De brevitate vitae, CAP. I-VIII Bookmark and Share


Testo originale

I.1 Maior pars mortalium Pauline de naturae malignitate conqueritur quod in exiguum aevi gignimur quod haec tam velociter tam rapide dati nobis temporis spatia decurrant adeo ut exceptis admodum pacis ceteros in ipso vitae apparatu vita destituat. Nec huic publico ut opinantur malo turba tantum et imprudens vulgus ingemuit; clarorum quoque virorum hic affectus querellas evocavit. 2 Inde illa maximi medicorum exclamatio est: "vitam brevem esse longam artem". Inde Aristotelis cum rerum natura exigentis minime conveniens sapienti viro lis: "aetatis illam animalibus tantum indulsisse ut quina aut dena saecula educerent homini in tam multa ac magna genito tanto citeriorem terminum stare." 3 Non exiguum temporis habemus sed multum perdidimus. Satis longa vita et in maximarum rerum consummationem large data est si tota bene collocaretur; sed ubi per luxum ac neglegentiam diffluit ubi nulli bonae rei impenditur ultima demum necessitate cogente quam ire non intelleximus transisse sentimus. 4 Ita est: non accipimus brevem vitam sed fecimus nec inopes eius sed prodigi sumus. Sicut amplae et regiae opes ubi ad malum dominum pervenerunt momento dissipantur at quamvis modicae si bono custodi traditae sunt usu crescunt: ita aetas nostra bene disponenti multum patet.

II. 1 Quid de rerum natura querimur? Illa se benigne gessit: vita si uti scias longa est. [At] alium insatiabilis tenet avaritia; alium in supervacuis laboribus operosa sedulitas; alius vino madet alius inertia torpet; alium defetigat ex alienis iudiciis suspensa semper ambitio alium mercandi praeceps cupiditas circa omnis terras omnia maria spe lucri ducit; quosdam torquet cupido militiae numquam non aut alienis periculis intentos aut suis anxios; sunt quos ingratus superiorum cultus voluntaria servitute consumat; 2 multos aut affectatio alienae formae aut suae querella detinuit; plerosque nihil certum sequentis vaga et inconstans et sibi displicens levitas per nova consilia iactavit; quibusdam nihil quo cursum derigant placet sed marcentis oscitantisque fata deprendunt adeo ut quod apud maximum poetarum more oraculi dictum est verum esse non dubitem: "Exigua pars est vitae qua vivimus. Ceterum quidem omne spatium non vita sed tempus est. 3 Urgent et circumstant vitia undique nec resurgere aut in dispectum veri attollere oculos sinunt. Et immersos et in cupiditatem infixos premunt numquam illis recurrere ad se licet. Si quando aliqua fortuito quies contigit velut profundo mari in quo post ventum quoque volutatio est fluctuantur nec umquam illis a cupiditatibus suis otium stat. 4 De istis me putas dicere quorum in confesso mala sunt? Aspice illos ad quorum felicitatem concurritur:bonis suis effocantur. Quam multis divitiae graves sunt! Quam multorum eloquentia et cotidiana ostentandi ingenii sollicitatio sanguinem educit! Quam multi continuis voluptatibus pallent! Quam multis nihil liberi relinquit circumfusus clientium populus! Omnis denique istos ab infimis usque ad summos pererra: hic advocat hic adest ille periclitatur ille defendit ille iudicat nemo se sibi vindicat alius in alium consumitur. Interroga de istis quorum nomina ediscuntur his illos dinosci videbis notis: ille illius ius cultor est hic illius; suus nemo est. 5 Deinde dementissima quorundam indignatio est: queruntur de superiorum fastidio quod ipsis adire volentibus non vacaverint! Audet quisquam de alterius superbia queri qui sibi ipse numquam vacat? Ille tamen te quisquis es insolenti quidem vultu sed aliquando respexit ille aures suas ad tua verba demisit ille te ad latus suum recepit: tu non inspicere te umquam non audire dignatus es. Non est itaque quod ista officia cuiquam imputes quoniam quidem cum illa faceres non esse cum alio volebas sed tecum esse non poteras.

