Paul CÚzanne (1839-1906)

CÚzanne nasce nel sud della Francia, a Aix-en-Provence, nel 1839. Figlio di un ricco banchiere, studia in una scuola privata dove incontra e diventa amico intimo del futuro scrittore e letterato ╔mile Zola. Dopo aver abbandonato gli studi in legge per diventare pittore, si fanno sempre pi¨ frequenti le tensioni con il padre, che non accetta la scelta del giovane Paul di rinunciare a una vita ricca e sicura, per fare dell'arte la sua vita.
Si avvia all'arte, disegnando e dipingendo molto, cercando di cogliere la struttura profonda delle opere dei pittori del passato, specialmente degli italiani Tintoretto e Caravaggio, degli spagnoli El Greco e Ribera e dei moderni Delacroix, Courbet, Daumier.
Nel 1861 si reca per la prima volta a Parigi; qui frequenta l'AcadÚmie Suisse per prepararsi al concorso dell'╔cole des Beaux-Arts, dove per˛ non viene ammesso.
A Parigi conosce e frequenta l'ambiente degli Impressionisti Pissaro, Renoir, Sisley e Degas, ed espone con loro nel 1871 e nel 1877, alla prima e alla terza mostra del movimento.
Le opere di quel periodo non mostrano un eccessivo interesse per il programma innovatore degli Impressionisti. CÚzanne rimane ancora ostinatamente legato ad una pittura romantica, prende temi e spunti specialmente da Delacroix e li tratta sul quadro con impeto, accumulando con la spatola pesanti strati di colori cupi e contrastanti.
La pi¨ significativa influenza sulle opere della maturitÓ di CÚzanne proviene invece da Camille Pissarro, che lo incoraggia moralmente e lo avvicina alla tecnica impressionista della rappresentazione della luce "esterna": sotto la sua protezione (nel 1872 infatti raggiunge Pissarro a Pontoise) e in brevissimo tempo, CÚzanne si sposta da toni cupi a tonalitÓ luminose e si concentra su soggetti rurali e su paesaggi di campagna. Comprende che dall'Impressionismo poteva e doveva nascere un nuovo classicismo, non pi¨ fondato sull'imitazione scolastica degli antichi, ma rivolto a formare una nuova immagine del mondo, con una differenza, per˛: non doveva essere cercata nella realtÓ esterna, ma nella coscienza.


Impressionismo integrale
L'artista si ritira in Provenza, in profondo isolamento, non esponendo quasi nulla per circa vent'anni e concentrandosi sulla ricerca di una tecnica che prenda le distanze da quella impressionista. Da questo momento CÚzanne svolge un lavoro basato sull'analisi e sulla ricerca strutturale: cioŔ sulla conoscenza della realtÓ. Si propone di cercare e realizzare opere che rivelino tutta la coerenza e la complessitÓ della struttura: un processo pittorico che, attraverso il colore, esalti le volumetrie della forma.
CÚzanne Ŕ cosciente di arrivare, con la pittura, a una filosofia che non potrebbe altrimenti realizzare; in una lettera del 1889 cosý giustifica il proprio isolamento: "avevo deciso di lavorare in silenzio, fino al giorno in cui sarei stato capace di sostenere teoricamente i miei tentativi".
Ci˛ non significa che si debba vedere in CÚzanne l'artista che supera e sconfessa la superficialitÓ di un'arte come quella dell'Impressionismo, fondata sull'inconsistenza della sensazione visiva, ma piuttosto che egli allarga immensamente l'orizzonte della prima ricerca Impressionista, realizzando quello che possiamo chiamare Impressionismo "integrale".
Le sue opere in un primo momento, anche se apprezzate dai colleghi, non lo sono ancora dalla critica; solo negli anni tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento arrivano i primi riconoscimenti, con la personale del 1895, e la definitiva consacrazione con l'esposizione al Salon d'Automne del 1904.


Le premesse teoriche del Cubismo
Tecnicamente, gli ultimi lavori sono caratterizzati da un impasto pi¨ sottile, da velature trasparenti, in cui CÚzanne arriva a servirsi spesso anche dell'acquerello. Scompone le forme in tanti tasselli colorati, studia l'ampiezza e la frequenza delle pennellate, in modo che ad ogni nota di colore corrisponda una precisa definizione formale.
Lo spazio dipinto, di conseguenza, non deriva da una costruzione prospettica a priori, ma Ŕ una risultante ritmica ogni volta diversa, che cambia come cambiano le apparenze o, pi¨ precisamente, rivela tutte le possibili combinazioni o mutazioni della conoscenza.
Per CÚzanne la profonditÓ Ŕ una e continua, non una prospettiva davanti alla quale l'artista si pone e contempla, rimanendone fuori, o come uno spettatore passivo. La realtÓ, quindi, non viene rappresentata cosý com'Ŕ, nÚ come la vediamo sotto la spinta dei sentimenti, ma come unitÓ dello spazio e contemporaneamente unitÓ della coscienza: non c'Ŕ distacco tra lo spazio della vita, o dell'artista che dipinge, e lo spazio del quadro.
Paul CÚzanne Ŕ considerato il padre della pittura moderna, una delle figure che ha avuto maggior influenza su alcuni artisti del Ventesimo secolo. Per le sue teorie, Ŕ l'anticipatore del Cubismo di Picasso e Braque, movimento che indubbiamente discende dalla sua pittura, ma, diversamente da lui, la interpreta in senso essenzialmente razionalistico.