Leopardi:
Le altre opere

Abbiamo gią dato notizia delle opere giovanili  (le tragedie "La virtł indiana" e "Pompeo in Egitto", la "Storia dell'astronomia" e il "Saggio sopra gli errori popolari degli antichi"). Fra le opere di critica letteraria segnaliamo il commento alle "Rime" del Petrarca e due "Crestomazie" della prosa e della poesia italiana. Fra le opere in versi ricordiamo "I nuovi credenti" (una satira contro tre critici napoletani che, prima atei per compiacere alla moda francese, poi ferventi cristiani per... compiacere alla nuova tendenza generale, accusavano il Leopardi di empietą), la "Guerra dei topi e delle rane" (rifacimento della "Batracomiomachia" attribuita ad Omero) ed i "Paralipomeni (= le cose tralasciate) della Batracomiomachia" (un poemetto in otto canti in cui si fa la caricatura degli Austriaci - i granchi -, dei papalini - le ranocchie - e dei Napoletani o degli Italiani in generale - i topi - in guerra tra loro). 

Ben pił significative sono le opere in prosa 

- lo "Zibaldone" raccoglie appunti di  varia natura vergati su 4526 pagine dal Leopardi nel corso dell'intera sua esistenza ed affidati al Ranieri. Pur essendo stato compilato per uso personale, presenta uno stile accurato, limpido e fresco. Fu pubblicato una prima volta tra il 1898 ed il 1900 col titolo di  "Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura

- i "CXI Pensieri" furono scritti a Napoli e pubblicati a Firenze, nel 1845, a cura del Ranieri: comprendono riflessioni e sentenze sui comportamenti dell'uomo con l'intento di metterne in luce soprattutto l'indole malvagia;

- l' "Epistolario" comprende pił di novecento lettere, utilissime per penetrare pił addentro nell'intimo del Poeta, indirizzate a familiari ed amici: sono pagine ricche si sentimento ed intrise di lacrime, che integrano stupendamente i "Canti" e le "Operette" per la elaborazione della "storia dell'anima" leopardiana.