Grandi matematici
Augustin Louis Cauchy (1789-1857)

Nato a Parigi pochi giorni dopo la presa della Bastiglia fu uno dei matematici più influenti del suo tempo. Studiò e lavorò prevalentemente in Francia, in particolare all'Ecole Polytechnique, tuttavia passò anche un lungo periodo in esilio, a causa delle sue idee politiche. I suoi contributi principali riguardano l'analisi, in particolare i concetti di limite e di integrale, la teoria delle funzioni complesse, le equazioni alle derivate parziali, la convergenza delle serie infinite, lo studio dei determinanti. A conferma del suo alacre lavoro c'è il gran numero di teoremi che porta il suo nome, come il teorema integrale di Cauchy, il teorema di esistenza di Cauchy, il criterio di convergenza di Cauchy ed altri ancora. Diede importanti contributi anche al progresso della fisica, in particolare in teoria dell'elasticità. Scrisse un grandissimo numero di opere matematiche, un pò in tutti i campi, alcune delle quali ebbero una influenza profonda e duratura sull'evoluzione della matematica, come il 'Course d'Analyse' [§] o gli 'Exercises d'analyse et de physique mathematique' [§]. Per i suoi servigi gli fu conferito il titolo di barone.