a macchina, sicché, appena il governo Badoglio decise la chiamata alle armi, ci furono cortei di protesta, tumulti, assalti ai municipi ed alle caserme dei carabinieri. In particolare in Sicilia i fascisti, che in un primo tempo avevano avversato apertamente i separatisti, cambiarono radicalmente tattica e si inserirono in tutte le manifestazioni separatiste portando cartelli inneggianti al Duce e scritte di manifesta concezione fascista. In Sicilia, dunque, appoggiandosi ai separatisti e strumentalizzandoli non appena possibile, i fascisti furono protagonisti di rivolte armate che coinvolsero, oltre le forze locali, anche le truppe badogliane inviate in tutta fretta dal continente a sedare le sommosse che avevano già registrato parecchi morti e feriti. Continuò a resistere la "Repubblica di Comiso", dove gli insorti respinsero decisamente sia i carabinieri reali sia i reparti regolari dell'esercito badogliano appoggiati da carri armati. I fascisti, guidati dall'Ing. Carrara, dichiararono la repubblica indipendente dal governo regio con ordinamenti di chiara ispirazione fascista. Poi, il 13 gennaio 1945, circondata da ingenti forze corazzate e soprattutto per la minaccia esplicita e concreta di indiscriminati e devastanti bombardamenti aerei da parte degli inglesi, la "Repubblica di Comiso" capitolò. Bilancio delle perdite umane: tra i badogliani due ufficiali, un sottufficiale e quindici tra carabinieri e militari di truppa, ventiquattro soldati feriti; tra i rivoltosi diciannove morti e sessantatré, feriti; duecentonovantacinque furono arrestati e deportati nell'isola di Ustica. Mussolini non voleva spargimenti di sangue italiano perciò a Valerio Pignatelli furono date chiarissime istruzioni di "non spargere sangue fraterno sul sacro suolo della Patria". Sollecitato a recarsi in RSI, lasciandosi però la possibilità di tornare al Sud, Pignatelli riuscì ad ottenere un lasciapassare, ma soltanto per la moglie, attraverso i buoni uffici del tenente di vascello Paolo Poletti, inoltrato nell'OSS americano. La principessa Maria Pignatelli, donna di rarissime virtù, dotata di altrettanto ardimento, spirito di iniziativa e fede fascista quanto il marito, attraversò le linee, rischiando la vita sui campi minati, s'incontrò con Barracu e quindi fu portata in aereo da Mussolini, che voleva essere minutamente informato sull'attività clandestina fascista. Alla Principessa Mussolini diede ancora precise istruzioni di non provocare spargimento di sangue fraterno. Al ritorno la Principessa, che era stata spiata al Nord, fu arrestata e subito dopo lo fu anche il Principe. Paolo Paoletti fu torturato fino ad impazzire in una villetta alle pendici del Vesuvio dove gli anglo-americani tenevano i loro "interrogatori", fu poi rinchiuso nel carcere di S. Maria Capua Vetere e assassinato da un sergente americano, che aveva predisposto un fasullo tentativo di fuga per crearsi una giustificazione. La Principessa fu due volte messa al muro-inscenando finte non parlò. Nulla si ottenne dagli interrogatori del Principe, che fu processato e condannato dal Tribunale militare territoriale della Calabria. A capo dell'organizzazione clandestina fascista, dopo l'arresto di Pignatelli, si avvicendarono prima l'avv. Nando di Nardo e poi l'arch. Antonio de Pascale, in tempi successivi anche loro arrestati e deferiti al Tribunale militare. Tra le altre attività si era scoperto a Napoli, in via Broggia n. 3, l'alloggio di Palmiro Togliatti, che all'epoca si nascondeva sotto il nome di copertura Ercole Ercoli. Sarebbe stato facile sopprimerlo, ma anche in questo caso Mussolini si oppose allo spargimento di sangue tra italiani. In effetti Mussolini volle sempre evitare spargimento di sangue fraterno e bloccò sul nascere lo scoppio della guerra civile nel Sud. Non fu certo così per gli antifascisti, che da radio Bari incitavano ferocemente ad uccidere alle spalle altri italiani in RSI per provocare deliberatamente le reazioni di fascisti e tedeschi coinvolgendo la popolazione civile nei massacri. Sangue chiama sangue.