Alessandro si comporta come Achille contro Ettore Bookmark and Share


Testo originale

Betim egregia edita pugna multisque vulneribus confectum deseruerunt sui, nec tamen segnius proelium capessebat lubricis armis suo pariter atque hostium sanguine. Sed cum undique telis peteretur, ad postremum, exahaustis viribus, vivus in potestatem hostium pervenit. Quo adducto insolenti gaudio iuvenis elatus, alias virtutis etiam in hoste mirator, "Non, ut voluisti," inquit "morieris, sed, quicquid in captivum inveniri potest, passurum esse te cogita". Ille non interrito modo sed contumaci quoque vultu intuens regem nullam ad minas eius reddidit vocem. Tum Alexander "Videtisne obstinatum ad tacendum?" inquit, "num genu posuit? num vocem supplicem misit? Vincam tamen silentium et, si nihil aliud, certe gemitu interpellabo." Ira deinde vertit in rabiem iam tum peregrinos ritus nova subeunte fortuna. Per talos enim spirantis lora traiecta sunt, religatumque ad currum traxere circa urbem equi, gloriante rege Achillen, a quo genus ipse deduceret, imitatum se esse poena in hostem capienda.

Curzio Rufo, Hist. Alex. 4. 6. 25-29
Traduzione
I suoi (soldati) abbandonarono Beti, che aveva combattuto una mirabile battaglia (lett.: combattuta una mirabile battaglia) e (che era) sfinito da numerose ferite e tuttavia non affrontava la battaglia con minor accanimento (lett.: più pigramente), pur essendo le sue armi intrise del suo quanto del sangue dei nemici. E mentre da tutte le parti veniva assalito con dardi, infine, esaurite le forze, cadde vivo nelle mani dei nemici. E dopo che egli venne condotto (da Alessandro, costui), trasportato dalla gioia insolente di un giovane (mentre) altre volte (era stato) un ammiratore del valore anche in un nemico, disse: “Non morirai come avresti voluto, ma pensa che dovrai sopportare (lett.: sopporterai) tutte le torture che si possono escogitare (lett.: tutto quello che si può trovare) contro un prigioniero”. Egli, guardando il re non solo con volto imperterrito ma anche sdegnoso, non rispose nulla (lett.: non rimandò nessuna voce) alle sue minacce. Allora Alessandro disse: “Vedete (come) si ostina (lett.: è ostinato) a tacere? Si è forse inginocchiato? Ha forse supplicato (lett.: ha emesso una voce supplice)? Tuttavia vincerò il (suo) silenzio e se (non potrò fare) null’altro, certamente (lo) interromperò con un (suo) gemito”. L’ira poi si mutò in furore, dal momento che la nuova fortuna stava introducendo già allora usanze barbare. Furono infilzate delle cinghie attraverso i talloni di (lui ancora) vivo e (dopo che fu) legato ad un carro, i cavalli (lo) trascinarono intorno alla città, mentre il re si vantava di aver imitato Achille, da cui egli stesso faceva discendere la (sua) stirpe, punendo (lett.: prendendo vendetta contro) il nemico.

Skuola.it © 2018 - Tutti i diritti riservati - P. IVA: 04592250650 - Cookie&Privacy policy - CONTATTACI
ULTIME RICERCHE EFFETTUATE l arroganza del leone | plinio il vecchio naturalis historia vii 1 1 4 | plinio il vecchio naturalis historia 18 1 4 | non fuit tam inimica natura ut | la nonna il nipotino e il lupo | iulius caesar qui gallos domuerat | knlo | il sentiero dei nidi di ragno | cum magna di nostra molestia | sita carthago sic est sinus est