III. 1 Omnia licet quae umquam ingenia fulserunt in hoc unum consentiant numquam satis hanc humanarum mentium caliginem mirabuntur: praedia sua occupari a nullo patiuntur et si exigua contentio est de modo finium ad lapides et arma discurrunt; in vitam suam incedere alios sinunt immo vero ipsi etiam possessores eius futuros inducunt; nemo invenitur qui pecuniam suam dividere velit vitam unusquisque quam multis distribuit! Adstricti sunt in continendo patrimonio simul ad iacturam temporis ventum est profusissimi in eo cuius unius honesta avaritia est. 2 Libet itaque ex seniorum turba comprendere aliquem: "Pervenisse te ad ultimum aetatis humanae videmus centesimus tibi vel supra premitur annus: agedum ad computationem aetatem tuam revoca. Duc quantum ex isto tempore creditor quantum amica quantum rex quantum cliens abstulerit quantum lis uxoria quantum servorum coercitio quantum officiosa per urbem discursatio; adice morbos quos manu fecimus adice quod et sine usu iacuit: videbis te pauciores annos habere quam numeras. 3 Repete memoria tecum quando certus consilii fueris quotus quisque dies ut destinaveras recesserit quando tibi usus tui fuerit quando in statu suo vultus quando animus intrepidus quid tibi in tam longo aevo facti operis sit quam multi vitam tuam diripuerint te non sentiente quid perderes quantum vanus dolor stulta laetitia avida cupiditas blanda conversatio abstulerit quam exiguum tibi de tuo relictum sit: intelleges te immaturum mori." 4 Quid ergo est in causa? Tamquam semper victuri vivitis numquam vobis fragilitas vestra succurrit non observatis quantum iam temporis transierit; velut ex pleno et abundanti perditis cum interim fortasse ille ipse qui alicui vel homini vel rei donatur dies ultimus sit. Omnia tamquam mortales timetis omnia tamquam immortales concupiscitis. 5 Audies plerosque dicentes: "A quinquagesimo anno in otium secedam sexagesimus me annus ab officiis dimittet." Et quem tandem longioris vitae praedem accipis? Quis ista sicut disponis ire patietur? Non pudet te reliquias vitae tibi reservare et id solum tempus bonae menti destinare quod in nullam rem conferri possit? Quam serum est tunc vivere incipere cum desinendum est? Quae tam stulta mortalitatis oblivio in quinquagesimum et sexagesimum annum differre sana consilia et inde velle vitam inchoare quo pauci perduxerunt?

IV. 1 Potentissimis et in altum sublatis hominibus excidere voces videbis quibus otium optent laudent omnibus bonis suis praeferant. Cupiunt interim ex illo fastigio suo si tuto liceat descendere; nam ut nihil extra lacessat aut quatiat in se ipsa fortuna ruit. 2 Divus Augustus cui dii plura quam ulli praestiterunt non desiit quietem sibi precari et vacationem a re publica petere; omnis eius sermo ad hoc semper revolutus est ut speraret otium: hoc labores suos etiam si falso dulci tamen oblectabat solacio aliquando se victurum sibi. 3 In quadam ad senatum missa epistula cum requiem suam non vacuam fore dignitatis nec a priore gloria discrepantem pollicitus esset haec verba inveni: "Sed ista fieri speciosius quam promitti possunt. Me tamen cupido temporis optatissimi mihi provexit ut quoniam rerum laetitia moratur adhuc praeciperem aliquid voluptatis ex verborum dulcedine." 4 Tanta visa est res otium ut illam quia usu non poterat cogitatione praesumeret. Qui omnia videbat ex se uno pendentia qui hominibus gentibusque fortunam dabat illum diem laetissimus cogitabat quo magnitudinem suam exueret. 5 Expertus erat quantum illa bona per omnis terras fulgentia sudoris exprimerent quantum occultarum sollicitudinum tegerent: cum civibus primum deinde cum collegis novissime cum affinibus coactus armis decernere mari terraque sanguinem fudit. Per Macedoniam Siciliam Aegyptum Syriam Asiamque et omnis prope oras bello circumactus Romana caede lassos exercitus ad externa bella convertit. Dum Alpes pacat immixtosque mediae paci et imperio hostes perdomat dum [ut] ultra Rhenum et Euphraten et Danuvium terminos movet in ipsa urbe Murenae Caepionis Lepidi Egnati aliorum in eum mucrones acuebantur. 6 Nondum horum effugerat insidias: filia et tot nobiles iuvenes adulterio velut sacramento adacti iam infractam aetatem territabant Paulusque et iterum timenda cum Antonio mulier. Haec ulcera cum ipsis membris absciderat: alia subnascebantur; velut grave multo sanguine corpus parte semper aliqua rumpebatur. Itaque otium optabat in huius spe et cogitatione labores eius residebant hoc votum erat eius qui voti compotes facere poterat.

V. 1 M. Cicero inter Catilinas Clodios iactatus Pompeiosque et Crassos partim manifestos inimicos partim dubios amicos dum fluctuatur cum re publica et illam pessum euntem tenet novissime abductus nec secundis rebus quietus nec adversarum patiens quotiens illum ipsum consulatum suum non sine causa sed sine fine laudatum detestatur! 2 Quam flebiles voces exprimit in quadam ad Atticum epistula iam victo patre Pompeio adhuc filio in Hispania fracta arma refovente! "Quid agam" inquit hic quaeris? Moror in Tusculano meo semiliber. Alia deinceps adicit quibus et priorem aetatem complorat et de praesenti queritur et de futura desperat. 3 Semiliberum se dixit Cicero: at me hercules numquam sapiens in tam humile nomen procedet numquam semiliber erit integrae semper libertatis et solidae solutus et sui iuris et altior ceteris. Quid enim supra eum potest esse qui supra fortunam est?

VI. 1 Livius Drusus vir acer et vehemens cum leges novas et mala Gracchana movisset stipatus ingenti totius Italiae coetu exitum rerum non pervidens quas nec agere licebat nec iam liberum erat semel incohatas relinquere exsecratus inquietam a primordiis vitam dicitur dixisse: uni sibi ne puero quidem umquam ferias contigisse. Ausus est enim et pupillus adhuc et praetextatus iudicibus reos commendare et gratiam suam foro interponere tam efficaciter quidem ut quaedam iudicia constet ab illo rapta. 2 Quo non erumperet tam immatura ambitio? Scires in malum ingens et privatum et publicum evasuram tam praecoquem audaciam. Sero itaque querebatur nullas sibi ferias contigisse a puero seditiosus et foro gravis. Disputatur an ipse sibi manus attulerit; subito enim vulnere per inguen accepto collapsus est aliquo dubitante an mors eius voluntaria esset nullo an tempestiva. 3 Supervacuum est commemorare plures qui cum aliis felicissimi viderentur ipsi in se verum testimonium dixerunt perosi omnem actum annorum suorum; sed his querellis nec alios mutaverunt nec se ipsos: nam cum verba eruperunt affectus ad consuetudinem relabuntur. 4 Vestra me hercules vita licet supra mille annos exeat in artissimum contrahetur: ista vitia nullum non saeculum devorabunt; hoc vero spatium quod quamvis natura currit ratio dilatat cito vos effugiat necesse est; non enim apprenditis nec retinetis vel ocissimae omnium rei moram facitis sed abire ut rem supervacuam ac reparabilem sinitis.

VII. 1 In primis autem et illos numero qui nulli rei nisi vino ac libidini vacant; nulli enim turpius occupati sunt. Ceteri etiam si vana gloriae imagine teneantur speciose tamen errant; licet avaros mihi licet iracundos enumeres vel odia exercentes iniusta vel bella omnes isti virilius peccant: in ventrem ac libidinem proiectorum inhonesta tabes est. 2 Omnia istorum tempora excute aspice quam diu computent quam diu insidientur quam diu timeant quam diu colant quam diu colantur quantum vadimonia sua atque aliena occupent quantum convivia quae iam ipsa officia sunt: videbis quemadmodum illos respirare non sinant vel mala sua vel bona. 3 Denique inter omnes convenit nullam rem bene exerceri posse ab homine occupato non eloquentiam non liberales disciplinas quando districtus animus nihil altius recipit sed omnia velut inculcata respuit. Nihil minus est hominis occupati quam vivere: nullius rei difficilior scientia est. Professores aliarum artium vulgo multique sunt quasdam vero ex his pueri admodum ita percepisse visi sunt ut etiam praecipere possent: vivere tota vita discendum est et quod magis fortasse miraberis tota vita discendum est mori. 4 Tot maximi viri relictis omnibus impedimentis cum divitiis officiis voluptatibus renuntiassent hoc unum in extremam usque aetatem egerunt ut vivere scirent; plures tamen ex his nondum se scire confessi vita abierunt nedum ut isti sciant. 5 Magni mihi crede et supra humanos errores eminentis viri est nihil ex suo tempore delibari sinere et ideo eius vita longissima est quia quantumcumque patuit totum ipsi vacavit. Nihil inde incultum otiosumque iacuit nihil sub alio fuit neque enim quicquam repperit dignum quod cum tempore suo permutaret custos eius parcissimus. Itaque satis illi fuit: iis vero necesse est defuisse ex quorum vita multum populus tulit. 6 Nec est quod putes hinc illos aliquando non intellegere damnum suum: plerosque certe audies ex iis quos magna felicitas gravat inter clientium greges aut causarum actiones aut ceteras honestas miserias exclamare interdum: "Vivere mihi non licet." 7 Quidni non liceat? Omnes illi qui te sibi advocant tibi abducunt. Ille reus quot dies abstulit? Quot ille candidatus? Quot illa anus efferendis heredibus lassa? Quot ille ad irritandam avaritiam captantium simulatus aeger? Quot ille potentior amicus qui vos non in amicitiam sed in apparatu habet? Dispunge inquam et recense vitae tuae dies: videbis paucos admodum et reiculos apud te resedisse. 8 Assecutus ille quos optaverat fasces cupit ponere et subinde dicit: "Quando hic annus praeteribit?" Facit ille ludos quorum sortem sibi obtingere magno aestimavit: "Quando" inquit istos effugiam? Diripitur ille toto foro patronus et magno concursu omnia ultra quam audiri potest complet: "Quando" inquit res proferentur? Praecipitat quisque vitam suam et futuri desiderio laborat praesentium taedio. 9 At ille qui nullum non tempus in usus suos confert qui omnes dies tamquam ultimum ordinat nec optat crastinum nec timet. Quid enim est quod iam ulla hora novae voluptatis possit afferre? Omnia nota omnia ad satietatem percepta sunt. De cetero fors fortuna ut volet ordinet: vita iam in tuto est. Huic adici potest detrahi nihil et adici sic quemadmodum saturo iam ac pleno aliquid cibi: quod nec desiderat [et] capit. 10 Non est itaque quod quemquam propter canos aut rugas putes diu vixisse: non ille diu vixit sed diu fuit. Quid enim si illum multum putes navigasse quem saeva tempestas a portu exceptum huc et illuc tulit ac vicibus ventorum ex diverso furentium per eadem spatia in orbem egit? Non ille multum navigavit sed multum iactatus est.

VIII. 1 Mirari soleo cum video aliquos tempus petentes et eos qui rogantur facillimos; illud uterque spectat propter quod tempus petitum est ipsum quidem neuter: quasi nihil petitur quasi nihil datur. Re omnium pretiosissima luditur; fallit autem illos quia res incorporalis est quia sub oculos non venit ideoque vilissima aestimatur immo paene nullum eius pretium est. 2 Annua congiaria homines carissime accipiunt et illis aut laborem aut operam aut diligentiam suam locant: nemo aestimat tempus; utuntur illo laxius quasi gratuito. At eosdem aegros vide si mortis periculum propius admotum est medicorum genua tangentes si metuunt capitale supplicium omnia sua ut vivant paratos impendere! Tanta in illis discordia affectuum est! 3 Quodsi posset quem-admodum praeteritorum annorum cuiusque numerus proponi sic futurorum quomodo illi qui paucos viderent superesse trepidarent quomodo illis parcerent! Atqui facile est quamuis exiguum dispensare quod certum est; id debet servari diligentius quod nescias quando deficiat. 4 Nec est tamen quod putes illos ignorare quam cara res sit: dicere solent eis quos valdissime diligunt paratos se partem annorum suorum dare: dant nec intellegunt: dant autem ita ut sine illorum incremento sibi detrahant. Sed hoc ipsum an detrahant nesciunt; ideo tolerabilis est illis iactura detrimenti latentis. 5 Nemo restituet annos nemo iterum te tibi reddet. Ibit qua coepit aetas nec cursum suum aut revocabit aut supprimet; nihil tumultuabitur nihil admonebit velocitatis suae: tacita labetur. Non illa se regis imperio non favore populi longius proferet: sicut missa est a primo die curret nusquam devertetur nusquam remorabitur. Quid fiet? Tu occupatus es vita festinat; mors interim aderit cui velis nolis vacandum est.

Traduzione
I. La maggior parte dei mortali o Paolino si lagna per la cattiveria della natura perché siamo messi al mondo per un esiguo periodo di tempo perché questi periodi di tempo a noi concessi trascorrono così velocemente così in fretta che tranne pochissimi la vita abbandoni gli altri nello stesso sorgere della vita. Né di tale calamità comune a tutti come credono si lamentò solo la folla e il dissennato popolino; questo stato d'animo suscitò le lamentele anche di personaggi famosi. Da qui deriva la famosa esclamazione del più illustre dei medici [Ippocrate V-IV sec. a.C.] che la vita è breve l'arte lunga; di qui la contesa poco decorosa per un saggio dell'esigente Aristotele con la natura delle cose perché essa è stata tanto benevola nei confronti degli animali che possono vivere cinque o dieci generazioni ed invece ha concesso un tempo tanto più breve all'uomo nato a tante e così grandi cose. Noi non disponiamo di poco tempo ma ne abbiamo perduto molto. La vita è lunga abbastanza e ci è stata data con larghezza per la realizzazione delle più grandi imprese se fosse impiegata tutta con diligenza; ma quando essa trascorre nello spreco e nell'indifferenza quando non viene spesa per nulla di buono spinti alla fine dall'estrema necessità ci accorgiamo che essa è passata e non ci siamo accorti del suo trascorrere. È così: non riceviamo una vita breve ma l'abbiamo resa noi e non siamo poveri di essa ma prodighi. Come sontuose e regali ricchezze quando siano giunte ad un cattivo padrone vengono dissipate in un attimo ma benché modeste se vengono affidate ad un buon custode si incrementano con l'investimento così la nostra vita molto si estende per chi sa bene gestirla.

II Perché ci lamentiamo della natura delle cose? Essa si è comportata in maniera benevola: la vita è lunga se sai farne uso. C'è chi è preso da insaziabile avidità chi dalle vuote occupazioni di una frenetica attività; uno è fradicio di vino un altro languisce nell'inerzia; uno è stressato da un'ambizione sempre dipendente dai giudizi altrui un altro è sballottato per tutte le terre da un'avventata bramosia del commercio per tutti i mari dal miraggio del guadagno; alcuni tortura la smania della guerra vogliosi di creare pericoli agli altri o preoccupati dei propri; vi sono altri che logora l'ingrato servilismo dei potenti in una volontaria schiavitù; molti sono prigionieri della brama dell'altrui bellezza o della cura della propria; la maggior parte che non ha riferimenti stabili viene sospinta a mutar parere da una leggerezza volubile ed instabile e scontenta di sé; a certuni non piace nulla a cui drizzar la rotta ma vengono sorpresi dal destino intorpiditi e neghittosi sicché non ho alcun dubbio che sia vero ciò che vien detto sotto forma di oracolo nel più grande dei poeti [forse si riferisce a Menandro (IV sec. a.C) il più grande dei poeti comici]: "Piccola è la porzione di vita che viviamo". Infatti tutto lo spazio rimanente non è vita ma tempo. I vizi premono ed assediano da ogni parte e non permettono di risollevarsi o alzare gli occhi a discernere il vero ma li schiacciano immersi ed inchiodati al piacere. Giammai ad essi è permesso rifugiarsi in se stessi; se talora gli tocca per caso un attimo di tregua come in alto mare dove anche dopo il vento vi è perturbazione ondeggiano e mai trovano pace alle loro passioni. Pensi che io parli di costoro i cui mali sono evidenti? Guarda quelli alla cui buona sorte si accorre: sono soffocati dai loro beni. Per quanti le ricchezze costituiscono un fardello! A quanti fa sputar sangue l'eloquenza e la quotidiana ostentazione del proprio ingegno! Quanti sono pallidi per i continui piaceri! A quanti non lascia un attimo di respiro l'ossessionante calca dei clienti! Dunque passa in rassegna tutti costoro dai più umili ai più potenti: questo cerca un avvocato questo è presente quello cerca di esibire le prove quello difende quello è giudice nessuno rivendica per se stesso la propria libertà ci si consuma l'uno per l'altro. Infòrmati di costoro i cui nomi si imparano vedrai che essi si riconoscono da questi segni: questo è cultore di quello quello di quell'altro; nessuno appartiene a se stesso. Insomma è estremamente irragionevole lo sdegno di taluni: si lamentano dell'alterigia dei potenti perché questi non hanno il tempo di venire incontro ai loro desideri. Osa lagnarsi della superbia altrui chi non ha tempo per sé? Quello almeno chiunque tu sia benché con volto arrogante ma qualche volta ti ha guardato ha abbassato le orecchie alle tue parole ti ha accolto al suo fianco: tu non ti sei mai degnato di guardare dentro di te di ascoltarti. Non vi è motivo perciò di rinfacciare ad alcuno questi servigi poiché li hai fatti non perché desideravi stare con altri ma perché non potevi stare con te stesso.

III Per quanto siano concordi su questo solo punto gli ingegni più illustri che mai rifulsero mai abbastanza si meraviglieranno di questo appannamento delle menti umane: non tollerano che i propri campi vengano occupati da nessuno e se sorge una pur minima disputa sulla modalità dei confini si precipitano alle pietre ed alle armi: permettono che altri invadano la propria vita anzi essi stessi vi fanno entrare i suoi futuri padroni; non si trova nessuno che sia disposto a dividere il proprio denaro: a quanti ciascuno distribuisce la propria vita! Sono avari nel tenere i beni; appena si giunge alla perdita di tempo diventano molto prodighi in quell'unica cosa in cui l'avarizia è un pregio. E così piace citare uno dalla folla degli anziani: "Vediamo che sei arrivato al termine della vita umana hai su di te cento o più anni: suvvia fa un bilancio della tua vita. Calcola quanto da questo tempo hanno sottratto i creditori quanto le donne quanto i patroni quanto i clienti quanto i litigi con tua moglie quanto i castighi dei servi quanto le visite di dovere attraverso la città; aggiungi le malattie che ci siamo procurati con le nostre mani aggiungi il tempo che giacque inutilizzato: vedrai che hai meno anni di quanti ne conti. Ritorna con la mente a quando sei stato fermo in un proposito quanti pochi giorni si sono svolti così come li avevi programmati a quando hai avuto la disponibilità di te stesso a quando il tuo volto non ha mutato espressione a quando il tuo animo è stato coraggioso che cosa di positivo hai realizzato in un periodo tanto lungo quanti hanno depredato la tua vita mentre non ti accorgevi di cosa stavi perdendo quanto ne ha sottratto un vano dispiacere una stupida gioia un'avida bramosia una piacevole discussione quanto poco ti è rimasto del tuo: capirai che muori anzitempo". Dunque qual è il motivo? Vivete come se doveste vivere in eterno mai vi sovviene della vostra caducità non ponete mente a quanto tempo è già trascorso; ne perdete come da una rendita ricca ed abbondante quando forse proprio quel giorno che si regala ad una certa persona od attività è l'ultimo. Avete paura di tutto come mortali desiderate tutto come immortali. Udirai la maggior parte dire: "Dai cinquant'anni mi metterò a riposo a sessant'anni mi ritirerò a vita privata". E che garanzia hai di una vita tanto lunga? Chi permetterà che queste cose vadano così come hai programmato? Non ti vergogni di riservare per te i rimasugli della vita e di destinare alla sana riflessione solo il tempo che non può essere utilizzato in nessun'altra cosa? Quanto tardi è allora cominciare a vivere quando si deve finire! Che sciocca mancanza della natura umana differire i buoni propositi ai cinquanta e sessanta anni e quindi voler iniziare la vita lì dove pochi sono arrivati!

IV Vedrai sfuggire di bocca agli uomini più potenti e più altolocati parole con le quali aspirano al tempo libero lo lodano e lo antepongono a tutti i loro beni. Talvolta desiderano scendere giù da quel loro piedistallo se la cosa potesse avvenire in tutta sicurezza; infatti anche se niente preme e turba dall'esterno la fortuna crolla su se stessa. Il divo Augusto al quale gli dei concessero più che a chiunque altro non cessò di augurarsi il riposo e di chiedere di essere sollevato dagli impegni pubblici; ogni suo discorso ricadeva sempre su questo la speranza del tempo libero: alleviava le sue fatiche con questo conforto per quanto illusorio tuttavia piacevole che un giorno sarebbe vissuto per se stesso. In una lettera inviata al senato dopo aver promesso che il suo riposo sarebbe stato non privo di decoro ne in contrasto con la sua gloria passata ho trovato queste parole: "Ma queste cose sarebbe più bello poterle mettere in pratica che prometterle. Tuttavia il desiderio di quel tempo tanto desiderato mi ha condotto poiché finora la gioia della realtà si fa attendere a pregustare un po' di piacere dalla dolcezza delle parole." Così grande cosa gli sembrava il tempo libero che poiché non poteva goderne se lo pregustava con l'immaginazione. Colui che vedeva tutto dipendere da lui solo che stabiliva il destino per gli uomini e i popoli pensava a quel felicissimo giorno in cui avrebbe abbandonato la propria grandezza. Conosceva per esperienza quanto sudore costano quei beni rifulgenti per tutta la terra quante nascoste fatiche celano. Costretto a combattere con armi dapprima con i concittadini [Bruto e Cassio] poi con i colleghi [Lepido collega nel triumvirato assieme ad Antonio] infine con i parenti [Antonio suo cognato] versò sangue per terra e per mare: dopo essere passato in guerra attraverso la Macedonia la Sicilia l'Egitto la Siria e l'Asia e quasi tutte le coste volse contro gli stranieri gli eserciti stanchi di strage romana. Mentre pacificava le Alpi e domava i nemici mischiati in mezzo alla pace e all'impero mentre spostava i confini oltre il Reno l'Eufrate ed il Danubio proprio a Roma si affilavano contro di lui i pugnali di Murena di Cepione di Lepido di Egnazio e di altri. Non era ancora sfuggito alle insidie di costoro e la figlia [Giulia ed i suoi amanti] e tanti giovani nobili legati dal vincolo dell'adulterio come da un giuramento ne atterrivano la stanca età e ancor più e di nuovo una donna era da temere con un Antonio [allude ad Antonio e Cleopatra]. Aveva tagliato via queste ferite con le stesse membra [si riferisce all'esilio a cui Augusto condannò la figlia Giulia]: altre ne rinascevano; come un corpo pieno di troppo sangue sempre si crepava in qualche parte. E così anelava al tempo libero nella cui speranza e nel cui pensiero si placavano i suoi affanni: questo era il voto di colui che poteva render gli altri paghi dei loro voti.

V Marco Cicerone sballottato tra i Catilina e i Clodii e poi tra i Pompei e i Crassi quelli avversari manifesti questi amici dubbi mentre fluttuava assieme allo Stato e lo sorreggeva mentre andava a fondo alla fine sopraffatto non calmo nella buona sorte e incapace di sopportare quella cattiva quante volte impreca contro quel suo stesso consolato lodato non senza ragione ma senza fine! Che dolenti parole esprime in una lettera ad Attico dopo aver vinto Pompeo padre mentre in Spagna il figlio rimetteva in sesto le armate scompaginate! "Mi domandi" dice "cosa faccio qui? Me ne sto mezzo libero nel mio podere di Tuscolo". Poi aggiunge altre parole con le quali rimpiange il tempo passato si lamenta del presente e dispera del futuro. Cicerone si definì semilibero: ma perdiana giammai un saggio si spingerà in un aggettivo così mortificante giammai sarà mezzo libero sarà sempre in possesso di una libertà totale e assoluta svincolato dal proprio potere e più in alto di tutti. Cosa infatti può esserci sopra uno che è al di sopra della fortuna?

VI Livio Druso uomo rude ed impulsivo avendo rimosso le nuove leggi e i disatri dei Gracchi pressato da una grande aggregazione dell'Italia intera non prevedendo l'esito degli avvenimenti che non poteva gestire e ormai non era libero di abbandonarli una volta iniziati si dice che maledicendo la sua vita irrequieta fin dagli inizi abbia detto che solo a lui neppure da bambino erano toccate vacanze. Infatti osò ancor minorenne e poi adolescente raccomandare gli imputati ai giudici e interporre i suoi buoni uffici nel foro con tanta efficacia che alcune sentenze siano risultate da lui estorte. Dove non sarebbe sfociata una così prematura ambizione? Capiresti che una così precoce audacia sarebbe andata a finire in un grave danno sia pubblico che privato. Perciò tardi si lamentava che non gli fossero state concesse vacanze fin da piccolo litigioso e di peso per il foro. Si discute se si sia tolto la vita; infatti ferito da un improvviso colpo all'inguine si accasciò e vi è chi dubita che la sua morte sia stata volontaria ma nessuno che essa sia stata opportuna. È del tutto inutile ricordare i tanti che pur apparendo felicissimi agli occhi degli altri testimoniarono in se stessi il vero ripudiando ogni azione della loro vita; ma con tali lamentele non cambiarono né gli altri né se stessi: infatti una volta che le parole siano volate via gli affetti ritorneranno secondo il consueto modo di vivere. Perdiana ammesso pure che la vostra vita superi i mille anni si ridurrebbe ad un tempo ristrettissimo: questi vizi divoreranno ogni secolo; in verità questo spazio che benché la natura faccia defluire la ragione dilata è ineluttabile che presto vi sfugga: infatti non afferrate né trattenete o ritardate la più veloce di tutte le cose ma permettete che vada via come una cosa inutile e recuperabile.

VII Tra i primi annovero senz'altro coloro che per nessuna cosa hanno tempo se non per il vino e la lussuria; nessuno infatti è occupato in maniera più vergognosa. Gli altri anche se sono ossessionati da un effimero pensiero di gloria tuttavia sbagliano con garbo; elencami pure gli avari gli iracondi o coloro che perseguono ingiusti rancori o guerre tutti costoro peccano più virilmente: la colpa di coloro che sono dediti al ventre e alla libidine è vergognosa. Esamina tutti i giorni di costoro vedi quanto tempo perdano nel pensare al proprio interesse quanto nel tramare insidie quanto nell'aver timore quanto nell'essere servili quanto li tengano occupati le proprie promesse e quelle degli altri quanto i pranzi che ormai sono diventati anch'essi dei doveri: vedrai in che modo i loro mali o beni non permettano loro di respirare. Infine tutti convengono che nessuna cosa può esser ben gestita da un uomo affaccendato non l'eloquenza non le arti liberali dal momento che un animo intento a più cose nulla recepisce più in profondità ma ogni cosa respinge come se fossa introdotta a forza. Nulla è di minor importanza per un uomo affaccendato che il vivere: di nessuna cosa è più difficile la conoscenza. Dappertutto vi sono molti insegnanti delle altre arti e alcune di esse sembra che i fanciulli le abbiano così assimilate da poterle anche insegnare: tutta la vita dobbiamo imparare a vivere e cosa della quale forse ti meraviglierai tutta la vita dobbiamo imparare a morire. Tanti uomini illustri dopo aver abbandonato ogni ostacolo e aver rinunziato a ricchezze cariche e piaceri solo a questo anelarono fino all'ultima ora di saper vivere; tuttavia molti di essi se ne andarono confessando di non saperlo ancora a maggior ragione non lo sanno costoro. Credimi è tipico di un uomo grande e che si eleva al di sopra degli errori umani permettere che nulla venga sottratto dal suo tempo e la sua vita è molto lunga per questo perché per quanto si sia protratta l'ha dedicata tutta a se stesso. Nessun periodo quindi restò trascurato ed inattivo nessuno sotto l'influenza di altri; e infatti non trovò alcunché che fosse degno di essere barattato con il suo tempo gelosissimo custode di esso. Perciò gli fu sufficiente. Ma è inevitabile che sia venuto meno a coloro dalla cui vita molto tolse via la gente. E non credere che essi una buona volta non capiscano il proprio danno; certamente udirai la maggior parte di quelli sui quali pesa una grande fortuna tra la moltitudine dei clienti o la gestione delle cause o tra le altre dignitose miserie esclamare di tanto in tanto: "Non mi è permesso vivere." E perché non gli è permesso? Tutti quelli che ti chiamano a sé ti allontanano da te. Quell'imputato quanti giorni ti ha sottratto? Quanti quel candidato? Quanti quella vecchia stanca di seppellire eredi? Quanti quello che si è finto ammalato per suscitare l'ingordigia dei cacciatori di testamenti? Quanti quell'influente amico che vi tiene non per amicizia ma per esteriorità? Passa in rassegna ti dico e fai un bilancio dei giorni della tua vita: vedrai che ne sono rimasti ben pochi e male spesi. Quello dopo aver ottenuto le cariche che aveva desiderato desidera abbandonarle e ripetutamente dice: "Quando passerà quest'anno?" Quello allestisce i giochi il cui esito gli stava tanto a cuore e dice: "Quando li fuggirò?" Quell'avvocato è conteso in tutto il foro e con grande ressa tutti si affollano fin oltre a dove può essere udito; dice: "Quando verranno proclamate le ferie?" Ognuno consuma la propria vita e si tormenta per il desiderio del futuro e per la noia del presente. Ma quello che sfrutta per se stesso tutto il suo tempo che programma tutti i giorni come una vita non desidera il domani né lo teme. Cosa vi è infatti che alcuna ora di nuovo piacere possa apportare? Tutto è noto tutto è stato assaporato a sazietà. Per il resto la buona sorte disponga come vorrà: la vita è già al sicuro. Ad essa si può aggiungere ma nulla togliere e aggiungere così come del cibo ad uno ormai sazio e pieno che non ne desidera ma lo accoglie. Perciò non c'è motivo che tu ritenga che uno sia vissuto a lungo a causa dei capelli bianchi o delle rughe: costui non è vissuto a lungo ma è stato in vita a lungo. E così come puoi ritenere che abbia molto navigato uno che una violenta tempesta ha sorpreso fuori dal porto e lo ha sbattuto di qua e di là e lo ha fatto girare in tondo entro lo stesso spazio in balia di venti che soffiano da direzioni opposte? Non ha navigato molto ma è stato sballottato molto.

VIII. Mi stupisco sempre quando vedo alcuni chiedere tempo e quelli a cui viene richiesto tanto accondiscendenti; l'uno e l'altro guardano al motivo per il quale il tempo viene richiesto nessuno dei due alla sua essenza: lo si chiede come se fosse niente come se fosse niente lo si concede. Si gioca con la cosa più preziosa di tutte; (il tempo) invece li inganna poiché è qualcosa di incorporeo perché non cade sotto gli occhi e pertanto è considerato cosa di poco conto anzi non ha quasi nessun prezzo. Gli uomini accettano assegni annui e donativi come cose di caro prezzo e in essi ripongono le loro fatiche il loro lavoro e la loro scrupolosa attenzione: nessuno considera il tempo: ne fanno un uso troppo sconsiderato come se esso fosse (un bene) gratuito. Ma guarda costoro (quando sono) ammalati se il pericolo della morte incombe molto da vicino avvinghiati alle ginocchia dei medici se temono la pena capitale pronti a sborsare tutti i loro averi pur di vivere: quanta contraddizione si trova in essi. Che se si potesse in qualche modo mettere davanti (a ciascuno) il numero di anni passati di ognuno così come quelli futuri come trepiderebbero coloro che ne vedessero restare pochi come ne risparmierebbero! Eppure è facile gestire ciò che è sicuro per quanto esiguo; si deve invece curare con maggior solerzia ciò che non sai quando finirà. E non v'è motivo che tu creda che essi non sappiano che cosa preziosa sia:: sono soliti dire a coloro che amano più intensamente di essere pronti a dare parte dei loro anni. Li danno e non capiscono: cioè li danno in modo da sottrarli a se stessi senza peraltro incrementare quelli. Ma non si accorgono proprio di toglierli; perciò per essi è sopportabile la perdita di un danno nascosto. Nessuno (ti) restituirà gli anni nessuno ti renderà nuovamente a te stesso; la vita andrà per dove ha avuto principio e non muterà né arresterà il suo corso; non farà alcun rumore non lascerà nessuna traccia della propria velocità: scorrerà silenziosamente; non si estenderà oltre né per ordine di re né per favor di popolo: correrà così come ha avuto inizio dal primo giorno non cambierà mai traiettoria mai si attarderà. Cosa accadrà? Tu sei tutto preso la vita si affretta: nel frattempo si avvicinerà la morte per la quale volente o nolente bisogna avere tempo.

Skuola.it © 2018 - Tutti i diritti riservati - P. IVA: 04592250650 - Cookie&Privacy policy - CONTATTACI
ULTIME RICERCHE EFFETTUATE l arroganza del leone | plinio il vecchio naturalis historia vii 1 1 4 | plinio il vecchio naturalis historia 18 1 4 | non fuit tam inimica natura ut | la nonna il nipotino e il lupo | iulius caesar qui gallos domuerat | knlo | il sentiero dei nidi di ragno | cum magna di nostra molestia | sita carthago sic est sinus est